[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 30 Maggio 2022

Scienza/Umana: Secondo uno studio aperto, la cannabis può essere utile contro il dolore da cancro

In uno studio aperto su 24 pazienti affetti da cancro, che hanno ricevuto capsule con polvere di foglie di cannabis tradizionale, i ricercatori hanno osservato miglioramenti nel dolore e nella qualità della vita. Lo studio è stato condotto dal Dipartimento di Dravyaguna del GJ Patel Institute of Ayurvedic Studies and Research di New Vallabhvidyanagar nello stato del Gujarat, in India. I partecipanti hanno ricevuto la polvere in una dose di 250 mg tre volte al giorno e 50 ml di latte vaccino e 4 g di zucchero cristallino per 4 settimane.

È stata riscontrata una riduzione significativa del dolore sulle 3 scale testate e un miglioramento su una scala che misura l'ansia e la depressione, oltre a un miglioramento della qualità della vita. Gli autori hanno concluso che "la polvere di Jalaprakshalana Shodhita Bhanga, alla dose di 250 mg tre volte al giorno, allevia in modo significativo il dolore, l'ansia e la depressione indotti dal cancro e non causa alcun effetto avverso importante né sintomi di astinenza durante il periodo di prova".

Tavhare SD, Acharya R, Reddy RG, Dhiman KS. Management of chronic pain with Jalaprakshalana (water-wash) Shodhita (processed) Bhanga (Cannabis sativa L.) in cancer patients with deprived quality of life: An open-label single arm clinical trial. Ayu. 2019;40(1):34-43.

Scienza/Umana: La cannabis può migliorare ansia e depressione secondo uno studio retrospettivo

Secondo uno studio retrospettivo su 7362 pazienti, l'uso di cannabis ha migliorato l'ansia e la depressione nel tempo. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Harvest Medicine di Calgary, Canada. I pazienti inclusi nello studio avevano almeno 18 anni di età e hanno completato questionari validati per l'ansia e la depressione alla valutazione iniziale e ad almeno una visita di follow-up.

Ci sono stati miglioramenti statisticamente significativi tra i punteggi al basale e al follow-up per entrambi i questionari, con miglioramenti maggiori per i pazienti che cercavano attivamente la cannabis terapeutica per trattare l'ansia o la depressione. A partire da 12 mesi, i pazienti che riferivano ansia hanno avuto una diminuzione media dei punteggi dell'ansia superiore alla differenza minima clinicamente importante di 4, e lo stesso è stato visto per i pazienti che riferivano depressione a partire da 18 mesi, con una diminuzione media dei punteggi della depressione superiore alla differenza minima clinicamente importante di 5. Gli autori hanno concluso che questo "studio fornisce alcune prove a sostegno dell'efficacia della cannabis medica come trattamento dell'ansia e della depressione".

Sachedin F, Chan C, Damji RS, de Sanctis OJ. Medical cannabis use in Canada and its impact on anxiety and depression: A retrospective study. Psychiatry Res 2022;313:114573.

Scienza/Umana: La crema al CBD può essere utile nella psoriasi

Secondo uno studio controllato con placebo condotto su 51 pazienti affetti da psoriasi lieve a placche, l'uso di un unguento con CBD al 2,5% ha ridotto i sintomi. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Divisione di Dermatologia della Facoltà di Medicina dell'Università Chulalongkorn di Bangkok, in Tailandia, e di altre università thailandesi. La crema al CBD e il placebo sono stati applicati due volte al giorno.

Le regioni della pelle trattate con il CBD hanno mostrato miglioramenti significativi rispetto alle aree trattate con il placebo. Gli autori hanno concluso che questi "risultati indicano una tendenza di risposta favorevole nel trattamento con CBD, che è emerso come opzione terapeutica per la psoriasi".

Puaratanaarunkon T, Sittisaksomjai S, Sivapornpan N, Pongcharoen P, Chakkavittumrong P, Ingkaninan K, Temkitthawon P, Promgool T, Waranuch N, Asawanonda P. Topical cannabidiol-based treatment for psoriasis: A dual-centre randomized placebo-controlled study. J EUR Acad Dermatol Venereol. 2022 May 10. [in stampa].

Scienza/Umana: I preparati di cannabis possono essere utili nel morbo di Parkinson

Secondo un sondaggio anonimo condotto su 1881 persone con malattia di Parkinson, diversi preparati a base di cannabis hanno migliorato i sintomi. Lo studio è stato condotto da ricercatori del Dipartimento di Neurologia dell'Università del Colorado Anschutz Medical Campus di Aurora, USA.

