[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 02 Marzo 2021

USA: Il New Jersey legalizza l'uso adulto della cannabis

Il governatore Phil Murphy ha firmato una legge il 22 febbraio rendendo il New Jersey l'ultimo stato USA a legalizzare la cannabis per uso ricreativo, ma si prevede che ci vorrà fino a un anno prima che i dispensari comincino a vendere cannabis al pubblico. Il governatore democratico ha firmato un pacchetto di tre leggi dopo che gli elettori hanno approvato in modo schiacciante una misura elettorale nel novembre 2020 per legalizzare l'uso adulto della droga.

Le leggi permettono il possesso di un massimo di sei once (circa 170 grammi) di cannabis alle persone di 21 anni e più. La distribuzione e la coltivazione di cannabis senza licenza rimangono illegali. Il New Jersey si unisce a più di una dozzina di altri stati americani, compresi gli stati della costa orientale del Maine, Vermont e Massachusetts, nel legalizzare la cannabis per gli adulti.

Reuters del 22 febbraio 2021

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato a un rischio ridotto di sviluppare tumori HPV-negativi della testa e del collo

L'infezione da papillomavirus umano (HPV) acquisita per via sessuale è una causa accertata di carcinomi tonsillari e della base della lingua. Un nuovo studio su 249 casi appena diagnosticati di carcinoma a cellule squamose della cavità orale e della faringe (OSCC) mostra che i consumatori di cannabis avevano un rischio minore di sviluppare tumori OSCC HPV-negativi. Lo studio del Dipartimento di Oncologia Medica Toracica/Capo e Collo del MD Anderson Cancer Center dell'Università del Texas a Houston, USA, ha confrontato 249 pazienti con cancro e 498 controlli senza storia di cancro. I pazienti con cancro erano HPV-positivi o HPV-negativi.

Il rischio di sviluppare un cancro HPV-positivo è diminuito con il livello di istruzione dei pazienti. Il reddito annuo, il fumo di tabacco, il consumo di alcol e la scarsa igiene orale non erano associati all'OSCC HPV-positivo. Al contrario, il rischio di OSCC HPV-negativo aumentava con il basso reddito annuale e diminuiva con l'uso a lungo termine di cannabis. Gli autori hanno concluso che "l'uso di marijuana a lungo termine sembra essere protettivo per il cancro HPV-negativo".

Shewale JB, Pickard RKL, Xiao W, Jiang B, Gillison ML. Independent association of marijuana use and poor oral hygiene with HPV-negative but not HPV-positive head and neck squamous cell carcinomas. Cancer, 23. Feb 2021. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis riduce lo sviluppo di neuropatia nei pazienti di cancro trattati con oxaliplatino

In uno studio su 513 pazienti con cancro trattati con combinazioni a base di oxaliplatino e 5-fluorouracile, l'uso di cannabis ha ridotto lo sviluppo di una grave neuropatia, un noto effetto collaterale dell'oxiplatino. I ricercatori del Dipartimento di Oncologia del Tel Aviv Sourasky Medical Center, Israele, hanno condotto un'analisi delle cartelle cliniche del loro centro dal 2015 al 2018. 248 pazienti sono stati trattati con cannabis e 265 non hanno ricevuto cannabis. I consumatori di cannabis sono stati divisi in 2 gruppi, 116 (47%) dei quali hanno ricevuto cannabis prima dell'oxiplatino e 132 (53%) che hanno ricevuto prima l'oxiplatino.
I consumatori di cannabis avevano un rischio minore di sviluppare neuropatia rispetto al gruppo di controllo senza cannabis. Lo studio ha anche mostrato che "l'effetto protettivo della cannabis era più pronunciato nei pazienti che avevano ricevuto prima la cannabis che in quelli che avevano ricevuto prima l'oxiplatino (75% e 46.2%, rispettivamente)." Gli autori hanno concluso che la cannabis ha un effetto protettivo su questo effetto collaterale dell'oxiplatino e hanno riferito che è previsto un ampio studio prospettico.

