Pubblicato
Ultimo aggiornamento
tempo di lettura

Bollettino IACM del 07 maggio 2023

USA: Il Delaware diventerà il 22° stato a legalizzare la cannabis ricreativa

Il Delaware diventerà il 22° stato a legalizzare la cannabis a scopo ricreativo dopo che il suo governatore ha permesso a due progetti di legge già approvati dalla legislatura di diventare legge. Il governatore John Carney ha detto che non avrebbe posto il veto a un disegno di legge che permetterà ai privati cittadini di età superiore ai 21 anni di possedere fino a un'oncia (circa 28 g) di cannabis per consumo personale, e a un secondo disegno di legge che prevede che lo Stato rilasci 30 licenze commerciali al dettaglio nei prossimi 16 mesi attraverso una procedura di gara.

La legislazione prevede anche disposizioni per le quantitĂ  di cannabis concentrata e per i prodotti contenenti 750 milligrammi o meno di THC. I legislatori del Delaware hanno approvato le due leggi nel marzo 2023.

UPI del 22 aprile 2023

Scienza/Umana: Secondo un sondaggio, la cannabis può essere utile nei disturbi del sonno

Secondo uno studio australiano chiamato CAMS-20, la cannabis si è dimostrata utile nei disturbi del sonno. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università di Sydney, Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics. Alla richiesta di specificare fino a sette diverse condizioni che stavano trattando con la cannabis terapeutica, un totale di 1030 (64%) intervistati ha selezionato un disturbo del sonno, con disturbi dell'insonnia (85,5%), disturbi del movimento legati al sonno (26%) e disturbi della respirazione legati al sonno (11,1%) come sottotipi piÚ comuni. Solo 165 (16,8%) intervistati hanno selezionato un disturbo del sonno auto-riferito come principale condizione di salute trattata.

La maggior parte degli intervistati ha riferito una riduzione dell'uso di benzodiazepine e alcol da quando ha iniziato a utilizzare la cannabis terapeutica. Le analisi statistiche hanno mostrato che gli intervistati che utilizzavano prevalentemente vie di somministrazione inalatorie e l'uso concomitante di cannabis terapeutica per il dolore, la salute mentale e/o il disturbo da uso di sostanze, o un disturbo gastrointestinale, avevano una probabilitĂ  significativamente maggiore di utilizzare la cannabis terapeutica anche per trattare un disturbo del sonno auto-riferito.

Suraev A, Mills L, Abelev SV, Arkell TR, Lintzeris N, McGregor IS. Modelli di uso della cannabis medica per i disturbi del sonno in Australia: Risultati dell'indagine trasversale CAMS-20. Nat Sci Sleep. 2023;15:245-255.

Secondo uno studio osservazionale, la cannabis può ridurre il dolore cronico

Un'analisi ad interim del CA Clinics Observational Study della School of Pharmacy della Facoltà di Medicina e Salute dell'Università di Sydney, Australia, ha rilevato che la cannabis può ridurre il dolore cronico altrimenti refrattario al trattamento. Ai pazienti è stata prescritta da un medico la cannabis terapeutica, contenente vari rapporti di THC e CBD.

L'intera coorte di pazienti affetti da dolore cronico, e in particolare i prodotti bilanciati CBD:THC, sono stati associati a punteggi di intensitĂ  del dolore significativamente ridotti, con il 22% dei pazienti che ha riportato una riduzione clinicamente significativa dell'intensitĂ  del dolore. I pazienti del sottogruppo artrite (n = 199) hanno riportato punteggi di intensitĂ  del dolore significativamente ridotti in generale, e in particolare per coloro che assumevano prodotti a base di solo CBD e bilanciati. Altri risultati relativi alla qualitĂ  della vita, tra cui i punteggi relativi all'interferenza e all'impatto del dolore, sono migliorati in modo significativo.

Schubert EA, Johnstone MT, Benson MJ, Alffenaar JC, Wheate NJ. Cannabis terapeutica per pazienti australiani con dolore cronico refrattario, compresa l'artrite. Br J Pain. 2023;17(2):206-217.

Scienza/Umana: La cannabis può essere efficace nel trattamento del dolore legato al cancro

Secondo un'analisi dei dati di 358 pazienti oncologici raccolti da pazienti che facevano parte del Quebec Cannabis Registry. I partecipanti hanno compilato dei questionari prima dell'inizio dell'assunzione di cannabis terapeutica e ai follow-up di 3, 6, 9 e 12 mesi.

