[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 13 Ottobre 2021

Scienza/Umana: L'uso di cannabis durante l'adolescenza non è associato ad un aumento del rischio di schizofrenia secondo uno studio su gemelli

I ricercatori dell'Institute of Child Development dell'Università del Minnesota, USA, hanno voluto chiarire se l'associazione tra uso di cannabis e psicosi, che è stata osservata in studi osservazionali "riflette un effetto causale dell'esposizione alla cannabis o un confondimento residuo". Hanno analizzato i dati di due coorti di gemelli che hanno completato misure ripetute e prospettiche dell'uso di cannabis (N = 1544) e dei sintomi del disturbo da uso di cannabis (N = 1458) nell'adolescenza e una misura dimensionale di psicosi-prontezza in età adulta.

Sia l'uso cumulativo di cannabis nell'adolescenza che il disturbo d'uso erano associati a punteggi più alti di psicoticismo in età adulta. Gli autori hanno scritto che "non hanno trovato alcuna prova di un effetto della cannabis sullo psicoticismo o su una qualsiasi delle sue sfaccettature nei modelli di controllo “co-twin” che confrontavano il gemello che faceva più uso di cannabis con il gemello che ne faceva meno. Non abbiamo anche osservato alcuna prova di un effetto differenziale della cannabis sullo psicoticismo per rischio poligenico di schizofrenia". Essi concludono che "sebbene l'uso e il disturbo della cannabis siano coerentemente associati ad un aumento del rischio di psicosi, i presenti risultati suggeriscono che questa associazione è probabilmente attribuibile a confondimenti familiari piuttosto che ad un effetto causale dell'esposizione alla cannabis. "

Schaefer JD, Jang SK, Vrieze S, Iacono WG, McGue M, Wilson S. Adolescent cannabis use and adult psychoticism: A longitudinal co-twin control analysis using data from two cohorts. J Abnorm Psychol. 2021 Sep 23. [In stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non ha effetti negativi a breve termine sulla cognizione nei consumatori di cannabis medica

In uno studio su 22 pazienti con cannabis medica dell'Ontario l'assunzione acuta di cannabis non ha avuto effetti sulle capacità cognitive. E' stato condotto da ricercatori dell'Audacia Bioscience, Windsor, Canada. La maggioranza dei partecipanti (n = 13) erano maschi e l'età media era di 36 anni. A loro è stata somministrata la stessa breve batteria neurocognitiva tre volte durante un periodo di sei ore: al basale, una volta dopo aver consumato un prodotto di cannabis al 20% di THC, e un'altra volta diverse ore dopo ("recupero").

Il livello medio auto-riferito di intossicazione da cannabis prima della seconda valutazione era 5.1 su 10. I risultati hanno mostrato che le prestazioni nei test neuropsicologici sono rimaste stabili o addirittura migliorate durante la fase di intossicazione acuta e hanno continuato ad aumentare durante il recupero. Nelle conclusioni hanno notato che "contrariamente alla nostra ipotesi, non c'era evidenza psicometrica di un declino delle capacità cognitive dopo l'intossicazione da THC".

Olla P, Rykulski N, Hurtubise JL, Bartol S, Foote R, Cutler L, Abeare K, McVinnie N, Sabelli AG, Hastings M, Erdodi LA. Short-term effects of cannabis consumption on cognitive performance in medical cannabis patients. Appl Neuropsychol Adult. 2021;28(6):647-657.

Scienza/Umana: Il CBD migliora la memoria verbale nei giovani sani secondo uno studio clinico randomizzato

In uno studio controllato con placebo su 34 giovani sani il CBD (cannabidiolo) ha migliorato la memoria verbale, hanno riferito i ricercatori della Divisione di Neuroscienze Cognitive della Facoltà di Psicologia dell'Università di Basilea, Svizzera. I partecipanti hanno ricevuto una volta una singola dose di e-liquido al cannabidiolo (12.5 mg di cannabidiolo) e una volta un placebo da svapare dopo aver imparato 15 sostantivi non correlati. La misura primaria di risultato era la performance di memoria verbale a breve termine (numero di sostantivi ricordati correttamente) 20 minuti dopo l'apprendimento.

