[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 27 Maggio 2021

Giappone: Il governo prevede di permettere medicine contenenti cannabis

Il Giappone ha leggi sulle droghe molto severe. Anche la cannabis in tutte le sue forme è assolutamente proibita, il che è comunque un problema soprattutto per i medici. Per questo motivo, la regolamentazione delle droghe deve essere allentata. Alcuni mesi fa, il governo giapponese ha istituito un comitato per discutere un adeguamento della proibizione della cannabis. Oltre all'inasprimento delle leggi, si è discusso se la cannabis possa essere permessa come sostanza in medicina.

Secondo i rapporti iniziali, il Ministero della Salute ha deciso a favore e vuole permettereper la prima volta la cannabis come sostanza medicinale. Se il permesso per l'approvazione di tali farmaci sarà effettivamente approvato, il Giappone dovrà cambiare le sue leggi sulle droghe, dato che finora né la produzione né l'importazione di farmaci contenenti cannabis sono legali. Fino a che punto il Giappone allenterà le leggi nel processo non è ancora certo.

Sumikai del 15 maggio 2021

USA: L'uso medico di preparati di cannabis per via orale diventa legale in Alabama

Una nuova legge permette ai pazienti registrati dallo stato di possedere fino a "70 dosi giornaliere" di cannabis medica alla volta. Le dosi di prodotti di cannabis autorizzati saranno limitate ad un massimo di 50 milligrammi per i primi 90 giorni. I medici potranno aumentare questo dosaggio a 75 milligrammi dopo 90 giorni. La legge non permette ai pazienti di accedere ai fiori di cannabis. Piuttosto, le formulazioni di cannabis medica devono essere sotto forma di: "compresse, capsule, tinture o cubetti di gel per uso orale; gel, oli o creme per uso topico, o supposte, cerotti transdermici, nebulizzatori, o liquidi o oli per uso in inalatore." Queste restrizioni sono piuttosto insolite per le leggi sulla cannabis medica negli USA.

Per qualificarsi a partecipare al programma, i pazienti devono essere diagnosticati con una delle 15 condizioni ammissibili, tra cui dolore cronico, epilessia, depressione, nausea per cause diverse, sclerosi multipla, disturbo dello spettro autistico, malattia di Crohn, disturbo post-traumatico da stress, sindrome di Tourette e malattia di Parkinson.

NORML del 20 maggio 2021

Scienza/Umana: L'autorizzazione all'uso della cannabis ha ridotto il consumo di oppioidi

L'autorizzazione all'uso della cannabis ha portato ad una riduzione dell'uso di oppioidi in un campione di 5373 consumatori regolari di oppioidi nella provincia canadese di Alberta. Questo è il risultato di una ricerca del Li Ka Shing Centre for Health Research Innovation dell'Università di Alberta a Edmonton, Canada. Tutti i pazienti adulti definiti come consumatori cronici di oppioidi che sono stati autorizzati alla cannabis medica dal loro fornitore di assistenza sanitaria in Alberta, Canada, dal 2013 al 2018, sono stati confrontati con controlli di consumatori cronici di oppioidi non autorizzati.

L'età media era di 52 anni e il 54% erano donne. I pazienti con basse dosi di oppioidi hanno avuto un aumento della loro dose settimanale di oppioidi per settimana, mentre i consumatori di dosi più alte, hanno mostrato una significativa diminuzione per 6 mesi rispetto ai controlli. Gli autori hanno concluso che "questo studio a breve termine ha trovato che l'autorizzazione della cannabis medica ha mostrato effetti intermedi sull'uso di oppioidi, che dipendeva dall'uso iniziale di oppioidi. Le maggiori osservazioni di cambiamenti (...) sembrano essere in quei pazienti che erano su un alto dosaggio di oppioidi".

Lee C, Lin M, Martins KJB, Dyck JRB, Klarenbach S, Richer L, Jess E, Hanlon JG, Hyshka E, EURich DT. Opioid use in medical cannabis authorization adult patients from 2013 to 2018: Alberta, Canada. BMC Public Health 2021:21;843.

Scienza/Umana: La cannabis topica può essere utile nel trattamento delle ulcere venose delle gambe

In uno studio aperto su 14 pazienti che soffrivano di ulcere alle gambe resistenti al trattamento, la somministrazione locale di cannabis ha portato a miglioramenti significativi. I pazienti soffrivano di 16 ulcere alle gambe recalcitranti e sono stati trattati con farmaci topici a base di cannabis insieme a bendaggi compressivi, ogni due giorni, sia sul letto della ferita che sui tessuti perilesionali. La coorte aveva un'età media di 76 anni ed era medicalmente complessa.