Sono state osservate diminuzioni statisticamente significative a 3 mesi, 6 mesi e 9 mesi di follow-up per il dolore peggiore, il dolore medio, la gravitĂ  complessiva del dolore e l'interferenza del dolore. I ceppi bilanciati THC:CBD sono stati associati a un migliore sollievo dal dolore rispetto ai ceppi a dominanza di THC e CBD.

Aprikian S, Kasvis P, Vigano M, Hachem Y, Canac-Marquis M, Vigano A. La cannabis medica è efficace per il dolore legato al cancro: Risultati del Registro della Cannabis del Quebec. BMJ Support Palliat Care. 2023 maggio 2:spcare-2022-004003.

Scienza/Umana: Il CBD non ha effetti rilevanti sul THC inalato secondo uno studio controllato con placebo

In uno studio condotto nel Regno Unito su 46 consumatori sani di cannabis non abituali, diverse dosi di CBD inalato non hanno avuto effetti rilevanti sugli effetti psicologici e cognitivi del THC inalato. C'è stata una visita iniziale al basale seguita da quattro visite di somministrazione, in cui i partecipanti hanno inalato cannabis vaporizzata contenente 10 mg di THC e 0 mg (0:1 CBD:THC), 10 mg (1:1), 20 mg (2:1) o 30 mg (3:1) di CBD, in un ordine randomizzato e controbilanciato. La ricerca è stata condotta da ricercatori del National Addiction Centre dell'Institute of Psychiatry, Psychology and Neuroscience del King's College di Londra.

Il THC (0:1) è stato associato a una riduzione del richiamo verbale ritardato e ha indotto sintomi psicotici positivi sulla PANSS (Positive and Negative Syndrome Scale). Gli autori hanno notato che questi "effetti non sono stati modulati in modo significativo da nessuna dose di CBD. Inoltre, non c'erano prove che il CBD modulasse gli effetti del THC su altre misure cognitive, psicotiche, soggettive, di piacere e fisiologiche". Hanno dichiarato che "non hanno trovato prove che il CBD protegga dagli effetti negativi acuti della cannabis".

Englund A, Oliver D, Chesney E, Chester L, Wilson J, Sovi S, De Micheli A, Hodsoll J, Fusar-Poli P, Strang J, Murray RM, Freeman TP, McGuire P. Il cannabidiolo rende la cannabis piĂš sicura? Uno studio randomizzato, in doppio cieco e cross-over di cannabis con quattro diversi rapporti CBD:THC. Neuropsicofarmacologia. 2023;48(6):869-876.

Scienza/Umana: Circa un terzo dei pazienti con dolore cronico in California usa cannabis dopo la legalizzazione generale

Circa il 35% dei pazienti con dolore cronico in California usa cannabis dopo la legalizzazione, rispetto al 23% dei pazienti senza dolore cronico. Ricercatori del Kaiser Permanente Northern California, Division of Research, Oakland, e dell'UniversitĂ  della California hanno confrontato pazienti con e senza dolore cronico su misure di uso di cannabis medica, non medica, legata al dolore e alla salute mentale, basate su sintomi auto-riportati.

I pazienti con dolore cronico (CP) hanno riferito un maggior uso medico nell'ultimo anno (35%) rispetto ai pazienti senza CP (23%), un uso correlato al dolore nell'ultimo anno (30% vs 16%) e un uso correlato alla salute mentale nell'ultimo anno (25% vs 19%). Gli autori hanno concluso che "rispetto ai pazienti senza PC, i pazienti con PC avevano maggiori probabilitĂ  di usare cannabis per motivi legati ai sintomi medici e del dolore nell'ultimo anno. L'uso per sintomi di salute mentale nell'ultimo anno non differiva tra questi due gruppi".

Karmali R, Does MB, Gordon N, Sterling SA, Young-Wolff K, Sidney S, Campbell CI. Uso di cannabis per motivi medici tra i pazienti di un grande sistema sanitario californiano dopo la legalizzazione dell'uso non medico. J Stud Alcohol Drugs. 2023 Apr 20 [in stampa].