Il 73,0% degli intervistati ha riferito un uso terapeutico, anche se il 30,8% non ha informato il proprio medico. Il 54,6% ha assunto una quantità maggiore di CBD, il 30,2% una quantità maggiore di THC e il 15,2% ha assunto prodotti con quantità simili di THC e CBD. L'uso più comune era la somministrazione orale, una volta al giorno, per meno di sei mesi. Sono stati riportati frequenti miglioramenti per il dolore, l'ansia, l'agitazione e il sonno. Gli utilizzatori di THC più elevato hanno riportato miglioramenti più frequenti nella depressione, nell'ansia e nel tremore, e un peggioramento più frequente nella secchezza delle fauci rispetto ad altri prodotti.

Holden SK, Domen CH, Sillau S, Liu Y, Leehey MA. Higher Risk, Higher Reward? Self-Reported Effects of Real-World Cannabis Use in Parkinson's Disease. Mov Disord Clin Pract. 2022;9(3):340-350.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nei disturbi del sonno secondo un piccolo studio

In un'analisi retrospettiva di 38 pazienti che hanno usato cannabis per i disturbi del sonno, circa il 70% ha riportato un miglioramento. Lo studio è stato condotto da ricercatori del Dipartimento di Farmacia del Children's Hospital of Eastern Ontario di Ottawa, Canada.

Al momento della raccolta dei dati, 15 pazienti (39%) sono stati in grado di ridurre o interrompere completamente la prescrizione di un farmaco indicato per il sonno. Al follow-up, 27 pazienti (71%) hanno riferito un miglioramento soggettivo del sonno o delle condizioni ad esso correlate. Solo 8 pazienti (21%) hanno riportato effetti avversi dall'uso di cannabis terapeutica.

Vaillancourt R, Gallagher S, Cameron JD, Dhalla R. Cannabis use in patients with insomnia and sleep disorders: Retrospective chart review. Can Pharm J (Ott). 2022;155(3):175-180.

Scienza/Umana: I consumatori di cannabis con lesioni cerebrali traumatiche hanno un rischio minore di ictus rispetto ai non consumatori

L'American College of Surgeons Trauma Quality Improvement Program è stato utilizzato per identificare i pazienti adulti con gravi lesioni cerebrali traumatiche nel 2017. Un totale di 13.266 pazienti ha soddisfatto i criteri di inclusione, di cui 1669 sono risultati positivi al THC. Un totale di 1377 pazienti positivi al THC sono stati abbinati a 1377 pazienti negativi al THC. I dati sono stati analizzati dai ricercatori del Dipartimento di Chirurgia della Tulane University School of Medicine di New Orleans, USA.

Non sono state riscontrate differenze significative negli esiti ospedalieri, tra cui mortalità, durata della degenza, arresto cardiaco, embolia polmonare, trombosi venosa profonda o sindrome da distress respiratorio acuto.
I pazienti positivi al THC avevano tassi significativamente ridotti di ictus emorragico.

Ali A, Tatum D, Olubowale OO, McGrew PR, Duchesne J, Taghavi S. Thromboembolic Outcomes in Tetrahydrocannabinol-Positive Trauma Patients With Traumatic Brain Injury. J Surg Res. 2022;275:194-202.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile per il trattamento della nausea in gravidanza

Secondo un'indagine condotta su 550 donne affette da iperemesi gravidica (grave nausea durante la gravidanza), la cannabis può ridurre i sintomi. L'84% ha sperimentato una perdita di peso durante la gravidanza; il 96% ha riferito di aver usato antiemetici prescritti e il 14% ha riferito di aver fatto uso di cannabis contro la nausea. L'indagine è stata condotta dai ricercatori della Hyperemesis Education and Research Foundation, Clackamas, USA.

La maggior parte degli intervistati ha riferito di usare la cannabis (71%) perché gli antiemetici prescritti erano stati dichiarati inefficaci. Più della metà dei consumatori di cannabis ha riferito di usare i prodotti quotidianamente o più volte al giorno (53%), principalmente attraverso l'inalazione di fumo (59%), e di preferire preparazioni a base di solo THC o a prevalenza di THC. L'82% dei consumatori di cannabis ha riferito un sollievo dai sintomi, rispetto al 60% dei consumatori di antiemetici da prescrizione.

