Pubblicato
Ultimo aggiornamento
tempo di lettura

Bollettino IACM del 21 maggio 2023

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel trattamento della fibromialgia

Secondo un'analisi dei dati di 306 pazienti affetti da fibromialgia nel registro britannico della cannabis medica, il trattamento con la cannabis è stato associato a un miglioramento globale della qualità di vita correlata alla salute. La ricerca è stata condotta dai ricercatori del Medical Cannabis Research Group del Dipartimento di Chirurgia e Cancro dell'Imperial College di Londra, Regno Unito.

L'uso medico della cannabis "è stato associato a miglioramenti dei sintomi specifici della fibromialgia, oltre che del sonno, dell'ansia e della qualità di vita correlata alla salute. Coloro che hanno riferito un precedente uso di cannabis sembravano avere una risposta maggiore".

Wang C Erridge S, Holvey C, Coomber R, Usmani A, Sajad M, Guru R, Holden W, Rucker JJ, Platt MW, Sodergren MH. Valutazione degli esiti clinici in pazienti con fibromialgia: Analisi del Registro della Cannabis Medica del Regno Unito. Brain Behav. 2023:e3072.

Scienza/Umana: La cannabis può migliorare la qualità di vita delle persone affette da malattie croniche

Secondo uno studio osservazionale su 3148 pazienti, che ricevevano cannabis per qualsiasi indicazione, il trattamento era associato a un aumento della qualitĂ  della vita correlata alla salute. I ricercatori del Centre for Human Psychopharmacology della Swinburne University of Technology di Melbourne (Australia) e di altre istituzioni scientifiche australiane hanno registrato i dati dei pazienti presso una rete di cliniche mediche specializzate tra dicembre 2018 e maggio 2022.

I tipi di prodotti a base di cannabis e il contenuto di cannabinoidi variavano nel tempo secondo il giudizio clinico del medico curante. L'etĂ  media era di 56 anni al basale prima del trattamento. Il dolore cronico non tumorale era l'indicazione piĂš comune per il trattamento (69%), seguito dal dolore da cancro (6%), dall'insonnia (5%) e dall'ansia (4%). Dopo l'inizio del trattamento con cannabis terapeutica, i pazienti hanno riportato miglioramenti significativi rispetto al basale in tutti gli 8 domini di un questionario sulla qualitĂ  di vita correlata alla salute e questi miglioramenti sono stati per lo piĂš mantenuti nel tempo.

Arkell TR, Downey LA, Hayley AC, Roth S. Valutazione della cannabis medica e della qualitĂ  di vita correlata alla salute. JAMA Netw Open. 2023;6(5):e2312522.

Scienza/Umana: La cannabis può essere efficace nel dolore correlato al cancro

Utilizzando i dati del Registro della Cannabis del Quebec, ricercatori canadesi e irlandesi hanno riscontrato miglioramenti significativi nel dolore di 358 pazienti oncologici. Sono state osservate diminuzioni statisticamente significative a 3 mesi, 6 mesi e 9 mesi di follow-up del dolore peggiore e medio.

I ceppi bilanciati THC:CBD sono stati associati a un migliore sollievo dal dolore rispetto ai ceppi a prevalenza THC e CBD. I ricercatori hanno concluso che "i dati reali di questo ampio registro prospettico multicentrico indicano che la MC è un trattamento complementare sicuro ed efficace per alleviare il dolore nei pazienti con cancro".

Aprikian S, Kasvis P, Vigano M, Hachem Y, Canac-Marquis M, Vigano A. La cannabis medica è efficace per il dolore legato al cancro: Risultati del Registro della Cannabis del Quebec. BMJ Support Palliat Care. 2023:spcare-2022-004003.

