[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 20 Luglio 2020

IACM: Possibilità sofisticate di presentare poster alla conferenza virtuale

La 11ª Conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina organizzata in collaborazione con AMMCann (Messico) si svolgerà il 5-7 novembre 2020 come riunione virtuale di 3 giorni. Ci saranno sofisticate possibilità di presentare poster. Siamo supportati da una società, che ha già organizzato diverse conferenze, forma in cui abbiamo preso questo sample poster presentation. Abbiamo programmato di mettere online gli e-poster fino al 15 dicembre, proprio come la mostra virtuale degli sponsor. Tuttavia, a seconda dell'interesse, possiamo anche prolungare questo periodo.

Registration isono aperte le registrazioni per il webinar in ottobre e per la conferenza ai primi di novembre. Per I soci regolari la registrazione è gratuita per i webinars e per la conferenza vi è una riduzione . Gli studenti e le persone dai paesi Hinary hanno uno sconto.

Scienza/Umana: In Canada circa il 20% dei pazienti con artrite e dolori muscolari usa cannabis e altri vorrebbero provarlo

Molte persone usano cannabis terapeutica per curare l'artrite e altri dolori e dolori muscolari, spesso senza consultare il proprio medico, secondo un nuovo studio. I ricercatori canadesi hanno scoperto che circa 1 paziente su 5 che consulta un chirurgo ortopedico per dolore muscoloscheletrico cronico utilizza un prodotto a base di cannabis per curarsi. Per questo studio, i ricercatori hanno esaminato più di 600 pazienti che sono stati visitati in una clinica ortopedica di Toronto.

"Abbiamo scoperto che il 20% aveva riferito dell'uso passato o attuale della cannabis con l'intenzione specifica di gestire il dolore", ha affermato l'autore dello studio Dr Timothy Leroux, un chirurgo ortopedico dell'Università di Toronto. "Non solo gli utenti ricreativi, ma i pazienti che hanno detto: 'Sto usando la cannabis perché voglio migliorare il dolore con questa condizione'.” C'è anche molto interesse per la cannabis terapeutica tra i malati di artrite che non l'hanno ancora provata, Leroux e il suo team ha scoperto che i due terzi dei non utilizzatori sono interessati a provare un prodotto a base di cannabis per curare i loro muscoli e dolori articolari, hanno riferito i ricercatori.

WebMD del 28 Maggio 2020

Scienza: CBD e CBG nel collutorio efficaci quanto la clorexidina

In un'indagine sulla fattibilità dell'uso dei cannabinoidi CBD (cannabidiolo) e CBG (cannabigerolo) in colluttorio contro la placca dentale hanno mostrato un'efficacia battericida simile alla clorexidina. I ricercatori della CannIBite di Anversa, in Belgio, hanno testato due prodotti di collutorio infusi con cannabinoidi contenenti meno dell'1% dei cannabinoidi su campioni di placca raccolti da 72 adulti. Per confrontare l'efficacia di questi prodotti, sono stati inclusi due prodotti più comunemente disponibili da banco (Prodotto A e Prodotto B) per rappresentare i prodotti per il collutorio disponibili in commercio e la clorexidina gluconato 0,2% come controllo positivo.

In media, i prodotti con collutorio a base di cannabinoidi hanno mostrato un'efficacia battericida simile a quella della clorexidina allo 0,2%. Sia i prodotti contenenti collutorio allo 0,2% di clorexidina che i cannabinoidi sono risultati efficaci contro tutti i campioni testati. Il prodotto A non ha mostrato alcuna attività antimicrobica significativa in nessuno dei campioni testati, tranne un'inibizione molto marginale in 9 campioni. Il prodotto B non ha mostrato alcuna inibizione rilevabile in nessuno dei campioni testati. Gli autori hanno scritto che "i risultati dimostrano il potenziale dei cannabinoidi nello sviluppo di prodotti per collutorio efficienti e più sicuri e prodotti per l'igiene orale di prossima generazione senza fluoro e alcool".

Vasudevan K, Stahl V. Cannabinoids infused mouthwash products are as effective as chlorhexidine on inhibition of total-culturable bacterial content in dental plaque samples. J Cannabis Res. 2020;2:20.

Scienza/Umana: La cannabis non ha alcun impatto negativo sulla fitness negli anziani

In uno studio condotto su 28 anziani consumatori di cannabis adulti e 136 non utilizzatori che hanno partecipato a un ciclo di esercizi fisici in un periodo di 16 settimane la cannabis non ha avuto alcun impatto sulla forma fisica. I partecipanti avevano 60 anni o più. Gli investigatori dell'Università del Colorado a Boulder, USA, hanno misurato l'indice di massa corporea (BMI), il comportamento fisico e la forma cardiovascolare in entrambi i gruppi.

Il BMI dei consumatori di cannabis era significativamente inferiore rispetto ai non consumatori. I consumatori di cannabis hanno riportato 0,7 giorni in più di esercizio fisico rispetto ai non consumatori al punto temporale di 8 settimane ed erano 4,1 punti più alti su una scala per gli anziani a 16 settimane. Né l'idoneità di base né post-intervento differivano in base allo stato d'uso della cannabis e la forma cardiovascolare migliorava dopo l'intervento nel campione completo. Gli autori hanno concluso che questi "dati preliminari suggeriscono che l'attuale stato di utilizzo della cannabis non è associato a un impatto negativo sulla forma fisica e sugli sforzi per aumentare l'esercizio negli adulti sedentari più anziani".