First OK, MacGibbon KW, Cahill CM, Cooper ZD, Gelberg L, Cortessis VK, Mullin PM, Fejzo MS. Patterns of Use and Self-reported Effectiveness of Cannabis for Hyperemesis Gravidarum. Geburtshilfe Frauenheilkd. 2022;82(5):517-527.

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis nello stato di Washington è stata associata a una riduzione del consumo di alcol e tabacco nei giovani.

Secondo un'analisi di 6 ondate annuali di dati di indagini trasversali su un campione di 12.694 giovani in tutto lo stato dal 2014 al 2019, c'è stato un calo nell'uso di alcol e tabacco dopo la legalizzazione. L'indagine è stata condotta dai ricercatori del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell'Università di Washington a Seattle, USA.

La prevalenza dell'uso di alcolici nell'ultimo mese, del consumo episodico pesante e dell'uso di sigarette e la prevalenza dell'abuso di antidolorifici nell'ultimo anno sono diminuite, mentre la prevalenza dell'uso di sigarette elettroniche nell'ultimo mese è aumentata dal 2016. Gli autori hanno scritto che "contrariamente alle preoccupazioni sugli effetti di ricaduta, l'implementazione della cannabis non medica legalizzata ha coinciso con la diminuzione del consumo di alcol e sigarette e dell'abuso di antidolorifici".

Fleming CB, Ramirez JJ, Rhew IC, Hultgren BA, Hanson KG, Larimer ME, Dilley JA, Kilmer JR, Guttmannova K. Trends in Alcohol, Cigarette, E-Cigarette, and Nonprescribed Pain Reliever Use Among Young Adults in Washington State After Legalization of Nonmedical Cannabis. J Adolesc Health. 2022 May 9:S1054-139X(22)00374-3.

Scienza/Umana: Molti pazienti con patologie agli arti superiori usano cannabis in Canada

Nel 2018, i ricercatori del Dipartimento di chirurgia ortopedica dell'Università di Saskatchewan, in Canada, hanno condotto un'indagine su 1561 pazienti con patologie dell'arto superiore presso 7 centri chirurgici. Ai partecipanti è stato chiesto se facessero attualmente uso di cannabis. In caso affermativo, sono state poste domande sulle modalità di utilizzo.

Nei 6 mesi successivi alla legalizzazione, 790 (51%) partecipanti ritenevano che la cannabis fosse più sicura dei narcotici da prescrizione, e 450 (29%) ne facevano attualmente uso. Le ragioni del consumo di cannabis includevano il dolore (56%), lo stress (51%) e la ricreazione (42%). Dei 1105 pazienti che non usano cannabis, 267 (24%) erano più propensi a prenderla in considerazione dopo la legalizzazione.

Sims L, Goetz T, White N, Badre A, Grammon B, Trenholm A, Strelzow J, Grewal R, Wrist Evaluation Canada. Modelli di consumo di cannabis tra i pazienti con patologie degli arti superiori al momento della legalizzazione in Canada. Can J Surg. 2022;65(3):E335-E341.

Notizie in breve

Thailandia: Il governo distribuirà gratuitamente 1 milione di piante di cannabis ai suoi cittadini
A partire dal 9 giugno, la coltivazione della cannabis come "coltura domestica" diventerà legale in Thailandia, purché sia usata per "scopi medici", secondo la CNN. I cittadini potranno anche coltivare la pianta come "impresa commerciale su piccola scala". Il governo thailandese distribuirà piante di cannabis per celebrare l'abolizione delle restrizioni sul possesso e la coltivazione di cannabis, ha annunciato il ministro della Sanità pubblica Anutin Charnvirakul.
Desert News del 17 maggio 2022.

Spagna: La legalizzazione della cannabis medica avanza nel Paese
La Sottocommissione della Commissione Salute e Consumo ha avuto la sua quinta e ultima sessione, il che significa che è in "stato di condanna". Ora, dopo aver ascoltato le presentazioni di 23 esperti (a favore e contro la legalizzazione in Spagna) e aver analizzato l'esperienza di altri Paesi dell'Unione EURopea con la cannabis, i deputati dovranno discutere le informazioni ricevute e presentare una proposta per regolamentare la cannabis medica entro la fine di giugno. Carola Pérez, presidente dell'Osservatorio Spagnolo della Cannabis Medica (OECM), in qualità di Presidente del Consiglio dei Pazienti IACM ha dichiarato: "I pazienti devono essere nelle mani dello Stato e dei medici, non dei narcos".
El Planteo del 10 maggio 2022

Scienza/Cellule: Estratti di CBD mostrano attività antibatterica contro la salmonella
Un nuovo studio ha rilevato l'attività antibatterica del CBD contro l'esposizione di Salmonella newington e S. typhimurium attraverso saggi biologici, cinetica batterica e microscopia a fluorescenza.
Programma di microbiologia, College of Science, Technology, Engineering, and Mathematics (C-STEM), Alabama State University, Montgomery, USA.
Gildea L, et al. Molecules. 2022;27(9):2669.

