[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 20 Gennaio 2021

Scienza/Umana: La cannabis non è associata ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari negli adulti

Secondo un ampio studio retrospettivo che utilizza il database del Behavioral Risk Factor Surveillance System (BRFSS) l'uso di cannabis non è stato associato ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Florida International University dell'Herbert Wertheim College of Medicine di Miami, USA.Hanno artecipato allo studio I pazienti che hanno compilato il questionario e risposto a tutte le domande relative all'uso di cannabis e alla diagnosi di malattie cardiovascolari nel 2017. I soggetti sono stati esclusi se erano bambini o avevano dati mancanti per l'uso di cannabis o malattie cardiovascolari.

Un totale di 56.742 soggetti sono stati inclusi nell'analisi. Dopo l'aggiustamento con tutte le variabili, un modello adattato ha mostrato una moderata riduzione del rischio, che tuttavia non era statisticamente significativa. Gli autori hanno concluso che "sebbene la letteratura precedente abbia dimostrato che l'uso di marijuana ha un impatto negativo sulla salute cardiovascolare, il nostro studio suggerisce che i consumatori e i non consumatori di marijuana non avevano un'associazione con la prevalenza di malattie cardiovascolari".

Jivanji D, Mangosing M, Mahoney S P, Castro G, Zevallos J, Lozano J. Association Between Marijuana Use and Cardiovascular Disease in US Adults. Cureus 2020;12(12):e11868.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può consentire la cessazione dell'uso di oppioidi in un gran numero di pazienti affetti da dolore

Secondo i dati di 1181 pazienti di tre siti di pratica della cannabis medica negli USA, una grande proporzione di pazienti con dolore è stata in grado di cessare completamente la terapia oppiacea dopo l'inizio dell'uso di cannabis. Lo studio è stato condotto dalla Society of Cannabis Clinicians di Sebastopoli, USA. Di questo gruppo complessivo di pazienti che hanno risposto a un sondaggio online, 525 pazienti avevano usato farmaci oppiacei su prescrizione per almeno 3 mesi per trattare il dolore cronico e usavano cannabis medica.

Nel complesso, circa il 40% ha riferito di aver smesso tutti gli oppiacei, circa il 45% ha riferito una certa diminuzione del loro uso di oppiacei, il 13% non ha riferito alcun cambiamento nell'uso di oppiacei, e l'1% ha riferito un aumento nell'uso di oppiacei. La maggioranza del 65% ha riferito di aver sostenuto il cambiamento degli oppioidi per oltre un anno. Quasi la metà (48%) ha riferito una diminuzione del dolore del 40-100%, mentre il 9% non ha subito variazioni e il 3% ha avuto un peggioramento del dolore. Gli autori hanno concluso che i pazienti in questo studio "hanno riferito che la cannabis era un utile coadiuvante e sostituto degli oppiacei da prescrizione nel trattamento del dolore cronico e aveva l'ulteriore vantaggio di migliorare la loro funzionalità e la qualità della vita".

Takakuwa K M, Sulak D. A Survey on the Effect That Medical Cannabis Has on Prescription Opioid Medication Usage for the Treatment of Chronic Pain at Three Medical Cannabis Practice Sites. Cureus 2020;12(12): e11848.

Messico: Il Ministero della Salute pubblica le regole per la regolamentazione della cannabis medicinale

Tre anni dopo che il Messico ha approvato una legge che permette l'uso medico della cannabis, il 12 gennaio il governo ha pubblicato i regolamenti di base che regolano tutto, da chi può prescriverla a chi può coltivarla.

Diverse agenzie governative dei ministeri della salute e dell'agricoltura supervisioneranno un sistema destinato a permettere la ricerca sull'uso medico della cannabis e lo sviluppo di prodotti farmaceutici, evitando le attività criminali correlate, secondo il regolamento pubblicato nel registro federale. Il Messico sta ora valutando la possibilità di legalizzare l'uso della cannabis per gli adulti e una votazione potrebbe arrivare già a febbraio.

Reuters del 12 gennaio 2021
Tricitynews del 12 gennaio 2021

Scienza/Umana: Gli estratti di cannabis sono stati efficaci nel trattamento della sclerosi multipla secondo uno studio osservazionale

Secondo uno studio osservazionale prospettico con 28 pazienti con sclerosi multipla, diversi estratti di cannabis hanno ridotto la gravità dei sintomi. Lo studio è stato condotto da ricercatori del Centro danese per la sclerosi multipla dell'Università di Copenhagen, Danimarca. I pazienti sono stati trattati con oli di cannabis medica (prodotti combinati ricchi di THC, CBD e THC+CBD) e sono stati seguiti per un periodo di quattro settimane. Le dosi medie di THC e CBD erano rispettivamente di 4.0 mg e 7.0 mg, e somministrate principalmente come dose serale una volta al giorno.

