"


[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 21 Settembre 2020

IACM: Eventi online gratuiti: webinar e meeting online per l'anniversario

A causa della pandemia COVID-19 e delle circostanze associate, siamo molto spiacenti di informarti che dobbiamo annullare la nostra conferenza IACM programmata dal 5 al 7 novembre 2020. Tuttavia, invece, abbiamo deciso di celebrare un evento di compleanno il 5 novembre 2020 in onore del 90 compleanno del professor Raphael Mechoulam e il 20 ° anniversario della IACM. Siamo lieti di annunciare questo evento speciale accessibile a tutti gratuitamente. Allo stesso tempo, offriremo webinar liberamente accessibili per tutto ottobre e novembre 2020 da eccezionali esperti di cannabis.

Poiché i webinar si terranno in inglese, ma avranno i sottotitoli in spagnolo, tedesco, francese e portoghese, speriamo di informare ed istruire diverse migliaia di partecipanti in tutto il mondo. Se ti sei già registrato ai webinar e alla conferenza pagando una quota di iscrizione te la rimborseremo. Se desideri sostenere il lavoro dell'IACM, siamo felici di accoglierti come nuovo membro. Se desideri rendere visibile la tua azienda durante gli eventi online da ottobre 2020 a marzo 2021, ti invitiamo a sponsorizzare questi eventi. Attualmente, siamo felici di accogliere i primi sponsor: Four 20 Pharma, Canopy Latam, ICan, CBD Depot, Demacan e Symrise.

Sito web dell'evento
La nuova brochure di sponsorizzazione è ora disponibile sul sito web. La brochure per i partecipanti seguirà il 16 settembre 2020.
Registrazione per l'iscrizione

Paraguay: Il Parlamento approva la legalizzazione dell'autocoltivazione della cannabis per uso medicinale

La proposta di depenalizzare l'auto-coltivazione della cannabis per uso medico è stata approvata dai membri del Parlamento in una sessione ordinaria. Il disegno di legge sarà presentato al ramo esecutivo per emanazione o veto. Attualmente in Paraguay, il possesso o la coltivazione di cannabis è punibile per legge.

L'articolo 30 della proposta stabilisce che il possesso di cannabis o dei suoi derivati per uso esclusivamente medico non sarà punibile nei casi in cui la persona sia in possesso di un certificato medico vistato dal Ministero della Salute che attesti che soffre dei disturbi che possono essere curati con la pianta. L'articolo 33 del documento stabilisce che la semina, la coltivazione, la raccolta e la successiva lavorazione della cannabis non deve essere un atto punibile, a condizione che la persona o il suo rappresentante legale lo faccia in un edificio autorizzato dalle autorità del Segretariato nazionale antidroga.

La Nación del 26 Agosto 2020

Scienza/Umana: Il consumo regolare di cannabis non porta a una percezione alterata del dolore

Secondo uno studio con 40 consumatori regolari di cannabis e 40 non consumatori, la cannabis non influenza l'intensità del dolore. La ridotta sensibilità al dolore dei consumatori abituali di oppioidi è un problema per il trattamento del dolore con oppioidi. I risultati sono stati presentati dai ricercatori dell'Università della British Columbia a Kelowna, in Canada, e dall'International Cannabis and Cannabinoids Institute di Praga, Repubblica Ceca. I consumatori di cannabis (almeno 3 assunzioni a settimana) e i non consumatori sono stati confrontati in termini di sensibilità al dolore, tolleranza al dolore e intensità del dolore in risposta a un'attività di pressione a freddo.

L'uso frequente di cannabis non è stato associato a iperalgesia poiché i consumatori di cannabis e i non consumatori non hanno mostrato differenze nelle misure di tolleranza al dolore, sensibilità o intensità. Gli autori hanno scritto che "questa scoperta dovrebbe aiutare a valutare i relativi danni e benefici delle terapie analgesiche a base di cannabis".