34 partecipanti (età media: 22 anni) hanno completato tutte le visite e sono entrati nelle analisi (17 hanno ricevuto prima il cannabidiolo e 17 il placebo). Il cannabidiolo ha migliorato le prestazioni della memoria episodica verbale (placebo: 7.0; CBD 7.7). Gli autori hanno scritto che "non hanno rilevato effetti dei farmaci sulle misure di risultato secondarie di attenzione o prestazioni della memoria di lavoro, suggerendo che il CBD non ha un impatto negativo su queste funzioni cognitive di base. I risultati sono in linea con l'idea che il vaping del cannabidiolo interagisce con il sistema endocannabinoide centrale ed è in grado di modulare i processi di memoria, un fenomeno con possibile potenziale terapeutico.”

Hotz J, Fehlmann B, Papassotiropoulos A, de Quervain DJ, Schicktanz NS. Cannabidiol enhances verbal episodic memory in healthy young participants: A randomized clinical trial. J Psychiatr Res. 2021;143:327-333.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nella depressione e nell'ansia secondo uno studio osservazionale

In uno studio su 368 pazienti, che hanno ricevuto cannabis terapeutica, e 170 controlli, l'uso di cannabis è stato associato con una minore depressione auto-riferita. Lo studio è stato condotto da ricercatori del Dipartimento di Neuroscienze della Medical University of South Carolina di Charleston, USA. I partecipanti hanno completato un sondaggio online per valutare i sintomi ansiosi e depressivi, l'uso di prodotti a base di cannabis, il sonno, la qualità della vita, e il dolore cronico in comorbilità. I partecipanti che hanno completato questo sondaggio di base sono stati invitati a completare ulteriori sondaggi di follow-up a intervalli di 3 mesi.

L'uso di cannabis terapeutica era associato con una minore depressione auto-riferita, ma non con l'ansia, al basale. L'inizio dell'uso di cannabis terapeutica durante il periodo di follow-up è stato associato con una significativa diminuzione dell'ansia e dei sintomi depressivi, un effetto che non è stato osservato nei controlli che non hanno mai iniziato l'uso di cannabis. Gli autori hanno concluso che "l'uso di cannabis medicinale può ridurre l'ansia e i sintomi depressivi in popolazioni clinicamente ansiose e depresse".

Martin EL, Strickland JC, Schlienz NJ, Munson J, Jackson H, Bonn-Miller MO, Vandrey R. Antidepressant and Anxiolytic Effects of Medicinal Cannabis Use in an Observational Trial. Front Psychiatry. 2021;12:729800.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nella gestione dell'endometriosi, mostra un sondaggio

Secondo un sondaggio online con 213 risposte valide le donne che soffrono di endometriosi possono trarre profitto dall'auto-trattamento con la cannabis. I dati sono stati raccolti dai ricercatori del NICM Health Research Institute della Western Sydney University, Australia.

L'età media delle intervistate era di 32 anni e il 79.8% erano attuali consumatrici di cannabis. I risultati più comuni per i quali la cannabis era usata erano il miglioramento del sollievo dal dolore (95.5%) e il miglioramento del sonno (95.5%). Gli intervistati hanno riferito che i loro sintomi erano "molto meglio" per il dolore (81%), il sonno (79%), e la nausea o il vomito (61%). Più di tre quarti (81.4%) hanno indicato che la cannabis ha ridotto il loro normale uso di farmaci. Più della metà (59%) sono stati in grado di smettere completamente un farmaco, più comunemente (66%) gli analgesici. Gli autori concludono che "la cannabis è riportata come un intervento efficace per il dolore e altri sintomi dell'endometriosi con potenziali effetti di sostituzione sull'uso di oppioidi."

Armour M, Sinclair J, Noller G, Girling J, Larcombe M, Al-Dabbas MA, Hollow E, Bush D, Johnson N. Illicit Cannabis Usage as a Management Strategy in New Zealand Women with Endometriosis: An Online Survey. J Womens Health (Larchmt). 2021;30(10):1485-1492.

Scienza/Umana: La cannabis ricca di cannabigerolo può essere efficace per il trattamento del dolore, dell'insonnia e della depressione

Secondo un sondaggio della CReDO Science di Vashon, USA, con 127 partecipanti la cannabis ricca di CBG (cannabigerolo) potrebbe avere un valore terapeutico nel trattamento del dolore, insonnia, depressione e ansia. Ai consumatori di cannabis a predominanza di CBG è stato chiesto di completare un sondaggio online per valutare i modelli di utilizzo del CBG, le condizioni trattate con cannabis a predominanza di CBG (contenente >50% di CBG), l'efficacia percepita, gli eventi avversi associati e i sintomi di astinenza.