Il dolore è diminuito da un punteggio mediano di 7 a 4, la spasticità è diminuita da un punteggio mediano di 6 a 2.5 e i disturbi del sonno sono diminuiti da un punteggio mediano di 7 a 3. Gli autori hanno concluso che "il trattamento con oli di cannabis medica era sicuro e ben tollerato, e ha portato a una riduzione dell'intensità del dolore, della spasticità e dei disturbi del sonno nei pazienti con SM. Questo suggerisce che gli oli di cannabis medica possono essere usati in modo sicuro, specialmente a dosi relativamente basse e con una titolazione lenta, come alternativa per trattare i sintomi correlati alla SM quando la terapia convenzionale è inadeguata".

Gustavsen S, Søndergaard Hb, Linnet K, Thomsen R, Rasmussen Bs, Sorensen Ps, Sellebjerg F, Oturai Ab. Safety and efficacy of low-dose medical cannabis oils in multiple sclerosis. Mult Scler Relat Disord. 2020;48:102708.

Scienza/Umana: I pazienti con fibromialgia riferiscono di aver provato sollievo dal CBD

Secondo un sondaggio anonimo tra gli individui affetti da fibromialgia condotto dagli investigatori del dipartimento di anestesiologia della University of Michigan Medical School di Ann Arbor, USA, la CBD può essere utile per ridurre i sintomi. Dopo aver escluso le risposte incomplete, la popolazione dello studio era composta da 2701 partecipanti con fibromialgia, principalmente negli Stati Uniti.

Nel complesso, circa il 38% ha riferito di non aver mai usato il CBD, il 29% ha riferito di averlo usato in passato e il 32% ha riferito di averlo usato attualmente. L'uso di cannabis degli anni passati è stato fortemente associato all'uso passato o attuale di CBD. Coloro che hanno usato il CBD lo hanno fatto tipicamente a causa di un inadeguato sollievo dai sintomi, mentre coloro che non hanno usato il CBD hanno tipicamente citato le preoccupazioni per la sicurezza come motivo per non usare il CBD. Due terzi dei partecipanti hanno rivelato l'uso del CBD al loro medico, anche se solo il 33% ha chiesto il parere del medico sull'uso del CBD. I partecipanti hanno usato il CBD per numerosi sintomi legati alla fibromialgia, il più comune dei quali è il dolore, e in generale hanno riportato da lievi a molti miglioramenti in tutti i campi dei sintomi. Circa la metà dei partecipanti ha riportato effetti collaterali, che erano tipicamente minori.

Boehnke KF, Gagnier JJ, Matallana L, Williams DA. Cannabidiol Use for Fibromyalgia: Prevalence of Use and Perceptions of Effectiveness in a Large Online Survey. J Pain. 2021:S1526-5900(20)30117-6.

Notizie in breve

USA: Patients Out of Time, 25° anniversario e conferenza virtuale
Per celebrare il suo 25° anniversario, Patients Out of Time organizza un simposio virtuale il 13 e 14 febbraio 2021.
Sito web della conferenza

USA: New York può legalizzare l'uso di cannabis per gli adulti
Il governatore di New York Andrew Cuomo, di fronte a una voragine economica derivante dalle chiusure per il COVID-19, vuole seguire il vicino New Jersey nella legalizzazione delle scommesse sportive e nella legalizzazione della cannabis per gli adulti, per aiutare il suo stato a riconquistare la sua posizione finanziaria. Si prevede che la legalizzazione della cannabis per adulti possa generare più di 300 milioni di dollari (circa 250 milioni di EURo) di entrate fiscali. "La proposta del governatore si basa su anni di lavoro per capire e depenalizzare la cannabis per l'uso da parte degli adulti", ha detto l'amministrazione Cuomo in un comunicato.
Reuters del 6 gennaio 2021

USA: l'Illinois ha quasi 500.000 precedenti penali in meno legati alla cannabis
L'Illinois ha iniziato il nuovo anno con quasi mezzo milione di precedenti penali legati alla cannabis in meno. Il governatore J.B. Pritzker ha annunciato in una serie di post su Twitter giovedì scorso che lo stato ha cancellato "quasi 500.000 precedenti penali per cannabis a basso livello".
UPI del 2 gennaio 2021