St Pierre M, Russo EB, Walsh Z. No Evidence of Altered Reactivity to Experimentally Induced Pain Among Regular Cannabis Users. Clin J Pain. 2020;36(8):589-593.

Scienza/Umana: La cannabis topica può essere utile nel trattamento delle ulcere alle gambe secondo uno studio aperto

La calcifilassi non uremica (NUC) è una condizione rara che spesso si manifesta come ferite cutanee intrattabili e dolorose, che affliggono i pazienti con un elevato carico di comorbilità. In uno studio in aperto, 2 donne con tali ulcere alle gambe di durata superiore a 6 mesi sono state trattate con successo con medicinali topici a base di cannabis presso la Divisione di cure palliative dell'Università di Toronto, Canada. La preparazione a base di cannabis è stata applicata quotidianamente sia al letto della ferita che ai tessuti perilesionali fino al raggiungimento della completa chiusura della ferita.

La chiusura completa della ferita è stata ottenuta in media in 76,3 giorni. Inoltre, non sono stati necessari analgesici dopo una media di 63 giorni. I trattamenti sono stati ben tollerati senza reazioni avverse. Gli autori hanno scritto che i "risultati positivi dimostrati in ferite molto impegnative" dei preparati a base di cannabis, dimostra che "possono avere un ruolo ancora più ampio nel tessuto tegumentario e nella gestione delle ferite".

Maida V, Shi RB, Fazzari FGT, Zomparelli L.
Topical cannabis-based medicines - A novel paradigm and treatment for non-uremic calciphylaxis leg ulcers: An open label trial. Int Wound J. 2020 Sep 2. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis può avere un effetto positivo sulla qualità della vita nelle persone anziane secondo un sondaggio

Un sondaggio condotto da ricercatori dell'Università dell'Iowa a Iowa City e dell'Università dell'Illinois a Champaign, USA, con 139 persone di età superiore ai 60 anni mostra che la cannabis può avere un effetto positivo sulla qualità della vita in questa fascia di età. Sono state indagate le scale di qualità della vita, l'utilizzo dell'assistenza sanitaria, gli effetti sui sintomi e gli eventi avversi.

Gli scienziati hanno scoperto che l'uso di cannabis 1-4 volte a settimana è associato a 3,30 punti aggiuntivi sulla scala della qualità della vita, 2,72 punti aggiuntivi sulla scala di utilizzo dell'assistenza sanitaria e 1,13 punti sul dolore. La frequenza di utilizzo riportata 5-7 volte a settimana è stata associata a 4,71 punti in più per la qualità della vita. Non sono state osservate associazioni significative tra la frequenza di utilizzo e gli eventi avversi.

Croker Iii JA, Bobitt JL, Arora K, Kaskie B. Assessing Health-Related Outcomes of Medical Cannabis Use among Older Persons: Findings from Colorado and Illinois. Clin Gerontol. 2020:1-14.

Notizie in breve

USA: Circa il 5% degli americani più anziani usa la cannabis
Il consumo di cannabis è in aumento tra gli americani più anziani, con uno su 20 che afferma di averla utilizzata nel mese precedente, secondo un nuovo studio. Circa il 5% degli uomini e delle donne di età pari o superiore a 55 anni ha dichiarato di aver usato cannabis nel mese precedente tra il 2016 e il 2018, secondo un sondaggio annuale del governo federale sui comportamenti potenzialmente rischiosi. "Potrebbe essere che ci siano più persone che usano la marijuana per condizioni mediche. Potrebbe essere che ci siano più persone che la usano per usi ricreativi. Potrebbero essere più persone che riconoscono l'uso, in un ambiente in cui è più facile dire che usi prodotti quando parli con qualcuno dal governo ", ha detto il co-ricercatore Bill Jesdale, assistente professore presso la University of Massachusetts Medical School, a Worcester.
Consumer Health Day del 1 Settembre 2020

Europa: CBD narcotic status to have ‘dramatic repercussions,’ on hemp industry
France’s hemp industry is urging the EURopean Commission to reconsider cannabidiol’s (CBD) classification to a narcotic pointing to the ‘dramatic repercussions,’ the decision will have on the sector.
Nutraingredients of 24 August 2020