Waissengrin B, Mirelman D, Pelles S, Bukstein F, Blumenthal DT, Wolf I, Geva R. Effect of cannabis on oxaliplatin-induced peripheral neuropathy among oncology patients: a retrospective analysis. Ther Adv MedOncol.2021;13:1758835921990203.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel trattamento della fibromialgia, secondo una serie di casi

La cannabis può essere utile nel trattamento della fibromialgia, secondo una serie di casi di 38 pazienti con fibromialgia da parte dei medici di una clinica del dolore di Ponderano, Italia. I pazienti hanno ricevuto fiori di cannabis con vari contenuti di THC e CBD come estratto di olio o per inalazione con un vaporizzatore. 30, 18 e 12 pazienti hanno continuato la terapia per 1, 3 e 12 mesi, rispettivamente. La dose mediana giornaliera di infiorescenza somministrata come cannabis medicinale a dominanza di THC e cannabis medicinale ibrida (con un rapporto THC/CBD simile) era di 200 mg/giorno e 400 mg/giorno, rispettivamente.

La terapia fu interrotta da 17 pazienti (48.6 %) a causa di effetti collaterali non gravi. Gli effetti collaterali più comuni erano confusione mentale (37%), vertigini (14%), nausea/vomito (14%) e agitazione/irritazione (14%). Dopo una titolazione di 3 mesi, il contenuto mediano di THC era di 46.2 mg quando si somministravano ceppi di cannabis medica a dominanza di THC e 23.6 mg + 38 mg quando si somministrava THC + CBD sotto forma di un ceppo ibrido di cannabis medica. Dopo uno, tre e dodici mesi, il dolore era ridotto di almeno il 30%. L’autrice ha concluso che la cannabis "può fornire un trattamento alternativo per i pazienti con FMS che non rispondono alla terapia convenzionale. Tuttavia, il suo uso può essere limitato dal verificarsi di AEs non gravi [eventi avversi]".

Mazza M. Medical cannabis for the treatment of fibromyalgia syndrome: a retrospective, open-label case series. J Cannabis Res 2021;3(1):4.

Scienza/Umana: La corsa stimola il sistema endocannabinoide e riduce l'ansia

Gli endocannabinoidi sono candidati migliori delle endorfine per spiegare lo "sballo del corridore" negli esseri umani. Questa è la scoperta dei ricercatori del Laboratorio di Comportamento Umano, Istituto per la Ricerca Sessuale, Medicina Sessuale e Psichiatria Forense, Centro di Medicina Psicosociale del Centro Medico Universitario Hamburg-Eppendorf, Amburgo, Germania. Lo "sballo del corridore" descrive una sensazione di benessere durante l'esercizio di resistenza, caratterizzata da euforia e ansiolisi. È opinione diffusa che il rilascio di oppioidi endogeni, come le endorfine, sia alla base del "runner's high".

In un nuovo studio, 63 partecipanti hanno mostrato un aumento dell'euforia e una diminuzione dell'ansia dopo 45 minuti di corsa su un tapis roulant a un livello di intensità moderato. La corsa ha portato a livelli plasmatici più elevati degli endocannabinoidi anandamide e 2-arachidonoglicerolo. Il blocco degli oppioidi non ha impedito lo sviluppo dell'euforia. Gli autori hanno concluso che il loro "studio indica che lo sviluppo dell'euforia del corridore nell'uomo non dipende dalla segnalazione degli oppioidi, ma gli eCB sono forti candidati nell'uomo, come precedentemente dimostrato nei topi".

Siebers M, Biedermann SV, Bindila L, Lutz B, Fuss J. Exercise-induced euphoria and anxiolysis do not depend on endogenous opioids in humans. Psychoneuroendocrinology 2021;126:105173.

Scienza/Umana: La cannabis può ridurre l'infiammazione nella sclerosi multipla

In uno studio su 150 pazienti con sclerosi multipla, 28 dei quali usavano cannabis, l'uso di cannabis era associato con una riduzione dei segni di infiammazione e una riduzione delle ricadute. Lo studio è stato condotto da ricercatori delle facoltà di medicina della Mansoura University e della Delta University for Science and Technology, Egitto. Oltre ai 150 pazienti, lo studio ha incluso anche 150 controlli sani. A tutti è stato chiesto del loro uso di cannabis, che è stato confermato da test delle urine.