REGNO UNITO: Più di 300.000 pazienti di cannabis previsti per la fine del 2024
La Medical Cannabis Clinics (TMCC) ha rivelato di aver recentemente raggiunto il significativo traguardo della consulenza e della prescrizione di oltre 1.500 pazienti negli ultimi 12 mesi. Ciò corrisponde al 60 per cento del totale stimato di 2.500 pazienti di cannabis nel Regno Unito. Il numero dovrebbe aumentare a più di 300.000 entro la fine del 2024.
Statista del 14 febbraio 2020
Cannabis Health News del 7 gennaio 2021

Repubblica Ceca: La cannabis per uso medicinale è quadruplicata nel 2020
Il consumo di cannabis medica nella Repubblica Ceca è quadruplicato di anno in anno. Mentre nel 2019 ai pazienti sono stati prescritti 17 chilogrammi di cannabis, l'anno scorso la quantità è aumentata a 66,8 chilogrammi. Secondo i dati pubblicati dall'Ufficio del Dipartimento per le politiche sulle droghe del governo, dal Ministero della Salute e dall'Istituto pubblico per il controllo delle droghe, l'aumento è dovuto al fatto che dall'anno scorso il 90 per cento del prezzo della cannabis è stato coperto dall'assicurazione sanitaria.
Prague Morning del 7 gennaio 2021

REGNO UNITO: Le forniture di cannabis dall'estero sono state interrotte a causa della Brexit
Il governo ha detto che sta lavorando urgentemente con le autorità olandesi per "trovare una soluzione" dopo che le forniture di cannabis medica importata dai Paesi Bassi sono state interrotte a causa della Brexit, mettendo in pericolo la vita di 40 bambini nel Regno Unito con grave epilessia. Le forniture dei farmaci prescritti si esauriranno nel giro di poche settimane.
Indendent dal 7 gennaio 2021

USA: Un giudice del Nuovo Messico stabilisce che i detenuti hanno il diritto di accedere alla cannabis medica
Un giudice distrettuale dello stato del New Mexico ha stabilito che i detenuti e i detenuti in libertà vigilata hanno il diritto di usare cannabis medica e che le istituzioni carcerarie devono fornire l'accesso alla cannabis a pazienti qualificati, anche se si trovano dietro le sbarre. La sentenza della scorsa settimana del secondo giudice distrettuale giudiziario Lucy Solimon è stata inserita in una causa contro il Metropolitan Detention Center della contea di Bernalillo, intentata da Joe Montaño, un residente di Albuquerque che è stato condannato per guida in stato di ebbrezza nel 2019.
High Times del 4 gennaio 2021

Scienza/Cellule: I cannabinoidi mostrano attività antinfiammatoria nell'infiammazione legata al COVID-19
Un estratto di cannabis ha ridotto sostanzialmente i livelli di citochine pro-infiammatorie (interleuchina 6 e interleuchina 8) nelle cellule polmonari. L'estratto contiene cannabidiolo, cannabigerolo e tetraidrocannabivarina. Gli autori hanno scritto che questa formulazione di un estratto di cannabis può essere utile nell'infiammazione polmonare, ma "c'è bisogno di cautela nel proporre la cannabis come trattamento per COVID-19".
Institute of Plant Science, Agriculture Research Organization, Volcani Center, Rishon LeZion, Israele.
Anil SM, et al. Sci Rep. 2021;11(1):1462.

Scienza/Umana: I giovani aumentano il consumo di alcol dopo aver iniziato l'astinenza da cannabis
In uno studio con 160 giovani di età compresa tra i 14 e i 25 anni che sono stati assegnati al programma di astinenza, il 60% ha aumentato il consumo di alcolici in frequenza e quantità. Questo aumento si è risolto con la ripresa del consumo di cannabis.
Center for Addiction Medicine, Dipartimento di Psichiatria, MA General Hospital, Boston, USA.
Schuster RM, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2020;107:110205.

