[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 28 Luglio 2021

Germania: La cannabis medica coltivata da aziende tedesche è ora disponibile per i pazienti per la prima volta

Aphria, una filiale interamente controllata dalla compagnia canadese di cannabis e farmaceutica Tilray, è diventata il primo dei tre produttori tedeschi autorizzati a raggiungere questo significativo traguardo. Il raccolto di cannabis medica è il primo coltivato secondo gli standard delle EURopean Good Manufacturing Practice (EU-GMP) nell'impianto di coltivazione indoor di 6.000 metri quadri della Tilray a Neumünster, a circa 40 miglia da Amburgo.

Aphria è stata una delle tre aziende, insieme ad Aurora e Demecan, ad aver ottenuto un permesso dall'Istituto federale per i farmaci e i dispositivi medici (BfArM), nella primavera del 2019, per coltivare cannabis medicinale. La distribuzione del raccolto di Aphria alle farmacie tedesche sarà effettuata dalla Cansativa di Francoforte. Ha vinto il contratto quadriennale per diventare il distributore unico di tutta la cannabis coltivata in Germania. Fino ad ora, la Germania ha dovuto fare affidamento sulle importazioni principalmente dai Paesi Bassi e dal Canada da quando il Narcotics Drugs Act è stato modificato nel marzo 2017 per permettere ai medici di prescrivere medicine a base di cannabis.

Business Cann dell'8 luglio 2021

USA: I democratici del Senato USA presentano un progetto di legge per legalizzare la cannabis

Il 14 luglio tre importanti senatori democratici americani hanno svelato una bozza di discussione di una legge che mira a legalizzare la cannabis, una mossa che permetterebbe agli americani adulti di comprare e possedere fino a 10 once (circa 280 g) di cannabis senza affrontare sanzioni penali. Il Cannabis Administration and Opportunity Act proposto dal leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer, dal presidente delle Finanze Ron Wyden e dal senatore del New Jersey Cory Booker, espungerebbe i crimini federali non violenti contro la cannabis, promuoverebbe la ricerca medica e permetterebbe alle compagnie di cannabis di accedere a servizi finanziari essenziali.

Mentre l'uso adulto della cannabis è legale in 18 stati, e consentito a livello medico in 37 stati, rimane illegale secondo la legge federale degli Stati Uniti, dissuadendo le banche e altri dal trattare con aziende che vendono cannabis o prodotti correlati. Una bozza legislativa finale sarà introdotta più tardi e il feedback sulla bozza di discussione può essere fornito fino al 1 settembre. Per diventare una legge, la misura dovrà passare sia il Senato che la Camera dei Rappresentanti controllati dai Democratici ed essere firmata dal presidente Joe Biden.

Reuters del 14 luglio 2021

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non ha effetti sul funzionamento cognitivo negli adolescenti secondo un grande studio

In 804 adolescenti (441 femmine e 363 maschi) gli investigatori del Dipartimento di Psichiatria e Psicoterapia dell'Ospedale Charité di Berlino, Germania, non hanno trovato alcun effetto negativo sulle capacità cognitive dall'uso di cannabis. I partecipanti sono stati studiati all'età di 14 anni e 5 anni dopo all'età di 19 anni.

Hanno concluso dai loro dati che "il processo decisionale non è compromesso quando la cannabis è usata con moderazione, e l'inizio dell'uso avviene dopo i 15 anni". Hanno inoltre scritto che " non abbiamo rilevato differenze neurocognitive significative prima dell'inizio del consumo di droga. Tuttavia, dopo aver controllato i fattori confondenti, l'uso leggero di cannabis, così come l'esordio tardivo, è stato associato ad un aumento delle capacità decisionali sia trasversalmente al follow-up che longitudinalmente rispetto ai controlli non consumatori. (...) Non troviamo alcuna prova a sostegno dell’ipotesi che il consumo di cannabis porti a un declino delle capacità neurocognitive".

Wendel LK, Daedelow L, Kaminski J, Banaschewski T, Millenet S, Bokde ALW, Burke Quinlan E, Desrivières S, Flore H, Grigis A, Garavan H, Gowland P, Heinz A, Brühl R, Martinotk JL, Artigeskl E, Neesbe F, Papadopoulos Orfanos D, Walter H. Residual effects of cannabis-use on neuropsychological functioning.2021;59.

Scienza/Umana: La cannabis è utile nel trattamento di nausea e vomito dovuti alla chemioterapia del cancro

In uno studio su 81 pazienti, che sperimentavano nausea e vomito durante la chemioterapia del cancro nonostante i farmaci standard, un estratto di cannabis ha migliorato i sintomi. Lo studio è stato condotto in diversi siti in Australia. Il trattamento dello studio consisteva in un ciclo di 1-4 capsule auto-titolate di THC 2.5 mg/CBD 2.5 mg per via orale tre volte al giorno, dal giorno -1 al 5, e un ciclo di placebo corrispondente in un disegno crossover.

