"


[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 20 Luglio 2022

Scienza/Umana: Dosi molto basse di un estratto di cannabis ricco di THC migliorano la memoria nei pazienti di Alzheimer

Ricercatori dell'Università Federale per l'Integrazione dell'America Latina di Foz do Iguaçu, Brasile, e della Johns Hopkins University di Baltimora, USA, hanno presentato il caso di un uomo di 75 anni con malattia di Alzheimer allo stadio iniziale a cui sono state somministrate dosi molto basse di cannabis ricca di THC. I suoi sintomi principali sono stati la perdita di memoria, il disorientamento spaziale e temporale e la limitazione delle attività quotidiane. Il trattamento è stato eseguito con microdosi di un estratto di cannabis contenente THC e CBD per 22 mesi. Il paziente lo ha ricevuto quotidianamente per 22 mesi, con una dose giornaliera mai superiore a 1 mg di THC al giorno.

I ricercatori hanno riferito che il paziente ha mostrato un miglioramento "rapido" e "robusto" dei sintomi e hanno scritto che "i miglioramenti cognitivi e della memoria sono persistiti per più di un anno dopo l'inizio del trattamento e sono rimasti stabili alla valutazione progressiva del paziente/follow-up per più di un anno dopo la fine dello studio". Gli autori hanno concluso "che il microdosaggio di cannabinoidi può essere efficace come trattamento della malattia di Alzheimer, evitando effetti collaterali significativi".

Ruver-Martins AC, Bicca MA, de Araujo FS, de Noronha Sales Maia BHL, Pamplona FA, da Silva EG, Nascimento FP. Cannabinoid extract in microdoses ameliorates mnemonic and nonmnemonic Alzheimer's disease symptoms: a case report . J Med Case Rep. 2022;16(1):277.

Scienza/Umana: Secondo uno studio basato su un'app, la cannabis può essere utile per trattare la stanchezza.

Il consumo di fiori di cannabis può migliorare la fatica, secondo uno studio condotto su 1.224 persone che hanno registrato 3.922 sessioni di autosomministrazione di cannabis usando un'app. Lo studio è stato condotto dai ricercatori del Dipartimento di Economia dell'Università del New Mexico, Albuquerque, USA, e le sessioni si sono svolte tra il 2016 e il 2019.

In media, il 92% dei soggetti ha sperimentato una diminuzione della fatica dopo il consumo di cannabis, con una diminuzione media della gravità dei sintomi di 3,5 punti su una scala analogica visiva 0-10. I fenotipi delle piante (C. indica, C. sativa o ibrida), così come il contenuto di THC e CBD, non differivano in termini di miglioramento dei sintomi. Gli autori hanno concluso che i loro "risultati suggeriscono che la maggior parte dei pazienti sperimenta una riduzione della fatica con l'uso di fiori di cannabis".

Li X, Diviant JP, Stith SS, Brockelman F, Keeling K, Hall B, Vigil JM. The Effects of Consuming Cannabis Flower for Treatment of Fatigue. Med Cannabis Cannabinoids. 2022;5(1):76-84.

Scienza/Umana: Il consumo di cannabis non riduce la motivazione

Gli scienziati della Scuola di Scienze Psicologiche dell'Oregon State University di Corvallis, USA, hanno studiato se l'uso di cannabis riduce la motivazione e aumenta l'apatia per verificare l'ipotesi che la cannabis possa causare la sindrome da amotivazione. I consumatori di cannabis, che ne avevano fatto uso tre o più volte alla settimana nell'ultimo anno, e i controlli che non ne avevano fatto uso, hanno completato l'Apathy Rating Scale e il Reward Effort Expenditure Task.

I ricercatori hanno concluso dai risultati che "i consumatori di cannabis sono più propensi a fare sforzi maggiori per ottenere una ricompensa, indicando una maggiore motivazione rispetto ai controlli sani". Pertanto, i risultati attuali non supportano la sindrome da amotivazione nei consumatori adulti frequenti di cannabis. Nonostante alcuni effetti negativi del consumo di cannabis a lungo termine, l'amotivazione potrebbe non essere uno di questi.