Scienza/Cellule: La cannabis induce la morte cellulare nelle cellule tumorali del polmone umano
Gli estratti di Echinacea e cannabis hanno indotto la morte cellulare programmata, l'apoptosi, nelle cellule tumorali polmonari umane. Questo effetto sembrava essere mediato dal recettore CB2. Gli autori hanno scritto che "questi effetti meritano di ricevere maggiore attenzione come agenti antitumorali alternativi".
Dipartimento di Biochimica, Facoltà di Medicina, Iran University of Medical Sciences, Teheran, Iran.
Hosami F, et al. BMC Complement Med Ther. 2021;21(1):37.

Scienza/Umana: Disfunzione endocannabinoide in pazienti con anoressia nervosa
Un'analisi dei capelli dei pazienti affetti da anoressia nervosa ha rivelato che i livelli di anandamide e di tutti gli altri endocannabinoidi studiati erano elevati. Questa disfunzione del sistema endocannabinoide può essere di rilevanza terapeutica.
Divisione di Medicina Psicologica e Sociale e Neuroscienze dello Sviluppo, Facoltà di Medicina, Technische Universität Dresden, Germania.
Tam F, et al. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. 2021:110243.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è aumentato negli Stati Uniti negli ultimi 5 anni, soprattutto nelle fasce d'età più alte
La prevalenza del consumo di cannabis del mese passato è aumentata significativamente dal 2015 al 2019 di circa un terzo dall'8,3% all'11,5%. C'è stato un aumento del 53% tra le persone di 65 anni o più e un aumento considerevole tra i pazienti con il permesso di usare cannabis medica. Gli investigatori hanno usato i dati del National Survey on Drug Use and Health degli Stati Uniti con circa 280.000 partecipanti.
New York University Grossman School of Medicine, Dipartimento di Salute della Popolazione, New York, USA.
Palamar JJ, et al. Drug Alcohol Depend. 2021;219:108494.

Scienza/Umana: Differenze legate all'età nella scelta dei diversi prodotti a base di cannabis
In un campione di 1406 persone che usano cannabis, il tipo di prodotto preferito è solitamente diverso a seconda dell'età. I tassi di utilizzo degli olii di cannabis, dei prodotti per uso esterno e delle tinture erano i più bassi e non mostravano differenze di età o di genere.
Dipartimento di Psicologia, Università di Albany, Università Statale di New York, Albany, USA.
Ueno LF, et al. J Psychoactive Drugs. 2021:1-7.

Scienza/Cellule: L'attivazione del recettore CB1 diminuisce la crescita delle cellule del cancro ai polmoni
In uno studio con cellule del cosiddetto cancro polmonare non a piccole cellule (NSCLC) un cannabinoide sintetico (ACPA), che attiva il recettore CB1, ha causato la morte cellulare programmata (apoptosi) e ridotto la proliferazione.
Università di Hacettepe, Facoltà di Scienze e Ingegneria, Dipartimento di Bioingegneria, Ankara, Turchia.
Boyacıoğlu Ö, et al. Cell Death Dis. 2021;12(1):56.

Scienza/Cellule: Il CBD inibisce la crescita delle cellule del melanoma
Il CBD ha inibito la crescita delle cellule del melanoma e concentrazioni di 0,2 mg/mL e 0,04 mg/mL, mentre concentrazioni più basse non sono state efficaci.
Dipartimento di Biologia, Purdue University Fort Wayne, USA.
Burch R, et al. J Immunoassay Immunochem. 2021:1-7.

Scienza/Animale: Il CBD può ridurre il ripristino dell'assunzione di cocaina dopo l'astinenza
Nei topi dipendenti dalla cocaina il CBD è stato in grado di ridurre il ripristino del consumo di cocaina dopo un periodo di astinenza indotto dallo stress.
Departamento de Psicobiología, Facultad de Psicología, Universitat de València, Spagna.
Calpe-López C, et al. J Psychopharmacol. 2021 Jan 9:269881120965952.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è aumentato durante la pandemia COVID-19
Secondo il sondaggio con 1.563 consumatori di cannabis provenienti dai Paesi Bassi, il 41% di tutti gli intervistati ha indicato di aver aumentato il proprio consumo di cannabis dopo le misure di blocco, il 49% lo ha usato con la stessa frequenza di prima, il 6,6% lo ha usato meno spesso, e il 2,8% ha smesso (temporaneamente). Un terzo di coloro che non erano consumatori giornalieri prima dell'isolamento sono diventati (quasi) consumatori giornalieri.
Trimbos Institute, The Netherlands Institute of Mental Health and Addiction, Utrecht, Paesi Bassi.
van Laar MW, et al. Front Psychiatry. 2020;11:601653.

