[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 20 Gennaio 2020

IACM: IACM su Facebook e LinkedIn

L'IACM ha aperto una nuova pagina Facebook. Lì troverai le ultime informazioni sull'uso medico di cannabis e cannabinoidi nel periodo tra i bollettini IACM bisettimanali.

Attualmente stiamo lavorando duramente per aggiornare il nuovo sito Web IACM. Ciò riguarda innanzitutto la possibilità di adesione, la donazione e le aree associate. Sarà pronto a febbraio. Quindi sarà possibile diventare nuovo membro, ottenere l'accesso al sito esclusivo dei membri con presentazioni della nostra conferenza di novembre 2019 a Berlino e ottenere l'accesso gratuito alla rivista Cannabis e Cannabinoid Research. Vi ringraziamo per la vostra pazienza

IACM Facebook Site
IACM on LinkedIn

Scienza/Umana: Il CBD riduce lo stress nelle persone ad alto rischio di psicosi

In uno studio 32 pazienti con un alto rischio di psicosi e 26 persone sane che hanno assunto giornalmente 600 mg di CBD per una settimana, il CBD ha ridotto significativamente i segni di stress. I risultati sono dei ricercatori del Dipartimento di Studi sulle Psicosi presso il King.s College di Londra, Regno Unito, recentemente pubblicati su `Psychopharmacology. La metà dei pazienti ha ricevuto il CBD e l'altra metà un placebo. Tutti hanno preso parte al test di stress sociale di Treviri (TSST).

Il CBD ha ridotto i livelli ematici dell'ormone dello stress cortisolo durante un test di conversazione pubblica. Attraverso i tre gruppi di partecipanti il ​​test di conevrsazione pubblica ha prodotto la più alta ansia nel gruppo placebo e il più basso nel gruppo di controllo sano con pazienti che hanno ricevuto CBD "dimostrando un livello intermedio di cambiamento". Gli autori hanno concluso che i loro risultati "dimostrano che vale la pena per progettare ulteriori studi che indaghino se il CBD possa essere usato per influenzare la risposta del cortisolo nei pazienti ad alto rischio clinico di psicosi e gli eventuali effetti che questo possa avere sui sintomi. "

Appiah-Kusi E, Petros N, Wilson R, Colizzi M, Bossong MG, Valmaggia L, Mondelli V, McGuire P, Bhattacharyya S. Effects of short-term cannabidiol treatment on response to social stress in subjects at clinical high risk of developing psychosis. Psychopharmacology (Berl). 2020 Jan 8. [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di tabacco ma non l'uso di cannabis durante la gravidanza è stato associato a un peso alla nascita ridotto

I ricercatori del Dipartimento di salute delle donne e dei bambini della Facoltà di scienze della vita e medicina del King's College di Londra, Regno Unito, hanno analizzato i dati di 4465 neonati, le cui madri hanno partorito nel 2017 e nel 2018. 205 donne hanno riferito di fumare sigarette (4,7%) e 106 usavano cannabis (2,4%). Le donne avevano maggiori probabilità di fumare se giovani (15-19 anni) o di etnia mista o bianche.

Il fumo di sigaretta era associato a un punteggio medio più basso per il peso alla nascita e la circonferenza della testa. La combinazione di cannabis e consumo di tabacco ha comportato un peso alla nascita e una circonferenza della testa inferiori rispetto al consumo di tabacco da solo. Lo studio ha anche scoperto che "la sola cannabis non ha causato una riduzione significativa del peso alla nascita o della circonferenza della testa".

Sturrock S, Williams E, Ambulkar H, Dassios T, Greenough A. Maternal smoking and cannabis use during pregnancy and infant outcomes. J Perinat Med. 2020 Jan 11. [in stampa]

Scienza/Umana: Il CBD può essere utile nel ridurre le convulsioni nell'epilessia refrattaria

Con o senza la somministrazione concomitante di clobazam, farmaco antiepilettico, il CBD può essere efficace nel ridurre la frequenza delle crisi epilettiche nei bambini e negli adulti. Gli scienziati del Massachusetts General Hospital di Boston, negli Stati Uniti, hanno analizzato i dati di 47 soggetti di età compresa tra 2,5 e 51 anni. Di questi, 32 avevano ricevuto l'estratto con CBD Epidiolex insieme a clobazam e 15 avevano ricevuto solo Epidiolex.

Non vi è stata alcuna differenza significativa nella riduzione della frequenza media delle crisi settimanali tra coloro che hanno assunto clobazam concomitante e quelli che non lo hanno assunto in entrambi i tempi dell'indagine. C'è stato un tasso di risposta significativamente maggiore per i soggetti che assumevano CBD e clobazam rispetto a quelli che assumevano CBD senza clobazam solo al punto di miglior controllo delle crisi convulsive entro il primo anno di trattamento con CBD.