Scienza/Umana: alte dosi di CBD possono influenzare i livelli di anandamide nel sangue

Secondo uno studio controllato con placebo condotto da ricercatori britannici guidati dal gruppo Addiction and Mental Health del Dipartimento di Psicologia dell'UniversitĂ  di Bath, alte dosi di CBD possono avere un'influenza sui livelli di anandamide nel plasma sanguigno. Individui che rispondevano ai criteri per il disturbo da uso di cannabis e che stavano cercando di smettere sono stati randomizzati alla somministrazione per 28 giorni di placebo (n = 23), 400 mg di CBD al giorno (n = 24) o 800 mg di CBD al giorno (n = 23).

Hanno notato un effetto di 800 mg di CBD rispetto al placebo sui livelli di anandamide dal basale al giorno 28, dopo aver aggiustato per il consumo di cannabis. I confronti a coppie hanno indicato che i livelli di anandamide si sono inaspettatamente ridotti dal basale al giorno 28 nel gruppo placebo, ma non sono cambiati nel gruppo con 800 mg di CBD. Non c'è stata evidenza di un effetto di 400 mg di CBD rispetto al placebo. I cambiamenti nei livelli di anandamide non erano associati agli esiti clinici del disturbo da uso di cannabis.

Hua DY, Hindocha C, Baio G, Lees R, Shaban N, Morgan CJ, Mofeez A, Curran HV, Freeman TP. Effetti del cannabidiolo sui livelli di anandamide in individui con disturbo da uso di cannabis: risultati di uno studio clinico randomizzato per il trattamento del disturbo da uso di cannabis. Transl Psychiatry. 2023 ;13(1):131.

Scienza/Umana: Il CBD può ridurre la pressione sanguigna nell'ipertensione

In uno studio crossover controllato con placebo su 70 pazienti con ipertensione primaria lieve o moderata, non trattati o in trattamento con farmaci standard, il CBD ha dimostrato di ridurre la pressione sanguigna. I ricercatori dell'Ospedale Universitario di Spalato, in Croazia, hanno assegnato i partecipanti a ricevere 5 settimane di CBD orale o placebo. Dopo un periodo di washout, i pazienti sono passati alla terapia alternativa.

La somministrazione di CBD ha ridotto la pressione arteriosa media nelle 24 ore (riduzione media di circa 3 mmHg), sistolica (riduzione media di circa 5 mmHg) e diastolica (riduzione di 2 mmHg) dopo 2,5 settimane. Non si sono verificati cambiamenti negli enzimi epatici o eventi avversi gravi. Gli autori hanno concluso che la somministrazione di CBD riduce la pressione sanguigna nei soggetti con ipertensione non trattata e trattata.

Dujic G, Kumric M, Vrdoljak J, Dujic Z, Bozic J. Effetti cronici della somministrazione orale di cannabidiolo sulla pressione arteriosa ambulatoriale delle 24 ore in pazienti con ipertensione (HYPER-H21-4): A Randomized, Placebo-Controlled, and Crossover Study. Cannabis Cannabinoid Res. 2023 Apr 21 [in stampa].

Scienza/Umana: Basse dosi di THC orale possono avere un effetto positivo sull'apprendimento della paura in adulti con esposizione a traumi

In uno studio controllato con placebo condotto negli Stati Uniti su 19 adulti esposti a traumi con disturbo post-traumatico da stress (PTSD), 26 adulti esposti a traumi senza PTSD e 26 controlli sani non esposti a traumi, basse dosi di THC hanno influenzato gli indici neurali di richiamo e rinnovamento della paura. Questa ricerca è stata condotta da scienziati del Translational Neuroscience Program della Wayne State University School of Medicine di Detroit, USA. Hanno utilizzato un paradigma di condizionamento ed estinzione della paura pavloviana, in cui hanno misurato simultaneamente la risonanza magnetica funzionale e le risposte comportamentali. Dei 71 partecipanti, 33 hanno ricevuto un placebo e 34 il THC prima dell'apprendimento dell'estinzione.

