[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 16 Marzo 2020

Nazioni Unite: La Commissione per i narcotici rinvia il voto sulla regolamentazione della cannabis

La Commissione delle Nazioni Unite sui narcotici (CND) ha deciso di ritardare fino a dicembre il voto che si sarebbe dovuto tenere a marzo sulla possibile rivalutazione globale della cannabis. Il CND, che si doveva riunire a Vienna, in Austria, dal 2 al 6 marzo, avrebbe dovuto votare una serie di raccomandazioni dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per allentare le restrizioni sulla cannabis e sulle sostanze correlate come CBD e THC.

Questa è la seconda volta che il CND si rifiuta di votare le raccomandazioni, che l'OMS ha presentato per la prima volta nel gennaio 2019. Il CND è l'organismo centrale di elaborazione delle politiche sulle droghe delle Nazioni Unite, comprendente 53 Stati membri che rappresentano ciascun continente e regione.
Le raccomandazioni dell'OMS includono, tra le altre, le seguenti: Rimuovere i fiori e la resina di cannabis dall'Allegato 4 della Convenzione sui farmaci del 1961, la categoria più restrittiva, per i farmaci ritenuti i più responsabili per l'uso problematico e senza effetti terapeutici. La cannabis verrebbe trasferita all'Allegato 1 leggermente meno restrittivo e sarebbe comunque strettamente controllata.

Filter del 5 Marzo 2020

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nella fibromialgia secondo uno studio osservazionale

Uno studio osservazionale con 102 pazienti con fibromialgia ha dimostrato benefici da un trattamento con cannabis, specialmente in quelli con disfunzioni del sonno. Lo studio è stato presentato dai ricercatori dell'Unità di Reumatologia dell'Ospedale Universitario Luigi Sacco di Milano, Italia. Comprendeva pazienti con dolore superiore a 3 su una scala analogica visiva da 0 a 10 nonostante il trattamento analgesico. I pazienti hanno ricevuto estratti di cannabis preparati da 2 varietà di cannabis (Bedrocan, Bediol).

Il tasso di persistenza della terapia a 6 mesi è stato del 64%. È stato osservato un miglioramento significativo dell'indice di qualità del sonno e del FIQR (Fibromyalgia Impact Questionnaire) rispettivamente nel 44% e nel 33% dei pazienti. Il 50% ha mostrato un moderato miglioramento delle scale di ansia e depressione. Il trattamento analgesico concomitante è stato ridotto o sospeso nel 47% dei pazienti. Un terzo ha manifestato lievi eventi avversi, che non hanno causato modifiche significative al trattamento.


Giorgi V, Bongiovanni S, Atzeni F, Marotto D, Salaffi F, Sarzi-Puttini P. Adding medical cannabis to standard analgesic treatment for fibromyalgia: a prospective observational study. Clin Exp Rheumatol. 2020;38 Suppl 123(1):53-59.

Scienza/Umana: Il CBD può ridurre la rigidità arteriosa e migliorare la funzione del rivestimento interno delle arterie

In uno studio su 26 uomini sani, a cui sono stati somministrati 600 mg di CBD o placebo per 7 giorni in uno studio randomizzato controllato con placebo, il cannabinoide ha causato una riduzione molto bassa della pressione sanguigna. Questo effetto non è stato più osservato dopo 7 giorni. Inoltre, il CBD ha migliorato la rigidità arteriosa e ha migliorato la funzione endoteliale. Lo studio è stato condotto presso la School of Medicine dell'Università di Nottingham presso il Royal Derby Hospital, Regno Unito. 13 hanno ricevuto il placebo e 13 CBD orale.

Rispetto al placebo, il CBD ha ridotto significativamente la pressione arteriosa media a riposo di una media di 2 mm Hg dopo somministrazione acuta, ma non dopo una somministrazione ripetuta. Sette giorni di CBD hanno aumentato il diametro interno dell'arteria carotidea. All'interno del gruppo CBD, il dosaggio ripetuto riduceva la rigidità arteriosa entro il giorno 7 e migliorava la funzione delle cellule endoteliali, il rivestimento interno delle arterie. Gli autori hanno scritto che "la riduzione della rigidità arteriosa e il miglioramento della funzione endoteliale dopo ripetute dosi di CBD sono risultati che giustificano ulteriori indagini in popolazioni con malattie vascolari".

