""


[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 24 Ottobre 2021

Lussemburgo: Il governo vuole rendere il paese il primo in EURopa a legalizzare la coltivazione della cannabis

Gli adulti in Lussemburgo saranno autorizzati a coltivare fino a quattro piante di cannabis nelle loro case o giardini in base a leggi che ne faranno il primo paese in EURopa a legalizzare la produzione e il consumo della droga. L'annuncio del 22 ottobre da parte del governo lussemburghese introduce cambiamenti fondamentali nell'approccio del paese all'uso e alla coltivazione della cannabis a scopo ricreativo, alla luce del fallimento del proibizionismo come deterrente all'uso.

Il commercio di semi sarà anche permesso senza alcun limite sulla quantità o sui livelli di THC. Il governo ha annunciato che sarà possibile comprare i semi nei negozi, importarli o acquistarli online. C'è anche l'intenzione di permettere la produzione nazionale di semi per scopi commerciali, ma i piani per una catena di produzione nazionale e una distribuzione regolata dallo stato sono stati ritardati dalla pandemia di Covid. Il ministro della giustizia Sam Tanson ha descritto il cambiamento della legge sulla produzione e il consumo domestico come un primo passo. "Vogliamo fare tutto il possibile per allontanare sempre di più il mercato nero illegale".

The Guardian del 22 ottobre 2021

Svizzera: Il paese vuole legalizzare l'uso della cannabis per scopi medici e ricreativi

La Svizzera elaborerà un progetto di legge per la legalizzazione dell'uso della cannabis, dopo che una commissione parlamentare ha stabilito che la droga non dovrebbe più essere vietata. La produzione, la coltivazione, il commercio e il consumo di cannabis non saranno più vietati in Svizzera dopo che una commissione che indaga sulla droga ha detto che le leggi dovrebbero essere cambiate.

La Commissione per la sicurezza sociale e la salute del Consiglio degli Stati (SGK-S) ha detto che la cannabis dovrebbe essere regolata in Svizzera per controllare il "mercato della cannabis per una migliore protezione dei giovani e dei consumatori". L'obiettivo della SGK-S è di eliminare il mercato nero della droga in Svizzera. Un progetto di legge sarà ora elaborato dal parlamento svizzero. Cosa importante, sembra che non solo l'uso medico sarà permesso, ma anche l'uso ricreativo.

The Local del 19 ottobre 2021

Costa Rica: Il Congresso approva la legalizzazione della cannabis per uso medico

Il 19 ottobre il Congresso del Costa Rica ha approvato la legalizzazione della cannabis per scopi medici, nonostante l'opposizione dei gruppi conservatori e del presidente Carlos Alvarado che deve ancora mettere il suo timbro di approvazione sulla legge. La legge permette la produzione e la lavorazione della cannabis, ma non regola il suo uso ricreativo.

La legislatrice indipendente Zoila Volio, che ha appoggiato la legge e ha definito la mossa una pietra miliare, ha detto che non aprirà le porte all'aumento del consumo di droga in Costa Rica. "Confido che il presidente Alvarado l'abbia capito e non porrà il veto", ha detto Volio. Se Alvarado pone il veto alla legge, i legislatori dovrebbero votare di nuovo su di essa e approvarla con una maggioranza qualificata.

Reuters del 19 ottobre 2021

Scienza/Umana: Molti pazienti con ADHD usano la cannabis per trattare i loro sintomi

Secondo un sondaggio online con 1738 studenti da parte dei ricercatori della Washington State University di Pullman, USA, molte persone con ADHD usano la cannabis per automedicare molti dei loro sintomi. Il sondaggio conteneva misure dei sintomi dell'ADHD, dell'uso di cannabis, degli effetti percepiti della cannabis sull'ADHD e degli effetti collaterali dei farmaci.

I partecipanti con ADHD che hanno usato la cannabis hanno riferito che la cannabis ha effetti benefici acuti su molti sintomi dell'ADHD, inclusi iperattività e impulsività. Inoltre, essi hanno percepito che la cannabis migliora la maggior parte dei loro effetti collaterali dei farmaci, compresa l'irritabilità e l'ansia. Gli autori hanno concluso che i risultati suggeriscono che "le persone con ADHD possono usare la cannabis per automedicare molti dei loro sintomi e degli effetti collaterali dei farmaci e che un uso più frequente può mitigare le disfunzioni esecutive legate all'ADHD".