Un totale di 81 partecipanti è stato randomizzato e 72 che hanno completato due cicli sono stati inclusi nelle analisi di efficacia. La risposta completa è stata migliorata con la cannabis dal 14% al 25% con effetti simili sull'assenza di emesi, sull'uso di farmaci di soccorso, sull'assenza di nausea significativa e sui punteggi riassuntivi del Functional Living Index-Emesis (FLIE). Il 31% ha sperimentato eventi avversi moderati o gravi legati ai cannabinoidi come sedazione, vertigini o disorientamento, ma l'83% dei partecipanti ha preferito la cannabis al placebo. Gli autori hanno concluso che "l'aggiunta di THC:CBD orale agli antiemetici standard era associata a meno nausea e vomito, ma a effetti collaterali aggiuntivi".

Grimison P, Mersiades A, Kirby A, Lintzeris N, Morton R, Haber P, Olver I, Walsh A, McGregor I, Cheung Y, Tognela A, Hahn C, Briscoe K, Aghmesheh M, Fox P), Abdi E, Clarke S, Della-Fiorentina S, Shannon J, Gedye C, Begbie S, Simes J, Stockler M. Oral THC:CBD cannabis extract for refractory chemotherapy-induced nausea and vomiting: a randomised, placebo-controlled, phase II crossover trial. Ann Oncol. 2020;31(11):1553-1560.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis a scopo medico può migliorare le capacità cognitive complesse nel corso di 12 mesi

Secondo uno studio dei ricercatori del Dipartimento di Psichiatria della Harvard Medical School di Boston e del McLean Hospital Imaging Centre di Belmont, USA, l'uso medico della cannabis può migliorare le funzioni cognitive. Come parte di uno studio in corso, i pazienti con cannabis medica (MC) hanno completato una visita di base prima di iniziare la cannabis e valutazioni dopo 3, 6 e 12 mesi di trattamento.

Gli autori hanno scritto che "rispetto al basale, i pazienti MC hanno dimostrato miglioramenti significativi sulle misure della funzione esecutiva e dello stato clinico nel corso dei 12 mesi; le prestazioni di apprendimento/memoria verbale sono rimaste generalmente stabili. Il miglioramento delle prestazioni cognitive non era correlato all'uso di MC". Gli autori hanno concluso che "i risultati dello studio estendono i precedenti risultati pilota, indicando che i pazienti MC possono esibire una funzione esecutiva migliorata piuttosto che compromessa nel tempo".

Sagar KA, Dahlgren MK, Lambros AM, Smith RT, El-Abboud C, Gruber SA. An Observational, Longitudinal Study of Cognition in Medical Cannabis Patients over the Course of 12 Months of Treatment: Preliminary Results. J Int Neuropsychol Soc. 2021 Jul;27(6):648-660. doi: 10.1017/S1355617721000114.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a una minore infiammazione del cervello nelle persone con HIV

Secondo uno studio dell'Università di California a San Diego, USA, con 263 partecipanti l'uso quotidiano di cannabis era associato a una ridotta infiammazione del cervello. Sono stati analizzati i dati di 4 gruppi: HIV negativi non consumatori di cannabis (n = 65), HIV positivi non consumatori di cannabis (n = 105), HIV positivi consumatori moderati di cannabis (n = 62), e HIV positivi consumatori giornalieri di cannabis (n = 31).

I consumatori giornalieri di cannabis HIV positivi hanno mostrato quantità significativamente inferiori di marcatori di infiammazione nel fluido cerebrale spinale rispetto ai non consumatori di cannabis HIV positivi. I biomarcatori del sangue non hanno mostrato differenze in base all'uso di cannabis. Gli autori hanno concluso che "l'uso quotidiano corrente di cannabis era associato a livelli più bassi di chemochine pro-infiammatorie implicate nella patogenesi dell'HIV e queste chemochine erano collegate al dominio cognitivo dell'apprendimento."

Watson CW, Campbell LM, Sun-Suslow N, Hong S, Umlauf A, Ellis RJ, Iudicello JE, Letendre S, Marcotte TD, Heaton RK, Morgan EE, Grant I. Daily Cannabis Use is Associated With Lower CNS Inflammation in People With HIV. J Int Neuropsychol Soc. 2021;27(6):661-672.

Scienza/Umana: La sindrome da iperemesi da cannabis è associata a certe mutazioni genetiche

Secondo una ricerca dagli USA pubblicata su Cannabis and Cannabinoid Research con 205 partecipanti, che soffrivano di sindrome da iperemesi da cannabinoidi (CHS), e 54 controlli sani i cambiamenti in certi geni possono essere responsabili di questa rara sindrome. Un gruppo ridotto di 28 pazienti e 12 controlli ha infine completato i test genomici.

