[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 24 Giugno 2021

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato con una migliore qualità di vita nei pazienti con dolore secondo un sondaggio

Secondo questionari auto-compilati con 429 partecipanti che soffrono di dolore cronico non-cancro, l'uso medico della cannabis ha migliorato la qualità della vita e ha portato alla riduzione di altri farmaci per il dolore. I ricercatori della Facoltà di Biologia del Technion-Israel Institute of Technology di Haifa, Israele, hanno condotto uno studio trasversale basato su un questionario tra i pazienti con licenza di cannabis medica con una diagnosi di dolore cronico non da cancro. E' stato chiesto loro di rispondere alle domande a intervalli di un mese per un periodo di sei mesi.

429, 150, 98, 71, 77 e 82 pazienti hanno riferito loro regimi di trattamento con cannabis a sei intervalli di un mese, rispettivamente. Sebbene l'intensità del dolore non sia cambiata durante il periodo di studio, i tassi di consumo di farmaci analgesici sono diminuiti dal 46 al 28% e i tassi di buona qualità della vita sono aumentati dal 49 al 62%.

Aviram J, Lewitus GM, Vysotski Y, Yellin B, Berman P, Shapira A, Meiri D. Prolonged Medical Cannabis Treatment is Associated With Quality of Life Improvement and Reduction of Analgesic Medication Consumption in Chronic Pain Patients. Front Pharmacol. 2021;12:613805.

Scienza/Umana: La cannabis ha migliorato la qualità della vita nei pazienti con cancro al cervello secondo uno studio clinico

In uno studio clinico controllato su 88 pazienti affetti da glioma di alto grado, l'uso medico della cannabis ha migliorato significativamente il sonno e la qualità della vita. Lo studio è stato condotto presso il National Centre for Naturopathic Medicine della Southern Cross University di Lismore, Australia. I pazienti hanno ricevuto due varietà di cannabis con diversi rapporti di CBD e THC. Sono stati confrontati con un gruppo di controllo retrospettivo.

Un confronto fra i due ceppi di cannabis dopo 12 settimane ha trovato che un rapporto 1:1 di CBD e THC ha ottenuto un punteggio migliore dell'altro ceppo per quanto riguarda la capacità fisica e funzionale e il miglioramento del sonno. L'analisi dei cambiamenti dal basale alla settimana 12 ha anche trovato che l'11% dei 61 partecipanti aveva una riduzione della malattia, il 34% era stabile, il 16% aveva un leggero miglioramento, e il 10% aveva una malattia progressiva. Non si sono verificati eventi avversi gravi. Gli autori hanno concluso che lo studio "ha dimostrato che una singola dose notturna di cannabis medicinale contenente THC era sicura, non aveva gravi effetti avversi ed era ben tollerata dai pazienti. La cannabis medicinale ha migliorato significativamente il sonno, il benessere funzionale e la qualità della vita. "

Schloss J, Lacey J, Sinclair J, Steel A, Sughrue M, Sibbritt D, Teo C. A Phase 2 Randomised Clinical Trial Assessing the Tolerability of Two Different Ratios of Medicinal Cannabis in Patients With High Grade Gliomas. Front Oncol. 2021 maggio 21;11:649555.

Scienza/Umana: Basse dosi di THC possono migliorare gli effetti analgesici degli oppioidi secondo uno studio sul dolore sperimentale

In uno studio di laboratorio su 29 adulti sani, basse dosi di THC orale (dronabinol) hanno migliorato gli effetti analgesici dell'oppioide idromorfone in prove di dolore acuto (dolore termico e da pressione) e dolore cronico (crema con capsaicina). L'indagine è stata condotta presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, USA. I partecipanti hanno ricevuto 4 mg di idromorfone orale e il placebo o diverse dosi di THC.

Non è stata osservata una coerente relazione dose-effetto del dronabinol sull'idromorfone in tutte le misure. L'analgesia migliorò solo nella condizione idromorfone + dronabinolo 2.5 mg. Dosi più elevate di THC (5 mg e 10 mg) hanno prodotto effetti avversi.

Dunn KE, Bergeria CL, Huhn AS, Speed TJ, Mun CJ, Vandrey R, Campbell CM. Within-subject, double-blinded, randomized, and placebo-controlled evaluation of the combined effects of the cannabinoid dronabinol and the opioid hydromorphone in a human laboratory pain model. Neuropsychopharmacology. 2021;46(8):1451-1459.