YorkWilliams SL, Gibson LP, Gust CJ, Giordano G, Hutchison KE, Bryan AD. Exercise Intervention Outcomes with Cannabis Users and Nonusers Aged 60 and Older. Am J Health Behave 2020;44(4):420-431.

Notizie in breve

IACM: La rivista ufficiale aumenterà la frequenza di pubblicazione
Dal 2021 la rivista ufficiale della IACM, Cannabis and Cannabinoid Research, aumenterà la frequenza annuale di pubblicazione a 6 numeri.
Press release del 13 luglio 2020

Scienza: Simposio online sulla cannabis in un cervello che cambia
Dal Settembre 2020 il Centro per lo studio della Cannabis organizzerà un simposio online online symposium on “Cannabis in a Changing Brain.” Relatori saranno, tra gli altri, Andreas Zimmer, Tibor Harkany, Sachin Patel e Ziva Cooper. Riguarderà gli effetti dei cannabinoidi nei differenti stadi della vita.

Brasile: Tribunale consente ai genitori di due bambini autistici di coltivare cannabis
La corte d'appello di San Paolo ha permesso a una famiglia di coltivare cannabis a scopi medicinali. La decisione ha accolto una richiesta dell'Ufficio del difensore pubblico di San Paolo, che ha sottolineato la necessità medicinale del prodotto da quando ai bambini di dieci e sette anni della coppia è stato diagnosticato un Disturbo dello spettro autistico. Il rapporto medico ha sottolineato che i bambini hanno mostrato una comunicazione significativa e persistente usando la cannabis.
Rio Times Online del 28 giugno 2020

Canada: 330.000 pazienti ricevono cannabis da venditori autorizzati e 35.000 possono coltivarla da soli
Secondo un aggiornamento di Health Canada, il ministero della salute canadese, con i dati di fine marzo 329.038 pazienti medici hanno accesso con venditori autorizzati dalla federazione e 35.227 persone sono state registrate con Health Canada per la coltivazione personale di cannabis per i loro scopi medici. L'importo medio dell'autorizzazione era di 2,0 grammi al giorno.
Health Canada del 6 luglio 2020

Nepal: Tentativi di riportare la coltivazione di cannabis nel paese
A marzo l'ex ministro della giustizia Sher Bahadur Tamang del Partito Comunista del Nepal (NCP) al potere ha registrato un disegno di legge in Parlamento per ribaltare una legge del 1976 che criminalizzava la coltivazione, la vendita e il consumo di cannabis. "Il disegno di legge è progettato per il sostegno economico degli agricoltori poveri che dipendono dal raccolto di cannabis", afferma un ottimista Tamang. "Finora abbiamo ricevuto una risposta molto positiva dai colleghi deputati e sono sicuro che non ci sarà un solo voto contrario".
Nepal Times del 9 luglio 2020

Scienza: Indagine sulla sindrome da iperemesi da cannabis
EndoCannaHealth.com sta conducendo un sondaggio online su pazienti con sindrome da iperemesi da cannabinoidi. Troverete qui il link al sondaggio

Canada/Spagna: Le società canadesi e spagnole di canapa si uniscono per distribuire CBG in Canada
Una società canadese di canapa nel settore delle biotecnologie sta siglando un accordo con una società spagnola per produrre e distribuire una varietà di pianta a CBG (cannabigerolo) senza THC in Canada. La partnership di Cannabis Orchards con sede a Ottawa e Hemp Trading per immettere la varietà di canapa, chiamata Panakeia, nel mercato canadese arriva dopo una "distribuzione di successo" negli Stati Uniti.
Hemp Industry Daily del 25 giugno 2020

Scienza: Un nuovo inalatore per cannabis terapeutica consente il micro-dosaggio
Secondo uno studio sui pazienti con dolore già presentato nel Bollettino IACM la società israeliana Syqe ha dimostrato che l'inalazione di "dosi estremamente basse e precise" di THC può essere utilizzata come efficace antidolorifico evitando gli "effetti collaterali [psicoattivi]" normalmente associati all'uso di cannabis.
Jerusalem Post del 2 luglio 2020

