Pubblicato
Ultimo aggiornamento
tempo di lettura

Bollettino IACM del 7 novembre 2021

Authors

🏷️ Scienza/Umana — La cannabis può essere utile nell'endometriosi

Secondo uno studio retrospettivo basato su registrazioni elettroniche con 252 donne condotto da ricercatori della Western Sydney University e dell'Università di Melbourne, Australia, la cannabis può essere utile nel trattamento del dolore e di altri sintomi in donne che soffrono di endometriosi. L'efficacia della cannabis autovalutata, definita come una funzione delle valutazioni iniziali e finali dei sintomi, è stata studiata attraverso i gruppi di sintomi inclusi: crampi, dolore pelvico, dolore gastrointestinale, nausea, depressione e bassa libido.

I partecipanti hanno registrato 16193 sessioni di uso di cannabis tra aprile 2017 e febbraio 2020. Il metodo più comune di ingestione è stata l'inalazione (67,4%), con il dolore come il sintomo più comunemente riportato e trattato con la cannabis (57,3%). Gli autori hanno concluso che la cannabis "sembra essere efficace per il dolore pelvico, i problemi gastrointestinali e l'umore, con un'efficacia diversa in base al metodo di ingestione. La maggiore propensione all'uso di un dosaggio per via inalatoria può essere dovuta alla rapida insorgenza degli effetti antidolorifici rispetto alla più lenta insorgenza dei prodotti orali".

Sinclair J, Collett L, Abbott J, Pate DW, Sarris J, Armour M. Effects of cannabis ingestion on endometriosis-associated pelvic pain and related symptoms. PLoS One. 2021;16(10):e0258940.

🏷️ Scienza/Umana — La cannabis può migliorare l'insonnia

I ricercatori del Mood Disorders Program and Women's Health Concerns Clinic e della McMaster University di Hamilton, Canada, hanno condotto uno studio retrospettivo sulla cannabis terapeutica per indagare l'efficacia percepita dei cannabinoidi nella gestione dell'insonnia. I dati sono stati raccolti usando l'applicazione Strainprint, che permette ai consumatori di cannabis medica di registrare condizioni e sintomi, tracciare l'uso di cannabis e monitorare la gravità dei sintomi prima e dopo l'uso di cannabis. Hanno esaminato i dati di 991 consumatori di cannabis medica.

Hanno scritto: "Complessivamente, i cannabinoidi sono stati percepiti come efficaci in tutti i generi ed età, e non sono state trovate differenze significative tra le forme di prodotto, i metodi di ingestione o i gruppi di genere. Anche se tutte le categorie di ceppi sono state percepite come efficaci, i ceppi predominanti di indica sono risultati ridurre la sintomatologia dell'insonnia più dei ceppi di cannabidiolo (CBD) (...) e dei ceppi predominanti di sativa (...)".

Kuhathasan N, Minuzzi L, MacKillop J, Frey BN. The Use of Cannabinoids for Insomnia in Daily Life: Naturalistic Study. J Med Internet Res. 2021;23(10):e25730.

🏷️ Scienza/Umana — La cannabis può ridurre il dolore e l'ansia nei pazienti con dolore cronico

Secondo uno studio prospettico di 3 mesi su 46 adulti con un'età media di 56 anni condotto da ricercatori dell'Università della Florida a Gainesville, USA, l'uso della cannabis può ridurre il dolore e migliorare la qualità della vita. Essi hanno iniziato il trattamento con la cannabis a causa del dolore cronico. I partecipanti hanno completato un sondaggio di base e un sondaggio di follow-up di 3 mesi.

A 3 mesi, i dati dei sondaggi auto-riferiti hanno mostrato livelli significativamente più bassi di dolore peggiore, interferenza del dolore e depressione, così come un aumento della durata del sonno, della qualità del sonno e della qualità della vita rispetto al basale. Gli autori hanno concluso: "Nel nostro campione di adulti di mezza età e più anziani con dolore cronico, la cannabis medica è stata associata a una ridotta intensità/interferenza del dolore, a una minore ansia/depressione, e a un miglioramento del sonno e della qualità della vita."

Wang Y, Jean Jacques J, Li Z, Sibille KT, Cook RL. Health Outcomes among Adults Initiating Medical Cannabis for Chronic Pain: A 3-month Prospective Study Incorporating Ecological Momentary Assessment (EMA). Cannabis. 2021;4(2):69-83.

Notizie in breve

🌐 Italia — Raccolte oltre 630.000 firme a sostegno della legalizzazione della cannabis

Il 28 ottobre sono state depositate in Cassazione oltre 630.000 firme per un referendum che chiede la cancellazione delle sanzioni penali per le coltivazioni vietate dal Testo Unico sulle droghe del 1990, depenalizza l'uso personale di cannabis ed elimina la sanzione amministrativa del ritiro della patente per chi usa sostanze proibite senza cancellare le sanzioni per la guida in stato di alterazione.