Vele KC, Cavalli JM, Cservenka A. Effort-based decision making and self-reported apathy in frequent cannabis users and healthy controls: A replication and extension. J Clin Exp Neuropsychol. 2022:1-17.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a minori complicazioni mediche a breve termine dopo la chirurgia spinale

Ricercatori di istituzioni accademiche di New York e Rhode Island hanno usato il database del New York State Planning and Research Cooperative System (SPARCS) per esaminare gli effetti dell'uso di cannabis sui risultati dopo la chirurgia spinale. Abbiamo confrontato 352 consumatori di cannabis e 352 non consumatori con una distribuzione simile per età e sesso, sottoposti a fusione spinale toracolombare per deformità spinale.

Il consumo iniziale isolato di cannabis, senza altri disturbi da uso di sostanze diagnosticati, non era associato a un aumento del rischio di complicazioni chirurgiche a 90 giorni o di riammissioni o revisioni a due anni, anche se il consumo di cannabis era associato a una diminuzione del rischio di complicazioni mediche a 90 giorni rispetto ai non consumatori.

Shah NV, Lavian JD, Moattari CR, Eldib H, Beyer GA, Mai DH, Challier V, Passias PG, Lafage R, Lafage V, Schwab FJ, Paulino CB, Diebo BG. The Impact of Isolated Baseline Cannabis Use on Outcomes Following Thoracolumbar Spinal Fusion: A Propensity Score-Matched Analysis. Iowa Orthop J. 2022;42(1):57-62.

Scienza/Umana: I malati di Parkinson percepiscono la cannabis come un beneficio

Un sondaggio mostra che i pazienti norvegesi affetti da Parkinson considerano la cannabis benefica e che i non consumatori sono interessati al suo uso. I ricercatori del Centro norvegese per i disturbi del movimento dell'Università di Bergen (Norvegia) hanno condotto un'indagine su 530 pazienti, 59 dei quali (circa l'11%) hanno dichiarato di aver fatto uso di cannabis in passato o attualmente.

Il consumo di cannabis era associato a una maggiore durata della malattia, ma non all'età o al sesso. Il miglioramento della funzione motoria (70%), del sonno (53%) e del dolore (37%) sono stati i benefici più frequentemente osservati dal consumo di cannabis, con maggiori benefici nei consumatori attuali rispetto agli ex consumatori. Gli autori hanno notato che un malato di Parkinson su 20 ha riferito di "fare uso di cannabis, e i non consumatori hanno riferito un interesse generale per la cannabis". Il consumo di cannabis è spesso poco dichiarato e sconosciuto agli operatori sanitari.

Erga AH, Maple-Grødem J, Alves G. Cannabis use in Parkinson’s disease—A nationwide online survey study. Acta Neurologica Scandinavica, 2022;145:6:692-697

Scienza/Umana: La cannabis può ridurre il dolore nei disturbi muscoloscheletrici, secondo uno studio

Il consumo di cannabis è associato a una riduzione del dolore, secondo uno studio su 184 pazienti con problemi muscoloscheletrici condotto dai ricercatori del Dipartimento di Chirurgia Ortopedica dell'Università di Porto Rico, San Juan.

Questo studio ha mostrato una riduzione media del dolore di 4,0 punti sulla scala di valutazione numerica in tutti i partecipanti. Gli autori hanno osservato che le persone affette da disturbi muscoloscheletrici hanno riportato una notevole riduzione media del dolore di 4,5 punti. Inoltre, l'89% dei partecipanti ha ritenuto che la cannabis medica fosse più efficace degli oppioidi nel fornire un adeguato sollievo dal dolore.

Mangual-Pérez D, Tresgallo-Parés R, Ramírez-González M, Torres-Lugo N, Rivera-Dones A, Rivera-Rodríguez G, Claudio-Marcano A, Lojo-Sojo L. Patient Experience and Perspective on Medical Cannabis as an Alternative for Musculoskeletal Pain Management, JAAOS: Global Research and Reviews, 2022 July; 6: 7- e22.00055.