Sultan SR, O'Sullivan SE, England TJ. The effects of acute and sustained cannabidiol dosing for seven days on the haemodynamics in healthy men: A randomised controlled trial. Br J Clin Pharmacol. 2020 Mar 3. [in stampa]

Scienza/Umana: Dosi più basse di CBD erano efficaci quanto le dosi più alte nel trattamento dell'epilessia nei pazienti con sindrome di Dravet

In uno studio controllato con placebo su 199 pazienti con sindrome di Dravet di età compresa tra 10 e 18 anni, è stato somministrato CBD in aggiunta ai farmaci antiepilettici standard. I pazienti hanno ricevuto 10 mg di CBD per kg di peso corporeo, 20 mg di CBD per kg di peso corporeo o un placebo in aggiunta ad almeno un farmaco antiepilettico standard in dosi equamente suddivise per 14 settimane. Lo studio è stato condotto in diversi paesi. 190 pazienti hanno completato lo studio.

La riduzione percentuale rispetto al basale della frequenza delle convulsioni è stata del 48,7% per il gruppo CBD10 e del 45,7% per il gruppo CBD20 contro il 26,9% per il gruppo placebo. Gli eventi avversi più comuni sono stati diminuzione dell'appetito, diarrea, sonnolenza, piressia e affaticamento. Cinque pazienti nel gruppo CBD20 hanno interrotto a causa di eventi avversi. Gli autori hanno concluso che "il cannabidiolo aggiuntivo a dosi di 10 e 20 mg / kg / die ha portato a riduzioni simili clinicamente rilevanti della frequenza delle convulsioni con un migliore profilo di sicurezza e tollerabilità per la dose di 10 mg / kg / die".

Miller I, Scheffer IE, Gunning B, Sanchez-Carpintero R, Gil-Nagel A, Perry MS, Saneto RP, Checketts D, Dunayevich E, Knappertz V; GWPCARE2 Study Group. Dose-Ranging Effect of Adjunctive Oral Cannabidiol vs Placebo on Convulsive Seizure Frequency in Dravet Syndrome: A Randomized Clinical Trial. JAMA Neurol. 2020 Mar 2. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis non riduce la funzione cognitiva negli anziani, ma può migliorare la salute del cervello

Una rassegna degli scienziati della School of Public Health dell'Università di Haifa, in Israele, ha concluso che le "prove limitate su questo importante argomento suggeriscono che l'uso in età avanzata potrebbe non essere collegato con prestazioni cognitive più scarse, quindi gli effetti dannosi della prima infanzia dell'uso di cannabis potrebbero non verificarsi in età avanzata. Piuttosto, l'uso in età avanzata può essere associato a una migliore salute del cervello, in conformità con le proprietà neuroprotettive note di numerosi cannabinoidi. Tuttavia, non è possibile trarre conclusioni definitive dall'attuale base di prove a causa della mancanza di ricerca con solidi progetti metodologici ".

Gli autori hanno esaminato la letteratura da modelli su animali vecchi e studi sull'uomo, concentrandosi sul legame tra l'uso della cannabis nella mezza età e la vecchiaia e la cognizione. Il rapporto evidenzia il divario nelle conoscenze sull'uso della cannabis nella vita tardiva e nella salute cognitiva e discute i risultati limitati nel contesto di cambiamenti sostanziali negli atteggiamenti e nelle politiche.

Weinstein G, Sznitman SR. The implications of late-life cannabis use on brain health: A mapping review and implications for future research. Ageing Res Rev. 2020;59:101041.

Scienza/Umana: La cannabis ha migliorato i sintomi nei malati di cancro nonostante la dose ridotta di oppioidi

Gli scienziati dell'Inspira Health Network di Vineland, negli Stati Uniti, hanno studiato la somministrazione di cannabis aggiuntiva nella gestione dei sintomi correlati al cancro. Hanno misurato i sintomi fisici ed emotivi e il consumo di oppiacei convertito in milligrammi equivalenti di morfina (MME). Hanno identificato 232 pazienti, di cui 95 non hanno usato la cannabis e 137 hanno usato la cannabis.

