[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 05 Giugno 2022

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel trattamento della nausea secondo uno studio basato su un'app

Utilizzando un'app, in cui i pazienti possono inserire i cambiamenti dei loro sintomi, da 886 persone la cannabis è risultata utile nel trattamento della nausea. La ricerca è stata condotta da ricercatori del College of pharmacy dell'Università del New Mexico ad Albuquerque, USA. I partecipanti hanno completato 2220 sessioni di autosomministrazione di cannabis per il trattamento della nausea tra il 2016 e il 2019.

Entro 1 ora dal consumo, il 96,4% delle persone ha sperimentato un sollievo dai sintomi con una riduzione media dell'intensità dei sintomi di -3,85 punti su una scala analogica visiva da 0 a 10. Tra le caratteristiche del prodotto, i fiori e i concentrati hanno dato i risultati più forti, ma simili; i prodotti etichettati come Cannabis indica hanno sottoperformato quelli etichettati come Cannabis sativa o ibridi; e gli spinelli sono stati associati a un maggiore sollievo dai sintomi rispetto a pipe o vaporizzatori. Nelle sessioni con i fiori, una quantità maggiore di tetraidrocannabinolo e minore di cannabidiolo erano generalmente associate a un maggiore sollievo dai sintomi.

Stith SS, Li X, Orozco J, Lopez V, Brockelman F, Keeling K, Hall B, Vigil JM The Effectiveness of Common Cannabis Products for Treatment of Nausea.. J Clin Gastroenterol. 2022 Apr 1;56(4):331-338.

Scienza/Umana: Secondo uno studio controllato, il CBD topico è efficace nel trattamento dell'artrite articolare basale del pollice

In uno studio controllato condotto presso il Dipartimento di Chirurgia Plastica dell'Università della Virginia a Charlottesville, USA, su 18 pazienti affetti da artrite dell'articolazione basale del pollice, una crema al CBD è risultata superiore a un placebo nella riduzione del dolore. I pazienti sono stati randomizzati a 2 settimane di trattamento due volte al giorno con CBD (6,2 mg/mL di CBD con burro di karité) o con il solo burro di karité, seguite da un periodo di washout di 1 settimana e poi da un crossover di 2 settimane con l'altro trattamento.

Il trattamento con cannabidiolo ha portato a miglioramenti rispetto al basale nelle misure di outcome riferite dai pazienti, tra cui la disabilità del dolore alla scala analogica visiva del braccio, della spalla e della mano. Gli autori hanno concluso che "in questo studio randomizzato e controllato, condotto in un unico centro, il trattamento con CBD ha dimostrato miglioramenti significativi nel dolore e nella disabilità legati all'artrite dell'articolazione basale del pollice, senza eventi avversi".

Heineman JT, Forster GL, Stephens KL, Cottler PS, Timko MP, DeGeorge BR Jr. . A Randomized Controlled Trial of Topical Cannabidiol for the Treatment of Thumb Basal Joint Arthritis. J Hand Surg Am. 2022 maggio 27:S0363-5023(22)00133-2.

Scienza/Umana: La cannabis può alleviare i sintomi associati al cancro

Secondo uno studio longitudinale aperto su pazienti affetti da cancro, seguiti per 6 mesi, l'uso di cannabis medica ha avuto effetti positivi su diversi sintomi. Lo studio è stato condotto da scienziati di diversi istituti di ricerca israeliani, tra cui il Cancer Centre di Afula e i centri di Haifa, Nahariya e Zafed. Il trattamento con MC è stato iniziato da 324 pazienti e 212, 158 e 126 hanno riferito al follow-up.

La maggior parte delle misure di esito è migliorata significativamente durante il trattamento MC per la maggior parte dei pazienti. In particolare, a 6 mesi, il carico totale dei sintomi del cancro è diminuito rispetto al basale di una media del 18%, passando da 122 (82-157) al basale a 89 (45-138) all'endpoint. Gli autori hanno concluso che "i risultati di questo studio suggeriscono che il trattamento con MC è generalmente sicuro per i pazienti oncologici e può potenzialmente ridurre il carico dei sintomi associati senza effetti avversi gravi legati all'MC".

Aviram J, Lewitus GM, Vysotski Y, Amna MA, Ouryvaev A, Procaccia S, Cohen I, Leibovici A, Akria L, Goncharov D, Mativ N, Kauffman A, Shai A, Bar-Sela G, Meiri D. The Effectiveness and Safety of Medical Cannabis for Treating Cancer Related Symptoms in Oncology Patients. Front. Pain Res., 20 maggio 2022.

