[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 29 Aprile 2021

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato ad una maggiore attività fisica secondo 2 studi

Due studi dal Regno Unito e dagli USA suggeriscono che l'uso di cannabis è positivamente associato all'attività fisica e all'esercizio fisico. Secondo una ricerca del Cambridge Centre for Sport and Exercise Science della Anglia Ruskin University, UK, su 15.822 partecipanti (età media: 37,5 anni) il consumo di cannabis era associato a un grado moderatamente più alto di attività fisica. Hanno concluso che "il consumo di cannabis era associato a livelli più alti di attività fisica e di tempo trascorso seduti. Quando si interviene per ridurre il consumo di cannabis nelle popolazioni statunitensi, può essere opportuno promuovere l'attività fisica e assicurare che l'attività fisica sia mantenuta una volta che il consumo di cannabis viene interrotto."

Questi risultati sono supportati dai dati del Center for Children and Families della Florida International University di Miami, USA. I partecipanti allo studio erano 387 adolescenti di 15-18 anni che hanno completato due valutazioni a 6 mesi di distanza. Più esercizio fisico al basale era associato con una maggiore frequenza di uso di cannabis (CU) al follow-up di 6 mesi. Gli autori hanno scritto che "contrariamente alle ipotesi, gli adolescenti che riportavano più esercizio fisico al basale hanno anche riportato una maggiore frequenza di CU nel nostro campione".

Pacheco-Colón I, Salamanca MJ, Coxe S, Hawes SW, Gonzalez R. Exercise, Decision-Making, and Cannabis-Related Outcomes among Adolescents. Subst Use Misuse. 2021:1-10.
Smith L, Sherratt F, Barnett Y, Cao C, Tully MA, Koyanagi A, Jacob L, Soysal P, López Sánchez GF, Shin JI, Yang L. Physical activity, sedentary behaviour and cannabis use in 15,822 US adults: cross-sectional analyses from NHANES. Public Health. 2021;193:76-82.

Scienza/Umana: I veterani di guerra negli USA preferiscono la cannabis agli oppioidi e alle benzodiazepine

Secondo un sondaggio dei ricercatori del College of Applied Health Sciences dell'Università dell'Illinois a Urbana Champaign, USA, con 514 veterani di 60 anni o più e 2758 non veterani i gruppi differivano nell'uso di cannabis, oppioidi e benzodiazepine. Entrambi i gruppi hanno riportato livelli simili di dolore, qualità della vita, soddisfazione sociale e qualità del sonno.

I veterani erano più propensi a usare la cannabis per condizioni di salute mentale, mentre hanno riferito un uso inferiore per condizioni legate al dolore rispetto ai non veterani. I veterani avevano meno probabilità di usare oppioidi e benzodiazepine rispetto ai non veterani. I veterani hanno anche riportato risultati desiderabili dell'uso di cannabis per il dolore, la qualità del sonno, le condizioni di salute e la qualità della vita. Gli autori concludono che il loro lavoro "fornisce spunti ai clinici e ai politici per considerare se la cannabis può essere una valida opzione per ridurre o sostituire l'uso di oppioidi e benzodiazepine da parte dei veterani anziani con condizioni di salute fisica e mentale croniche".

Kang H, Hunniecutt J, Quintero Silva L, Kaskie B, Bobitt J. Biopsychosocial factors and health outcomes associated with cannabis, opioids and benzodiazepines use among older veterans. Am J Drug Alcohol Abuse. 2021:1-11.

Scienza/Umana: Bassi livelli di THC possono aumentare la riduzione del dolore acuto da parte dell'idromorfone in adulti sani

In uno studio controllato con placebo su 29 adulti sani senza storia di disturbi da uso di droghe, 2.5 mg di THC hanno ridotto l'analgesia di 4 mg di idromorfone in diverse prove di dolore acuto e cronico, tra cui dolore termico, dolore da pressione e crema topica alla capsaicina al 10%. I partecipanti hanno ricevuto o idromorfone con placebo o 2.5 mg di THC, 5 mg di THC o 10 mg di THC. I farmaci sono stati somministrati per via orale.

L'idromorfone più 2.5 mg THC ha mostrato il più basso e l'idromorfone più 5 mg THC il più alto rischio di abuso. L'idromorfone più 10 mg di THC ha prodotto un alto tasso di effetti disforici. Solo l'idromorfone più 2.5 mg di THC ha migliorato modestamente l'analgesia a base di idromorfone, mentre l'idromorfone più 5 o 10 mg di THC ha aumentato il rischio di abuso e gli effetti avversi.