Notizie in breve

Stati Uniti: il distretto di Columbia consente l'autocertificazione dei pazienti
Il sindaco di Washington DC Muriel Bowser ha firmato una legge che elimina l'obbligo per gli adulti che desiderano acquistare prodotti a base di cannabis dai dispensari di cannabis terapeutica a Washington DC di ottenere una raccomandazione da un medico autorizzato. La misura consente alle persone di 21 anni e più di "autocertificare"... che stanno usando la cannabis per scopi medici" quando si registrano presso le autorità locali per ottenere una tessera di identificazione della cannabis medica.
NORMLof 7 July 2022

Bosnia-Erzegovina: La cannabis potrebbe presto essere usata a scopo terapeutico in Bosnia-Erzegovina.
La cannabis potrebbe presto essere usata a scopo terapeutico in Bosnia-Erzegovina. Per legalizzare l'uso della cannabis a scopo terapeutico in futuro, la Commissione sull'abuso di droghe deve presentare una proposta al Consiglio dei Ministri, che prenderà una semplice decisione durante la sua riunione.
Sarajevo Times of 6 July 2022

Thailandia: più di 120.000 cittadini si sono registrati per coltivare la canapa
Più di 120.000 persone si sono registrate per coltivare canapa dopo l'entrata in vigore delle nuove norme sulla cannabis in Thailandia il mese scorso, secondo la Food and Drug Administration del Paese. Secondo la nuova legge, in vigore dal giugno 2022, i coltivatori privati devono solo registrare le loro intenzioni e non devono richiedere altri permessi, consentendo loro di coltivare e lavorare la cannabis contenente meno dello 0,2% di THC per gli aiuti alla salute e le medicine tradizionali, e la canapa per le applicazioni industriali.
Hemp Today of 8 July 2022

Scienza/Umana: Il beta-cariofillene non ha effetti sulla dipendenza da cibo in uno studio controllato
In uno studio condotto su 52 donne obese che hanno ricevuto 100 mg di beta-cariofillene al giorno o un placebo per 8 settimane, non sono stati osservati effetti significativi sulla composizione corporea, sull'appetito, sul comportamento alimentare, sull'assunzione di cibo e sul livello di attività fisica.
Dipartimento di Nutrizione Cellulare e Molecolare, Università di Scienze Mediche di Teheran, Iran.
Alizadeh S, et al. Appetite. 2022;178:106160.

Scienza/Animale: il THC migliora la disfunzione arteriosa causata dal consumo elevato di fruttosio
L'ingestione regolare di fruttosio da parte dei ratti porta a livelli elevati di insulina e a disfunzioni arteriose, a cui il THC pone rimedio.
Dipartimento di Farmacologia medica, Università di Istanbul-Cerrahpasa, Turchia.
Seven T, et al. Int J Med Biochemi. 2021;4:1.

Scienza/Animale: il beta-cariofillene migliora i problemi metabolici nell'obesità
L'integrazione regolare di beta-cariofillene può migliorare i processi metabolici e immunologici rilevanti nei topi obesi.
Dipartimento di Farmacobiologia; Laboratorio di Ricerca e Sviluppo Farmaceutico, Università di Guadalajara, Messico. ^
Franco-Arroyo NN, et al. J Med Food. 2022 Jul 6. [in press].

Scienza/Animale: La cannabis può migliorare la composizione del microbiota intestinale in animali alimentati con una dieta ad alto contenuto di grassi
In uno studio sui topi, l'aggiunta di specifici estratti di cannabis a una dieta ad alto contenuto di grassi determina cambiamenti più favorevoli nei batteri intestinali.
Facoltà di Agricoltura, Alimentazione e Ambiente, Università Ebraica di Gerusalemme, Rehovot, Israele.
Zandani G, et al. Evid Based Complement Alternat Med. 2022;2022:7964018.