Scienza/Umana: La riduzione del dolore da parte dell'oppioide idromorfone era solo leggermente migliorata da una bassa dose di THC orale in uno studio controllato con placebo

Secondo uno studio condotto su 37 pazienti con diagnosi di osteoartrite del ginocchio, una dose fissa di 10 mg di THC in aggiunta a 4 mg di idromorfone, gli sperimentatori della Johns Hopkins University di Baltimora, USA, hanno notato solo un "beneficio minimo" del THC orale (dronabinol). Si è trattato di uno studio in doppio cieco, randomizzato e controllato con placebo. I partecipanti hanno ricevuto (1) placebo, (2) idromorfone (4 mg)-placebo, (3) dronabinol (10 mg)-placebo e (4) idromorfone (4 mg)-dronabinol (10 mg).

Non sono stati osservati effetti analgesici significativi sulla gravità del dolore clinico o sul funzionamento fisico in tutte le condizioni farmacologiche. Gli autori hanno notato che "è stato osservato uno scarso potenziamento dell'analgesia dell'idromorfone da parte del dronabinolo sugli indici di dolore evocato". Gli effetti collaterali della combinazione di idromorfone e dronabinolo hanno prodotto piÚ eventi avversi moderati rispetto al placebo e al solo idromorfone. Solo l'idromorfone ha compromesso le prestazioni cognitive.

Campbell CM, Mun CJ, Hamilton KR, Bergeria C, Huhn AS, Speed TJ, Vandrey R, Dunn KE. Valutazione in doppio cieco, randomizzata e controllata con placebo della combinazione del cannabinoide dronabinol e dell'oppioide idromorfone in adulti con dolore cronico. Neuropsicofarmacologia. 2023 maggio 18 [in stampa].

Scienza/Umana: Il CBD può essere un trattamento adiuvante efficace negli adulti con epilessia focale resistente ai farmaci

Secondo uno studio di coorte prospettico e osservazionale su 44 pazienti adulti affetti da epilessia, il trattamento con CBD ha mostrato un ulteriore beneficio. I ricercatori dell'UniversitĂ  Nazionale Arturo Jauretche di Buenos Aires, Argentina, hanno incluso pazienti con epilessia focale resistente ai farmaci da almeno 6 mesi.

Dopo l'inizio della terapia con CBD, il 5% dei pazienti è diventato libero da crisi, il 32% dei pazienti ha ridotto le crisi di oltre l'80% e l'87% dei pazienti ha ridotto il 50% delle crisi mensili. L'11% ha presentato una riduzione della frequenza delle crisi inferiore al 50%. La dose media giornaliera finale era di 335 mg di CBD orale. Gli autori hanno scritto che "alla fine dello studio, abbiamo riscontrato nella maggior parte dei pazienti un miglioramento significativo della qualità della vita, in tutti gli elementi valutati".

Kochen S, Villanueva M, Bayarres L, Daza-Restrepo A, Gonzalez Martinez S, Oddo S. Il cannabidiolo come trattamento adiuvante negli adulti con epilessia focale resistente ai farmaci. Epilepsy Behav. 2023;144:109210.

Scienza/Umana: Pazienti con crisi mioclonico-atoniche hanno tratto beneficio dal CBD

In uno studio multicentrico condotto in Argentina, il CBD ha ridotto le crisi in bambini affetti da epilessia con crisi mioclonico-atoniche (EMAtS) (n = 22) e sindrome di Sturge Weber (SWS) con crisi mioclonico-atoniche (n = 4). Il CBD è stato aggiunto in dosi variabili da 8 a 40 mg per chilogrammo al giorno. L'efficacia è stata valutata confrontando la frequenza delle crisi prima e dopo l'inizio della terapia con CBD.

Dopo un follow-up medio di 19 mesi, 15 dei 26 pazienti che hanno ricevuto CBD aggiuntivo hanno avuto una riduzione delle crisi superiore al 50% e tre sono diventati liberi da crisi. I restanti 11 pazienti hanno avuto una riduzione delle crisi del 25-50%. Gli autori hanno scritto che "gli attacchi di caduta, comprese le crisi mioclonico-atoniche e le crisi tonico-cloniche generalizzate, cosĂŹ come le assenze atipiche e lo status epilepticus non convulsivo, hanno risposto bene alla CBD".