Le concentrazioni ematiche di citochine pro-infiammatorie, un segno di intensità infiammatoria, erano più alte nei pazienti con SM che non usavano cannabis che nei consumatori di cannabis e nei controlli sani. I mediatori pro-infiammatori misurati includevano interleuchina-1, interleuchina-2, interleuchina-12, interleuchina-17, interleuchina-22, interferone-gamma (IF-gamma) e fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa). 15 consumatori di cannabis (54%) hanno riferito che i loro sintomi erano migliorati dalla cannabis. Gli autori hanno concluso che "la cannabis può avere un impatto positivo sulle citochine e sui profili clinici nei casi di sclerosi multipla".

Mustafa W, Elgendy N, Salama S, Jawad M, Eltoukhy K. The Effect of Cannabis on the Clinical and Cytokine Profiles in Patients with Multiple Sclerosis. Mult Scler Int 2021;2021:6611897.

Notizie in breve

Malta: Il governo legalizzerà la cannabis
I consumatori di cannabis non saranno mandati in prigione e potranno coltivare una quantità limitata di piante come parte della riforma del governo, ha detto il primo ministro Robert Abela. Le proposte sono state illustrate dal primo ministro il 18 febbraio quando ha parlato ai giornalisti a margine di una colazione di lavoro sull'occupazione.
Malta Today del 18 febbraio 2021

USA: Il Massachusetts ha più di 100.000 pazienti di cannabis medica
Il numero di possessori di una tessera per la cannabis medica nel Massachusetts è aumentato di più di 30.000 nell'ultimo anno per un totale di 100.000. Questo rappresenta circa l'1,5% della popolazione totale di 6,9 milioni.
Boston Business Journal del 13 febbraio 2021

Scienza/Umana: I benefici di compensazione dei lavoratori sono diminuiti negli stati con leggi sulla cannabis ricreativa
Uno studio ha esaminato l'effetto della legalizzazione della cannabis sul ricevimento dei benefici di compensazione dei lavoratori tra gli adulti di età compresa tra i 40 e i 62 anni. Le prestazioni di risarcimento dei lavoratori sono diminuite in risposta a queste leggi, sia in termini di propensione a ricevere prestazioni che di ammontare delle prestazioni ricevute. La ricerca ha fornito la prova che il motore principale di queste riduzioni è stato un miglioramento della capacità lavorativa, probabilmente attraverso l'accesso a una forma aggiuntiva di gestione del dolore.
National Bureau of Economic Research, Cambridge, USA.
Abouk R, Ghimire KM, Maclean JC, Powell D. Does Marijuana Legalization Affect Work Capacity? Evidence from Workers’ Compensation Benefits. Working Paper 28471, National Bureau of Economic Research, Cambridge, 2021.

Scienza/Spagna: Esplorare le origini della pianta di cannabis
L'Istituto Botanico di Barcellona sta lavorando in diversi continenti per ricercare le varianti chimiche e genetiche della cannabis più pura, quella che cresce spontaneamente nel suo habitat naturale. Questa ricerca, finanziata dal Ministero della Scienza e dell'Innovazione, mira a scoprire l'origine di questa pianta e il record bibliografico dei suoi usi tradizionali nella storia umana.
El Publico dell’ 8 febbraio 2021

Francia: I parlamentari propongono una regolamentazione più leggera per i prodotti CBD
Le leggi attuali dovrebbero essere cambiate per migliorare la sicurezza dei consumatori del prodotto a base di cannabis e permettere al mercato francese di crescere, secondo un nuovo rapporto parlamentare. Mentre i negozi di CBD sono fioriti in Francia negli ultimi anni - ora ce ne sono quasi 400 - il rapporto parlamentare descrive il mercato dei prodotti CBD come "assolutamente grottesco". Gli autori del rapporto hanno descritto il CBD come una "vittima collaterale di un approccio pesante alla cannabis" in Francia.
Connexion France dell’ 11 febbraio 2021