La maggior parte dei partecipanti (51%) ha riferito di usare prodotti a predominanza di CBG solo per scopi medici e il 36% per scopi medici e ricreativi. Le condizioni più comuni che il campione completo ha riferito di usare il CBG per trattare erano ansia (51,2%), dolore cronico (40,9%), depressione (33,1%), e insonnia/disturbo del sonno (30,7%). L'efficacia è stata altamente valutata, con la maggioranza che ha riferito che le loro condizioni erano "molto migliorate" o "molto migliorate" dal CBG. Inoltre, il 73.9% ha sostenuto la superiorità della cannabis a base di CBG rispetto alle medicine convenzionali per il dolore cronico, l'80% per la depressione, il 73% per l'insonnia, e il 78.3% per l'ansia. Il 44% dei consumatori di cannabis a predominanza CBG non ha riportato eventi avversi, mentre il 16,5% ha notato secchezza della bocca, il 15% sonnolenza, l'11,8% aumento dell'appetito e l'8,7% secchezza degli occhi. Circa l'84,3% non ha riportato sintomi di astinenza.

Russo EB, Cuttler C, Cooper ZD, Stueber A, Whiteley VL, Sexton M. Survey of Patients Employing Cannabigerol-Predominant Cannabis Preparations: Perceived Medical Effects, Adverse Events, and Withdrawal Symptoms. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 Sep 27. [in stampa]

Notizie in breve

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis negli USA non ha avuto effetti sulla salute dei neonati
Le leggi sulla cannabis ricreativa "non erano associate a cambiamenti statisticamente significativi nella salute dei neonati". Le leggi sulla cannabis medica "non hanno avuto effetti statisticamente significativi sulle ospedalizzazioni materne per disturbi da uso di sostanze né sulla salute dei neonati e si possono escludere effetti piuttosto piccoli. In numeri assoluti, i nostri risultati implicavano modesti o nessun effetto negativo delle politiche di liberalizzazione della marijuana sulla serie di risultati perinatali considerati."
Weill Cornell Medicine, New York, USA.
Meinhofer A, et al. J. Health Economics, 2021;80;102537.

Scienza/Umana: Circa il 20% delle persone che si prendono cura di un bambino con autismo danno al loro bambino il CBD
In un sondaggio inviato da Autism Parenting Magazine a più di 160.000 abbonati via e-mail in tutto il mondo, il 18,6% degli intervistati ha confermato di usare il CBD per aiutare ad alleviare una varietà di sintomi dell'autismo. Scomponendo ulteriormente i dati, il 22% dei caregiver statunitensi usa il CBD contro il 14% dei caregiver britannici. I dati hanno rivelato che il 76% dei partecipanti usa solo CBD (meno dello 0,3% di THC), il 14% usa la combinazione CBD/THC, mentre il restante 10% usa "Altre" forme.
Autism Parenting Magazine del 6 ottobre 2021

Malta: I legislatori vogliono permettere ai cittadini di coltivare la propria cannabis
I consumatori di cannabis potranno coltivare le piante in casa o comprare la sostanza da associazioni appositamente istituite, secondo un progetto di riforma della cannabis presentato al parlamento, ma fumare uno spinello in pubblico rimarrà contro la legge. Dando dettagli sul disegno di legge, il ministro dell'uguaglianza Owen Bonnici ha detto il 6 ottobre che la polizia farà rispettare le nuove regole che stabiliscono che nessuno può portare più di sette grammi di cannabis in qualsiasi momento.
Times of Malta del 6 ottobre 2021

Germania: Aumento delle importazioni di cannabis in Germania di oltre l'80%.
La domanda di cannabis per scopi medici e scientifici continua a crescere in Germania, secondo il governo federale. Il numero di paesi da cui vengono importati fiori di cannabis e/o estratti di cannabis è aumentato a 17 nel 2021, e i principali paesi importatori di fiori di cannabis continuano ad essere il Canada e i Paesi Bassi, seguiti da Danimarca e Portogallo. Secondo una risposta del governo tedesco all'interrogazione del Partito Liberale Democratico le importazioni di fiori di cannabis terapeutica sono quasi raddoppiate nella prima metà del 2021 rispetto all'anno precedente (esattamente: aumento dell'81,8%), da 8966,6 kg a 4946,3 kg nella prima metà del 2020.
ACM-Mitteilungen del 2 ottobre 2021