Caraballo RH, Reyes Valenzuela G, Fortini S, Espeche A, Gamboni B, Silva W, Semprino M, Fasulo L, ChacĂłn S, Gallo A, Galicchio S, Cachia P. Cannabidiolo in bambini con epilessia resistente al trattamento con crisi mioclonico-atoniche. Epilepsy Behav. 2023;143:109245.

Scienza/Umana: La cannabis può essere efficace nella sindrome di Tourette secondo uno studio retrospettivo

Sono stati raccolti dati retrospettivi per un massimo di 9 anni sull'uso di cannabis, valutando le caratteristiche della malattia e l'influenza della cannabis nei pazienti con sindrome di Tourette in cura presso l'unitĂ  per i disturbi del movimento del Tel-Aviv Medical Center, in Israele.

Venticinque pazienti hanno partecipato allo studio. La durata media del consumo di cannabis terapeutica era di 4 anni (range 0,5-10). La maggior parte dei pazienti (96%) consumava cannabis principalmente, ma non esclusivamente, attraverso metodi di inalazione come il fumo o la vaporizzazione di infiorescenze essiccate. La cannabis ha portato a una riduzione soggettiva dei tic (riduzione media del 75%) e dei sintomi associati alle comuni comorbiditĂ  della malattia.

Anis S, Zalomek C, Korczyn AD, Lassman S, Rosenberg A, Gurevich T. Uso di cannabis medica autorizzata nella sindrome di Gilles de la Tourette: Un follow-up retrospettivo a lungo termine. Cannabis Cannabinoid Res. 2023 maggio 12 [in stampa].

Scienza/Umana: Il CBD riduce la gravitĂ  dell'astinenza da nicotina

In un disegno open-label, crossover con 20 utilizzatori di sigarette elettroniche, la somministrazione orale di 320 mg di CBD ha ridotto la gravità dell'astinenza. Lo studio è stato presentato da ricercatori del Dipartimento di Scienze Psicologiche dell'Università dell'Arkansas a Fayetteville, USA, dell'Università del Texas, dell'Università del Mississippi e del Canopy Growth del Canada. I partecipanti hanno auto-riferito i sintomi dopo un periodo di astinenza dalle sigarette elettroniche di 4 ore rispetto all'astinenza in assenza di CBD.

Dopo aver controllato le aspettative positive dei partecipanti nei confronti del CBD, i risultati sono stati coerenti con le ipotesi, suggerendo che il CBD ha ridotto sia la gravitĂ  dei sintomi di astinenza da nicotina sia l'ansia di stato durante l'astinenza da sigaretta elettronica.

Gournay LR, Petry J, Bilsky S, Hill MA, Feldner M, Peters E, Bonn-Miller M, Leen-Feldner E. Il cannabidiolo riduce la gravitĂ  dell'astinenza da nicotina e l'ansia di stato durante un periodo acuto di astinenza da sigaretta elettronica: A Novel, Open-Label Study. Cannabis Cannabinoid Res. 2023 maggio 11 [in stampa].

Scienza/Umana: Il CBD può essere efficace come la melatonina nei disturbi del sonno

In uno studio condotto negli Stati Uniti su 1793 adulti con sintomi di disturbi del sonno, 15 mg di CBD per via orale sono risultati efficaci quanto 5 mg di melatonina nel migliorare il sonno. I ricercatori di California, Pennsylvania e Maryland negli Stati Uniti hanno assegnato ai partecipanti una fornitura di 4 settimane di uno dei 6 prodotti (tutte capsule) contenenti 15 mg di CBD o 5 mg di melatonina, da soli o in combinazione con CBN (cannabinolo) o CBC (cannabicromene).