Scienza/Europa: EIHA sponsorizza uno studio sugli effetti sulla salute delle tracce di THC
Il più grande studio clinico mai condotto sugli effetti tossicologici dell'ingestione di tracce di THC negli alimenti inizierà nelle prossime settimane. La EURopean Industrial Hemp Association (EIHA) sta spendendo oltre 1,6 milioni di EURo per lo studio. L'EIHA ritiene che lo studio, che si sta svolgendo in EURopa, aiuterà a fornire una base di prove per i regolatori per regolare i livelli di THC consentiti negli alimenti.
Business CANN dell’ 11 febbraio 2021

Israele: Lista dei pazienti con cannabis non consegnata alla polizia
Circa quattro mesi fa, è stato riferito che il Ministero della Salute aveva soddisfatto le richieste della polizia di ottenere la lista di tutti i pazienti di cannabis medica in Israele, apparentemente per poter verificare se una persona sorpresa con la cannabis è un paziente autorizzato. Una petizione presentata alla Corte Suprema è stata respinta questa settimana dopo la promessa che i dati non sarebbero stati forniti fino a nuovo ordine.
Cannabis Magazine del 9 febbraio 2021

Repubblica Ceca: Centro per la ricerca sulla cannabis medica istituito presso l'ospedale universitario
L'ospedale universitario Sant'Anna di Brno sta allestendo una propria struttura di ricerca sulla cannabis che servirà da infrastruttura per il Centro di Ricerca sulla Cannabis. La struttura sarà usata da ricercatori del Centro Internazionale per la Ricerca Clinica per condurre studi sulla cannabis medica. Questa ricerca coprirà una vasta gamma di aree, incluso lo studio della genetica, degli ingredienti e delle nuove applicazioni per il trattamento delle malattie.
Brno Daily del 12 febbraio 2021

Scienza/Umana: L'uso di tabacco e cannabis nell'adolescenza associati a funzioni cognitive più scarse
Usando i dati di una grande coorte nel Regno Unito, gli autori del cosiddetto "Avon Longitudinal Study of Parents and Children" hanno trovato un'associazione tra l'uso regolare precoce di tabacco, l'uso regolare tardivo di tabacco e l'uso regolare precoce di cannabis da una parte e la cognizione dall'altra. Hanno scritto che i loro dati "suggeriscono che l'uso adolescenziale di tabacco e cannabis era associato a deficit nella memoria di lavoro, inibizione della risposta e riconoscimento delle emozioni".
Università di Bristol, Großbritannien.
Mahedy L, et al. Drug Alcohol Depend 2021;221:108591.

Scienza/Umana: Ansia, stress e disturbi del sonno sono le ragioni principali per l'uso del CBD
In un sondaggio su 387 utilizzatori di CBD, le ragioni principali per l'uso sono state l'ansia auto-percepita, lo stress, i disturbi del sonno e la salute e il benessere generale
Horsted Clinic, Clinica del dolore cronico, Copenhagen, Danimarca.
Moltke J, et al. J Cannabis Res 2021;3(1):5.

Scienza/Umana: La biodisponibilità del CBD è significativamente più alta se assunto dopo l'assunzione di cibo che in uno stato di sobrietà.
La biodisponibilità del CBD (cannabidiolo) e quindi la sua efficacia di trattamento è influenzata dall'assunzione di cibo. Questo è il risultato di un'analisi dei dati di 44 studi clinici. Il CBD ha mostrato una biodisponibilità significativamente più alta nei pazienti nutriti. Inoltre, la somministrazione nello stato di alimentazione ha portato a minori differenze di biodisponibilità tra i diversi pazienti.
Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, University of Michigan College of Pharmacy, Ann Arbor, Michigan, Stati Uniti.
Silmore LH, et al. Pharmacotherapy, 14. Feb 2021. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD causa la rottura dei mitocondri nelle cellule del tumore al cervello
E' stato dimostrato che il CBD causa la disfunzione e la rottura dei mitocondri nelle cellule di glioma, un grave tumore al cervello. Gli autori suggeriscono che "il CBD dovrebbe essere testato clinicamente nei gliomi, sia da solo che in combinazione con temozolomide", un farmaco chemioterapico standard usato per trattare i gliomi.
State Key Laboratory of Pharmaceutical Biotechnology, School of Life Sciences, Nanjing University, Cina.
Huang T, et al. Autophagy 2021:1-15.