Scienza/Umana: Molte donne usano la cannabis per aiutarsi con i problemi della menopausa secondo un sondaggio
Un buon numero di donne di mezza età sembra pensarla così, perché si sono rivolte alla cannabis per aiutare a gestire il cambiamento della vita, come riporta un nuovo studio. Per il sondaggio, la dottoressa Stephanie Faubion, direttore medico della North American Menopause Society (NAMS) e i suoi colleghi hanno chiesto a quasi 1.500 donne di mezza età nella provincia canadese di Alberta. Due terzi delle donne hanno detto di aver usato cannabis in qualche momento, e un terzo ha detto di averlo fatto nell'ultimo mese.
Health Day del 22 settembre 2021

Scienza/Animale: Il THC può migliorare i deficit di apprendimento nei topi anziani
Secondo uno studio su topi anziani "i risultati indicano che il trattamento con THC da solo è più efficace per migliorare l'apprendimento spaziale nei topi anziani rispetto alla combinazione 1:1 di THC e CBD".
Istituto di Psichiatria Molecolare, Facoltà di Medicina, Università di Bonn, Germania.
Nidadavolu P, et al. Front Aging Neurosci. 2021;13:718850.

Scienza/Umana: Una dieta mediterranea influenza il sistema endocannabinoide nelle persone in sovrappeso
In uno studio con 82 soggetti in sovrappeso il passaggio a una dieta mediterranea influenza il sistema endocannabinoide e migliora l'infiammazione.
Dipartimento di Scienze Agrarie, Università di Napoli Federico II, Portici, Italia.
Tagliamonte S, et al. EUR J Nutr. 2021;60(7):3703-3716.

Scienza: La presenza del nuovo cannabinoide delta-9-cis-THC
Il delta-9-cis-THC è presente nella canapa da fibra di cannabis nella gamma di concentrazione delta-9-trans-THC ed era impercettibile in un campione di cannabis medicinale ad alto contenuto di THC. E' stato caratterizzato come un agonista parziale dei cannabinoidi.
Laboratorium für Organische Chemie, Zurigo, Svizzera.
Schafroth MA, et al. J Nat Prod. 2021;84(9):2502-2510.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis medica può essere associato a un ridotto uso di tabacco
In un campione di 2102 individui di cui 650 erano attuali o ex-consumatori di tabacco, l'inizio dell'uso di cannabis medica è stato associato con la riduzione o cessazione auto-riferita dell'uso di tabacco/nicotina.
Social Dimensions of Health, Università di Victoria, Canada.
Lucas P, et al. J Subst Abuse Treat. 2021;130:108481.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è comune nelle donne con disabilità
Secondo un'analisi di 76.765 donne con disabilità di età compresa tra 18 e 44 anni, circa il 21% ha riferito di fare uso di cannabis.
Dipartimento di Amministrazione e Politica della Salute, George Mason University, Fairfax, Virginia.
Kitsantas P, et al. Am J Prev Med. 2021;61(4):554-562.

Scienza/Umana: il CBD non ha avuto alcun effetto sul decorso dei pazienti COVID-19
In uno studio controllato con placebo con 91 pazienti affetti da COVID-19, l'assunzione di 300 mg di CBD al giorno per 14 giorni non ha avuto alcun effetto sul decorso clinico della malattia rispetto al placebo.
Dipartimento di Neuroscienze e Comportamento, Ribeirão Preto Medical School, Università di San Paolo, Brasile.
Crippa JAS, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 Oct 7. [in stampa]

Scienza: Alcuni nuovi cannabinoidi
Sono stati presentati alcuni nuovi cannabinoidi: cannabidiphorol (CBDP) delta-9-tetraidrocannabiphorol (Δ9-THCP). l'acido cannabigerophorolico (CBGPA), l'acido cannabicromoforolico (CBCPA), l'acido cannabinophorolico (CBNPA), l'acido cannabielsophorolico (CBEPA), l'acido cannabiciclophorolico (CBLPA), l'acido cannabitriophorolico (CBTPA) e l'acido cannabiripsophorolico (CBRPA).
Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Modena e Reggio Emilia, Modena, Italia.
Linciano P, et al. Talanta. 2021;235:122704.