Scienza/Animale: Sviluppo del sistema di distribuzione nasale CBD
I portatori di lipidi nanostrutturati sono stati sviluppati come sistema di rilascio nasale di CBD. Il prodotto ha causato un effetto antidolorifico duraturo negli animali con dolore neuropatico.
Facoltà di Scienze Farmaceutiche, Università Federale di Alfenas, Brasile.
Matarazzo AP, et al. EUR J Pharm Sci. 2021;159:105698.

Scienza/Umana: Nessun effetto negativo dell'uso di cannabis sui destinatari del trapianto di fegato
Secondo l'analisi dei dati di 900 pazienti l'uso di cannabis non ha avuto effetti negativi sui risultati dei trapianti di fegato.
Dipartimento di Chirurgia, David Geffen School of Medicine della UCLA, USA.
Guorgui J, et al. Clin Transplant. 2021 Jan 6:e14215.

Scienza/Umana: La gravità dei sintomi da astinenza nelle persone che usano cannabis medica per il dolore cronico può variare considerevolmente
I sintomi di astinenza sono stati analizzati in un gruppo di 527 adulti con dolore cronico che richiedevamo la certificazione o la ricertificazione all’uso di cannabis medica. Gli autori hanno scritto che "i sintomi dell'astinenza tendono ad essere stabili per un periodo di 2 anni, ma l'età più giovane è predittiva di sintomi peggiori e di una traiettoria di astinenza crescente".
Addiction Center, Dipartimento di Psichiatria, Università del Michigan, USA.
Coughlin LN, et al. Addiction. 2021 Jan 5. [in stampa]

Scienza/Animale: Il cannabicromene e i cannabinoidi correlati hanno effetti anticonvulsivanti
In un modello murino della sindrome di Dravet CBC (cannabicromene), l'acido CBC (CBCA) e l'acido cannabicromevarinico (CBCA) avevano proprietà anticonvulsivanti.
Brain and Mind Centre, Università di Sydney, Australia.
Anderson LL, et al. ACS Chem Neurosci. 2021 Jan 4. [in stampa]

Scienza/Umana: I consumatori di cannabis potrebbero aver bisogno di più propofol per la sedazione durante le procedure mediche
Gli investigatori hanno dimostrato un aumento della dose di propofol in endoscopia in relazione all'uso di cannabis.
Gastroenterologia, Agencia Sanitaria Alto Guadalquivir. J Andalucía, España.
Cerezo Ruiz A, et al. Rev Esp Enferm Dig. 2021 Jan 4. [in stampa]

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis per uso adulto ha avuto un effetto trascurabile sull'uso da parte dei giovani adulti in California
Secondo i dati 563 giovani adulti di età compresa tra i 18 e i 24 anni la legalizzazione della cannabis per uso adulto ha avuto un impatto complessivo trascurabile sui giorni di consumo tra i giovani adulti, ma potrebbe aver suscitato un maggiore interesse per la cannabis tra alcuni, in particolare tra le donne e i consumatori di sigarette elettroniche.
Dipartimento di Psichiatria, Università della California, San Diego, USA.
Doran N, et al. Addict Behav. 2020;115:106782.

Scienza/Animale: L'uso cronico di CBD ha causato effetti antidepressivi associati ad un aumento dei livelli di serotonina e noradrenalina
La somministrazione cronica di CBD induce effetti antidepressivi in un modello murino di depressione. La somministrazione cronica di CBD in una dose di 100 mg per kg di peso corporeo ha portato ad un significativo aumento dei livelli di serotonina e noradrenalina nell'ippocampo, una certa area cerebrale.
Accademia Cinese delle Scienze, Shanghai, Cina.
Abame MA, et al. Neurosci Lett. 2020;744:135594. [in stampa]

Scienza/Animale: Gli endocannabinoidi attenuano la virulenza di alcuni batteri nell'intestino
I possibili effetti dell'endocannabinoide 2-AG sull'infezione intestinale "sollevano domande sui possibili benefici dell'uso dei cannabinoidi per il trattamento delle infezioni batteriche intestinali".
Laboratoire Microbiologie Santé et Environnement, Scuola di Dottorato di Scienze e Tecnologia, Facoltà di Sanità Pubblica, Università Libanese, Tripoli, Libano.
Osman M, et al. Trends Microbiol. 2020:S0966-842X(20)30325-5.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2022

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina sarà posticipata all'autunno 2022 e si terrà come evento ibrido in Svizzera e online.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.