Stueber A, Cuttler C. Self-Reported Effects of Cannabis on ADHD Symptoms, ADHD Medication Side Effects, and ADHD-Related Executive Dysfunction. J Atten Disord. 2021 Oct 11:10870547211050949.

Scienza/Umana: Una combinazione di CBD e THC può essere utile nel cancro ai polmoni, secondo un case report

Secondo un case report dei ricercatori del Watford General Hospital e del Basildon and Thurrock University Hospitals, UK, una paziente di 80 anni con cancro ai polmoni, che ha rifiutato il trattamento convenzionale, è migliorata dopo l'assunzione di THC e CBD. All'insaputa dei suoi medici, scelse di autosomministrarsi un estratto contenente 21% CBD e 20% THC da 2 a 3 volte al giorno.

Scansioni CT seriali hanno mostrato che il suo cancro si è ridotto progressivamente da 41 mm a 10 mm in un periodo di 2,5 anni. Gli autori hanno notato che "l'uso dei cannabinoidi come potenziale trattamento del cancro giustifica ulteriori ricerche".

Liew KL, Capuano E, Yung B. Lung cancer patient who had declined conventional cancer treatment: could the self-administration of 'CBD oil' be contributing to the observed tumour regression? BMJ Case Rep. 2021;14(10):e244195.

Scienza/Umana: Molti consumatori di tabacco sono in grado di ridurre l'uso dopo l'inizio di un trattamento con la cannabis

I ricercatori di Social Dimensions of Health dell'Università di Victoria, Canada, e di altre università del Canada hanno esaminato l'impatto della cannabis medica sull'uso di tabacco/nicotina. In totale, l'indagine ha reclutato 2102 individui, di cui 650 erano attuali o ex consumatori di tabacco.

Dopo l'inizio dell'uso di cannabis terapeutica 320 (49%) consumatori di tabacco hanno auto-riportato riduzioni nell'uso, con 160 (24.6%) che non hanno riferito alcun uso di tabacco nei 30 giorni precedenti il sondaggio. Gli autori concludono che i risultati "di questo sondaggio retrospettivo sui consumatori di cannabis terapeutica suggeriscono che l'inizio dell'uso di cannabis terapeutica è stato associato a riduzioni e/o cessazione dell'uso di T/N in quasi la metà dei partecipanti allo studio."

Lucas P, Walsh Z, Hendricks PS, Boyd S, Milloy MJ. Self-reported reductions in tobacco and nicotine use following medical cannabis initiation: Results from a cross-sectional survey of authorized medical cannabis patients in Canada. J Subst Abuse Treat. 2021;130:108481.

Scienza/Umana: Le analisi genetiche non supportano fortemente una chiara relazione causale tra uso di cannabis e schizofrenia

Un team di ricercatori USA e UK della Yale University School of Medicine di New Haven, USA, e del King's College di Londra, UK, e di altre università suggeriscono che "la responsabilità genetica per il disturbo da uso di cannabis sembra essere robustamente associata alla schizofrenia (...) con prove miste a sostegno di una relazione causale tra disturbo da uso di cannabis e schizofrenia". Hanno usato la modellazione genomica dell'equazione strutturale, l'analisi delle variabili causali latenti e la randomizzazione mendeliana multivariabile per esaminare le relazioni genetiche tra il disturbo da uso di cannabis e la schizofrenia, tra gli altri.

Il disturbo da uso di cannabis era significativamente associato alla schizofrenia, ma i ricercatori "hanno trovato prove miste di una relazione causale, con l'analisi della variabile causale latente che non ha trovato alcuna prova di causalità (...), ma le analisi di randomizzazione mendeliana multivariabile che suggeriscono un significativo effetto di aumento del rischio" del disturbo da uso di cannabis sulla passività alla schizofrenia.

Johnson EC, Hatoum AS, Deak JD, Polimanti R, Murray RM, Edenberg HJ, Gelernter J, Di Forti M, Agrawal A. The relationship between cannabis and schizophrenia: a genetically informed perspective. Addiction. 2021;116(11):3227-3234.