Scienza/Animale: L'assunzione di acidi grassi omega-3 dalle madri influenza il sistema endocannabinoide nel cervello della prole
Uno studio sui ratti suggerisce che l'assunzione di acidi grassi omega-3 può influenzare il sistema endocannabinoide nella corteccia cerebrale e nell'ippocampo.
Centro de Ciências da Saúde, Universidade Federal do Rio de Janeiro, Brasile.
Isaac AR, et al. J Nutr Biochem. 2021;96:108782.

Scienza/Umana: L'uso a lungo termine di cannabis può essere associato a un funzionamento cognitivo inferiore negli adulti anziani
Secondo uno studio su 28 consumatori regolari di cannabis di 60 anni e più e 10 non consumatori, l'uso di cannabis a breve termine non comporta differenze nella funzione cognitiva. Tuttavia, una maggiore durata dell'uso è stata "associata a una minore velocità di elaborazione e al funzionamento esecutivo".
Dipartimento di Psicologia, Università del Colorado Colorado Springs, USA.
Stypulkowski K, et al. J Geriatr Psychiatry Neurol. 2021:8919887211049130.

Scienza/Umana: L'uso regolare di tabacco e cannabis modula leggermente lo sperma negli uomini infertili
In un campione di 160 partecipanti sani infertili (fumatori di sigarette n = 40, consumatori di tabacco “dipping” n = 40, consumatori di cannabis n = 40 e controlli infertili n = 40) ci sono state solo sottili influenze sul seme e sui parametri ormonali da parte delle 2 droghe.
Dipartimento di Fisiologia, Istituto di Scienze Mediche di Base, Khyber Medical University, Peshawar, Pakistan.
Khan N, et al. Hum Fertil (Camb). 2021:1-9.

Scienza/Umana: La complessa relazione tra l'iniziazione all'uso di alcol, tabacco, cannabis e altre droghe
"L'iniziazione al fumo può portare ad un aumento del consumo di alcol, del consumo di cannabis e della dipendenza da cannabis. L'uso di cannabis può anche portare all'iniziazione al fumo e la dipendenza da oppioidi al consumo di alcol. Tuttavia, dato che l'uso di tabacco e di alcol inizia tipicamente prima dell'uso di altre droghe, questi risultati possono riflettere un fattore di rischio condiviso o un effetto bidirezionale per l'uso di cannabis e la dipendenza da oppioidi."
Scuola di Scienze Psicologiche, Università di Bristol, Regno Unito.
Reed ZE, et al. Addiction. 2021 Sep 29. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD può prevenire diverse alterazioni comportamentali legate alla dipendenza da cocaina
In studi su topi dipendenti dalla cocaina, la somministrazione di CBD è stata associata a una riduzione dei deficit di memoria indotti dall'astinenza da cocaina. Gli autori hanno notato che "il CBD può prevenire lo sviluppo della dipendenza da cocaina".
Departamento de Psicobiología, Facultad de Psicología, Universitat de València, Spagna.
Ledesma JC, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2021;111:110390.

Scienza/Animale: I recettori PPAR-gamma sono coinvolti negli effetti del CBD sulla disfunzione cognitiva dovuta ai farmaci antipsicotici
In uno studio sui topi i recettori PPAR-gamma erano "coinvolti negli effetti del cannabidiolo sulla discinesia orofacciale e sulla disfunzione cognitiva indotta da antipsicotici tipici".
Dipartimento di Farmacologia, Scuola di Medicina di Ribeirão Preto, Università di São Paulo, Brasile.
Sonego AB, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2021;111:110367.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non è associato a danni ai reni
In uno studio osservazionale su 2215 pazienti con malattia renale cronica avanzata l'uso di cannabis non era associato ad un aumento del rischio di danno renale acuto.
Divisione di Nefrologia, Dipartimento di Medicina, University of Tennessee Health Science Center, Memphis, Tennessee, USA.
Potukuchi PK, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 Oct 1. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.