Canada: Gli studenti atleti canadesi non saranno più testati per la cannabis
Quasi due anni dopo che il Canada ha revocato il divieto di cannabis, il Canadian Centre for Ethics in Sport (CCES), l'organizzazione no-profit responsabile dell'amministrazione del Canadian Anti-Doping Program, ha annunciato che l'organizzazione cesserà di testare i cannabinoidi negli atleti. "Il CCES ha a lungo sostenuto la rimozione della cannabis dalla WADA Prohibited List, e la legalizzazione della cannabis in Canada riflette una visione sociale mutata di come gestire l'educazione sulla cannabis e la riduzione del danno", ha detto l'organizzazione.
The Province del 24 Agosto 2020

Scienza/Cellule: Il CBD può proteggere le cellule della pelle dagli effetti negativi della luce solare
I cheratinociti, il principale tipo di cellula della pelle, sono particolarmente sensibili alla luce solare. È stato scoperto che il CBD protegge i cheratinociti prevenendo i cambiamenti nella composizione della membrana cellulare, associati all'esposizione ai raggi UVB (luce ultravioletta B). Gli autori hanno scritto che "il CBD potrebbe essere un potenziale agente protettivo per i cheratinociti contro gli effetti nocivi dell'irradiazione e dei fattori ambientali chimici che causano stress ossidativo".
Dipartimento di Chimica Analitica, Università di Medicina di Białystok, Polonia.
Atalay S, et al. Redox Biol. 2020;36:101613.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis aumenta il tempo di sonno negli adulti
In uno studio pilota con 11 persone sieropositive e 6 sieronegative l'uso di cannabis è stato associato a un maggiore tempo di sonno totale negli adulti di mezza età e negli anziani con e senza HIV durante un periodo di 14 giorni. La cannabis non altera l'efficienza del sonno né la frammentazione del sonno rispetto ai giorni senza consumo di cannabis.
SDSU / UC San Diego Joint Doctoral Program in Clinical Psychology, San Diego, USA.
Campbell LM, et al. Cannabis. 2020;3(2):180-189.

Scienza/Cellule: CBD e CBG hanno mostrato effetti neuroprotettivi
CBD, CBG e le loro forme acide sono state studiate per quanto riguarda i loro potenziali effetti neuroprotettivi in colture con cellule nervose. CBD e CBG hanno mostrato effetti protettivi contro la tossicità da H2O2 e rotenone. Alte concentrazioni di CBDA hanno ridotto la neurotossicità prodotta dal rotenone. I ricercatori hanno anche studiato il coinvolgimento del recettore 5-HT1A e dei recettori della cannabis.
Instituto de Investigaciones Biológicas Clemente Estable (IIBCE), Montevideo, Uruguay.
Echeverry C, et al. Neurotox Res. 2020 Sep 4. [in stampa]

Scienza/Cellule: Come il CBD riduce l'infiammazione nell'artrite reumatoide
I ricercatori hanno dimostrato che il CBD aumenta i livelli di calcio intracellulare, riduce la vitalità cellulare e la produzione di fibroblasti nella sinovia dell'artrite reumatoide. Gli autori hanno concluso che il CBD è un "killer per i fibroblasti sinoviali dell'artrite reumatoide infiammatoria". Questi effetti sono stati maggiori in condizioni infiammatorie. Gli autori hanno riassunto che "il CBD possiede attività anti-artritica e potrebbe migliorare l'artrite prendendo di mira i fibroblasti sinoviali in condizioni infiammatorie".
Ospedale universitario di Duesseldorf, Germania.
Lowin T, et al. Cell Death Dis. 2020;11(8):714.