Il dolore, i sintomi fisici e totali misurati con una scala dei sintomi per i sintomi del cancro (ESAS) sono significativamente migliorati per entrambi i gruppi. Tuttavia, solo i consumatori di cannabis hanno mostrato miglioramenti significativi nei sintomi emotivi. Inoltre, l'uso di oppiacei è aumentato del 23% nel gruppo non cannabis, mentre è rimasto stabile nel gruppo cannabis. Gli autori hanno concluso che la cannabis "ha migliorato i punteggi ESAS dei pazienti oncologici nonostante la riduzione della dose di oppioidi e dovrebbe essere considerata una terapia adiuvante praticabile per la gestione palliativa".

Pawasarat IM, Schultz EM, Frisby JC, Mehta S, Angelo MA, Hardy SS, Kim TWB. The Efficacy of Medical Marijuana in the Treatment of Cancer-Related Pain. J Palliat Med. 2020 Feb 26. [in stampa]

Notizie in breve

Scienza/Umana: La cannabis ha ridotto l'agitazione in un paziente con lesioni cerebrali
In un uomo di 38 anni, che è stato trattato per l'ansia 3 anni dopo 2 lesioni cerebrali, la cannabis ha migliorato significativamente i sintomi. Il paziente aveva i criteri per il disturbo da stress post-traumatico, la depressione, l'agitazione, inclusi colpi sulla testa e le autolesioni. Diversi tentativi terapeutici non avevano avuto successo. Con l'uso della cannabis la depressione, l'agitazione, l'aggressività e l'ansia sono diminuite.
The Mind Research Network / Lovelace Biomedical and Environmental Research Institute, Pete & Nancy Domenici Hall, Albuquerque, USA.
Hergert DC, et al. Psychosomatics. 2020 Feb 25. [in stampa]

Scienza/Gran Bretagna: Molte persone pensano erroneamente che le sigarette elettroniche siano pericolose quanto il fumo di tabacco
Più della metà dei fumatori britannici ora crede erroneamente che i "vaporizzatori" contenenti nicotina o le sigarette elettroniche siano pericolosi quanto le sigarette di tabacco e queste "false paure" impediscono ai fumatori di cambiare, dicono gli esperti di salute.
Reuters del 4 Marzo 2020

Libano: Il governo vuole legalizzare la coltivazione di cannabis medica e industriale
Il parlamento libanese voterà su una legge che legalizzerebbe la coltivazione della cannabis per uso medico e industriale nel tentativo di rafforzare la sua economia paralizzata e frenare la produzione illecita della pianta psicoattiva. Il progetto di legge, che è stato approvato dalle commissioni parlamentari ed è ora diretto al voto finale, riguarderebbe solo la cannabis che contiene meno dell'1% del THC.
Al Jazeera del 12 Marzo 2020

Gran Bretagna: Ii pazienti avranno un accesso più rapido alla loro cannabis medica
I pazienti nel Regno Unito che ricevono prescrizioni per medicinali a base di cannabis saranno in grado di ricevere il loro trattamento in pochi giorni, anziché mesi, poiché le restrizioni all'importazione nel Regno Unito sono cambiate il 2 marzo. I grossisti autorizzati saranno ora in grado di importare grandi quantità di prodotti a base di cannabis e conservare forniture per un uso futuro da parte dei pazienti con prescrizioni.
Fobs del 3 Marzo 2020

Scienza/Umana: Il CBD riduce lo stress ossidativo nelle cellule della pelle delle persone sane, ma aumenta lo stress in quelli dei pazienti con psoriasi
Gli scienziati hanno analizzato l'effetto del cannabidiolo sullo stress ossidativo nei cheratinociti (cellule epiteliali) irradiati con UVA / UVB, isolati dalla pelle di pazienti psoriasici o volontari sani. Hanno osservato una diminuzione del livello di anandamide nei cheratinociti irradiati con UV nei controlli sani a seguito del trattamento con CBD, mentre nei cheratinociti di pazienti trattati con CBD, il livello di anandamide era aumentato. Hanno inoltre dimostrato che il CBD aumenta l'espressione del recettore CB1, principalmente nei cheratinociti dei pazienti, e aumenta l'espressione del recettore CB2 sia nel gruppo psoriasico che in quello di controllo.
Jarocka-Karpowicz I, et al. Biomolecules. 2020 Feb 11. [in stampa]