Tutte le formulazioni hanno mostrato un profilo di sicurezza favorevole (il 12% dei partecipanti ha riportato un effetto collaterale e nessuno era grave) e hanno portato a miglioramenti significativi dei disturbi del sonno. La maggior parte dei partecipanti (dal 56% al 75%) in tutte le formulazioni ha registrato un miglioramento clinicamente importante della qualitĂ  del sonno. Non sono state riscontrate differenze significative nell'effetto, tuttavia, tra il CBD isolato 15 mg e le formulazioni contenenti 15 mg di CBD e 15 mg di CBN, da sole o in combinazione con 5 mg di CBC. Non sono state riscontrate differenze significative di effetto nemmeno tra 15 mg di CBD isolato e le formulazioni contenenti 5 mg di melatonina, da sole o in combinazione con 15 mg di CBD e 15 mg di CBN.

Saleska JL, Bryant C, Kolobaric A, D'Adamo CR, Colwell CS, Loewy D, Chen J, Pauli EK. Sicurezza ed efficacia comparativa delle formulazioni di cannabinoidi non psicoattivi per il miglioramento del sonno: A Double-Blinded, Randomized Controlled Trial. J Am Nutr Assoc. 2023:1-11.

Scienza/Umana: Il CBD può ridurre i sintomi comportamentali nella demenza

In uno studio condotto su 20 pazienti con demenza e gravi sintomi comportamentali e psicologici, basse dosi di CBD hanno migliorato i sintomi. Uno studio condotto da ricercatori della FacoltĂ  di Scienze della Salute dell'UniversitĂ  Aristotele di Salonicco, in Grecia. Dieci di loro sono stati assegnati al trattamento medico abituale, mentre dieci sono stati assegnati a un trattamento di sei mesi con CBD.

La valutazione di follow-up ha mostrato un miglioramento significativo dei sintomi in tutti i pazienti che hanno ricevuto la CBD, e un miglioramento nullo o limitato nel gruppo di controllo, indipendentemente dalla neuropatologia sottostante la demenza.

Alexandri F, Papadopoulou L, Tsolaki A, Papantoniou G, Athanasiadis L, Tsolaki M. L'effetto del cannabidiolo 3% sui sintomi neuropsichiatrici nella demenza - Follow-up di sei mesi. Clin Gerontol. 2023:1-8.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel trattamento di donne con dolore pelvico miofasciale

I ricercatori della University of British Columbia di Vancouver, Canada, hanno condotto uno studio trasversale sulle risposte ai questionari di pazienti donne con dolore pelvico miofasciale di due centri terziari per il dolore pelvico. Delle 135 partecipanti, il 57% erano consumatrici di cannabis e il 43% non consumatrici.

La maggior parte dei consumatori consumava cannabis quotidianamente, (48%) per via orale (66%) o fumando (61%), e giudicava la cannabis efficace nell'alleviare il dolore pelvico. Il 64% dei non consumatori di cannabis ha risposto che sarebbe disposto a usare la cannabis per il dolore pelvico. La mancanza di informazioni e i potenziali effetti avversi sono stati i motivi piĂš comuni della riluttanza all'uso. Circa 3 intervistati su 4 erano disposti a provare l'applicazione vaginale o vulvare di prodotti a base di cannabis per il dolore pelvico.

Yang EC, Koenig NA, Gong M, Brotto LA, Barr AM, Lee T, Yong PJ, Geoffrion R. Preferenze nell'uso di cannabis in donne con dolore pelvico miofasciale: Uno studio trasversale. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol X. 2023;18:100192.

Notizie in breve

USA: gli Stati hanno generato piĂš di 15 miliardi di dollari di entrate fiscali dalla vendita di cannabis legale

Dal 2014, quando sono iniziate le vendite in Colorado e Washington, le politiche di legalizzazione hanno fornito agli Stati un nuovo flusso di entrate. Fino alla fine del 2022, gli Stati hanno registrato un totale di oltre 15 miliardi di dollari di entrate fiscali dalle vendite legali di cannabis per uso adulto. Nel 2022, gli Stati che hanno legalizzato la cannabis hanno generato piĂš di 3,5 miliardi di dollari di entrate fiscali dalle vendite per uso adulto. Oltre alle entrate generate per i bilanci statali, anche le cittĂ  e i paesi hanno generato centinaia di migliaia di dollari di nuove entrate dalle tasse locali sulla cannabis per adulti.