Scienza/Cellule: THC e CBD alleviano l'infiammazione da tempesta di citochine
Una nuova ricerca ha rivelato che il CBD e, per la prima volta, il THC hanno inibito significativamente l'infiammazione attraverso la riduzione dei livelli di IL-1 beta nei macrofagi (una forma di globuli bianchi) e nelle cellule epiteliali bronchiali umane. Il CBD e il THC hanno ridotto significativamente i livelli delle citochine pro-infiammatorie IL-6, IL-8 e del fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α) dopo il trattamento con LPS in queste cellule.
Dipartimento di Scienze Biologiche, Università di Lethbridge, Canada.
Suryavanshi SV, et al. Cells. 2022;11(9):1391.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis in gravidanza non ha effetti negativi su madri e neonati
In uno studio su 11.825 parti il consumo di cannabis non è stato associato a esiti negativi nelle madri e nei loro neonati.
Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia, Oregon Health & Science University, Portland, USA.
Greiner KS, et al. J Matern Fetal Neonatal Med. 2022;35(12):2286-2293.

Scienza/Umana: Circa il 9% dei canadesi coltiva cannabis in casa
Secondo un sondaggio condotto su oltre 10.000 consumatori canadesi di cannabis, quasi un consumatore canadese su dieci ha dichiarato di aver coltivato cannabis in casa nel 2020, con modesti aumenti dopo la legalizzazione e la maggior parte della coltivazione entro il limite non medico di quattro piante. La coltivazione domestica era meno comune nelle province in cui era vietata.
Scuola di Scienze della Salute Pubblica, Università di Waterloo, Canada.
Wadsworth E, et al. Addict Behav Rep. 2022;15:100423.

Scienza: Molti effetti del CBD coinvolgono i canali del potenziale recettoriale transiente (recettori vanilloidi)
Una revisione mostra che i canali del potenziale recettoriale transiente, chiamati anche recettori vanilloidi, mediano, almeno in parte, gli effetti del CBD su convulsioni, infiammazioni, cancro, dolore, acne e rilassamento dei vasi sanguigni.
Centro di ricerca farmaceutica, Istituto di tecnologia farmaceutica, Università di scienze mediche di Mashhad, Mashhad, Iran.
Etemad L, et al. Life Sci. 2022 Jul 1;300:120582. [in stampa]

Scienza/Umana: il sistema endocannabinoide svolge un ruolo nelle disfunzioni del gusto dei pazienti con malattia di Alzheimer
I risultati di una nuova ricerca condotta su pazienti hanno dimostrato che nei malati di Alzheimer e Parkinson si verificano cambiamenti volumetrici nelle regioni cerebrali associate all'olfatto e al gusto. È stato osservato che gli endocannabinoidi svolgono un ruolo in questi cambiamenti volumetrici e nelle disfunzioni olfattive e gustative dei pazienti.
Dipartimento di Anatomia, Facoltà di Medicina, Università di Kastamonu, Kastamonu, Turchia.
Petekkaya E, et al. J Clin Neurosci. 2022;100:52-58.

Scienza/Animale: CBD e THCV proteggono dalla neuropatia periferica causata dal paclitaxel
I cannabinoidi vegetali CBD (cannabidiolo) e THCV (tetraidrocannabivarina) proteggono dalla neuropatia periferica e dal dolore causati dall'agente chemioterapico paclitaxel in uno studio sui ratti.
College of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences, Florida A&M University, Tallahassee, USA.
Kumar Kalvala A, et al. Int Immunopharmacol. 2022 Jun;107:108693. [in stampa]

Scienza: Interazioni tra metilfenidato e cannabinoidi
THC e CBD possono avere un piccolo effetto sulla degradazione del metilfenidato e quindi aumentarne gli effetti
Università della Florida, USA.
Qian Y, et al. Drug Metab Dispos. 2022:DMD-AR-2021-000823.