L'88% dei pazienti è migliorato dopo la cessazione della cannabis, la maggior parte ha sofferto di una rapida ricaduta dopo la ripresa. I risultati nei pazienti includevano mutazioni nei geni COMT, recettore transitorio del potenziale vanilloide 1, CYP2C9, gene che codifica il recettore della dopamina-2 e il gene trasportatore della cassetta ATP. Gli autori hanno scritto che "questa è la più grande coorte di pazienti di CHS esaminata fino ad oggi, e la prima a notare mutazioni associate nei geni che riguardano i neurotrasmettitori, il sistema endocannabinoide, e il complesso del citocromo P450 associato al metabolismo dei cannabinoidi." La sindrome da iperemesi da cannabinoidi (CHS) è una diagnosi di esclusione con nausea intrattabile, vomito ciclico, dolore addominale e comportamento da bagno caldo associato all'esposizione continua al THC.

Russo EB, Spooner C, May L, Leslie R, Whiteley VL. Cannabinoid Hyperemesis Syndrome Survey and Genomic Investigation. Cannabis Cannabinoid Res, 2021 Jul 5. [in stampa]

Scienza/Umana: E’ possibile trarre benefici spirituali dall'uso di cannabis

I risultati di un sondaggio con 1087 partecipanti mostrano che l'uso di cannabis può essere associato a benefici spirituali. Lo studio è stato condotto dai ricercatori della California School of Professional Psychology della Alliant International University di Emeryville, USA.

Il beneficio spirituale della cannabis è stato riportato dal 66.1% del campione, e il 5.5% ha riferito che a volte è stato un ostacolo spirituale. Gli autori hanno scritto che "la maggioranza del campione (63%) era privo di disordine da uso di cannabis. Rispetto ai gruppi disordinati, il gruppo non disordinato era significativamente più anziano e ha ottenuto punteggi più bassi nell'evitamento esperienziale, nell'angoscia psicologica e in diversi motivi d'uso. I risultati suggeriscono che i motivi spirituali per l'uso di cannabis possono essere diffusi".

Heide FJ, Chang T, Porter N, Edelson E, Walloch JC. Spiritual Benefit from Cannabis. J Psychoactive Drugs. 2021 Jul 5:1-9.

Scienza/Umana: La cannabis è spesso usata per sostituire altri farmaci

Un sondaggio anonimo con 2841 partecipanti condotto da ricercatori dell'Università di Aarhus, Danimarca, conferma ricerche precedenti che la cannabis è spesso usata come sostituto di altri farmaci. Il campione è stato reclutato attraverso i social media, i media pubblici e le organizzazioni di pazienti. La cannabis era prescritta o non prescritta e usata per scopi medici. Più della metà (55%) aveva usato la cannabis con lo scopo di sostituire un farmaco prescritto.

Rispetto agli utenti non sostitutivi, gli utenti sostitutivi avevano più probabilità di essere donne e di usare la cannabis nel trattamento del dolore cronico e di altre condizioni somatiche. Farmaci per il dolore (67%), antidepressivi (25%), e farmaci per l'artrite (21%) erano i tipi più comuni di farmaci sostituiti con la cannabis. Gli autori hanno scritto che "più della metà (65,8%) ha trovato il CaM molto più efficace rispetto ai farmaci da prescrizione, e l'85,5% che gli effetti collaterali associati all'uso di farmaci da prescrizione erano molto peggiori rispetto all'uso del CaM."

Kvamme Sl, Pedersen MM, Rømer Thomsen K, Thylstrup B. Exploring the use of cannabis as a substitute for prescription drugs in a convenience sample. Harm Red J 2021;18(72).

Notizie in breve

USA: La Casa Bianca raccomanda una revisione delle regole anti-doping dopo il divieto di Richardson
La Casa Bianca il 7 luglio ha detto che potrebbe valere la pena di rivedere le regole anti-doping nello sport dopo che la velocista americana Sha'Carri Richardson è risultata positiva all'uso di cannabis. USA Track & Field ha rifiutato di selezionare la Richardson nella squadra di staffetta per le Olimpiadi del 2021 a Tokyo dopo che lei ha accettato un divieto di un mese per la sostanza proibita. Lei ha dichiarato di aver usato la cannabis per affrontare la morte di sua madre.
Reuters del 7 luglio 2021

Svizzera: La maggioranza degli svizzeri sostiene la legalizzazione della cannabis
La maggior parte degli svizzeri accetta l'idea di legalizzare la cannabis per scopi ricreativi a condizione che ci siano regole per proteggere i minori, secondo un sondaggio. Quasi due terzi delle persone intervistate vogliono che l'età minima di consumo sia fissata a 18 anni, ha detto l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Due terzi sono a favore della conduzione di test pilota sulla distribuzione controllata di cannabis per scopi ricreativi.
Info Svizzera del 1 luglio 2021

Scienza/Umana: La depressione nell'adolescenza è un fattore di rischio per l'uso di cannabis
In uno studio su 1606 adolescenti del Canada i sintomi depressivi erano un fattore di rischio per l'uso di cannabis.
Douglas Mental Health University Institute, Dipartimento di Psichiatria, Montreal, Canada.
Bolanis D, et al. J Affect Disord. 2020;274:1076-1083.