Dunn KE, Bergeria CL, Huhn AS, Speed TJ, Mun CJ, Vandrey R, Campbell CM. Within-subject, double-blinded, randomized, and placebo-controlled evaluation of the combined effects of the cannabinoid dronabinol and the opioid hydromorphone in a human laboratory pain model. Neuropsychopharmacology. 2021 Apr 20. [in stampa].

Scienza/Animale: Alcuni terpeni della cannabis migliorano gli effetti dei cannabinoidi

In studi sui topi, i ricercatori del Dipartimento di Farmacologia del College of Medicine dell'Università dell'Arizona a Tucson, USA, hanno riferito che gli studi sui topi hanno rivelato che alcuni terpeni della cannabis da soli e in combinazione con il cannabinoide sintetico WIN55,212 hanno mostrato effetti simili alla cannabis. Essi "hanno scoperto che i terpeni alfa-umulene, geraniolo, linalolo e beta-pinene hanno prodotto comportamenti da tetrade cannabinoide nei topi, suggerendo un'attività cannabimetica". Simile al THC questo cannabinoide si lega al recettore CB1 e CB2. Gli esperimenti sulle cellule hanno dimostrato che questi effetti del terpene erano mediati in parte dall'attivazione del recettore CB1 e in parte dall'attivazione di altri bersagli.

Gli autori hanno scritto che i loro "risultati suggeriscono che questi terpeni della Cannabis sono ligandi cannabimetici multifunzionali che forniscono supporto concettuale all'ipotesi dell'effetto entourage e potrebbero essere usati per migliorare le proprietà terapeutiche dei cannabinoidi".

LaVigne JE, Hecksel R, Keresztes A, Streicher JM. Cannabis sativa terpenes are cannabimimetic and selectively enhance cannabinoid activity. Sci Rep. 2021;11(1):8232..

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel prurito secondo un case report

I ricercatori del Dipartimento di Dermatologia della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, USA, hanno riportato un caso di successo nell'uso della cannabis medica per il trattamento del prurito cronico resistente al trattamento. Hanno osservato che "il prurito cronico è un sintomo debilitante che è associato a numerose malattie dermatologiche, neurologiche e sistemiche. È spesso resistente al trattamento e può causare una grave riduzione della qualità della vita".

Una donna, che ha sofferto di prurito per 10 anni, ha sperimentato un miglioramento significativo e sostenuto dopo l'inalazione di cannabis e l'uso di tinture di cannabis. Una misura della qualità della vita è migliorata da 17 a 1 nel corso di 20 mesi di trattamento con la cannabis. La paziente è stata in grado di interrompere tutti gli altri farmaci, che non erano molto efficaci. Gli autori hanno concluso che "questo case report evidenzia che la marijuana medica è un potenziale trattamento per il prurito cronico".

Roh YS, Sutaria N, Biles NF, Kwatra SG. Treatment of Chronic Pruritus With Medical Marijuana. JAMA Dermatol. 2021 Apr 9. [in stampa].

Notizie in breve

USA: La Virginia legalizza l'uso della cannabis da parte degli adulti
Il governatore della Virginia Ralph Northam ha firmato una legge che legalizza il semplice possesso di cannabis, rendendo lo stato il primo nel sud degli USA a permettere l'uso ricreativo della droga, ha detto il governatore. Nel tentativo di affrontare le disparità razziali nella persecuzione dei crimini legati alla cannabis, lo stato ha accelerato al 1 luglio la sua tabella di marcia per approvare la legislazione, invece di aspettare fino al 2024.
Reuters del 22 aprile 2021

USA: La Camera dei rappresentanti federale approva una legislazione che permetterebbe alle banche di lavorare con le compagnie di cannabis
La Camera dei Rappresentanti ha votato 321-101 il 19 aprile per approvare una legislazione che permetterebbe alle banche di fornire servizi alle aziende di cannabis negli stati dove è legale. Il disegno di legge afferma che i proventi delle attività legittime di cannabis non sarebbero considerati illegali e indirizza i regolatori federali a creare regole su come supervisionare tale attività bancaria. La legge si dirige ora al Senato.
Reuters del 20 aprile 2021

Africa/Europa: L'Unione EURopea permette alla compagnia del Lesotho di esportare cannabis per uso medico
La start-up MG Health del Lesotho è diventata il primo coltivatore africano di cannabis ad ottenere il permesso dell'Unione EURopea di esportare fiori di cannabis per uso medico. Il Lesotho ha contribuito ad aprire la strada al nascente settore legale della cannabis in Africa, che potrebbe valere più di 7,1 miliardi di dollari USA all'anno entro il 2023 se saranno introdotte nuove leggi, ha detto due anni fa l'African Cannabis Report.
Reuters del 16 aprile 2021