Scienza/Cellule: Il CBD riduce la vitalità delle cellule del cancro al seno
È stato dimostrato che il CBD riduce la vitalità delle cellule del cancro al seno inducendo stress ossidativo e stress in alcune giunzioni cellulari (reticolo endoplasmatico) e interrompendo il ripiegamento delle proteine.
Dipartimento di Biochimica e Microbiologia, Nelson Mandela University, Port Elizabeth, Sud Africa.
de la Harpe A, et al. Biotechnol Appl Biochem, 19. Feb 2021.[in stampa]

Scienza/Cellule: Il THC danneggia le cellule importanti per il successo della gravidanza
Il THC danneggia certe cellule, chiamate cellule del trofoblasto, che sono importanti per l'impianto dell'uovo nella placenta, interferendo così con una gravidanza di successo nei primi giorni dopo la fecondazione.
Graduate Program in Medical Sciences, Dipartimento di Pediatria, McMaster University, Hamilton, Canada.
Walker OS, et al. Sci Rep 2021;11(1):4029.

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis negli USA non è stata associata ad un aumento del rilevamento di THC nei pazienti feriti
Un'analisi dei dati provenienti dai centri traumatologici di sei stati (Arizona, California, Ohio, Oregon, New Jersey e Texas) tra il 2006 e il 2018 ha mostrato che non c'era alcuna associazione tra la legalizzazione e il rilevamento di THC nei pazienti. Il maggior aumento nella rilevazione di THC è stato osservato in Texas, dove la cannabis rimane illegale. Gli autori hanno concluso che non c'era "nessun aumento apparente nell'incidenza della guida sotto l'influenza della marijuana dopo la legalizzazione".
Hackensack University Medical Center, USA.
Kruse M, et al. Am Surg.2021:3134821995053.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis è associato alla depressione nei sopravvissuti al cancro
In un ampio campione di 10.799 sopravvissuti al cancro, quelli con depressione avevano una maggiore prevalenza di uso quotidiano o non quotidiano di cannabis.
School of Nursing, Bouvé College of Health Sciences, Northeastern University, Boston, USA.
Poghosyan H, et al. Nurs Outlook 2021:S0029-6554(21)00016-6.

Scienza/Umana: La legalizzazione della cannabis è associata a percezioni più positive della salute della cannabis
Secondo un sondaggio su 429 californiani, la legalizzazione dell'uso della cannabis per gli adulti ha portato ad un aumento dell'uso auto-riferito di cannabis negli ultimi 30 giorni e a percezioni più positive dell'uso della cannabis sulla salute.
Dipartimento di Medicina, Stanford Prevention Research Center, Stanford University, Medical School Office Building, USA.
Gali K, et al. Subst Abuse Treat Prev Policy 2021;16(1):16.

Scienza/Umana: Nessuna riduzione dell'uso di oppioidi dopo la legalizzazione della cannabis tra i pazienti con dolore
Non c'è stata alcuna riduzione nell'uso di oppioidi, sia per uso ricreativo che medico, negli stati con la legalizzazione della cannabis, secondo un'analisi di circa 142.000 pazienti con dolore di diversi stati USA.
UPMC Centers for High Value Health Care and Value-Based Pharmacy Initiatives, UPMC Health Plan, Pittsburgh, USA.
Neilson LM, et al. J Gen Intern Med, 11. Feb 2021. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online 2020

Tutte le informazioni sugli eventi online dell'IACM, compresi i video gratuiti dei webinar con sottotitoli in italiano, si possono trovare qui.

Conferenza IACM 2021

La 12a conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà online dal 14 al 16 ottobre 2021. La registrazione è gratuita.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.