Durante l'apprendimento dell'estinzione precoce, i soggetti con PTSD a cui è stato somministrato THC avevano una maggiore attivazione di una certa regione cerebrale (corteccia prefrontale ventromediale) rispetto ai controlli esposti al trauma senza PTSD. Durante un test di ritorno della paura, i controlli sani e gli individui con PTSD a cui è stato somministrato THC avevano una maggiore attivazione di questa regione cerebrale rispetto ai controlli esposti al trauma senza PTSD. Gli individui con PTSD a cui è stato somministrato il THC avevano anche una maggiore attivazione dell'amigdala rispetto a quelli a cui è stato somministrato il placebo. Gli autori hanno concluso che questi "dati suggeriscono che il THC orale a basse dosi può influenzare gli indici neurali dell'apprendimento e della memoria della paura in adulti con esposizione a traumi; ciò può essere utile per futuri interventi terapeutici che cerchino di migliorare l'apprendimento e la memoria dell'estinzione della paura".

Zabik NL, Rabinak CA, Peters CA, Iadipaolo A. Modulazione cannabinoide dell'attivazione corticolimbica durante l'apprendimento dell'estinzione e il rinnovo della paura in adulti con disturbo da stress post-traumatico. Neurobiol Learn Mem. 2023;201:107758.

Notizie in breve

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nell'iperidrosi

Secondo un caso clinico, la cannabis è stata utile nell'iperidrosi. I ricercatori hanno riscontrato "una notevole riduzione del volume del sudore e un miglioramento della qualità di vita del paziente utilizzando questo nuovo approccio a basso costo e a basso impatto".

Dipartimento di Dermatologia e Allergologia, Ospedale Universitario, LMU di Monaco, Germania.

Kaemmerer T, et al. J Dermatolog Treat. 2023;34(1):2127308.

Il Lussemburgo pubblica un piano per legalizzare la cannabis a scopo ricreativo

Un gruppo di esperti nominato dal governo lussemburghese ha presentato i piani per un programma sperimentale di legalizzazione della cannabis nel Paese. Il rapporto raccomanda di consentire il possesso di un massimo di 3 grammi di cannabis, la coltivazione di un massimo di 4 piante a casa e lo sviluppo di un quadro legale per un mercato al dettaglio in cui i residenti potranno acquistare fino a 5 grammi al giorno, ma non piĂš di 30 grammi al mese.

Born2Invest del 3 maggio 2023

Scienza/Umana: Nel Regno Unito è iniziato uno studio su un estratto di cannabis contro il cancro

I ricercatori hanno appena reclutato il primo paziente che riceverà l'estratto di cannabis Sativex per il trattamento del glioblastoma, un tumore cerebrale aggressivo. Nella seconda fase della sperimentazione, finanziata da The Brain Tumour Charity, i ricercatori cercheranno di capire se la combinazione di cannabis e chemioterapia può allungare la vita delle persone con diagnosi di glioblastoma ricorrente.

Yorkshire Post del 3 maggio 2023

Scienza/Animale: La combinazione dell'inibizione della FAAH e dell'attivazione del recettore della melatonina fornisce una protezione dei nervi

In uno studio condotto sui ratti, una molecola sintetica (UCM1341), che inibisce la degradazione degli endocannabinoidi attraverso l'inibizione di FAAH e l'attivazione del recettore della melatonina, ha promosso la neuroprotezione e ridotto l'infiammazione.

Divisione di Farmacologia, Dipartimento di Neuroscienze, Scienze della Riproduzione e Odontoiatria, FacoltĂ  di Medicina e Chirurgia, UniversitĂ  Federico II di Napoli, Italia.

Cammarota M, et al. Br J Pharmacol. 2023;180(10):1316-1338.

Scienza/Umana: I consumatori di cannabis possono aver bisogno di dosi piĂš elevate di anestetici

In uno studio osservazionale su 53 pazienti, di cui 27 consumatori di cannabis e 26 non consumatori, il gruppo positivo alla cannabis ha richiesto in media una dose leggermente superiore di fentanil e propofol rispetto ai non consumatori. Ma non c'erano differenze nei segni vitali o nei requisiti anestetici tra i due gruppi.

Dipartimento di Patologia orale e maxillo-facciale, Medicina e Chirurgia, Temple University Kornberg School of Dentistry, Philadelphia, USA.

Gangwani P, et al. J Oral Maxillofac Surg. 2023;81(5):527-535.

Scienza/Umana: Differenze genetiche tra i recettori dei cannabinoidi possono influenzare gli effetti della cannabis nella psicosi

Un'analisi di 40 pazienti con un primo episodio di psicosi, di cui 20 consumatori di cannabis, ha trovato un effetto combinato dei genotipi dei recettori della cannabis e del consumo di cannabis sull'attivitĂ  cerebrale in diverse aree cerebrali.