Scienza/Umana: Un ritrovamento archeologico di semi di cannabis in un cimitero suggerisce l'uso medico della cannabis in Cina 2000 anni fa

Un ritrovamento archeologico di 120.000 semi di cannabis in un cimitero della dinastia Han (202 anni a.C. - 220 anni d.C.) a Chengdu, nella Cina meridionale, suggerisce che la cannabis era usata più di 2000 anni fa in Cina. L'indagine è stata condotta dal National Resource Center for Chinese Materia Medica della China Academy of Chinese Medical Sciences di Pechino, Cina, e da altre istituzioni cinesi. Gli autori hanno notato che questo ritrovamento "rappresenta la più grande quantità di resti di frutti di cannabis che siano stati analizzati statisticamente da qualsiasi cimitero nel mondo finora".

Si sospetta che i frutti di cannabis siano stati usati per scopi medici in un contesto secolare e molto probabilmente erano usati per fermare gravi emorragie dell'utero e trattare lombaggini e/o artralgie. Gli autori hanno concluso dalla loro ricerca che i "resti di frutti di cannabis qui riportati rappresentano probabilmente la prima prova fisica dell'uso medico della cannabis per il trattamento di metrorragia, lombaggine grave e/o artralgia".

Bai Y, Jiang M, Xie T, Jiang C, Gu M, Zhou X, Yan X, Yuan Y, Huang L. Archaeobotanical evidence of the use of medicinal cannabis in a secular context unearthed from south China. J Ethnopharmacol. 2021;275:114114.

Un estratto di cannabis ha migliorato il sonno in pazienti che soffrono di insonnia cronica in uno studio controllato

In uno studio cross-over controllato con placebo su 23 pazienti che soffrono di insonnia cronica (20 femmine e 3 maschi) un estratto di cannabis chiamato ZTL-101 è risultato superiore al placebo. Lo studio è stato condotto dai ricercatori del Centre for Sleep Science, School of Human Sciences della University of Western Australia a Crawley, Australia.

Paragonato al placebo, l'estratto di cannabis ha diminuito l'Insomnia Severity Index, la latenza auto-riferita del sonno e del suo inizio, la veglia dopo l'inizio del sonno, il tempo totale di sonno, l'efficienza del sonno e le valutazioni auto-riferite della qualità del sonno. Gli autori hanno concluso che "due settimane di somministrazione sublinguale notturna di un estratto di cannabinoidi (ZTL-101) sono ben tollerate e migliorano i sintomi dell'insonnia e la qualità del sonno in individui con sintomi di insonnia cronica."

Walsh JH, Maddison KJ, Rankin T, Murray K, McArdle N, Ree MJ, Hillman DR, Eastwood PR. Treating Insomnia Symptoms with Medicinal Cannabis: A Randomized, Cross-Over Trial of the Efficacy of a Cannabinoid Medicine Compared with Placebo. Sleep. 2021:zsab149.

Scienza/Umana: La cannabis migliora il dolore nei pazienti con cancro avanzato in uno studio controllato

In uno studio clinico randomizzato su 30 pazienti affetti da cancro avanzato la cannabis è stata ben tollerata e ha migliorato il controllo del dolore. Lo studio è stato condotto da scienziati del Cancer Research del CenterHealthPartners/Park Nicollet di Minneapolis, USA. I partecipanti sono stati divisi in gruppi, 15 che ricevevano cannabis a inizio anticipato e 15 che ricevevano cannabis a inizio ritardato. Il gruppo precoce ha ottenuto tre mesi di cannabis medica, mentre il gruppo ritardato ha ricevuto un trattamento oncologico standard senza cannabis per i primi tre mesi. Le dosi medie di THC e CBD a tre mesi erano rispettivamente di 34 mg e 17 mg.

Una proporzione maggiore di pazienti con cannabis precoce ha ottenuto una riduzione dell'uso di oppiacei e un miglior controllo del dolore. I pazienti hanno riportato una maggiore soddisfazione. Gli autori hanno concluso che "l'aggiunta della MC (cannabis medica) alle cure oncologiche standard è stata ben tollerata e può portare a un miglior controllo del dolore e a un minor bisogno di oppiacei".

Zylla DM, Eklund J, Gilmore G, Gavenda A, Guggisberg J, VazquezBenitez G, Pawloski PA, Arneson T, Richter S, Birnbaum AK, Dahmer S, Tracy M, Dudek A. A randomized trial of medical cannabis in patients with stage IV cancers to assess feasibility, dose requirements, impact on pain and opioid use, safety, and overall patient satisfaction. Support Care Cancer. 2021 Jun 4. [in stampa].