Progetto sulle politiche della marijuana

Scienza/Animale: Il CBD può essere un antidepressivo ad azione rapida

Secondo alcuni studi condotti sui topi, il CBD potrebbe essere un "antidepressivo con un'azione e un'efficacia piĂš rapide" rispetto alla sertralina.

Istituto di Neuroscienze, UniversitĂ  Miguel HernĂĄndez, Alicante, Spagna.

GarcĂ­a-GutiĂŠrrez, et al. Front Pharmacol. 2023;14:1171646.

Scienza/Cellule: Il CBD può essere neuroprotettivo nelle colture di cellule cerebellari

Le cellule nervose del cervelletto sono state trattate con un agente neurotossico. Il CBD ha protetto da questo danno.

Laboratorio de Mecanismos de NeurodegeneraciĂłn y NeuroprotecciĂłn e Instituto de Investigaciones BiolĂłgicas Clemente Estable, Montevideo, Uruguay.

Echeverry C, et al. . Cannabis Cannabinoid Res. 2023 maggio 8 [in stampa].

Scienza/Umana: Un estratto di CBD è stato ben tollerato da pazienti con cancro alla prostata

In uno studio di fase 1, l'estratto di cannabis Epidyolex in dosi giornaliere di 600 e 800 mg è risultato sicuro e tollerabile in pazienti con cancro alla prostata.

Dipartimento di Medicina, Divisione di Oncologia Medica, UniversitĂ  del Kentucky, Lexington, USA.

Myint ZW, et al. Cancers (Basilea). 2023;15(9):2505.

Scienza/Cellule: L'attivazione del recettore CB1 può sopprimere la crescita delle metastasi cerebrali del melanoma

Esperimenti con campioni di melanoma umano metastatico hanno dimostrato che l'attivazione del recettore CB1 può sopprimere la sua crescita.

Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, Instituto Universitario de InvestigaciĂłn NeuroquĂ­mica, UniversitĂ  Complutense di Madrid, Spagna.

Costas-Insua C, et al. Cancers (Basilea). 2023;15(9):2439.

Scienza/Cellule: Il CBD può essere una promettente terapia adiuvante per i tumori al seno positivi al recettore degli estrogeni

Studi condotti su cellule di cancro al seno positive al recettore degli estrogeni hanno dimostrato che il CBD, se combinato con anastrozolo e letrozolo, non ha causato alcun effetto benefico rispetto agli inibitori dell'aromatasi isolati. Al contrario, in combinazione con l'inibitore dell'aromatasi exemestane, il CBD ha potenziato i suoi effetti pro-morte cellulare.

UCIBIO/REQUIMTE, Laboratorio di Biochimica, Dipartimento di Scienze Biologiche, FacoltĂ  di Farmacia, UniversitĂ  di Porto, Portogallo.

Almeida CF, et al. Cancers (Basel). 2023;15(9):2517.

Scienza/Cellule: CBD e CBG insieme a curcumina e piperina mostrano effetti antitumorali

Utilizzando: cellule tumorali, i ricercatori hanno riscontrato il sinergismo terapeutico di una tripla combinazione di CBD/CBG, curcumina e piperina.

Dipartimento di Genetica e Bioingegneria, FacoltĂ  di Ingegneria, UniversitĂ  Yeditepe, Istanbul, Turchia.

YĂźksel B, et al. Front Pharmacol. 2023;14:1145666.

Scienza/Cellule: Il CBD può alleviare l'infiammazione del sistema nervoso

Studi condotti su cellule dimostrano che il CBD allevia la neuroinfiammazione e attenua il dolore neuropatico attraverso il bersaglio della proteina FKBP5.

