[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 25 Febbraio 2021

USA: I democratici promuovono la legalizzazione della cannabis al Congresso

Tre senatori (Cory Booker, Ron Wyden, e Chuck Schumer) hanno rilasciato una dichiarazione congiunta in cui affermano che lavoreranno insieme per portare avanti una legislazione completa sulla riforma della cannabis nell'attuale Congresso. "La guerra alle droghe è stata una guerra alle persone, in particolare alle persone di colore. Porre fine alla proibizione federale della marijuana è necessario per correggere gli errori di questa guerra fallita e porre fine a decenni di danni inflitti alle comunità di colore in tutto il paese. Ma questo da solo non è sufficiente", hanno detto.

Tutti e tre i senatori hanno precedentemente sostenuto la legislazione per decriminalizzare la cannabis in qualche forma. "All'inizio di quest'anno, rilasceremo una bozza di discussione unificata su una riforma completa per assicurare la giustizia riparativa, proteggere la salute pubblica e implementare tasse e regolamenti responsabili", hanno detto i tre senatori. "Ottenere input dai gruppi di interesse sarà una parte importante dello sviluppo di questa legislazione critica".

The Verge del 1° febbraio 2021

Scienza/Umana: La cannabis migliora i sintomi nella colite ulcerosa in uno studio controllato con placebo

In uno studio controllato con placebo su 32 pazienti affetti da colite ulcerosa c'è stato un significativo miglioramento dei sintomi, ma nessun miglioramento dei marcatori di infiammazione. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Istituto di Gastroenterologia ed Epatologia del Meir Medical Center di Kfar Saba, Israele. I pazienti hanno ricevuto o sigarette contenenti 0.5 g di fiori di cannabis essiccati con 80 mg di THC o sigarette placebo per 8 settimane.

L'indice Lichtiger, un punteggio di intensità dei sintomi nella colite ulcerosa, è migliorato nel gruppo cannabis da 10.9 a 5 e nel gruppo placebo da 11 a 8. La qualità della vita migliorò nel gruppo cannabis da 77 a 98 ma non nel gruppo placebo, con 78 alla settimana 0 e 78 alla settimana 8. Il punteggio endoscopico Mayo dell'infiammazione cambiò nel gruppo cannabis da 2.1 a 1.3 e nel gruppo placebo da 2.2 a 1.7. Gli autori hanno concluso che il trattamento a breve termine con cannabis ricca di THC ha indotto una remissione clinica e migliorato la qualità della vita nei pazienti con colite ulcerosa da lieve a moderatamente attiva. Tuttavia, questi benefici effetti clinici non erano associati ad un significativo miglioramento antinfiammatorio".

Naftali T, Bar-Lev Schleider L, Scklerovsky Benjaminov F, Konikoff FM, Matalon ST, Ringel Y. Cannabis is associated with clinical but not endoscopic remission in ulcerative colitis: A randomized controlled trial. PLoS One. 2021;16(2):e0246871.

Scienza/Umana: Gli estratti di cannabis erano efficaci nel ridurre i sintomi dell'autismo in uno studio clinico controllato

Due estratti di cannabis hanno ridotto i sintomi nelle persone con disturbo dello spettro autistico e sono stati ben tollerati in uno studio controllato con placebo su 150 partecipanti. I ricercatori dell'Unità Neuropediatrica, Shaare Zedek Medical Center, Gerusalemme, Israele, hanno testato un estratto di cannabis a pianta intera contenente THC e CBD in un rapporto di 1 a 20 e THC e CBD purificati nello stesso rapporto. I 150 partecipanti hanno ricevuto o placebo o cannabinoidi per 12 settimane, seguiti da un washout di 4 settimane e da un cross-over predeterminato per altre 12 settimane per valutare ulteriormente la tollerabilità.