Notizie in breve

Brasile: Una commissione della Camera dei Rappresentanti approva una proposta di legge sull'uso medico della cannabis
L'8 giugno una commissione speciale della Camera dei Rappresentanti ha approvato il testo base di una proposta favorevole alla legalizzazione della coltivazione in Brasile, esclusivamente per scopi medicinali, veterinari, scientifici e industriali della cannabis.
Camara dell'8 giugno 2021

Repubblica Ceca: Il Parlamento avanza un disegno di legge per liberalizzare l'uso medico della cannabis
Il 2 giugno la camera bassa del parlamento ceco ha approvato un disegno di legge di emendamenti alle leggi del paese che regolano la produzione e la prescrizione di cannabis medica e canapa. Secondo questa legge la cannabis medica può essere coltivata da più gruppi privati autorizzati che possono anche produrre prodotti di cannabis medica e l'esportazione di cannabis medica sarà ora legale. Inoltre, la commercializzazione di estratti come isolati e tinture sarà consentita e il sistema di prescrizioni elettroniche per la cannabis sarà aggiornato per facilitare il processo per medici e pazienti.
Prohibition Partners del 4 giugno 2021

Germania: Oltre l'80% dei cittadini sostiene l'accesso legale alla cannabis
Circa l'82% dei tedeschi sono a favore che l'uso di cannabis per scopi medici sia esente da pena. Questo è il risultato di un sondaggio condotto dall'istituto di ricerca d'opinione Civey per conto della redazione di web.de. Secondo il sondaggio, circa il 45% degli intervistati era a favore della legalizzazione della cannabis solo per scopi medici. Il 29% sosteneva che la cannabis dovrebbe essere completamente legale, come il tabacco. Un altro 8% ha dichiarato che la cannabis dovrebbe essere illegale ma esente da punizioni. Solo il 12.7% sosteneva esplicitamente che la cannabis dovrebbe essere completamente illegale, anche per scopi medici. Il 5.6% non aveva un'opinione.
Arbeitsgemeinschaft Cannabis als Medizin del 29 maggio 2021

Scienza/Umana: In contrasto con l'uso di tabacco l'uso di cannabis non è associato all'aterosclerosi
Secondo i dati di un grande studio, lo studio CARDIA, con 5115 persone l'uso di cannabis non ha un impatto sullo spessore dell'intima-media delle grandi arterie, mentre l'uso del tabacco lo aveva. Gli autori hanno concluso che il loro studio "si aggiunge al crescente corpo di prove che potrebbe non esserci alcuna associazione tra il livello medio della popolazione di uso di marijuana e l'aterosclerosi subclinica".
Istituto di assistenza sanitaria primaria (BIHAM), Università di Berna, Svizzera; Dipartimento di Pediatria, Ospedale Universitario di Berna, Svizzera.
Jakob J, et al. Am J Med. 2021;134(6):777-787.e9.

Scienza/Umana: La dieta può avere un effetto sugli endocannabinoidi nell'intestino
I risultati di uno studio su 35 partecipanti di età compresa tra i 18 e i 70 anni suggeriscono che "l'assunzione di grassi ed energia può influenzare le concentrazioni plasmatiche e intestinali" di endocannabinoidi e sostanze correlate.
Dipartimento di Scienze Agrarie, Università di Napoli "Federico II", Portici, Italia.
Tagliamonte S, et al. EUR J Nutr. 2021;60(4):2203-2215.

Scienza: La potenza della cannabis negli USA è aumentata nell'ultimo decennio
Un'analisi di un totale di 14.234 campioni di cannabis a base di erbe confiscati negli USA tra il 2009 e il 2019 ha mostrato che la concentrazione media di THC è aumentata dal 9,8% al 14,9%. I ricercatori hanno anche osservato un aumento della concentrazione di CBD. Gli autori hanno concluso che "sembra esserci una tendenza recente verso chemovar con livelli più alti di CBD chemovar nella cannabis illegale"
National Center for Natural Products Research, Scuola di Farmacia, Università del Mississippi, USA.
ElSohly MA, et al. Biol Psychiatry Cogn Neurosci Neuroimaging. 2021;6(6):603-606.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis era associato ad un aumento dell'esercizio fisico tra i giovani adulti
Secondo un'analisi dei dati di uno studio con 12.043 partecipanti negli USA "l'uso di marijuana non è significativamente correlato all'esercizio fisico, contro la opinione convenzionale che i consumatori di marijuana hanno meno probabilità di essere attivi. Infatti, le uniche stime significative suggeriscono una relazione positiva, anche tra i consumatori più pesanti negli ultimi 30 giorni".
Dipartimento di gestione e politica sanitaria, Miami Herbert Business School, Università di Miami, Stati Uniti d'America.
French MT, et al. Prev Med. 2021;147:106518.