Fondazione di ricerca FIDMAG Germanes HospitalĂ ries, Barcellona, Spagna.

Oscoz-Irurozqui M, et al. Int J Mol Sci. 2023;24(8):7501.

Scienza/Cellule: Alcuni terpeni possono aumentare gli effetti del THC sul recettore CB1

In uno studio su cellule con 16 terpeni della cannabis, tutti i terpeni hanno attivato i recettori CB1, a circa il 10-50% dell'attivazione del solo THC. La combinazione di alcuni di questi terpeni con il THC ha aumentato significativamente l'attivitĂ  del recettore CB1, rispetto al solo THC.

Bazelet Medical Cannabis Group, Or Akiva, Israele.

Raz N, et al. Biochem Pharmacol. 2023:115548.

Scienza/Umana: A molti pazienti con cannabis non è permesso continuare un trattamento con la cannabis durante una degenza ospedaliera

Secondo un sondaggio condotto su 811 infermieri dirigenti che lavorano in strutture di ricovero per acuti negli Stati Uniti che hanno legalizzato la cannabis terapeutica, "solo una piccola percentuale ha riferito che i pazienti ricoverati avevano accesso alla loro marijuana terapeutica: Il 5,8% ha riferito che il farmaco era conservato in farmacia e dispensato come le altre prescrizioni; un altro 3,4% ha indicato che i pazienti tenevano la marijuana medica nelle loro stanze e la assumevano, a seconda delle necessità". La maggior parte è passata ad altri farmaci.

Amministrazione sanitaria, Edward J. Bloustein School of Planning and Public Policy, Rutgers University, New Brunswick, USA.

Kurtzman ET, Greene J. Policy Polit Nurs Pract. 2023:15271544231168607.

Scienza/Animale: Il CBD previene l'osteoporosi e aumenta la proliferazione delle cellule staminali scheletriche umane

In uno studio condotto sui topi, il CBD ha prevenuto l'osteoporosi e ha aumentato la vitalità cellulare, la proliferazione e l'espressione genica osteogenica nelle cellule staminali e progenitrici dello scheletro umano. Gli autori hanno concluso che questi risultati "indicano che l'uso del CBD in una popolazione osteoporotica può avere un impatto positivo sulla morfologia ossea".

Dipartimento di chirurgia ortopedica, NYU Langone Orthopedics, NYU Grossman School of Medicine, New York, USA.

Ihejirika-Lomedico R, et al. Calcif Tissue Int. 2023 Apr 24 [in stampa].

Scienza/Animale: I recettori CB1 sui mitocondri sono coinvolti negli effetti del corticosterone

Le risposte allo stress mediate dai corticosteroidi richiedono l'attivazione di complessi circuiti cerebrali che coinvolgono l'attivitĂ  mitocondriale. Una nuova ricerca dimostra che l'effetto negativo del corticosterone nel compito di riconoscimento di oggetti nuovi nei topi richiede la presenza di recettori CB1 sui mitocondri e la regolazione dei livelli di calcio mitocondriale nelle cellule nervose.

INSERM, U1215 NeuroCentre Magendie, Bordeaux, Francia.

Skupio U, et al. Neuron. 2023:S0896-6273(23)00263-5.

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 può migliorare l'ansia indotta dall'esposizione cronica all'alcol

L'attivazione del recettore CB2 ha migliorato i comportamenti ansiosi indotti dall'esposizione cronica all'alcol durante l'astinenza, prevenendo i cambiamenti morfologici e sopprimendo l'infiammazione nel sistema nervoso.

Dipartimento di Neurologia, Sun Yat-sen Memorial Hospital, Sun Yat-sen University, Guangzhou, Guangdong, Cina.

Li J, et al. Brain Behav Immun. 2023;110:60-79.

Scienza/Animale: Il trattamento di ratti obesi con un agonista del recettore CB2 riduce i livelli di leptina nel tessuto adiposo

Il trattamento di ratti obesi indotti dalla dieta con un agonista sintetico del recettore CB2 (AM1241) o un antagonista CB2 (AM630) ha ridotto i livelli di leptina nel tessuto adiposo senza influire sul peso.