Scienza/Umana: Secondo uno studio controllato, il CBD può mostrare una certa efficacia nei bambini con disturbo dello spettro autistico.

In uno studio controllato con placebo su 60 bambini di età compresa tra i 5 e gli 11 anni, il CBD è stato in grado di migliorare uno dei criteri diagnostici del disturbo dello spettro autistico (ASD). Lo studio è stato condotto presso il Dipartimento di Psicologia dell'Università Federale di Paraíba João Pessoa, in Brasile. I partecipanti sono stati divisi in due gruppi: il gruppo di trattamento, che ha ricevuto l'estratto di cannabis ricco di CBD, e il gruppo di controllo, che ha ricevuto il placebo; entrambi hanno usato il prodotto per un periodo di 12 settimane.

Sono stati riscontrati risultati significativi per l'interazione sociale, l'ansia, l'agitazione psicomotoria, la concentrazione e il numero di pasti. Gli autori hanno concluso che "l'estratto di cannabis ricco di CBD è risultato in grado di migliorare uno dei criteri diagnostici per l'ASD (l'interazione sociale), oltre a caratteristiche spesso coesistenti, e di avere pochi effetti avversi gravi".

Silva EAD Junior, Medeiros WMB, Santos JPMD, Sousa JMM, Costa FBD, Pontes KM, Borges TC, Espínola C Neto Segundo, Andrade E Silva AH(, Nunes ELG, Torro N, Rosa MDD, Albuquerque KLGD. Evaluation of the efficacy and safety of cannabidiol-rich cannabis extract in children with autism spectrum disorder: randomized, double-blind and controlled placebo clinical trial. Trends Psychiatry Psychother. 2022 May 26;44.[in stampa].

Notizie in breve

Giappone: Il ministro della salute sta considerando la legalizzazione dei preparati di cannabis per uso medico
Il ministro della salute giapponese sta considerando di legalizzare la cannabis per uso medico. Inoltre, sarà creato un nuovo quadro legale per criminalizzare l'uso senza scopo medico. Un gruppo di lavoro del ministero sta discutendo le revisioni della legge sulle sostanze controllate del 1948 dal 25 maggio.
Sumikai del 27 maggio 2022

Scienza/Umana: Il nabilone non ha influenzato le prestazioni cognitive in pazienti con malattia di Parkinson
In uno studio controllato con placebo su 47 pazienti affetti dal morbo di Parkinson, il derivato del THC nabilone "non ha peggiorato significativamente le prestazioni cognitive e sembra essere sicuro da usare" in questo gruppo di pazienti.
Dipartimento di Neurologia, Università di Medicina di Innsbruck, Austria. Ellmerer P, et al. Brain Sci. 2022;12(5):661.

Scienza/Umana: Il THC può causare uno stato alterato di coscienza.
In uno studio condotto su 25 consumatori sani e infrequenti di cannabis, il THC orale in dosi di 7,5 e 15 mg ha aumentato in modo dipendente la "perspicacia" e le valutazioni di mindfulness e mind-wandering. Il THC ha anche aumentato l'entropia del linguaggio, come precedentemente riportato per l'LSD".
Dipartimento di Psichiatria e Neuroscienze Comportamentali, Università di Chicago, USA.
Murray CH L, et al. Conscious Cogn.2022;102:103357.

Scienza/Umana: Il CBD non ha effetti sulle capacità di guida
Secondo uno studio condotto su 17 esseri umani sani, sottoposti a prove di guida simulata e ad altri test, "il trattamento acuto e orale con CBD non sembra indurre sensazioni di intossicazione ed è improbabile che comprometta le funzioni cognitive o le prestazioni di guida".
Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics, Università di Sydney, Sydney, Australia.
McCartney D, et al. J Psychopharmacol. 2022 maggio 30 [in stampa].

Scienza/Umana: i livelli di endocannabinoidi nel sangue sono associati a specifici batteri intestinali
Secondo uno studio condotto su 92 giovani adulti, i livelli plasmatici di anandamide e di sostanze simili agli endocannabinoidi "sono correlati a specifici generi batterici fecali coinvolti nel mantenimento dell'integrità della barriera intestinale nei giovani adulti. Ciò suggerisce che i livelli plasmatici di endocannabinoidi e dei loro analoghi possono svolgere un ruolo nell'integrità della barriera intestinale nei giovani adulti".
Istituto di ricerca universitaria sullo sport e la salute (iMUDS), Università di Granada, Spagna.
Ortiz-Alvarez L, et al. Nutrients. 2022;14(10):2143.