La chiusura completa della ferita, definita come completamente epitelizzata, è stata raggiunta tra 11 pazienti (79%) e 13 ferite (81%) entro una mediana di 34 giorni. Tutti e tre i pazienti rimanenti hanno dimostrato tendenze progressive di guarigione, ma sono stati persi al follow-up. I trattamenti sono stati ben tollerati e non sono state riscontrate reazioni avverse significative. Gli autori della Divisione di Cure Palliative dell'Università di Toronto, Canada, hanno concluso che "la rapida chiusura delle ferite di ulcere venose delle gambe precedentemente non guarite tra pazienti anziani e altamente complessi suggerisce che i farmaci topici a base di cannabis possono diventare efficaci coadiuvanti in combinazione con la terapia compressiva."

Maida V, Shi RB, Fazzari FGT, Zomparelli L. Topical Cannabis-Based Medicines - A Novel Adjuvant Treatment for Venous Leg Ulcers: An Open-Label Trial. Exp Dermatol. 2021 May 19. [in stampa].

Scienza/Umana: Il THC può migliorare la perfusione in pazienti con malattie vascolari dell'occhio

In uno studio controllato con placebo su 24 soggetti sani, che hanno ricevuto 5 mg di THC per via orale o un placebo, il THC ha migliorato il flusso di sangue nella retina. Questo è il risultato presentato dai ricercatori del Dipartimento di Farmacologia Clinica dell'Università Medica di Vienna, Austria.

Il placebo non aveva alcun effetto sul flusso sanguigno totale nella retina e sul contenuto di ossigeno venoso retinico. Al contrario, il THC induceva un aumento significativo del flusso sanguigno retinico da una media di 39 microlitri al minuto a 41 microlitri al minuto, che era accompagnato da un aumento significativo del contenuto di ossigeno venoso retinico (da una media di 0.129 a 0.132 mL di ossigeno per millilitro. Gli autori hanno concluso che il "farmaco può quindi essere un candidato per migliorare la perfusione nei pazienti con malattia vascolare oculare".

Hommer N, Schmidl D, Kallab M, Bauer M, Werkmeister RM, Schmetterer L, Abensperg-Traun M, Garhöfer G. The Effect of Orally Administered Low-Dose Dronabinol on Retinal Blood Flow and Oxygen Metabolism in Healthy Subjects. J Ocul Pharmacol Ther. 2021 May 17. [in stampa].

Scienza/Umana: Molti pazienti credono che il CBD possa essere utile per ridurre il dolore

In un sondaggio con 253 partecipanti, la maggioranza ha risposto che il CBD aiuta con il loro dolore (59%) e permette loro di ridurre i loro farmaci per il dolore (67%). L'indagine è stata condotta dalla Clinical Research di Vitamed Research a Palm Desert, USA. Tra i partecipanti, il 62% ha riferito di aver provato un prodotto a base di CBD [compresi i prodotti contenenti THC].

Hanno riferito di credere che il CBD sia una buona opzione di trattamento (71%), non dannoso (75%), e non crea dipendenza (65%). Circa la metà dei partecipanti (52%) ha riferito che sarebbe più a suo agio con il proprio medico che prescrive prodotti CBD. L'atteggiamento generale e l'esperienza dei partecipanti riguardo al CBD è riportato come positivo, mentre il 92% delle persone ha espresso il desiderio di saperne di più.

Schilling JM, Hughes CG, Wallace MS, Sexton M, Backing M, Moeller-Bertram T. Cannabidiol as a Treatment for Chronic Pain: A Survey of Patients' Perspectives and Attitudes. J Pain Res. 2021;14:1241-1250.

Notizie in breve

IACM: Alcuni nuovi articoli di ricerca in Cannabis e ricerca sui cannabinoidi
Khodadadi H, et al. Cannabidiol Modulates Cytokine Storm in Acute Respiratory Distress Syndrome Induced by Simulated Viral Infection Using Synthetic RNA
Purcell C, et al. Reduction of Benzodiazepine Use in Patients Prescribed Medical Cannabis
Schlienz NJ, et al. A Cross-Sectional and Prospective Comparison of Medicinal Cannabis Users and Controls on Self-Reported Health
Nichols JM, et al. Immune Responses Regulated by Cannabidiol
Wright M, et al. Use of Cannabidiol for the Treatment of Anxiety: A Short Synthesis of Pre-Clinical and Clinical Evidence