Istituto per la salute e lo sport, Victoria University, Melbourne, Australia.

O'Keefe L, et al. Int J Mol Sci. 2023;24(8):7601

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB1 allevia la sensibilizzazione centrale nell'emicrania cronica

In un modello di ratto di emicrania cronica, l'attivazione del recettore CB1 ha alleviato la sensibilizzazione centrale regolando il canale cationico 2 (HCN2) attivato dall'iperpolarizzazione.

Dipartimento di Medicina di Laboratorio, Ospedale della Seconda UniversitĂ  della Cina Occidentale, UniversitĂ  di Sichuan, Chengdu, Cina.

Zeng X, et al. J Headache Pain. 2023;24(1):44.

Scienza/Animale: Il THC può ridurre la cachessia da cancro attraverso la modulazione dell'infiammazione

In uno studio condotto sui topi, il THC è risultato protettivo contro la cachessia da cancro colorettale attraverso la modulazione dell'infiammazione e delle risposte immunitarie.

Dipartimento e Istituto di Farmacologia, College of Medicine, National Taiwan University, Taipei, Taiwan.

Ng SK, et al. Biomed Pharmacother. 2023;161:114467.

Scienza/Animale: Il CBD può ostacolare la crescita del cancro ai polmoni

I ricercatori hanno impiantato cellule di cancro al polmone umano in topi nudi e hanno trattato i topi con CBD inalatorio o placebo. Il CBD ha ridotto il tasso di crescita del tumore e ha soppresso l'espressione del CD44 e dei fattori angiogenici VEGF e P-selectina.

Dipartimento di Biologia orale e Scienze diagnostiche, Dental College of Georgia, Augusta University, Augusta, USA.

Salles ÉL, et al. Hum Cell. 2023 maggio;36(3):1204-1210.

Scienza/Animale: Il CBD può essere utile nel cancro alla prostata

La crescita del cancro alla prostata nei modelli murini è stata ridotta in seguito al trattamento con cisplatino e CBD.

Dipartimento di Biochimica, UniversitĂ  di Johannesburg, Sudafrica.

Motadi LR, et al. Mol Biol Rep. 2023;50(5):4039-4047.

Scienza/Animale: Gli effetti analgesici del CBD sul dolore neuropatico possono coinvolgere i recettori della serotonina

I risultati di un modello murino di dolore neuropatico suggeriscono che il CBD produce un'antinocicosi periferica durante il trattamento acuto del dolore neuropatico e coinvolge parzialmente la partecipazione dei recettori 5-HT1A (serotonina) e TRPV1 (vanilloide).

Dipartimento di Farmacologia, Istituto di Scienze Biologiche, UFMG, Belo Horizonte, Brasile.

Aguiar DD, et al. Biochem Biophys Res Commun. 2023;660:58-64.

Scienza/Cellule: I cannabinoidi potrebbero ridurre l'efficacia dei farmaci antitumorali a base di platino

Esperimenti su cellule umane dimostrano che il CBD può ridurre l'accumulo intracellulare di farmaci a base di platino (cisplatino, oxaliplatino, carboplatino). Gli autori hanno osservato che il loro "studio solleva la possibilità che l'effetto auspicabile di contrastare gli effetti avversi della chemioterapia possa, almeno per alcuni cannabinoidi, riflettere una ridotta disponibilità cellulare e di conseguenza un'attenuazione degli effetti antitumorali dei farmaci a base di platino".

FacoltĂ  di Medicina e Odontoiatria, Istituto di Medicina Molecolare e Traslazionale, UniversitĂ  PalackĂ˝, Olomouc, Repubblica Ceca.

Buchtova T, et al. Biomed Pharmacother. 2023;163:114801.

Scienza/Umana: Il CBD può aumentare la concentrazione ematica di everolimus

In uno studio condotto su esseri umani sani, che hanno ricevuto il farmaco immunosoppressore everolimus, una dose di 12,5 mg di CBD per kg di peso corporeo ha aumentato significativamente la concentrazione ematica di everolimus. Gli autori hanno osservato che "il monitoraggio della concentrazione ematica di everolimus dovrebbe essere fortemente consigliato con un'appropriata riduzione della dose in caso di co-somministrazione di CBD".

GW Research Ltd, Cambridge, Regno Unito.

Wray L, et al. Clin Pharmacol Drug Dev. 2023 maggio 3 [in stampa].