Scienza/Animale: Il CBD può ridurre l'infiammazione nei polmoni dei ratti con ipertensione polmonare
In uno studio condotto su ratti con ipertensione polmonare, il CBD alla dose di 10 mg per chilogrammo di peso corporeo per 21 giorni ha mostrato "effetti antiossidanti e antinfiammatori". Gli autori hanno concluso che il CBD può agire come terapia coadiuvante per l'ipertensione polmonare.
Dipartimento di Fisiologia e Fisiopatologia sperimentale, Università di Medicina di Bialystok, Polonia.
Krzyżewska A, et al. Molecules. 2022;27(10):3327.

Scienza/Animale: Un derivato del CBDA può far perdere peso nell'obesità
In uno studio condotto su topi obesi, un derivato sintetico del CBDA (acido cannabidiolico) "ha migliorato l'obesità e le sue anomalie metaboliche". Gli autori hanno scritto che "questi risultati supportano l'idea di promuovere ulteriormente questo derivato sintetico del CBDA verso la valutazione clinica nell'uomo".
Istituto per la ricerca sui farmaci, Scuola di Farmacia, Facoltà di Medicina, Università Ebraica di Gerusalemme, Israele.
Ben-Cnaan E, et al. Int J Mol Sci. 2022 ;23(10):5610.

Scienza/Animale: Il CBD può ridurre l'infiammazione nell'endometriosi
In un modello animale di endometriosi il CBD ha mostrato effetti antinfiammatori, tra cui una riduzione dei mediatori pro-infiammatori come il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa) e l'interleuchina-1 alfa (IL-1 alfa).
Dipartimento di Scienze Chimiche, Biologiche, Farmaceutiche e Ambientali, Università di Messina, Italia.
Genovese T, et al. Int J Mol Sci. 2022;23(10):5427.

Scienza/Animale: Il CBD può migliorare la rimozione del peptide beta amiloide, rilevante nella malattia di Alzheimer.
La malattia di Alzheimer (AD) è associata all'accumulo e all'aggregazione di amiloide nel cervello. Un nuovo studio condotto sui topi dimostra che il CBD può aiutare le cellule immunitarie a rimuovere i peptidi beta amiloidi e che il CBD "ha attenuato con successo la neuroinfiammazione, migliorando contemporaneamente la funzione mitocondriale". Gli autori hanno concluso che il CBD potrebbe essere "un candidato promettente" per il trattamento della malattia di Alzheimer.
College of Life Sciences, Northwest Normal University, Lanzhou, Cina.
Yang S, et al. Int J Mol Sci. 2022;23(10):5367.

Scienza/Cellule: Il THC può ridurre l'infiammazione nell'artrite reumatoide
Nei fibroblasti sinoviali di pazienti con artrite reumatoide il THC ha diminuito la produzione di citochine pro-infiammatorie, tra cui il fattore di necrosi tumorale alfa e l'interleuchina-10.
Poliklinik, Funktionsbereich & Hiller Forschungszentrum für Rheumatologie, University Hospital Duesseldorf, Germania.
Lowin T, et al. Biomedicines. 2022;10(5):1118.

Scienza/Cellule: Un estratto di cannabis ricco di CBD può aiutare nel trattamento dell'infiammazione orale
In uno studio su cellule umane della bocca (fibroblasti gengivali) un estratto di canapa e CBD ha diminuito il rilascio di fattore di necrosi tumorale alfa e quello di interleuchina-1 beta. Gli autori scrivono che lo studio dimostra "che l'esposizione a breve termine all'estratto di canapa e al CBD ha promosso la guarigione delle ferite da parte dei fibroblasti gengivali, dimostrando che l'estratto di canapa e il CBD hanno potenziali benefici nel trattamento delle infiammazioni e delle ulcere orali".
Facoltà di Scienze Farmaceutiche e Centro di Eccellenza per l'Innovazione nella Chimica, Università Naresuan, Phitsanulok, Thailandia.
Kongkadee K, et al. Arch Oral Biol. 2022;140:105464.

Umana: Il cibo altera la farmacocinetica del CBD
In uno studio controllato con placebo i ricercatori hanno dimostrato che "il consumo di CBD con il cibo altera le dinamiche del metabolismo del CBD e ne aumenta la disponibilità sistemica".
Dipartimento di Health and Exercise Science, Colorado State University, Fort Collins, USA.
Abbotts KSS, et al. Nutrients. 2022;14(10):2152.