USA: I prodotti di cannabis possono non sempre contenere la quantità di THC e CBD elencata sulle loro etichette
I livelli di THC e CBD - possono variare ampiamente da quelli dichiarati dai distributori, avverte un nuovo studio. "La gente compra prodotti che pensa siano privi di THC ma che, in realtà, contengono una quantità significativa di THC", ha detto la ricercatrice Jodi Gilman, del Center for Addiction Medicine al Massachusetts General Hospital di Boston. E' particolarmente problematico quando il THC - l'ingrediente responsabile dello "sballo" della cannabis - si trova nella marijuana medica etichettata come "solo CBD", hanno detto gli autori dello studio in un comunicato stampa dell'ospedale.
UPI del 14 aprile 2021

USA: il 69% dei cittadini pensa che la cannabis dovrebbe essere legale negli Stati Uniti
Quasi 7 americani su 10 (69%) pensano che l'uso della cannabis dovrebbe essere reso legale negli Stati Uniti. I numeri tra gli elettori registrati sono simili (70%), e segnano un livello record di sostegno alla legalizzazione della cannabis da quando la Quinnipiac University ha iniziato i sondaggi su questo tema nel dicembre del 2012. A quel tempo, il 51% degli elettori registrati la sosteneva. 1.237 adulti statunitensi in tutta la nazione sono stati intervistati nell'aprile 2021.
Quinnipiac University del 15 aprile 2021

Svizzera: 5000 cittadini potranno usare la cannabis
E´ un test per osservare i pro e i contro della legalizzazione della cannabis ricreativa. Dal 15 maggio, e per un massimo di sette anni, 5000 svizzeri sopra i 18 anni potranno usare legalmente la cannabis. Dovranno rispettare alcune condizioni: devono essere già consumatori, accettare un follow-up e limitare il loro consumo. Secondo questo sviluppo questi studi permetteranno di valutare e documentare, in un quadro scientifico, i suoi effetti sulla salute dei consumatori e sulle abitudini di consumo.
Newsweed del 7 aprile 2021

Scienza: L'anandamide altera le proprietà di membrana dei batteri resistenti ai farmaci
Una nuova ricerca mostra che l'endocannabinoide anandamide altera le proprietà della membrana nello Staphylococcus aureus multiresistente ai farmaci (MRSA) e arresta la divisione cellulare.
Laboratorio di ricerca sul biofilm, Facoltà di medicina dentale, Università ebraica di Gerusalemme, Israele.
Banerjee S, et al. Sci Rep. 2021;11(1):8690.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è stato associato a effetti negativi in gravidanza
In uno studio su 4,83 milioni di madri che hanno partorito un figlio unico tra il 2001 e il 2012, un disturbo da uso di cannabis durante la gravidanza è stato associato a un piccolo ma significativo aumento di peso inferiore alla nascita, nascita pretermine e morte entro un anno dalla nascita.
Herbert Wertheim School of Public Health and Human Longevity Science, University of California San Diego, La Jolla, USA.
Shi Y, et al. Addiction. 2021 Apr 22. [in stampa].

Scienza/Cellule: L'attivazione del recettore CB2 induce apoptosi nelle cellule tumorali del colon
In uno studio con cellule di adenocarcinoma colorettale umano l'attivazione del recettore dei cannabinoidi-2 ha indotto l'apoptosi, una forma di morte cellulare programmata, in queste cellule tumorali.
Facoltà di Medicina Veterinaria, Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia, Università di Urmia, Iran.
Alenabi A, et al. Mol Cell Biochem. 2021 Apr 22. [in stampa].

Scienza/Umana: I fattori di stress della vita e i problemi di sonno predicono la probabilità di uso di cannabis negli adulti neri
In uno studio su 1508 persone i fattori di stress della vita, come i problemi finanziari e di sonno, erano predittivi della probabilità di consumo di cannabis nel corso della vita tra gli adulti neri con contatti con la giustizia penale.
City University of New York, Scuola di Scienze della Salute, Dipartimento di Lavoro Sociale, USA.
Archibald PC, et al. Ethn Dis. 2021;31(2):187-196.

Scienza/Animale: Il THC ma non il CBD aveva proprietà ansiolitiche
In uno studio sui topi il THC da solo ma non il CBD ha ridotto l'ansia nel cosiddetto labirinto elevato più, un test standard per l'ansia.
Dipartimento di Farmacologia e Tossicologia EpLink, The Epilepsy Research Program of the Ontario Brain Institute, Università di Toronto, Canada.
Liu J, et al. Behav Pharmacol. 2021 Apr 19. [in stampa].