Scienza/Animale: Gli endocannabinoidi proteggono dalla discinesia tardiva indotta da farmaci antipsicotici
La discinesia tardiva, un grave disturbo del movimento, è un effetto collaterale associato all'uso a lungo termine di alcuni antipsicotici. Una ricerca sui ratti mostra che l'aumento della concentrazione di endocannabinoidi inibendo la loro degradazione protegge dalla discinesia tardiva indotta dal farmaco antipsicotico aloperidolo.
Dipartimento di Farmacologia, Istituto di Scienze Biologiche, Universidade Federal de Minas Gerais (UFMG), Belo Horizonte, Brasile.
Röpke J, et al. Pharmacol Biochem Behav. 2021 Jul;206:173193.

Scienza/Umana: L'intossicazione da cannabis nei bambini è aumentata dopo la legalizzazione della cannabis in Canada
Secondo un'analisi dei dati di una divisione di medicina d'urgenza di Toronto c'è stato un aumento significativo di bambini sotto i 12 anni con sintomi di overdose da uso di cannabis. In particolare, l'aumento è stato grande per quanto riguarda le forme edibili. Gli autori hanno scritto che "la legalizzazione della cannabis ricreativa in Canada è associata ad un aumento dei tassi di intossicazioni gravi nei bambini".
Divisione di Medicina d'Emergenza, The Hospital for Sick Children, Toronto, Canada.
Cohen N, et al. Clin Toxicol (Phila). 2021:1-6.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato ad un alterato sviluppo del sistema nervoso
Secondo uno studio con 799 partecipanti di otto siti EURopei "l'uso di cannabis durante l'adolescenza è associato con un alterato neurosviluppo, in particolare nelle cortecce ricche di recettori dei cannabinoidi 1 e che subiscono il maggior cambiamento di spessore legato all'età nella media e tarda adolescenza".
Dipartimento di Psichiatria, University of Vermont Larner College of Medicine, Burlington, USA.
Albaugh MD(, et al. JAMA Psychiatry. 2021 Jun 16. [in stampa].

Scienza/Umana: I fumatori di cannabis inalano meno sostanze tossiche rispetto ai fumatori di tabacco
Secondo un confronto tra 18 fumatori esclusivi di sigarette e 16 fumatori esclusivi di cannabis, i fumatori di cannabis "hanno dimostrato livelli inferiori di esposizione a sostanze tossiche per la maggior parte dei biomarcatori". I ricercatori hanno misurato i biomarcatori legati alla combustione nelle urine dei partecipanti.
Dipartimento di Psicologia, Università del Wisconsin - Stevens Point, USA.
Meier E, et al. Nicotine Tob Res. 2021:ntab125.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non ha un effetto negativo sull'ADHD secondo una revisione
Secondo una revisione sistematica della letteratura scientifica sugli effetti della cannabis su adolescenti e giovani adulti il risultato "non supporta l'ipotesi che l'uso di cannabis abbia un impatto deleterio sui compiti neuropsicologici nei giovani in età transitoria con ADHD."
Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali, Stanford University, USA.
Cawkwell PB, et al. Harv Rev Psychiatry. 2021 Jun 16. [in stampa].

Scienza: Chiarire i meccanismi degli effetti dei cannabinoidi sulle cellule del cancro al seno
Un nuovo studio ha investigato i meccanismi molecolari delle proprietà anticancro del THC e del CBD sulle cellule di cancro al seno positive al recettore degli estrogeni. Essi interrompono la progressione del ciclo cellulare. Mentre il THC ha indotto la morte cellulare programmata (apoptosi) il CBD ha innescato l'autofagia per promuovere l'apoptosi. Gli autori hanno scritto che "tutti i cannabinoidi, anche se con azioni diverse, hanno come bersaglio l'aromatasi e gli ER, compromettendo così la crescita delle cellule di cancro al seno ER+, che dipende dalla segnalazione degli estrogeni".
UCLaboratorio di Biochimica, Dipartimento di Scienze Biologiche, Facoltà di Farmacia, Università di Porto, Portogallo.
Amaral C, et al. J Steroid Biochem Mol Biol. 2021;210:105876.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.