Scienza/Umana: Molte pazienti con cancro al seno usano la cannabis per il sollievo dei sintomi

Più del 40% delle pazienti con cancro al seno degli USA hanno usato la cannabis per il sollievo dei sintomi. Questo è il risultato di un sondaggio anonimo online condotto da ricercatori della Pennsylvania, California, New York e Texas.

Di tutti i 612 partecipanti il 42% ha riferito di aver usato la cannabis per alleviare i sintomi, che includevano dolore (78%), insonnia (70%), ansia (57%), stress (51%), e nausea/vomito (46%). Circa la metà di questi partecipanti credeva che la cannabis potesse curare il cancro stesso. La maggior parte dei partecipanti ha usato la cannabis durante il trattamento attivo del cancro nonostante il potenziale di un evento avverso durante questo periodo vulnerabile.

Weiss MC, Hibbs JE, Buckley ME, Danese SR, Leitenberger A, Bollmann-Jenkins M, Meske SW, Aliano-Ruiz KE, McHugh TW, Larson SL, Le EH, Green NL, Gilman PB, Kaklamani VG), Chlebowski RT), Martinez DM. A Coala-T-Cannabis Survey Study of breast cancer patients' use of cannabis before, during, and after treatment. Cancer. 2021 Oct 12. [in stampa].

Notizie in breve

USA: Olivia Newton-John "si sente abbastanza bene" nella battaglia contro il cancro
La cantante e attrice 73enne ha dato un aggiornamento sulla sua salute il 20 ottobre nella sua battaglia contro un cancro al seno metastatico al quarto stadio. "In questo momento mi sento abbastanza bene", ha detto la star. "Ho i miei giorni, ho i miei dolori, ma la cannabis che mio marito coltiva per me è stata una parte enorme della mia guarigione, e quindi sono una persona davvero fortunata".
UPI del 20 ottobre 2021

USA: Una pluralità di Americani preferisce risiedere dove l'uso della cannabis è "completamente legale"
Quasi la metà (46%) degli intervistati ha una visione positiva del vivere in un luogo dove la cannabis è legale, mentre il 22% ha una visione negativa. Questo secondo un sondaggio Redfin dell'agosto 2021 su 1.023 residenti statunitensi che si sono trasferiti in una nuova casa nei 18 mesi precedenti il sondaggio.
Redfin del 18 ottobre 2021

Israele: La Knesset dà l'ok preliminare al disegno di legge per rendere più disponibile la cannabis medica
La Knesset ha approvato con un voto preliminare il 13 ottobre un disegno di legge che creerebbe importanti riforme nell'industria della cannabis medica in Israele, ed espanderebbe la sua facilità di accesso. Ra'am, il partito arabo della coalizione, che in precedenza si era opposto a una legge simile che avrebbe anche depenalizzato l'uso ricreativo della cannabis, ha votato a favore della legge proposta da MK Sharren Haskel del partito New Hope.
The Times of Israel del 13 ottobre 2021

Scienza/Cellule: I cannabinoidi inducono la morte cellulare nelle cellule del sarcoma di Ewing
I cannabinoidi inducono citotossicità nelle linee cellulari del sarcoma di Ewing, che potrebbe essere un potenziale bersaglio terapeutico per trattare il sarcoma di Ewing, che colpisce principalmente le ossa.
Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia, University of Arkansas for Medical Sciences, Little Rock, USA.
Shoeib AM, et al. Life Sci. 2021;285:119993.

Scienza/Animale: Il cannabicromene può essere utile nella sindrome da distress respiratorio acuto
In uno studio sui topi il cannabinoide vegetale CBG (cannabicromene) ha ridotto i sintomi della sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS). Ha invertito l'ipossia e ridotto l'infiammazione. Questo effetto può essere mediato attraverso i canali cationici a potenziale di recettore transitorio (TRP), TRPA1 e TRPV1.
Dipartimento di biologia orale e scienze diagnostiche, Dental College of Georgia, Augusta University, USA
Khodadadi H, et al. J Cannabis Res. 2021;3(1):45.