Scienza: I derivati del THC possono essere efficaci contro il nuovo coronavirus
Composti strutturalmente modificati di idrossiclorochina, remdesivir e tetraidrocannabinolo sono risultati efficaci contro la proteasi principale della SARS-CoV-2.
Dipartimento di Chimica, SRM University, Delhi-NCR Sonepat, India.
Mishra D, et al. J Mol Liq. 2021:116185.

Scienza/Animale: Il THC durante la gravidanza dei ratti compromette la funzione del cuore
In studi sui ratti la somministrazione di THC durante la gravidanza ha avuto effetti negativi sulla salute cardiovascolare dopo la nascita.
Dipartimento di Fisiologia e Farmacologia, Western University, Londra, Canada.
Lee K, et al. Pediatr Res. 2021 Apr 20. [in stampa].

Scienza/Cellule: Il CBD può indurre l'odontogenesi e quindi essere utile in odontoiatria
In uno studio con cellule della polpa dentaria il CBD (cannabidiolo) ha indotto l'odontogenesi. Gli autori hanno scritto che il CBD ha il potenziale per sviluppare nuove terapie nel trattamento della polpa vitale in odontoiatria.
Laureato in Parodontologia, Scuola di Odontoiatria, Università di Detroit Mercy, Detroit, USA.
Qi X, et al. J Dent. 2021:103673.

Scienza/Cellule: Il CBD converte un driver della progressione del cancro in un soppressore tumorale nelle cellule di glioblastoma
Una nuova ricerca mostra che il CBD (cannabidiolo) può convertire una proteina, il fattore di trascrizione NFxB, che guida la progressione del cancro in molti tumori incluso il glioblastoma, in un soppressore tumorale.
Ricerca Neurochirurgica, Dipartimento di Neurochirurgia, Ospedale Universitario, LMU Monaco, Germania.
Volmar MNM, et al. Neuro Oncol. 2021:noab095.

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 riduce il dolore addominale indotto dalla colite
Il dolore addominale è un sintomo chiave delle malattie infiammatorie intestinali. Un nuovo studio dimostra che un cannabinoide sintetico (olorinab), che attiva il recettore CB2, riduce il dolore addominale dovuto all'infiammazione dell'intestino nei roditori.
Flinders University, Adelaide, Australia.
Castro J, et al. Pain. 2021 Apr 13. [in stampa].

Scienza/Animale: I semi di canapa possono migliorare i problemi renali dovuti all'ipercolesterolemia
I semi di canapa hanno migliorato la salute dei reni nei ratti con colesterolo alto. Gli autori hanno scritto che la canapa può avere "un potenziale terapeutico contro le nefropatie associate all'ipercolesterolemia e altri effetti sistemici".
Dipartimento di Biofisica, Panjab University, Chandigarh, India.
Kaur S, et al. Clin Biochem. 2021:S0009-9120(21)00111-9.

Scienza/Cellule: Il CBD può essere protettivo nella malattia di Parkinson
Il CBD ha protetto le cellule nervose dalla disfunzione dei mitocondri e ha mostrato altri effetti benefici. Gli autori hanno notato che "preso insieme, il cannabidiolo agisce come protettore nel PD".
Dipartimento di Radiologia, The First Affiliated Hospital of Kunming Medical University, Cina.
Kang S, et al. Front Cell Neurosci. 2021;15:654340.

Scienza/Cellule: Una combinazione di CBD e diidroartemisinina può essere utile nell'infiammazione
Una combinazione di CBD (cannabidiolo) e dihydroartemisininin può essere utile nel trattamento dell'infiammazione del sistema nervoso, come dimostra una ricerca sulle cellule della microglia.
Scuola di Chimica e Scienze Farmaceutiche, Guangxi Normal University, Guilin, Cina.
Wang F, et al. Bioorg Med Chem. 2021;39:116131.

Scienza/Umana: Molti pazienti con SM in Argentina usano cannabis
Un'indagine su 281 pazienti con sclerosi multipla dell'Argentina dimostra che il 34% ha usato cannabis nell'ultimo anno. Il 31% era attuale o ex-consumatore giornaliero. Il 42% degli utenti ha iniziato l'uso dopo la diagnosi di sclerosi multipla.
Unità di Neuroimmunologia, Dipartimento di Neuroscienze, Ospedale Alemán, Buenos Aires, Argentina.
Carnero Contentti E, et al. Mult Scler Relat Disord. 2021;51:102932.