I cambiamenti nei punteggi totali di un questionario standardizzato sul disturbo dello spettro autistico non differivano tra i gruppi. Il comportamento dirompente su un altro questionario è stato molto o molto migliorato nel 49% dell'estratto di pianta intera contro il 21% del placebo. Su un questionario per i genitori c'è stato un miglioramento di 14,9 con l'estratto di pianta intera contro 3,6 punti dopo il placebo. Non ci sono stati eventi avversi gravi legati al trattamento.

Aran A, Harel M, Cassuto H, Polyansky L, Schnapp A, Wattad N, Shmueli D, Golan D, Castellanos FX. Cannabinoid treatment for autism: a proof-of-concept randomized trial. Mol Autism. 2021;12(1):6.

Scienza/Umana: L'inalazione di cannabis riduce ansia e stress

Uno studio su 670 persone che usano un software per riferire direttamente gli effetti della cannabis suggerisce che la maggioranza dei pazienti ha sperimentato sollievo dai sintomi legati allo stress dopo il consumo di fiori di cannabis, e che fra le caratteristiche del prodotto, i livelli più alti di THC erano i più forti fattori di sollievo. I ricercatori del Dipartimento di Economia dell'Università del New Mexico ad Albuquerque, USA, hanno usato un disegno di ricerca osservazionale per valutare quali tipi di caratteristiche dei prodotti a base di fiori di cannabis comunemente etichettati sono associati a cambiamenti nelle sensazioni momentanee dei sintomi legati all'angoscia.

In totale, una diminuzione dei livelli di intensità dei sintomi è stata riportata in circa il 96% delle sessioni di consumo di cannabis, un aumento in circa il 2% delle sessioni, e nessun cambiamento in circa il 2% delle sessioni. I modelli a effetti fissi hanno mostrato che, in media, gli intervistati hanno registrato una riduzione massima dell'intensità dei sintomi di 4.3 punti per l'agitazione/irritabilità, 3.5 punti per l'ansia, e 4.0 per lo stress su una scala analogica visiva di 11 punti. Il sollievo dei sintomi era principalmente associato ai livelli di THC, mentre i livelli di CBD "non erano generalmente associati a cambiamenti nei livelli di intensità dei sintomi". In una minoranza di sessioni di uso di cannabis (meno del 13%), i consumatori di cannabis hanno riferito effetti collaterali negativi legati all'ansiogeno, come sentirsi ansiosi, irritabili o paranoici.

Stith SS., Li X, Diviant JP., Brockelman FC., Keeling KS., Hall B, Vigil JM. The effectiveness of inhaled Cannabis flower for the treatment of agitation/irritability, anxiety, and common stress. J Cannabis Res. 2020;2:47.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a un rischio ridotto di fegato grasso nelle persone con HIV/HCV

In uno studio su circa 1000 pazienti co-infetti da HIV (virus dell'immunodeficienza umana) e HCV (virus dell'epatite C) quelli che usavano cannabis avevano un rischio ridotto per lo sviluppo di fegato grasso. I ricercatori di diverse istituzioni di ricerca in Francia, tra cui l'Università di Aix Marseille e l'INSERM, hanno usato dati di follow-up a 5 anni di 997 pazienti co-infetti da HIV-HCV.

All'ultima visita di follow-up, il 27% dei pazienti ha riferito un uso regolare o quotidiano di cannabis e il 28% aveva un elevato indice di fegato grasso. Dopo aggiustamento multivariabile, l'uso regolare o quotidiano di cannabis era associato con un rischio inferiore del 55% di indice di fegato grasso elevato e valori medi più bassi di questo indice.