Scienza/Animale: Il recettore GPR55 svolge un ruolo nel controllo del dolore
Secondo studi sugli animali, l'attività del recettore cannabinoide GPR55, influenzato da THC e CBD, nel PAG del cervello (grigio periaqueduttale) può essere coinvolta nell'attenuazione del dolore infiammatorio.
Dipartimento di Farmacologia e Neuroscienze, Texas Tech University Health Sciences Center, School of Medicine, Lubbock, Texas, USA.
Blanton H, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2022 maggio 24. [in stampa]

Scienza/Umana: la dieta può influenzare i livelli di endocannabinoidi durante l'esercizio fisico
In uno studio controllato su 7 donne, che hanno seguito la dieta mediterranea per 7 giorni e la normale dieta canadese per altri 7 giorni, i livelli di endocannabinoidi nel sangue sono aumentati direttamente dopo l'esercizio fisico intenso dopo la dieta mediterranea, ma non dopo l'altra dieta.
Centro Nutrizione, Salute e Società (NUTRISS), Institut sur la nutrition et les aliments fonctionnels (INAF), Quebec, Canada.
Forteza F, et al. Sci Rep. 2022;12(1):8568.

Scienza/Animale: L'attivazione del GPR55 può avere effetti antidepressivi
In uno studio condotto sui topi, i ricercatori dimostrano che "l'attivazione e l'upregolazione del GPR55", un recettore dei cannabinoidi nel cervello, può causare effetti antidepressivi, "che potrebbero essere correlati ai suoi effetti antinfiammatori e successivamente neuroprotettivi".
Dipartimento di Medicina Integrativa e Neurobiologia, Scuola di Scienze Mediche di Base, Shanghai Medical College, Fudan University, Shanghai, Cina.
Shen SY, et al. Neurobiol Dis. 2022;169:105743.

Scienza/Umana: Nessun chiaro effetto della cannabis sul rischio di suicidio
Una revisione mostra che gli studi che hanno esaminato gli effetti del consumo di cannabis sul suicidio e sull'ideazione suicida non sono giunti a conclusioni definitive.
Faculdade de Medicina da Bahia, Universidade Federal da Bahia, Salvador, Brasile.
Carvalho JV, et al. Psychiatry Res. 2022;312:114555.

Scienza/Umana: Prove contrastanti di un effetto di risparmio di oppioidi da parte della cannabis
Una revisione mostra che "in sintesi, gli studi preclinici e osservazionali dimostrano i potenziali effetti di risparmio di oppioidi dei cannabinoidi nel contesto dell'analgesia, in contrasto con gli RCT di qualità superiore che non hanno fornito prove di effetti di risparmio di oppioidi".
Monash Addiction Research Centre, Eastern Health Clinical School, Monash University, Frankston, Australia.
Nielsen S, et al. Neuropsychopharmacology. 2022;47(7):1315-1330.

Scienza/Animale: lo stress aumenta i livelli di 2-AG in diverse regioni cerebrali, con il supporto dell'integrazione di olio di noci verdi
In uno studio condotto su topi, lo stress ha aumentato i livelli dell'endocannabinoide 2-AG (2-arachidonoilglicerolo) in diverse regioni cerebrali (ipotalamo, mesencefalo e cervelletto) e ciò è stato incrementato dall'assunzione di olio di noci verdi. Gli autori concludono che l'olio di noce verde può "migliorare i livelli cerebrali di 2AG che potrebbero essere utilizzati per trattare l'ansia e i comportamenti depressivi".
Dipartimento di Anatomia Cellulare e Molecolare, Hamamatsu University School of Medicine, Hamamatsu, Shizuoka, Giappone.
Islam A, et al. Biochem Biophys Res Commun. 2022;609:9-14.

Scienza/Umana: Gli adolescenti sono più sensibili degli adulti agli effetti cognitivi acuti del THC
In uno studio condotto su 12 adolescenti di età compresa tra i 18 e i 20 anni e 12 adulti di età compresa tra i 30 e i 40 anni, che hanno ricevuto capsule di THC (7,5 mg, 15 mg) "a dosi che producono valutazioni comparabili di intossicazione, gli adolescenti possono mostrare un maggiore deterioramento cognitivo e alterazioni della funzione cerebrale".
hi Dipartimento di Psichiatria e Neuroscienze Comportamentali, Università di Chicago, USA.
Murray CH, et al. Neuropsychopharmacology. 2022;47(7):1331-1338.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.