Scienza/Cellule: THC e CBD disturbano la produzione di energia cellulare
La combinazione di THC e CBD in rapporto 1:1 è associata a un'alterazione del metabolismo energetico cellulare nelle cellule di glioma, influenzando la respirazione mitocondriale.
Istituto di Farmacologia e Tossicologia, Centro Medico Universitario di Rostock, Germania.
Rupprecht A, et al. Cancers (Basel). 2022;14(13):3129.

Scienza/Animale: basse dosi di THC possono migliorare la memoria nella malattia di Alzheimer
In un modello murino della malattia di Alzheimer, basse dosi di THC hanno contrastato il deterioramento delle prestazioni cognitive legato alla malattia.
Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Taneja College of Pharmacy, University of South Florida, Tampa, USA.
Fihurka O, et al. Int J Mol Sci. 2022;23(8):4253.

Scienza/Umana: il CBD non migliora la sindrome delle gambe senza riposo
Sei pazienti con malattia di Parkinson sono stati randomizzati a ricevere CBD in dosi da 75 a 300 mg, mentre 12 hanno ricevuto capsule di placebo. Sono stati seguiti per 14 settimane. Il CBD non ha mostrato alcuna riduzione della gravità della sindrome delle gambe senza riposo.
Scuola di Scienze della Salute, Università Statale di Amazonas, Manaus, Brasile.
de Almeida CMO, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2022 Jun 24 [in press].

Scienza/Cellule: L'attivazione dei recettori cannabinoidi può essere utile nella leucemia
Un cannabinoide sintetico (JWH-018), che attiva i recettori CB1 e CB2, ha un effetto terapeutico sulla patogenesi della leucemia e, in particolare, sulle cellule staminali leucemiche.
Dipartimento di Oncologia di base, Istituto di Scienze della Salute dell'Università Ege, Izmir, Turchia.
Salcin H, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2022 Jul 14 [in press].

Scienza/Animale: il CBD può aiutare a combattere la dipendenza da anfetamine
Secondo studi condotti sui topi, il CBD potrebbe essere utile per prevenire le ricadute nella dipendenza da anfetamina.
Programa de Pós-Graduação em Farmacologia, Universidade Federal de Santa Maria, Brasile.
Metz VG, et al. Pharmacol Biochem Behav. 2022:173427.

Scienza/Umana: L'uso di Delta-8-THC è in aumento negli Stati Uniti.
In un sondaggio online condotto su 4.348 consumatori adulti di cannabis, il 16,7% ha dichiarato di fare uso di delta-8-THC.
Dipartimento di Epidemiologia, Columbia University School of Public Health, New York, USA.
Livne O, et al. Addict Behav. 2022;133:107374.

Scienza/Umana: Il consumo di cannabis è associato a un rallentamento della frequenza cardiaca
Nello studio trentennale, 471 dei 3269 (14%) partecipanti allo studio statunitense CARDIA (Coronary Artery Risk Development in Young Adults) erano consumatori correnti di cannabis. Il consumo di cannabis era associato a una frequenza cardiaca più bassa. Gli autori hanno scritto che questo "si aggiunge alle crescenti prove che suggeriscono l'assenza di un'associazione dannosa del consumo di cannabis a livello della popolazione generale tipica sugli esiti surrogati delle malattie cardiovascolari".
Istituto per l'assistenza sanitaria di base, Università di Berna, Svizzera.
Jakob J, et al. Am J Med. 2022;135(7):871-878.e14.

Scienza/Animale: gli endocannabinoidi riducono l'autosomministrazione di nicotina
Aumentare i livelli di endocannabinoidi inibendo la loro degradazione attraverso il blocco dell'attività della FAAH (amido idrolasi degli acidi grassi) riduce l'autosomministrazione di nicotina nei ratti.
Facoltà di Farmacia, Università di Camerino, Italia.
Lunerti V, et EUR J Pharmacol. 2022;928:175088.