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 può migliorare la microcircolazione nella coclea
L'attivazione del recettore CB2 da parte di un cannabinoide sintetico (JWH-133) ha migliorato la microcircolazione nella coclea, una parte dell'orecchio interno.
Dipartimento di Otorinolaringoiatria, Chirurgia della testa e del collo, Ludwig-Maximilians-Università di Monaco, Germania.
Weiss BG, et al. Otol Neurotol. 2021 Jul 9. [in stampa]

Scienza/Umana: Gli effetti terapeutici del CBD nella sindrome di Dravet possono iniziare entro 2 settimane
In uno studio controllato con placebo su 124 pazienti affetti da sindrome di Dravet le differenze tra placebo e CBD sono diventate evidenti entro il 12° e il 13° giorno.
Dipartimento di Pediatria, Divisione di Neurologia del Connecticut Children's, Università del Connecticut, Hartford, USA.
Madan Cohen J, Epilepsia. 2021 Jul 15. [In stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non era associato alla lunghezza del soggiorno in ospedale dei pazienti con schizofrenia
In un confronto fra 55 consumatori di sola cannabis e 462 non consumatori di cannabis non c'è stata differenza fra la lunghezza del soggiorno in ospedale nei 2 gruppi di pazienti schizofrenici.
Dipartimento di Psichiatria, University of Hawai'i at Mānoa, Honolulu, Hawai'i, USA.
Williams SR et al. Subst Use Misuse. 2021 Jul 15:1-4.

Scienza/Umana: L'uso regolare di cannabis può avere conseguenze diverse sulle prestazioni cognitive in uomini e donne
In uno studio su 110 consumatori regolari di cannabis, di cui il 72% maschi, le femmine hanno mostrato un migliore apprendimento verbale e una migliore memoria, mentre i maschi hanno dimostrato una migliore attenzione e flessibilità cognitiva.
Dipartimento di Psicologia, Università di Palo Alto, USA.
Hirst R, et al. J Int Neuropsychol Soc. 2021;27(6):581-591.

Scienza/Animale: Il recettore cannabinoide GPR55 può influenzare la guarigione delle lesioni dopo un attacco di cuore
Uno studio sui topi mostra che il recettore GPR55 sensibile ai cannabinoidi "regola l'omeostasi cardiaca e le risposte all'ischemia" dopo un infarto miocardico. I topi senza il GPR55 hanno presentato un'espansione dell'infarto.
Istituto per la prevenzione cardiovascolare (IPEK), Ludwig-Maximilians-Universität (LMU) Monaco, Germania.
Puhl SL, et al. Sci Rep. 2021;13;11(1):14385.

Scienza/Animale: Il sistema endocannabinoide gioca un ruolo critico nella depressione dopo il dolore cronico
Una nuova ricerca sui ratti dimostra che il sistema endocannabinoide gioca un ruolo cruciale nello sviluppo della depressione dopo il dolore cronico.
Dipartimento di Anestesiologia, Medical College of Wisconsin, Milwaukee, USA.
Mecca CM, et al. J Neurosci. 2021 Jul 9 [In press]

Scienza/Umana: Un trattamento con capsaicina può essere utile nella sindrome da iperemesi da cannabis
In uno studio su 201 pazienti affetti da sindrome da iperemesi da cannabis alcuni sono stati trattati con capsaicina topica sull'addome. Gli autori hanno scritto che "il tempo di dimissione dopo la somministrazione dell'agente di riferimento era più breve per coloro che avevano ricevuto la capsaicina rispetto ai pazienti che non l'avevano ricevuta".
University of Michigan Health System, Ann Arbor, USA.
Kum V, et al. Am J Emerg Med. 2021;49:343-351. [In stampa]

Scienza/Animale: Il CBD ha ridotto il comportamento di malattia, una misura della risposta depressiva
In uno studio sui topi, che soffrivano di infiammazione, il CBD ha ridotto il comportamento di malattia, che secondo gli autori "rafforza il suo potenziale uso come antidepressivo che modula la neuroinfiammazione".
Programma di neuroscienze, Universidade Federal de Minas Gerais, Belo Horizonte, Brasile.
Tito PAL, et al. Pharmacol Rep. 2021 Jul 3:1-14.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.