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nelle cure palliative di fine vita
In un sondaggio tra 342 pazienti, che erano malati terminali e ricevevano cure palliative o hospice, "l'uso di cannabis può funzionare come un'alternativa alle forme di sostegno delle cure come l'hospice".
Dipartimento di gestione e politica sanitaria, Iowa City, USA.
Croker JA 3rd, Bobitt J, et al. am J Hosp Palliat Care. 2021:10499091211018655.< /a>

Economia: Tilray e Aphria si fondono nella più grande azienda di cannabis del mondo
Gli azionisti di Tilray approvano la fusione con Aphria, creando la più grande società di cannabis del mondo per fatturato
MarketWatch del 2 maggio 2021

Marocco: Il paese vuole esportare la cannabis per uso medico principalmente in EURopa
Il ministero dell'interno del Marocco ha sviluppato uno studio che mostra l'interesse del paese a dare la priorità al mercato EURopeo per quanto riguarda la fornitura di cannabis medica.
Morocco World News Marocco del 5 maggio 2021

Zimbabwe: il governo annuncia le linee guida per la produzione di cannabis medicinale
Le leggi della nazione dell'Africa meridionale permettono solo la coltivazione di cannabis per usi medici e scientifici. I cittadini dello Zimbabwe sono stati autorizzati a richiedere licenze per coltivare cannabis per scopi medici e di ricerca da aprile 2018, ma il processo per mettere in atto le leggi che regolano le imprese è stato lento.
Bulawayo del 13 maggio 2021

Scienza/Cellule: CBDV e CBG hanno effetti protettivi sulla barriera emato-encefalica
Una nuova ricerca mostra che il CBG (cannabigerolo) e il CBDV (cannabidivarina) sono protettivi contro le lesioni della barriera emato-encefalica dovute alla riduzione dell'apporto di sangue, che può accadere nell'ictus e secondo gli autori "garantiscono ulteriori indagini su questi composti nell'ictus ischemico.
Divisione di Scienze Mediche e Medicina d'Ingresso, Scuola di Medicina, Università di Nottingham, Royal Derby Hospital, Derby, Regno Unito.
Stone NL, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 Mar 17. [in stampa].

Scienza/Cellule: Il CBD protegge le cellule dell'intestino dall'infiammazione
In un modello cellulare di epitelio intestinale il CBD ha dimostrato di proteggere le cellule dall'infiammazione. Gli autori hanno scritto che la loro ricerca "mostra il cannabidiolo come il composto più promettente contro la condizione infiammatoria intestinale. ”
Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Università di Padova, Italia.
Cocetta V, et al. Front Pharmacol. 2021;12:641210.

Scienza: CBG mostra proprietà antibatteriche contro lo Streptococcus mutans
Lo Streptococcus mutans (S. mutans) è un batterio gram-positivo facultativamente anaerobico e il più comune patogeno associato alla carie. In un nuovo studio il CBG (cannabigerolo) ha mostrato effetti antibatterici contro questo batterio.
Istituto di Scienze Dentale, Università Ebraica di Gerusalemme, Israele.
Aqawi M, et al. Front Microbiol. 2021;12:656471.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis medica potrebbe non aumentare il rischio di ictus o infarto
Una meta-analisi degli studi disponibili mostra che l'uso di cannabis "era associato a tachicardia, ipotensione e ipotensione ortostatica. C'è una scarsità di dati per altri eventi cardiovascolari tra i consumatori di cannabis medica.
Dipartimento di Farmacoterapia, Scuola di Farmacia, Università dello Utah, Salt Lake City, USA.
Watanabe AH, et al. J Am Pharm Assoc (2003). 2021:S1544-3191(21)00111-4.

Scienza/Animale: Il CBD induce effetti anti-psicotici nei topi
Nei topi la somministrazione acuta di CBD "induce effetti acuti antipsicotici che durano per 24 ore".
Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Comportamentali, Scuola di Medicina di Ribeirão Preto, Università di San Paolo, Brasile.
Pedrazzi JFC, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2021:110352.

Scienza: Il sistema endocannabinoide può mediare l'effetto dei batteri intestinali sull'umore
Una nuova ricerca "suggerisce che la diversità microbica intestinale potrebbe contribuire all'anedonia/amotivazione attraverso il sistema endocannabinoide. Questi risultati fanno luce sui fondamenti biologici dell'anedonia/amotivazione e suggeriscono l'asse microbiota-endocannabinoide intestinale come un promettente obiettivo terapeutico in un'area di bisogno clinico insoddisfatto".
Dipartimento di Psichiatria, Università di Oxford, Regno Unito.
Minichino A, et al. Mol Psychiatry. 2021 maggio 17. [in stampa].