Scienza/Animale: Il beta-cariofillene induce la morte cellulare programmata nel cancro colorettale
In studi sui topi il beta-cariofillene, che si lega al recettore CB2, ha indotto l'apoptosi (morte cellulare programmata) e ridotto la costruzione di nuovi vasi sanguigni nel cancro colorettale.
Dipartimento di Scienze, Università di Tecnologia e Scienze Applicate, Oman.
Dahham SS, et al. Int J Mol Sci.2021;22(19):10550.

Scienza/Umana: Gli effetti del CBD possono dipendere da alcuni geni
In 169 bambini e adulti, che hanno ricevuto CBD nell'epilessia resistente al trattamento alcuni geni hanno influenzato l'efficacia. Gli autori hanno scritto che questi "risultati evidenziano il ruolo dei farmacogeni nei processi biologici fondamentali e le potenziali basi genetiche della resistenza al trattamento".
Dipartimento di Neurologia, Università dell'Alabama a Birmingham, USA.
Davis BH, et al. Clin Pharmacol Ther. 2021;110(5):1368-1380.

Scienza/Umana: Il cannabicromene (CBC) mostra concentrazioni plasmatiche più alte di THC e CBD dopo l'assunzione orale
In uno studio controllato con placebo su 43 persone sane, che hanno ricevuto diverse dosi orali di CBD, THC e CBC (cannabicromene) date insieme, il CBC ha dimostrato di raggiungere una biodisponibilità sistemica più alta di THC e CBD.
Canopy Growth Corporation, Smiths Falls, Canada.
Peters EN, et al. EUR J Clin Pharmacol. 2021 Oct 18. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso della cannabis è in aumento nei pazienti con cancro
In uno studio con 1022 pazienti con cancro e 19.702 persone, non hanno mai avuto il cancro, l'uso di cannabis era leggermente più basso in quelli senza una storia di cancro e l'uso di cannabis è generalmente in aumento nei sopravvissuti al cancro.
Department of Health Behavior & Policy, Virginia Commonwealth University, Richmond, USA.
Do EK, et al. Cancer. 2021;127(21):4040-4049.

Scienza/Animale: La segnalazione del recettore CB1 migliora i segni di astinenza da oppiacei
I modulatori allosterici positivi del recettore CB1 (PAM) migliorano la segnalazione del recettore CB1. In uno studio con topi dipendenti dall'ossicodone, un PAM ha migliorato i segni di astinenza.
Pharmacology & Toxicology, Virginia Commonwealth University, USA.
Dodu JC, et al. J Pharmacol Exp Ther. 2021:JPET-AR-2021-000723.

Scienza/Umana: La maggior parte degli oncologi pediatrici in Canada riconosce la cannabis per il controllo dei sintomi nei bambini con cancro
Secondo un sondaggio di 122 oncologi pediatrici e medici di cure palliative "un ruolo potenziale per la cannabis nel controllo dei sintomi nei bambini con cancro".
Dipartimento di Pediatria e Salute del Bambino, Università di Manitoba, Winnipeg, Canada.
Oberoi S, et al. Cancer Rep (Hoboken). 2021:e1551.

Scienza/Umana: Il CBD può esacerbare la mioclonia palpebrale nella sindrome di Jeavans
La sindrome di Jeavons è un'epilessia generalizzata genetica infantile. Secondo due casi il CBD dato per trattare l'epilessia in questo disturbo può esacerbare la mioclonia palpebrale concomitante.
Centro di Epilessia, Istituto Neurologico, Cleveland Clinic, USA.
Zawar I, et al. Epileptic Disord. 2021 Oct 7. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a minori rischi di obesità nelle persone infettate dal virus dell'epatite B
In uno studio su 3706 pazienti con infezione cronica da virus dell'epatite B (HBV) l'uso di cannabis è stato associato a un rischio inferiore del 59% di obesità centrale rispetto a nessun uso di cannabis nel corso della vita.
Aix Marseille Univ, INSERM, IRD, SESSTIM, Sciences Economiques & Sociales de la Santé & Traitement de l'Information Médicale, ISSPAM, Marsiglia, Francia.
Barré T, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 Oct 13. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis può normalizzare alcune aberrazioni della funzione nervosa nelle persone con HIV
In uno studio con 81 persone con HIV (PWH) sono stati raccolti dati di imaging cerebrale magnetoencefalografico. Gli autori hanno scritto che i loro "risultati forniscono la prova iniziale che l'uso di cannabis può normalizzare alcune aberrazioni neurali in PWH. Questo studio colma un'importante lacuna nella comprensione dell'impatto dell'uso di cannabis sul cervello e sulle funzioni cognitive nelle PWH".
Istituto di Neuroscienze Umane, Boys Town National Research Hospital, USA.
Christopher-Hayes NJ, et al. Hum Brain Mapp. 2021;42(16):5446-5457.