Scienza/Animale: gli endocannabinoidi possono prevenire l'emicrania
In un modello di emicrania nel ratto, l'inibizione della degradazione degli endocannabinoidi mediante il blocco dell'attività della FAAH (fatty acid amide hydrolase), che degrada l'anandamide e altri endocannabinoidi, ha ridotto i sintomi.
Unità di Ricerca Traslazionale Neurovascolare, Fondazione IRCCS Mondino, Pavia, Italia.
Greco R, et al. J Headache Pain. 2022;23(1):79.

Scienza/Cellule: la cannabis riduce la vitalità delle cellule del cancro al fegato
La cannabis ad alto contenuto di CBD ha ridotto la vitalità di due linee cellulari di cancro al fegato, ma non ha influenzato le cellule epatiche sane.
Facoltà di Scienze della Vita e Biotecnologie, Università Shahid Beheshti, Teheran, Iran.
Tajik T, et al. Biomed Pharmacother. 2022;152:113209.

Scienza/Umana: il CBD transdermico non ha avuto effetti sull'epilessia in uno studio controllato con placebo
In uno studio condotto su 188 adulti con epilessia focale suddivisi in tre gruppi, dosi giornaliere di 195 o 390 mg di CBD (cannabidiolo) non hanno avuto alcun effetto sull'epilessia.
Dipartimento di Neuroscienze, The Central Clinical School, Monash University e The Alfred Centre, Melbourne, Australia.
O'Brien TJ, et al. JAMA Netw Open. 2022;5(7):e2220189.

Scienza/Umana: Un nuovo sistema di somministrazione aumenta la biodisponibilità orale di CBD e THC
L'ingestione orale di CBD e THC, combinata con il nuovo sistema di somministrazione orale di Solutech, ha aumentato la biodisponibilità dei cannabinoidi.
New Age Ventures, New York, USA.
Berl V, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2022 Jul 5. [in press].

Scienza/Animale: gli oppioidi e i cannabinoidi agiscono sinergicamente sul dolore addominale
"Questo studio sui topi dimostra che gli agonisti del recettore dei cannabinoidi 1 (CB1R) inibiscono la sensazione viscerale. Inoltre, la combinazione di dosi sub-analgesiche di un agonista dei recettori µ-opioidi e di un agonista CB1R riduce chiaramente il dolore addominale senza causare gli effetti collaterali di dosi elevate di oppioidi".
Unità di ricerca sulle malattie gastrointestinali, Queen's University, Kingston, Canada.
Yu Y, et al. J Neurosci. 2022:JN-RM-0641-22.

Scienza/Animale: il CBD riduce il prurito nei cani con dermatite atopica
In uno studio controllato con placebo, ai cani con dermatite atopica sono stati somministrati 2 mg di CBD e CBD-acido per chilogrammo di peso corporeo o un placebo per 4 settimane. La combinazione di CBD e CBD-acido ha ridotto il prurito ma non ha migliorato le lesioni cutanee.
Animal Dermatology and Allergy Specialists, Wayne, NJ, USA.
Loewinger M, et al. Vet Dermatol. 2022;33(4):329-e77.

Scienza/Umana: Molti malati di cancro usano la cannabis
Secondo un sondaggio condotto su 153 pazienti oncologici, il 25% ha riferito di aver fatto uso di cannabinoidi per scopi medici e il 50% ne fa attualmente uso. Inoltre, il 18% dei non consumatori pensa di utilizzare la cannabis in futuro.
Dipartimento di Oncologia Medica, Dipartimento di Medicina Interna, Centro Medico Universitario di Maastricht, Paesi Bassi.
Oelen Y, et al. J Cancer Res Clin Oncol. 2022 Jul 2. [in press].

Scienza/Animale: il CBD riduce i danni a certe cellule nervose in un modello animale del morbo di Parkinson
In un modello murino del morbo di Parkinson, il CBD ha migliorato la disfunzione cognitiva e aumentato il movimento spontaneo inibendo la morte cellulare programmata di alcune cellule nervose (neuroni della dopamina) e inibendo e infiammando le cellule nervose.
Istituto di tecnologia agricola e alimentare, Accademia di scienze agricole di Jilin, Changchun, Cina.
Wang L, et al. Neuroscience. 2022:S0306-4522(22)00339-6.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.