Scienza/Umana: Un attivatore selettivo del recettore CB2 non è efficace nel ridurre il dolore addominale nei pazienti con sindrome dell'intestino irritabile

Olorinab è un agonista completo sintetico altamente selettivo, ad azione periferica, del recettore CB2. In uno studio controllato con placebo condotto su 273 partecipanti, olorinab non ha ridotto i punteggi medi del dolore addominale. Tuttavia, nei partecipanti con dolore moderato-severo al basale, il farmaco ha mostrato un certo effetto.

Scuola di Medicina David Geffen, UCLA, Los Angeles, USA.

Chang L, et al. Neurogastroenterol Motil. 2023;35(5):e14539.

Scienza/Umana: L'attivazione del recettore CB2 non è efficace nella sclerosi sistemica cutanea

Lenabasum, un agonista del recettore dei cannabinoidi di tipo 2, è stato testato in uno studio di fase 3 randomizzato e controllato con placebo su 365 pazienti con sclerosi sistemica cutanea diffusa. Non è stato possibile dimostrare un beneficio del lenabasum.

Weill Cornell Medical College, New York City, USA.

Spiera R, et al. Arthritis Rheumatol. 2023 Apr 26 [in stampa].

Scienza/Animale: Il CBD può ridurre le proprietà gratificanti della metanfetamina

Secondo uno studio condotto sui ratti, il CBD può inibire le proprietà gratificanti della metamfetamina, in parte mediate dall'interazione con i recettori della dopamina in una determinata regione del cervello (ippocampo).

Dipartimento di Fisiologia, FacoltĂ  di Scienze Veterinarie, Islamic Azad niversity, Sanandaj, Iran.

Mohammadi M, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2023;126:110778.

Scienza/Umana: L'attivazione del recettore CB1 nell'ippocampo inibisce l'ansia indotta dalla ketamina

In uno studio condotto sui topi, l'attivazione del recettore CB1 nell'ippocampo, una determinata regione cerebrale, da parte di un cannabinoide sintetico (ACPA) è stata in grado di inibire il comportamento ansiogeno indotto dalla ketamina.

Dipartimento di Biologia, FacoltĂ  di Scienze, UniversitĂ  di Gonbad Kavous, Iran.

Alijanpour S, Rezayof A. Brain Res. 2023:148378.

Scienza/Animale: Un estratto di cannabis ricco di CBD ha indotto la morte cellulare programmata in una certa forma di leucemia

Nella leucemia linfoblastica acuta a cellule T (T-ALL) oltre il 50% dei casi presenta una trasformazione guidata da NOTCH1. Utilizzando un modello murino, i ricercatori hanno dimostrato che un estratto ricco di CBD induce selettivamente l'apoptosi (morte cellulare programmata) nelle cellule T-ALL mutate in NOTCH1. Gli autori hanno scritto che "sebbene il CBD da solo fosse in grado di indurre la morte cellulare, l'intero estratto era piĂš efficace, suggerendo che altri metaboliti della pianta sono necessari per raggiungere la piena potenza".

Laboratorio di Biologia del Cancro e Ricerca sui Cannabinoidi, FacoltĂ  di Biologia, Technion-Israel Institute of Technology, Haifa, Israele.

Besser E, et al. Cancer Commun (Lond). 2023 Apr 21 [in stampa].

Scienza/Cellule: La tetraidrocannabivarina può essere utile nel diabete

I ricercatori hanno valutato gli effetti protettivi del THCV (tetraidrocannabivarina) contro lo stress del reticolo endoplasmatico (ER) nelle cellule staminali mesenchimali di derivazione adiposa. Essi hanno concluso che "il nostro studio dimostra che il cannabinoide THCV è un composto promettente che contrasta gli effetti dannosi innescati dallo stress ER nel tessuto adiposo. Questo lavoro apre la strada allo sviluppo di nuovi mezzi terapeutici basati sul THCV e sulle sue proprietà rigenerative per creare un ambiente favorevole allo sviluppo di un tessuto adipocitario maturo e sano e per ridurre l'incidenza e l'esito clinico di malattie metaboliche come il diabete".

Istituto Nazionale dei Medicinali, Varsavia, Polonia.

Kowalczuk A, et al. Int J Mol Sci. 2023;24(8):7120.