Scienza/Animale: Studi sugli animali mostrano che i cannabinoidi riducono la crescita tumorale nel glioblastoma
Un'analisi degli studi sugli animali sui cannabinoidi nel glioblastoma, un tumore al cervello, ha mostrato che "l'efficacia del trattamento è stata osservata per diversi tipi di cannabinoidi, da soli o in combinazione, e per periodi di trattamento diversi".
Universidade da Beira Interior, Covilhã, Portogallo.
Luís Â, et al. EUR J Pharmacol. 2020 Mar 4:173055.

Scienza/Animale: La stimolazione dei recettori CB1 dei cannabinoidi cerebrali può migliorare l'ipertensione nei ratti
In uno studio con ratti con ipertensione spontanea "la stimolazione dei recettori CB1 cerebrali può migliorare l'ipertensione accompagnata da un deflusso simpatico potenziato senza influire sulla pressione sanguigna in condizioni normotese".
Dipartimento di Farmacologia, Kochi Medical School, Kochi University, Nankoku, Kochi, Giappone.
Shimizu T, et al. Clin Exp Pharmacol Physiol. 2020 Mar 6. [in stampa]

Scienza: Il CBD è efficace contro i batteri resistenti Gram positivi in combinazione con un antibiotico
È stato dimostrato che il CBD può aiutare a uccidere i batteri resistenti. In questo studio il CBD ha potenziato l'effetto della bacitracina contro i batteri Gram-positivi (specie di Staphylococcus, Listeria monocytogenes e Enterococcus faecalis) ma è apparso inefficace contro i batteri Gram-negativi.
Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, Università della Danimarca meridionale, Odense, Danimarca.
Wassmann CS, et al. Sci Rep. 2020;10(1):4112.

Scienza: Il nuovo cannabinoide Cannabimovone potrebbe essere potenzialmente utile nei disturbi correlati all'insulino-resistenza
Gli scienziati hanno identificato e caratterizzato il Cannabimovone (CBM), un cannabinoide proveniente dalla pianta di cannabis, come un nuovo antagonista del PPAR-Gamma. Hanno scritto che lì il CBM è "un nuovo composto bioattivo potenzialmente utile per il trattamento dei disturbi correlati all'insulino-resistenza".
Istituto di chimica biomolecolare (ICB), Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Pozzuoli, Italia.
Iannotti FA, et al. Molecules 2020;25(5).

Scienza/Animale: Alte dosi di CBD hanno migliorato la cognizione in un modello animale di malattia di Alzheimer
Il trattamento cronico con 50 mg / kg di CBD ha migliorato la cognizione in un modello animale di malattia di Alzheimer (AD). Gli autori hanno scritto che i "risultati sottolineano la rilevanza clinica del trattamento con CBD nell'AD; tuttavia, i meccanismi sottostanti coinvolti richiedono ulteriori indagini ".
School of Medicine, Western Sydney University, Campbelltown, Australia.
Watt G, et al. J Alzheimers Dis. 2020 Feb 22. [in press]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Eventi online gratuiti 2020

Potete trovare tutte le informazioni qui.

L'IACM terrà una serie di webinar gratuiti e un incontro online gratuito per l'anniversario da ottobre a novembre 2020.

Tutti i webinar si terranno in inglese con sottotitoli in tedesco, francese, spagnolo e portoghese. Tutti i webinar saranno disponibili online fino a marzo 2021.

L'incontro online
per celebrare il 20° anniversario dell'IACM e per onorare il 90° compleanno di Raphael Mechoulam sarà una sessione dal vivo solo il 5 novembre 2020.

I relatori della serie di webinar sono Donald I. Abrams, Bonni Goldstein, Franjo Grotenhermen, Manuel Guzmán, Raphael Mechoulam, Kirsten Müller-Vahl, Roger Pertwee, Daniele Piomelli e Ethan Russo.

Potete trovare tutte le informazioni qui.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.