Scienza/Animale: La somministrazione di CBD è associata a cambiamenti metabolici
La somministrazione ripetuta di CBD a ratti giovani ha indotto "alterazioni significative in più marcatori metabolici analizzati in età adulta". I nostri risultati evidenziano la rilevanza del trattamento cronico con CBD nell'attività metabolica disturbata".
Escuela de Nutrición, División Ciencias de la Salud, Universidad Anáhuac Mayab Mérida, Yucatán, Messico.
Reyes-Cuapio E, et al. EUR J Pharmacol. 2021;910:174463.

Scienza/Umana: La cannabis non gioca un ruolo causale nel diabete di tipo 2
In un ampio studio l'uso di cannabis non ha avuto alcun effetto sul rischio di sviluppo del diabete di tipo 2.
Epidemiologia, LMU München, UNIKA-T Augsburg, Augsburg, Germania.
Baumeister SE, et al. Addict Biol. 2021;26(6):e13020.

Scienza/Animale: Una carenza del recettore CB1 nella pelle può portare ad un invecchiamento accelerato della pelle
Secondo uno studio sui topi la carenza del recettore CB1 nella pelle "può portare ad un invecchiamento accelerato della pelle a causa dell'aumento della produzione di ROS, una diminuzione delle difese antiossidanti e un ambiente pro-infiammatorio più elevato".
Centro di neuroscienze e biologia cellulare, Università di Coimbra, Portogallo.
Leal CE, et al. Exp Gerontol. 2021;154:111528.

Scienza: Il CBD può ridurre l'efficacia del disulfiram usato nel trattamento del cancro
Una nuova ricerca mostra che l'uso del CBD nei pazienti con cancro può ridurre gli effetti anticancro del disulfiram.
Istituto di Medicina Molecolare e Traslazionale, Facoltà di Medicina e Odontoiatria, Università Palacky, Olomouc, Repubblica Ceca.
Buchtova T, et al. Mol Oncol. 2021. [in stampa]

Scienza/Umana: Il CBD può esercitare effetti antinfiammatori in persone con disturbo da uso di cocaina
In uno studio controllato con placebo su 48 persone con disturbo da uso di cocaina, che hanno ricevuto CBD (800 mg) o placebo per 92 giorni, il CBD ha dimostrato di esercitare effetti antinfiammatori.
Facoltà di Medicina, Dipartimento di Psichiatria e Dipendenza, Université de Montréal, Canada.
Morissette F, et al. Neuropsychopharmacology. 2021;46(12):2101-2111.

Scienza/Animale: Il recettore dei cannabinoidi GPR55 può essere un bersaglio per il trattamento del disturbo da uso di nicotina
Secondo i risultati di uno studio sui topi il recettore dei cannabinoidi GPR55 in una certa regione del cervello (nucleo accumbens) "gioca un ruolo specifico nel bloccare il comportamento della nicotina-CPP e potrebbe essere un potenziale bersaglio per il trattamento del disturbo da uso di nicotina".
Precision Pharmacy & Drug Development Center, Dipartimento di Farmacia, Tangdu Hospital, Air Force Medical University, Xi'an, Cina.
Liu Q, et al. Psychopharmacology (Berl). 2021 Oct 14. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD può prevenire l'infiammazione innescata dal coronavirus
Uno studio con le cellule mostra che il CBD può prevenire il danno epiteliale e la risposta iperinfiammatoria innescata dalla proteina spike SARS-CoV-2.
Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia, Sapienza Università di Roma, Italia.
Corpetti C, et al. Phytother Res. 2021 Oct 12. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.