Huffington Post del 26 ottobre 2021

🌐 Israele — Un accordo su una legge sulla cannabis medica è stato raggiunto in Parlamento

In un voto preliminare del 27 ottobre, il parlamento di Israele ha approvato un disegno di legge per importanti riforme nell'ambito dell'industria della cannabis medica in Israele. Queste riforme amplieranno la facilità di accesso per i pazienti che hanno bisogno di questo trattamento. Il Raam, il partito arabo della coalizione, che si era precedentemente opposto a un simile disegno di legge sulla cannabis medica che avrebbe anche depenalizzato l'uso ricreativo della cannabis, ha votato a favore della legislazione.

Hemp del 27 ottobre 2021

🌐 Germania — Per la prima volta una maggioranza di elettori sostiene la legalizzazione della cannabis per gli adulti

Per i negoziati di coalizione tra SPD, Verdi e FDP per costruire un nuovo governo, sono stati pubblicati due sondaggi che mostrano che la maggioranza dei tedeschi è per la prima volta a favore della legalizzazione della cannabis. L'Associazione Tedesca della Canapa (DHV) ha riportato il sondaggio Infratest Dimap commissionato dall'associazione, secondo il quale il 49% è più a favore della legalizzazione e il 46% è contro la legalizzazione della cannabis per adulti. Il sondaggio del "barometro politico", un'emissione televisiva che riporta le tendenze politiche, era ancora più chiaro. Secondo il sondaggio, il 53% è a favore della legalizzazione e il 40% è contro.

ACM-Mitteilungen del 30 ottobre 2021

🏷️ Scienza/Animale — I cannabinoidi possono ridurre il tremore attraverso gli effetti sugli astrociti spinali

In un modello murino di tremore essenziale i ricercatori hanno trovato prove che l'attività dei cannabinoidi contro il tremore può essere dovuta al loro effetto sui recettori della cannabis sugli astrociti del midollo spinale.

Dipartimento di Neuroscienze, Facoltà di Salute e Scienze Mediche, Università di Copenhagen, Danimarca.

Carlsen EMM, et al. Nat Neurosci. 2021;24(5):658-666.

🏷️ Scienza/Animale — Nessuna interazione farmacocinetica tra CBD e fenobarbital

In uno studio su cani sani i ricercatori non hanno trovato alcuna interazione farmacocinetica misurabile tra CBD (cannabidiolo) e fenobarbital (PB). Gli autori hanno concluso che "l'aumento della dose di CBD o l'aggiustamento del PB nei cani non è raccomandato sulla base dei risultati di questo studio.

Dipartimento di Scienze Cliniche, College of Veterinary Medicine and Biomedical Sciences, Colorado State University, Fort Collins, USA.

Doran CE, et al. Am J Vet Res. 2022 Jan 1:1-9.

🏷️ Scienza/Umana — I giovani consumatori pesanti di cannabis mostrano ridotte capacità cognitive

In uno studio su 40 giovani adulti consumatori giornalieri di cannabis e 20 controlli sani, i consumatori di cannabis si sono esibiti "significativamente più poveri in compiti di memoria visiva ed episodica rispetto ai controlli sani. Inoltre, il funzionamento esecutivo era associato all'età di esordio".

Dipartimento di Psichiatria, Università di Cambridge, Regno Unito.

Selamoglu A, et al. J Psychopharmacol. 2021 Oct 25:2698811211050548.

In uno studio sui topi, i ricercatori hanno dimostrato che gli effetti del CBD sulla discinesia sono mediati dall'attivazione dei recettori gamma del perossisoma proliferatore attivato (PPAR gamma).

Dipartimento di Farmacologia, Scuola di Medicina di Ribeirão Preto, Università di São Paulo, Ribeirão Preto, Brasile.

Sonego AB, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2021 ich;111:110367.

🏷️ Scienza/Umana — L'uso a lungo termine di cannabis non è associato a disfunzioni renali

In uno studio con 42 partecipanti i ricercatori non hanno trovato alcuna associazione tra uso di cannabis e funzione renale. Gli autori hanno concluso che "l'uso cronico di cannabis a scopo ricreativo (incluso il relativo disagio) non ha influenzato la funzione renale della nostra popolazione quasi selettivamente "affetta da cannabis" in modo rilevante."

Dipartimento di Psichiatria, Psicoterapia e Medicina Psicosomatica, Evangelisches Krankenhaus Castrop-Rauxel, Academic Teaching Hospital of the University of Duisburg-Essen, Castrop-Rauxel, Germania.

Bonnet U, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 Oct 26. [in stampa]