Barre T, Rojas Rojas T, Lacombe K, Protopopescu C, Poizot-Martin I, Nishimwe M, Zucman D, Esterle L, Billaud E, Aumaitre H, Bouchaud O, Rey D, Piroth L, Salmon-Ceron D, Wittkop L, Sogni P, Carrieri MP, Serfaty L, Marcellin F. Cannabis use and reduced risk of elevated fatty liver index in HIV-HCV co-infected patients: a longitudinal analysis (ANRS CO13 HEPAVIH). Expert Rev Anti Infect Ther. 2021 Feb 4. [in stampa]

Notizie in breve

Europa: Membri del Parlamento EURopeo fondano la EURopean Medicinal Cannabis Alliance
La EURopean Medicinal Cannabis Alliance è stata annunciata da Alex Agius Saliba di Malta, con un numero di altri come il polacco Robert Biedroń, l'italiano Brando Benifel e la belga Maria Arena già a bordo. In una lettera in cui si invitano tutti gli EURodeputati ad unirsi all'alleanza, il gruppo ha osservato che anche se la cannabis terapeutica è "sempre più usata per trattare pazienti con varie condizioni", ogni progresso è "rallentato" a causa delle diverse regolamentazioni sull'uso della pianta nei 27 Stati membri dell'UE.
Lovin Malta del 4 febbraio 2021

Economia: Jazz Pharmaceuticals acquisisce GW Pharmaceuticals
Jazz Pharmaceuticals e GW Pharmaceuticals hanno annunciato che le società hanno concluso un accordo definitivo per l'acquisizione di GW da parte di Jazz per un corrispettivo totale di 7,2 miliardi di dollari. La transazione, che è stata approvata all'unanimità dai consigli di amministrazione di entrambe le società, dovrebbe chiudersi nel secondo trimestre del 2021.
Jazz Pharma del 3 febbraio 2021

USA: il 61% sostiene la legalizzazione della cannabis
Un nuovo sondaggio nazionale di Emerson College/7 News fra 1429 adulti mostra che la legalizzazione della cannabis è popolare negli USA, dato che il 61% afferma che tale politica sarebbe una buona idea, rispetto al 39% che pensa che la legalizzazione della cannabis ricreativa sarebbe una cattiva idea. Il 74% dei democratici sosterrebbe questa politica, rispetto al 60% degli indipendenti e al 46% dei repubblicani.
Emerson College Polling di febbraio 2021

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis negli USA non ha avuto effetti sull'uso di droghe pesanti da parte degli adolescenti
Secondo i dati annuali di Washington e Colorado degli anni 2008-2017 la legalizzazione della cannabis non è stata associata ad un aumento dei ricoveri ospedalieri di adolescenti o giovani adulti per disturbi da uso di oppioidi, cocaina o metanfetamine.
Dipartimento di Geografia e Studi Urbani, Temple University, Philadelphia, Stati Uniti d'America.
Mennis J, et al. J Subst Abuse Treat. 2021;122:108228.

Polonia:
CanPoland di Łódź intende lanciare una linea di produzione di cannabis già da marzo di quest'anno. Finora è importata dal Canada o dalla Germania.
Cannabis News of 27 January 2021

Scienza/Umana: Dolore e disturbi psichiatrici sono le ragioni principali dell'uso di cannabis medica negli USA
Secondo un'analisi di 61.000 dati di pazienti di 33 cliniche per la cannabis negli USA, le tre principali condizioni mediche primarie mutualmente esclusive riportate erano dolore cronico non specificato (39%), ansia (14%) e disturbo post-traumatico da stress (8%). Il numero medio di condizioni comorbide riportate era 2,7, di cui l'ansia era la più comune (28%).
CB2 Insights, Mississauga, Canada.
Mahabir VK, et al. J Cannabis Res. 2020;2:32.

Scienza/Animale: Il CBD può essere utile nel trattamento del disturbo da uso di metanfetamine
In uno studio su ratti dipendenti dalla metanfetamina, le iniezioni di CBD hanno inibito il gradimento della metanfetamina.
Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia, Facoltà di Farmacia, Islamic Azad University, Teheran, Iran.
Anooshe M, et al. Behav Brain Res. 2021:113158.