Dipartimento di Anestesiologia, Filiale di Lequn, Primo Ospedale dell'UniversitĂ  di Jilin, Changchun, Cina

Wang X, et al. Brain Behav Immun. 2023:S0889-1591(23)00126-5.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non aumenta gli eventi cardiovascolari secondo una revisione e meta-analisi

Secondo una revisione, il rischio di eventi cardiovascolari avversi, tra cui infarto miocardico acuto e ictus, "non mostra un aumento significativo con l'esposizione alla cannabis. Tuttavia, occorre prestare attenzione nell'interpretare i risultati a causa dell'eterogeneitĂ  degli studi".

Dipartimento di Medicina, FacoltĂ  di Medicina, UniversitĂ  Chulalongkorn, Bangkok, Thailandia. Theerasuwipakorn N, et al. Toxicol Rep. 2023;10:537-543.

Scienza/Umana: I livelli circolanti di endocannabinoidi sono aumentati nei pazienti con cachessia da cancro

Secondo uno studio condotto su 36 pazienti affetti da cachessia oncologica, i livelli circolanti e attuali di endocannabinoidi erano significativamente piÚ elevati rispetto a quelli dei pazienti di controllo affetti da altre patologie. Gli autori hanno scritto che nei pazienti con cachessia da cancro, "l'AEA circolante può avere un ruolo nell'anoressia, mentre il 2-AG può avere un ruolo nei livelli sierici di trigliceridi".

Divisione di Fisiologia, Dipartimento di Nutrizione, Graduate School of Humanity and Life Science, Tokyo-Kasei University, Tokyo, Giappone.

Ota K, et al. Clin Nutr ESPEN. 2023;55:20-29.

Scienza/Umana: I consumatori di cannabis hanno un basso rischio di fegato grasso

In un campione rappresentativo nazionale di 2622 partecipanti, l'uso corrente di cannabis era inversamente associato alla steatosi (fegato grasso). "La fisiopatologia non è chiara e necessita di ulteriori studi. Non è stata stabilita alcuna associazione significativa tra l'uso di marijuana e la fibrosi epatica, indipendentemente dall'uso passato o corrente".

Dipartimento di ecografia, Ospedale generale del Comando centrale del teatro, Wuchangqu, Wuhan, Hubei, Cina.

Du R, et al. PLoS One. 2023;18(5):e0284859.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non ha effetto sulla progressione della BPCO

Secondo un ampio studio chiamato SPIROMICS "i partecipanti con o senza BPCO (broncopneumopatia cronica ostruttiva), nÊ il fumo di marijuana precedente nÊ quello attuale, di qualsiasi quantità, è stato associato a prove di progressione della BPCO o del suo sviluppo".

Medicina, UniversitĂ  della California a Los Angeles, California, USA.

Barjaktarevic I, et al. Chronic Obstr Pulm Dis. 2023 maggio 16 [in stampa].

Scienza/Animale: Il CBD può essere utile nell'ipertensione polmonare

I risultati di uno studio sui ratti suggeriscono che il CBD può alleviare la fibrosi del ventricolo destro e "può agire come terapia adiuvante" per l'ipertensione polmonare.

Dipartimento di fisiologia sperimentale e fisiopatologia, Università di Medicina di Białystok, Polonia.

KrzyĹźewska A, et al. Biochim Biophys Acta Mol Basis Dis. 2023:166753.

Scienza: Prezzi della cannabis nei social club in Spagna

I prezzi medi dei fiori di cannabis sono di circa 6 euro per 1 g di fiori e di circa 8-9 euro per 1 g di resina nei cannabis social club spagnoli.

Centro per la ricerca interdisciplinare sulle dipendenze, Dipartimento di psichiatria e psicoterapia, Centro medico universitario di Amburgo-Eppendorf, Germania.