Scienza/Animale: Il THC può prevenire la mortalità per sindrome da distress respiratorio acuto in COVID-19
Secondo una ricerca nei topi, il THC previene la mortalità per sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS) attraverso l'induzione dell'apoptosi nelle cellule immunitarie, che porta alla soppressione della tempesta di citochine. Gli autori hanno concluso che "questo studio suggerisce che l'attivazione dei recettori dei cannabinoidi può servire come modalità terapeutica per trattare l'ARDS associata a COVID-19".
School of Medicine, University of South Carolina, Columbia, USA.
Mohammed A, et al. Int J Mol Sci. 2020;21(17):E6244.

Scienza/Umana: La cannabis può ridurre i risultati nei pazienti affetti da cancro durante l'immunoterapia
Secondo uno studio prospettico osservazionale che includeva 102 pazienti oncologici sottoposti a immunoterapia, l'uso di cannabis da parte di 34 partecipanti era associato a risultati peggiori. Gli autori hanno scritto che "il consumo di cannabis ha notevoli effetti immunomodulatori e il suo uso tra i malati di cancro deve essere attentamente considerato a causa dei suoi potenziali effetti sul sistema immunitario, specialmente durante il trattamento con l'immunoterapia".
Cancer Center, Emek Medical Center, Afula, Israele.
Bar-Sela G, et al. Cancers (Basel). 2020;12(9):E2447.

Scienza/Animale: Il CBD migliora la trasduzione del segnale dell'insulina nel muscolo scheletrico nell'obesità
In uno studio con ratti obesi, che hanno ricevuto CBD per 2 settimane, la sintesi di ceramide nel muscolo è stata attenuata. La ceramide è un lipide. I ricercatori hanno anche osservato ulteriori effetti del CBD, che hanno coinciso con un miglioramento della trasduzione del segnale dell'insulina nel muscolo scheletrico e del recupero del glicogeno. Pertanto, il CBD sembra ridurre alcuni effetti negativi dell'obesità sostenuta, che è associata all'accumulo di derivati lipidici in diversi tessuti, compreso il muscolo scheletrico.
Dipartimento di Fisiologia, Università di Medicina di Bialystok, Polonia.
Bielawiec P, et al. Biomolecules. 2020;10(9):E1241.

Scienza/Animale: Il CBD migliora l'artrosi nei cani
In uno studio con 21 cani con osteoartrite cronica, 9 cani hanno ricevuto CBD orale aggiuntivo rispetto ai farmaci standard. Il punteggio di gravità del dolore era significativamente più basso nel CBD rispetto al gruppo di controllo in diversi momenti (settimane dopo l'inizio del trattamento). Gli autori suggeriscono studi a lungo termine su popolazioni più ampie.
Dipartimento di Medicina Veterinaria, Università degli Studi di Milano, Italia.
Brioschi FA, et al. Animals (Basel). 2020;10(9):E1505.

Scienza: Le strategie di trattamento per il COVID-19 per ridurre l'infiammazione possono includere la cannabis
Gli scienziati hanno studiato le possibilità dei rimedi erboristici di far parte di una strategia di trattamento COVID-19 contro livelli elevati di citochine infiammatorie come l'interleuchina-6 e l'interferone-gamma. Hanno concluso la loro "revisione degli esperti evidenziando il ruolo potenziale dei medicinali a base di erbe di precisione, ad esempio la Cannabis sativa".
Centro internazionale di ingegneria genetica e biotecnologia (ICGEB), Cape Town, Sud Africa.
Dzobo K, et al. OMICS. 2020 Aug 26. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione dei recettori della cannabis nel midollo spinale riduce il dolore nel diabete
Gli scienziati hanno studiato gli effetti di diversi cannabinoidi sintetici, che si legano al recettore CB1 o CB2, somministrato direttamente nel liquido cerebrospinale di ratti diabetici affetti da allodinia (aumentata sensibilità al dolore). I cannabinoidi hanno ridotto una maggiore sensibilità al dolore e questo effetto è stato mediato da entrambi i recettori.
Dipartimento di Farmacologia, Università Federale del Paraná, Brasile.
Gonçalves MR, et al. Behav Pharmacol. 2020 Aug 13. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a dicembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.