Scienza: I cannabinoidi possono essere efficaci nel trattamento del disturbo dello spettro autistico
I ricercatori hanno compilato una rassegna sui dati relativi all'uso di cannabis e CBD nel trattamento del disturbo dello spettro autistico (ASD) e hanno descritto la propria esperienza clinica. Lavoravano con bambini e giovani adulti che hanno usato cannabis o CBD. Hanno concluso che "i dati preclinici e clinici suggeriscono un potenziale beneficio terapeutico per alcune persone con ASD e che nel complesso sono ben tollerati".
Tufts University School of Medicine, Boston, USA.
Mostafavi M, Gaitanis J. Sem Pediatric Neurol. 2020 Jul 2. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD induce la produzione di osteoblasti
I ricercatori hanno scoperto che il CBD ha aumentato l'attività di alcuni enzimi per la differenziazione delle cellule ossee in osteoblasti. Hanno concluso che ciò potrebbe suggerire "che il cannabidiolo potrebbe fornire una nuova opzione terapeutica per la rigenerazione ossea".
Dipartimento di Scienze Biologiche, Università di Gachon, Seongnam, Repubblica di Corea.
Kang MA, et al. Environ Toxicol. 2020 Jul 13. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non è associato ad anomalie dell'ECG nelle persone di mezza età
Gli investigatori hanno utilizzato i dati del cosiddetto studio CARDIA su un totale di 2585 partecipanti reclutati tra i 18 ei 30 anni tra il 1985 e il 1986 e hanno valutato i possibili effetti del consumo di cannabis sulle anomalie dell'elettrocardiogramma (ECG). Hanno concluso che un "uso cumulativo e occasionale di marijuana durante la vita non era associato ad aumenti delle anomalie dell'elettrocardiogramma".
Istituto di assistenza sanitaria di base, Università di Berna, Svizzera.
Jakob J, et al. Addiction. 2020 Jul 10. [in stampa]

Scienza/Animale: Gli effetti anti-neuroinfiammatori dei cannabinoidi contro l'emicrania sono mediati dai recettori dei cannabinoidi
In un modello di ratto di emicrania i ricercatori hanno dimostrato che alcuni effetti dei cannabinoidi contro l'emicrania sono stati mediati dal recettore CB1 e altri attraverso il recettore CB2. Hanno concluso che "i ligandi selettivi destinati ai recettori CB1 e CB2 possono fornire strategie di trattamento nuove ed efficaci contro l'emicrania".
Abant Izzet Baysal University, Facoltà di Medicina, Dipartimento di Fisiologia, Bolu, Turchia.
Kilinc E, et al. EUR J Neurosci. 2020 Jul 8. [in stampa]

Scienza/Animale: Il THC inibisce le risposte pro-infiammatorie in un modello scimmiesco di HIV
La malattia e la disfunzione della mucosa orale associate all'HIV, inclusa la parodontite e l'infiammazione delle ghiandole salivari, rappresentano una comorbilità maggiore che colpisce i pazienti con HIV in terapia antiretrovirale. In uno studio con macachi di Rhesus infetti da SIV, i ricercatori hanno scoperto che il THC "può ridurre in modo sicuro ed efficace le risposte infiammatorie orali nell'HIV / SIV e altre malattie (autoimmuni)". L'infezione da SIV nelle scimmie corrisponde all'infezione da HIV nell'uomo.
Southwest National Primate Research Center, Texas Biomedical Research Institute, San Antonio, USA.
Alvarez X, et al. Viruses. 2020;12(7).

Scienza: Diversi cannabinoidi minori possono avere un potenziale neuroprotettivo promettente
In una revisione sistematica, che includeva 31 articoli, gli autori hanno scoperto che CBG e CBDV hanno mostrato efficacia nei modelli della malattia di Huntington e dell'epilessia. CBC, THCA e THCV hanno mostrato risultati promettenti in modelli di convulsioni e ipomobilità, morbo di Huntington e Parkinson.
School of Medicine, University of Nottingham, Regno Unito.
Stone NL, et al. Br J Pharmacol. 2020 Jul 1. [in stampa]

Scienza/Animale: Alcuni derivati del THCA hanno mostrato un potenziale anticancro
Nuovi derivati sintetici dell'acido tetraidrocannabinolico (THCA) hanno mostrato effetti anticancro nelle cellule e nei topi.
AL&AM Pharmachem, Rehovot, Israele.
Aizikovich A. J Pancreat Cancer. 2020;6(1):40-44.

Scienza/Animale: Gli effetti antiepilettici del CBD sono mediati dal recettore vanilloide 1
Gli investigatori hanno scoperto un ruolo di TRPV1 (potenziale recettore transitorio vanilloide 1) negli effetti anticonvulsivi del CBD. Hanno valutato l'effetto del CBD sulla soglia convulsiva utilizzando un modello murino di crisi generalizzata.
GW Research, Cambridge, Regno Unito.
Gray RA, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2020;5(2):145-149.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Webinar 2020

Nell'ottobre 2020 l'IACM organizza una serie di webinar. Tra i relatori ci sono Roger Pertwee, Raphael Mechulam, Manuel Guzman, Ethan Russo e Kirsten Müller-Vahl. Dopo i webinar ci saranno sottotitoli per diverse lingue. L'accesso è gratuito per gli utenti abituali dell'IACM. Qui trovate l'opuscolo per gli sponsor. Qui trovate informazioni sulle tariffe di registrazione e un link per la registrazione.

Conferenza IACM 2020

L'IACM terrà la sua 11° Conferenza sui cannabinoidi in medicina in collaborazione con l'Asociación Mexicana de Medicina Cannabinodie dal 5 al 7 novembre 2020 a Città del Messico. Sarà un congresso virtuale. Qui trovate informazioni sulle tariffe di registrazione e un link per la registrazione.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.