Scienza/Animale: Il CBD in combinazione con i bioflavonoidi ha proprietà antinfiammatorie
In studi sui ratti, il CBD da solo ha prodotto un'inibizione del dolore statisticamente significativa e correlata alla dose in diversi modelli di dolore. Gli autori hanno notato che "una migliore performance nella riduzione del dolore e dell'infiammazione è stata osservata quando il CBD è stato somministrato per via orale in complesso con le composizioni di bioflavonoidi."
Unigen, Tacoma, Washington, USA.
Yimam M, et al. J Med Food. 2021 Feb 10. [in stampa]

Scienza/Umana: Alte dosi di THC associate a disturbi del pensiero in persone sopra i 50 anni
Secondo una revisione di studi clinici, alte dosi di THC sono state associate con una maggiore incidenza di disturbi del pensiero o della percezione e vertigini o stordimento, ma nessun altro evento avverso neuropsichiatrico in studi clinici randomizzati che utilizzavano il THC.
Dipartimento di Psichiatria della Vecchiaia, King's College London, UK.
Velayudhan L, et al. JAMA Netw Open. 2021;4(2):e2035913.

Scienza/Umana: Molti pazienti con emicrania usano la cannabis
Tra i 372 pazienti con emicrania che hanno partecipato a un sondaggio reclutato dal gruppo Facebook Move Against Migraine, 335 hanno riferito l'uso di cannabis. Tra 114 e 139 (34-42%) hanno trovato le modalità di cannabis almeno lievemente efficaci. Il 39% ha riferito che la cannabis non era efficace per loro.
Yale School of Medicine, New Haven, USA.
Kuruvilla DE, et al. BMC Complement Med Ther. 2021;21(1):58.

Scienza/Umana: Il dolore è il sintomo più frequente trattato con i cannabinoidi in un rapporto del Ministero della Salute tedesco
Secondo un rapporto preliminare dell'Istituto Federale Tedesco per i Farmaci e i Dispositivi Medici sulla cannabis medica rimborsata dalle assicurazioni sanitarie tedesche, i sintomi più frequentemente trattati erano il dolore (73%), seguito dalla spasticità (10%), e dall'anoressia/perdita (6%). Il dronabinol è stato prescritto più frequentemente (65%), seguito da fiori di cannabis (18%), Sativex (13%), estratto di cannabis (4%), e nabilone (0.3%).
Spiegazione dell'autore del Bollettino IACM: Le assicurazioni sanitarie tedesche di solito negano il rimborso nella maggior parte dei sintomi oltre al dolore, la spasticità e l'anoressia, il che significa che i pazienti con altre condizioni di solito devono pagare il farmaco di tasca propria e non appaiono in questo rapporto. L'uso dei fiori di cannabis è scoraggiato dagli assicuratori sanitari.
Istituto federale per i farmaci e i dispositivi medici, Agenzia federale per l'oppio, Bonn, Germania.
Schmidt-Wolf G, et al. Bundesgesundheitsblatt Gesundheitsforschung Gesundheitsschutz. 2021 Feb 9. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il CBG mostra effetti anticancro contro il glioblastoma
Il CBG ha inibito l'invasione del glioblastoma in modo simile al CBD e al chemioterapico temozolomide. Il THC ha dimostrato poco valore aggiunto nel trattamento combinato dei cannabinoidi per il glioblastoma con CBD, CBG e THC. Gli autori suggeriscono di sostituire il THC con il CBG.
Dipartimento di Tossicologia Genetica e Biologia del Cancro, Istituto Nazionale di Biologia, Ljubljana, Slovenia.
Lah TT, et al. Cells. 2021;10(2):340.

Scienza/Umana: i livelli di 2-AG sono ridotti nei pazienti con depressione grave
In uno studio con 12 pazienti depressi e 12 controlli sani c'era una significativa correlazione inversa tra la concentrazione dell'endocannabinoide 2-AG nel plasma sanguigno e la gravità della depressione. Gli autori hanno notato che i loro risultati "suggeriscono che il 2-arachidonilglicerolo, l'endocannabinoide più abbondante nel sistema nervoso centrale, potrebbe agire per mitigare i sintomi depressivi".
Dipartimento di Scienze Medico-Chirurgiche e Biotecnologie, Sapienza Università di Roma, Italia.
Bersani G, et al. Hum Psychopharmacol. 2021:e2779.