Scienza/Umana: Il CBD non ha avuto alcun effetto sulla dispepsia funzionale in uno studio controllato con placebo
In uno studio controllato con placebo, il CBD alla dose di 20 mg per chilogrammo di peso corporeo non ha avuto alcun effetto sulla dispepsia funzionale.
Clinical Enteric Neuroscience and Translational and Epidemiological Research (CENTER), Divisione di Gastroenterologia ed Epatologia, USA.
Atieh J, et al. Am J Gastroenterol. 2022 maggio 9. [in stampa].

Scienza/Umana: Il CBD non ha avuto effetti sull'artrite in uno studio controllato con placebo
In uno studio controllato con placebo, il CBD in una dose da 20 a 30 mg al giorno non ha avuto alcun effetto sull'osteoartrite delle mani e sull'artrite psoriasica.
Dipartimento di Reumatologia, Ospedale Universitario di Aalborg, Danimarca.
Vela J, et al. Pain. 2022;163(6):1206-1214.

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore cannabinoide GPR55 può ridurre l'infiammazione del cervello e la depressione
L'insorgenza della depressione è solitamente accompagnata da neuroinfiammazione e neurogenesi adulta compromessa. L'attivazione del recettore GPR55 è associata a effetti antinfiammatori neuroprotettivi e "potrebbe essere un potenziale trattamento per la depressione".
Dipartimento di Medicina Integrativa e Neurobiologia, Scuola di Scienze Mediche di Base, Shanghai Medical College, Fudan University, Cina.
Shen SY, et al. Neurobiol Dis. 2022 Jul;169:105743. [in stampa]

Scienza/Umana: Il consumo pesante e cronico di cannabis non compromette la funzione motoria
Secondo uno studio condotto su 23 consumatori di cannabis con uso basso, moderato e pesante, il consumo di cannabis non è associato alla funzione motoria del cervello.
Dipartimento di Biofisica e Metodi di Risonanza Magnetica Clinica, Facoltà di Medicina di Fez, Marocco.
Boujraf S, et al. CNS Neurol Disord Drug Targets. 2022 maggio 16. [in stampa]

Scienza/Umana: Le minacce apprese sono associate a un aumento dei livelli ematici di endocannabinoidi
In uno studio condotto su volontari sani, i ricercatori hanno dimostrato che durante l'acquisizione di risposte alle minacce il livello dell'endocannabinoide anandamide aumenta nel sangue.
Dipartimento di Neuroscienze dei Sistemi, University Medical Center Hamburg-Eppendorf, Amburgo, Germania.
Weisser S, et al. Neuropsychopharmacology. 2022 maggio 13. [in stampa].

Scienza/Umana: L'attivazione del recettore 1 dei cannabinoidi può prevenire gli effetti negativi della metanfetamina
In uno studio condotto sui ratti, l'attivazione del recettore CB1 ha prevenuto gli effetti negativi di alte dosi di metanfetamina sulla cognizione e sul comportamento sociale.
Centro di ricerca sulla prevenzione dell'abuso di sostanze, Istituto di salute, Università di scienze mediche di Kermanshah, Iran.
Khodamoradi M, et al. Neurosci Lett. 2022;779:136634.

Scienza/Cellule: Il CBD può aumentare l'attività del sistema immunitario contro il nuovo coronavirus
Una ricerca condotta su cellule umane dimostra che "il CBD può stimolare i componenti del sistema immunitario innato, aumentando la prontezza di risposta alle infezioni virali di tipo RNA senza attivare l'apoptosi, e potrebbe essere studiato per un potenziale nella profilassi".
Università di Waterloo, Dipartimento di Kinesiologia e Scienze della Salute, Facoltà di Sanità, Waterloo, Canada.
Fernandes MF, et al. Life Sci. 2022;301:120624.

Scienza/Umana: Il CBD non ha migliorato i risultati del trattamento nei pazienti con disturbi d'ansia
In uno studio controllato con placebo su 80 pazienti, una dose giornaliera di 300 mg di CBD per via orale non ha migliorato i risultati del trattamento in pazienti con disturbi d'ansia.
Dipartimento di Psicologia sperimentale e Istituto Helmholtz, Facoltà di Scienze sociali e comportamentali, Università di Utrecht, Paesi Bassi.
Kwee CM, et al. EUR Neuropsychopharmacol. 2022;59:58-67.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.