Scienza/Umana: Il CBD non era efficace nel trattamento del dolore lombare in uno studio controllato
In uno studio su 100 pazienti affetti da lombalgia acuta, che hanno ricevuto 400 mg di CBD o placebo in aggiunta ai farmaci analgesici standard del dipartimento di emergenza, non c'è stata alcuna differenza tra CBD e placebo. Gli autori hanno notato che "il CBD non era superiore al placebo come farmaco aggiuntivo per alleviare la lombalgia acuta non traumatica".
Austin Health, Melbourne, Australia.
Bebee B, et al. Med J Aust. 2021 Apr 12. [in stampa].

Scienza/Animale: Gabatentin attenua l'astinenza da THC nei topi
Nei topi THC-dipendenti l'astinenza è stata precipitata bloccando il recettore CB1. L'astinenza era associata a tremori delle zampe e contrazioni della testa. Questi sintomi sono stati ridotti dalla somministrazione di gabapentin.
Dipartimento di medicina ambientale, University of Rochester School of Medicine & Dentistry, Rochester, USA.
Eckard ML, et al. Neuropharmacology. 2021:108554. [in stampa].

Scienza/Umana: Trattamento di successo delle convulsioni con CBD, dieta chetogenica e stimolazione del nervo vagale
Un bambino di 3 anni con epilessia multi-resistente ai farmaci dovuta ad asfissia durante la nascita è stato trattato con successo con una combinazione di dieta chetogenica, stimolazione del nervo vagale e cannabidiolo orale.
Ospedale Universitario Koc, Dipartimento di Pediatria, Istanbul, Turchia.
Coskun Y, et al. Int J Neurosci. 2021:1-5.

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 riduce la lesione dell'ovaio dopo la riduzione dell'apporto di sangue
L'attivazione del recettore CB2 da parte di un cannabinoide sintetico (JWH-133) ha alleviato il danno dopo l'ischemia dell'ovaio nei ratti grazie ai suoi effetti antiossidanti e antinfiammatori.
Dipartimento di Ostetricia e Ginecologia, Facoltà di Medicina, Università di Yozgat Bozok, Turchia.
Onat T, et al. Biotech Histochem. 2021:1-7.

Scienza/Animale: Il sistema endocannabinoide è coinvolto nella crescita ossea
Una ricerca sui pesci (zebrafish e medaka) mostra che il sistema endocannabinoide e il sistema dell'acido retinoico influenzano la crescita delle ossa, il che secondo gli autori può essere usato nella terapia.
Metabolic Genetic Diseases Laboratory, Metabolic Research Unit, Deakin University School of Medicine, Geelong, Australia.
Fraher D, et al. Mol Cell Endocrinol. 2021;529:111267.

Scienza/Umana: La cannabis può influenzare la percezione del gusto
Una ricerca su 2808 partecipanti dimostra che i consumatori attuali di cannabis avevano una percezione del gusto amaro inferiore a quella dei non consumatori di cannabis.
University of Pennsylvania School of Nursing, Dipartimento di Scienze Sanitarie Biocomportamentali, USA.
Chao AM, et al. Chem Senses. 2021:bjab017.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non ha effetti sulla sopravvivenza dopo il trapianto di fegato
In uno studio su 2690 candidati al trapianto di fegato, l'11% ha riferito l'uso di cannabis negli ultimi 12 mesi. La sopravvivenza dopo il trapianto non era influenzata dall'uso di cannabis.
Divisione di Gastroenterologia ed Epatologia, Università del Michigan, USA.
Likhitsup A, et al. Clin Transplant. 2021:e14312.

Scienza/Umana: L'oleolietanolamide può essere utile contro la neurodegenerazione del cervelletto
L'endocannabinoide olelylethanolamide ha protetto le cellule nervose e una ricerca sui topi mostra che questo endocannabinoide può "limitare i gravi processi neurodegenerativi cerebellari".
Laboratorio di Plasticità Neuronale e Neuroriparazione, Istituto di Neuroscienze di Castiglia e Leon (INCyL), Università di Salamanca, Spagna.
Pérez-Martín E, et al. Neurotherapeutics. 2021 Apr 7. [in stampa].

Scienza/Animale: Il CBD prolunga la durata della vita in un modello animale della malattia di Alzheimer
Il CBD (cannabidiolo) ha impedito la degradazione delle cellule nervose indotta dall'amiloide beta, una proteina chiave nella malattia di Alzheimer, in alcuni nematodi. Questo effetto coinvolge l'attivazione del recettore CB1.
Australian Centre for Cannabinoid Clinical and Research Excellence (ACRE), New Lambton Heights, Australia.
Wang Z, et al. FASEB J. 2021;35(5):e21537.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.