Scienza/Cellule: I cannabinoidi possono ridurre lo stress ossidativo nelle cellule della pelle
In studi con cellule della pelle (cheratinociti) e fibroblasti "i risultati ottenuti indicano che gli estratti di canapa possono essere una fonte preziosa di sostanze biologicamente attive che riducono lo stress ossidativo, inibiscono i processi di invecchiamento della pelle e influenzano positivamente la vitalità delle cellule della pelle. L'analisi ha anche dimostrato che gli idrogeli a base di estratti di canapa hanno un effetto positivo sull'idratazione della pelle".
Dipartimento di Tecnologia dei Prodotti Cosmetici e Farmaceutici, Collegio Medico, Università di Tecnologia dell'Informazione e Management di Rzeszow, Tyczyn, Polonia.
Zagórska-Dziok M, et al. Molecules. 2021;26(4):802.

Scienza/Animale: Il CBD riduce le convulsioni in un modello di epilessia con i criceti
In un modello di epilessia con criceti "La somministrazione acuta di CBD ha mostrato una sottile attenuazione dei comportamenti convulsivi, aumentando la latenza delle crisi e diminuendo la durata della fase convulsiva, ma senza abolizione totale delle crisi".
Istituto di Neuroscienze di Castilla y León (INCYL), Università di Salamanca, Spagna.
Cabral-Pereira G, et al. Front Behav Neurosci. 2021;14:612624.

Scienza/Umana: Le donne con endometriosi presentano alti livelli di anandamide
Un'analisi degli endocannabinoidi nel fluido follicolare ha mostrato alte concentrazioni dell'endocannabinoide anandamide in pazienti con endometriosi. Gli autori notano che questo può essere uno dei motivi della diminuzione del potenziale riproduttivo delle donne con questa malattia.
Faculdade de Farmácia, Universidade do Porto, Portogallo.
Fonseca BM, et al. Reprod Fertil Dev. 2021 Feb 8. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può essere associato a un maggior rischio di incidenti negli anziani
Un'analisi degli incidenti utilizzando i dati del National Highway Traffic Safety Administration's Drug and Alcohol Crash Risk Study degli USA ha mostrato "nessuna associazione generale tra l'uso di cannabis e il rischio di coinvolgimento in incidenti. (...) Ma il THC era associato con un aumento del rischio di coinvolgimento in incidenti per i guidatori più anziani. La differenza fra conducenti THC-positivi e sobri è emersa come significativa all'età di 64 anni".
Pacific Institute for Research and Evaluation (PIRE), Calverton, USA.
Johnson MB, et al. Accid Anal Prev. 2021;152:105987.

Scienza/Umana: Nessuna correlazione importante tra compromissione e concentrazione di THC nel sangue in uno studio con simulatore di guida
In uno studio su un simulatore di guida c'era "una relazione scarsa e incoerente fra l'entità della compromissione e le concentrazioni di THC nei campioni biologici, il che significa che i limiti di per sé non possono discriminare in modo affidabile i conducenti compromessi da quelli non compromessi. C'è un bisogno urgente di sviluppare metodi migliori per rilevare l'intossicazione e la compromissione da cannabis".
Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics, The University of Sydney, New South Wales, Australia.
Arkell TR, et al. Traffic Inj Prev. 2021:1-6.