Scienza/Umana: L'uso di cannabis potrebbe non avere un effetto sull'ospedalizzazione nei giovani
Un'analisi dei dati di 1216 giovani ha mostrato "che l'uso quotidiano di cannabis non era associato all'ospedalizzazione tra (...) i giovani".
BC Centre on Substance Use, University of British Columbia, Vancouver, Canada.
Reddon H, et al. Harm Reduct J. 2021;18(1):53.

Scienza/Umana: Gli effetti avversi della cannabis non possono essere attribuiti solo a THC e CBD
In un'analisi di pazienti con cannabis, che hanno ricevuto diverse varietà di cannabis per il trattamento del dolore, il numero di effetti avversi a breve e lungo termine non era solo legato al THC e al CBD, ma altri composti della cannabis possono essere rilevanti.
Facoltà di Biologia, Technion-Israel Institute of Technology, Haifa, Israele.
Aviram J, et al. Pharmacol Res. 2021:105651.

Scienza/Animale: Il CBD può avere un effetto sull'anestesia con isoflurano
In uno studio sui ratti il CBD ha avuto un effetto dipendente dalla dose sul corso dell'anestesia con isoflurano e può ridurre il tempo di induzione.
Facoltà di Veterinaria, Istituto di Scienze Precliniche, Università di Lubiana, Slovenia.
Uric M, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 maggio 11. [in stampa].

Scienza/Umana: Diversi ceppi di cannabis erano ben tollerati nei pazienti con dolore
In un'analisi di 585 pazienti con dolore, che sono stati seguiti per 12 mesi, un miglioramento dei sintomi nel tempo "è stato osservato per il dolore, la stanchezza, la sonnolenza, l'ansia e il benessere. I pazienti autorizzati con prodotti a dominanza di THC hanno mostrato un minore miglioramento dei sintomi per l'ansia e il benessere rispetto a quelli autorizzati con prodotti a dominanza di CBD o bilanciati (THC:CBD). La cannabis medica è stata ben tollerata in tutti i profili dei prodotti. ”
Canopy Growth Corporation, Smiths Falls, Canada.
Kalaba M, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2021 maggio 10. [in stampa].

Scienza/Umana: Nessun effetto rilevante dell'uso di cannabis sugli esiti dopo un intervento chirurgico
In uno studio che includeva 606 consumatori di cannabis e 606 controlli, tutti sottoposti a chirurgia, "i risultati non dimostrano un'associazione convincente tra l'uso di cannabis auto-riferito e gli esiti chirurgici principali o la gestione del dolore. “
Michael G. DeGroote School of Medicine, McMaster University, Hamilton, Ontario, Canada.
Zhang BH, et al. Reg Anesth Pain Med. 2021:rapm-2021-102479.

Scienza/Animale: L'inattivazione del recettore CB2 accelera un modello murino di sclerosi laterale amiotrofica
Una nuova ricerca su un modello murino di sclerosi laterale amiotrofica suggerisce che l'attivazione del recettore CB2 può essere neuroprotettiva nella sclerosi laterale amiotrofica.
Instituto Universitario de Investigación en Neuroquímica, U niversidad Complutense, Madrid, Spagna.
Rodríguez-Cueto C, et al. Brain Pathol. 2021:e12972.

Scienza/Umana: I pazienti che soffrono di psicosi con una storia di uso di cannabis hanno migliori prestazioni neurocognitive
Uno studio su 30 pazienti con schizofrenia al primo episodio, che avevano una storia di uso di cannabis, aveva migliori prestazioni neurocognitive rispetto a 53 non consumatori di cannabis con schizofrenia al primo episodio.
Istituto di cure neuropsichiatriche, Praga, Repubblica Ceca.
Hájková M, et al. Cogn Neuropsychiatry. 2021:1-16.

Scienza: I cannabinoidi sono agenti antiossidanti
CBG, CBD, THC, CBN, CBGA, CBDA e THCA sono stati testati per quanto riguarda la loro attività antiossidante. Gli autori hanno scritto che i loro risultati "dimostrano che tutti i cannabinoidi esaminati mostrano un'attività antiossidante che si manifesta nella loro capacità di eliminare i radicali liberi, di prevenire il processo di ossidazione e di ridurre gli ioni metallici. ”
Dipartimento di Cromatografia, Istituto di Scienze Chimiche, Facoltà di Chimica, Università Maria Curie-Sklodowska di Lublino, Polonia.
Dawidowicz AL, et al. Fitoterapia. 2021;152:104915.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.