Manthey J, Obradors-Pineda A. Drug Alcohol Rev. 2023 maggio 14 [in stampa].

Scienza/Umana: La cannabis potrebbe non avere effetti negativi sulla cognizione

In uno studio che ha seguito adulti con HIV per 10 anni, "i tassi di declino cognitivo e di problemi funzionali non variavano in base all'uso medio di cannabis". L'uso recente di cannabis era legato a un peggioramento della cognizione.

Dipartimento di Psichiatria, UniversitĂ  della California San Diego, USA.

Watson CW, et al. AIDS Behav. 2023 maggio 8 [in stampa].

Scienza/Animale: L'inibizione della degradazione degli endocannabinoidi forse è neuroprotettiva nella demenza

Secondo uno studio condotto sui topi, l'inibizione della degradazione degli endocannabinoidi mediante l'inibizione della FAAH ha mostrato effetti neuroprotettivi nella demenza frontotemporale.

Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, FacoltĂ  di Medicina, Istituto Universitario di Ricerca in Neurochimica, UniversitĂ  Complutense, Madrid, Spagna.

Santos-GarcĂ­a I, et al. J Neuroinflammation. 2023;20(1):108.

Scienza/Animale: Il CBD può attenuare l'infiammazione parodontale

Uno studio condotto sui ratti dimostra che il CBD ha attenuato la parodontite e l'infiammazione.

State Key Laboratory of Oral Diseases, West China Hospital of Stomatology, Sichuan University, Chengdu, Cina.

Chen H, et al. J Periodontal Res. 2023 maggio 4 [in stampa].

Scienza/Umana: Il rischio di schizofrenia nei consumatori di cannabis può essere piÚ alto nei giovani uomini che nelle giovani donne

I ricercatori hanno esaminato circa 6,9 milioni di individui con circa 45.000 casi di schizofrenia. Il rischio di sviluppare la schizofrenia era di 2,5 nei maschi rispetto a 2,0 nelle femmine. Nei maschi tra i 16 e i 20 anni il rischio era di 3,8 rispetto all'1,8 delle giovani donne.

Centro di ricerca sulla salute mentale di Copenaghen - CORE, Centro di salute mentale di Copenaghen, Ospedale universitario di Copenaghen, Danimarca.

Hjorthøj C, et al. Psychol Med. 2023:1-7.

Scienza/Umana: Il CBD a basso dosaggio è inefficace nel ridurre il dolore post-ureteroscopia

Secondo uno studio controllato con placebo, 20 mg di CBD per 3 giorni dopo l'uteroscopia non sono stati superiori al placebo nel ridurre il dolore.

Dipartimento di Urologia, UniversitĂ  del North Carolina, USA.

Narang G, et al. J Urol. 2023;209(4):726-733.

Scienza/Animale: Una combinazione di CBD e ipotermia può aumentare gli effetti neuroprotettivi nei neonati con encefalopatia ipossica

Sono stati studiati gli effetti del trattamento di topi appena nati in seguito a lesioni ipossico-ischemiche con CBD in condizioni di ipotermia. Se usati insieme, CBD e ipotermia hanno migliorato l'eccitotossicitĂ  cerebrale, lo stress ossidativo e l'infiammazione, hanno ridotto il volume dell'infarto cerebrale e hanno diminuito l'estensione del danno istologico.

Istituto di ricerca sanitaria Biocruces Bizkaia, Barakaldo, Spagna.

Alvarez FJ, et al. eNeuro. 2023;10(5):ENEURO.0417-22.2023.

Scienza/Animale: Il CBD iniettato per via periferica riduce il dolore neuropatico

Il cannabidiolo iniettato per via periferica riduce il dolore neuropatico nei topi e questo effetto coinvolge parzialmente i recettori 5-HTA1 e TRPV1.

Dipartimento di Farmacologia, Istituto di Scienze Biologiche, Belo Horizonte, Brasile.

Aguiar DD, et al. Biochem Biophys Res Commun. 2023;660:58-64.