Scienza/Cellule: Il CBD protegge le cellule della pelle dai danni causati dalla luce del sole
In uno studio che indaga gli effetti protettivi delle cellule della pelle del CBD "il CBD - attraverso la sua attività antiossidante/anti-infiammatoria e la regolazione della biosintesi e della degradazione delle proteine - protegge le cellule della pelle dai cambiamenti indotti dagli UVA/B".
Dipartimento di chimica analitica, Università medica di Bialystok, Polonia.
Gęgotek A, et al. Int J Mol Sci. 2021;22(3):1501.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non è associato a maggiori problemi di equilibrio nelle persone infette da HIV
In uno studio su persone HIV positive l'uso di cannabis non ha avuto effetti sull'equilibrio. Gli autori hanno notato che questo "suggerisce che l'uso di cannabis nell'HIV è sicuro per quanto riguarda i disturbi dell'equilibrio".
Borsa di ricerca interdisciplinare, Università di California San Diego, USA.
Kiendrebeogo P, et al. J Cannabis Res. 2021;3(1):3.

Scienza/Animale: Il CBD può ridurre l'aggressività verso gli umani nei cani
In uno studio su 24 cani da rifugio, di cui 12 hanno ricevuto CBD, il cannabinoide ha ridotto il comportamento aggressivo verso gli umani.
School of Agriculture and Environment, The University of Western Australia, Crawley, Australia.
Corsetti S, et al. Sci Rep. 2021;11(1):2773.

Scienza/Animale: Il beta-cariofillene protegge dal deterioramento cognitivo causato dall'infiammazione del cervello
In uno studio sui ratti il beta-cariofillene, che attiva il recettore CB2, protegge contro la demenza indotta dall'infiammazione dei nervi senza alcun effetto sulla funzione cognitiva ridotta dal normale invecchiamento del cervello indotto dalla disfunzione dei mitocondri.
Manipal College of Pharmaceutical Sciences, Manipal Academy of Higher Education, India.
Kanojia U, et al. CNS Neurol Disord Drug Targets. 2021 Feb 2. [in stampa]

Scienza/Animale: L'aumento della concentrazione di endocannabinoidi può essere utile nell'autismo
In un modello di ratto di autismo, l'aumento della concentrazione dell'endocannabinoide 2-arachidonoylglycrol attraverso l'inibizione della sua degradazione ha migliorato il comportamento simile all'autismo, compresi i comportamenti ripetitivi e stereotipati, l'iperattività, la socievolezza e il funzionamento cognitivo.
Dipartimento di salute dei bambini e degli adolescenti, Public Health College of Harbin Medical University, Cina.
Zou M, et al. Open Biol. 2021;11(2):200306.

Scienza/Umana: I pazienti spesso non dicono al loro medico del loro uso di cannabis medica
Secondo un sondaggio anonimo su 275 pazienti, il 44% non ha detto al proprio medico di base che stava usando cannabis medica, nonostante l'86% abbia sostituito la cannabis con farmaci farmaceutici. Solo il 18% ha valutato la conoscenza del proprio medico sulla cannabis medica come molto buona o eccellente.
Dipartimento di Anestesiologia, University of Michigan Medical School, USA.
Boehnke KF, et al. J Cannabis Res. 2021;3(1):2.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis prima dei 15 anni causa deficit di memoria in età adulta
In uno studio su 524 giovani adulti, che sono stati seguiti dalla nascita, i risultati dei test sulle funzioni cognitive indicano che l'inizio dell'uso di cannabis prima dei 15 anni pone i giovani adulti a maggior rischio di deficit di memoria.
Dipartimento di Psicologia, Slippery Rock University, USA.
Willford JA, et al. Neurotoxicol Teratol. 2021;84:106958.

Scienza/Animale: Il CBD mostra proprietà antidepressive nella depressione causata dall'infiammazione del cervello
Il CBD ha causato effetti antidepressivi in un modello murino di infiammazione cerebrale riducendo i livelli di interleuchina-6 e altri meccanismi proinfiammatori. Gli autori hanno scritto che "sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere completamente i suoi meccanismi d'azione nella depressione legata all'infiammazione".
Departamento de Fisiología y Farmacología, Facultad de Medicina, Universidad de Cantabria, Santander, Spagna.
Florensa-Zanuy E, et al. Biochem Pharmacol. 2021:114433.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.