Savage TE, Sourbron J, Bruno PL, Skirvin LA, Wolper ES, Anagnos CJ, Thiele EA. Efficacy of cannabidiol in subjects with refractory epilepsy relative to concomitant use of clobazam. Epilepsy Res. 2019;160:106263.

Scienza/Umana: Il CBD riduce il dolore e il disturbo dell'umore concomitante in un paziente con neurofibromatosi

Raramente è stato riportato che il CBD riduce il dolore, ma alcuni rapporti suggeriscono che potrebbe essere utile in alcuni casi. Ora i medici di Toronto, in Canada, hanno presentato un resoconto di una donna di 25 anni di origine africana con neurofibromatosi, presentata alla clinica lamentando dolore cronico, depressione e ansia. Ha usato un estratto di cannabis contenente 20 mg di CBD e 1 mg di THC per ml. Aumentava lentamente le dosi fino a 0,4 ml due volte al giorno.

Durante questo periodo, la paziente ha riferito che il suo dolore era significativamente ridotto (da una media di 6 su 10 fino a 1 su 10 su una scala analogica visiva). Ha riferito di essere meno emotiva e di sentirsi più calma, che l'ansia si è ridotta e che il suo umore si è stabilizzato. Era in grado di ridurre i suoi antidolorifici. Non è chiaro dal case report se CBD o THC o entrambi fossero responsabili dell'effetto.

Hegazy O, Platnick H. Cannabidiol (CBD) for Treatment of Neurofibromatosis-related Pain and Concomitant Mood Disorder: A Case Report. Cureus. 2019;11(12):e6312.

Notizie in breve

Scienza/Umana: Il CBD riduce l'ansia e i tremori indotti dallo stress nei pazienti con malattia di Parkinson
Una singola dose di 300 mg di CBD ha ridotto l'ansia e i tremori causati da un test di conversazione pubblica simulato in 24 pazienti con malattia di Parkinson. I partecipanti sono stati sottoposti a uno studio clinico crossover controllato con placebo.
Dipartimento di Gerontologia, Università Federale di São Carlos, Brasile.
de Faria SM. J Psychopharmacol. 2020 Genn 7:269881119895536.

Canada: La legalizzazione della cannabis è stata associata alla riduzione del consumo di birra
Nel primo anno di legalizzazione della cannabis, i volumi di birra sono diminuiti del 3%, secondo i dati di Beer Canada. "Questo è molto peggio delle tendenze osservate tra il 2014 e il 2018, in cui i volumi dell'industria della birra sono scesi in media dello 0,3%", e sembra essere correlato alla legalizzazione canadese della cannabis alla fine del 2018, ha affermato l'analista Cowen Vivien Azer. Vi è un certo dibattito sull'impatto che la legalizzazione della cannabis ha sul consumo di alcol, sebbene i sondaggi sui consumatori di cannabis indicano che tendono a bere meno quando sono in “high”.
Bloomberg del 7 Gennaio 2020

Thailandia: Inaugurata la prima clinica specializzata in medicine a base di cannabis
Il 6 gennaio la Thailandia ha aperto la sua prima clinica a tempo pieno specializzata in medicina tradizionale e alternativa a base di cannabis, nell'ambito di una strategia del governo verso lo sviluppo di un'industria di cannabis medicinale. "Questa è una clinica pilota, perché non possiamo produrre abbastanza medici con esperienza nella cannabis", ha detto il giornalista Anutin Charnvirakul ai giornalisti alla cerimonia di apertura a Bangkok. I pazienti riceveranno un trattamento gratuito per le prime due settimane, ha aggiunto.
Reuters del 6 Gennaio 2020

Scienza/Umana: Abilità di guida ridotte nei consumatori di cannabis pesanti che la iniziano a usare prima dei 16 anni
I consumatori di cannabis ricreative pesanti hanno avuto prestazioni di guida peggiori durante un test del simulatore di guida rispetto ai non utilizzatori anche quando non sono sotto l'influenza. Lo studio è stato condotto presso Marijuana Investigations for Neuroscientific Discovery (MIND) presso il McLean Hospital, una filiale della Harvard Medical School di Belmont, negli Stati Uniti. Gli autori hanno osservato che non tutti i consumatori di cannabis pesanti hanno ridotto le capacità di guida, ma per un campione di partecipanti, c'erano ancora differenze tra coloro che usano la cannabis rispetto a quelli che non lo fanno. Principalmente, l'inizio dell'uso di cannabis prima dei 16 anni era associato a prestazioni peggiori al simulatore di guida.
Reuters del 15 Gennaio 2020

Scienza: Il CBD ha contribuito a ridurre la formazione di biofilm batterico su lenti a contatto morbide
Un nuovo studio ha dimostrato che l'estratto di aglio e un estratto di CBD hanno avuto buoni effetti sull'inibizione della formazione di biofilm e sulla rimozione di biofilm preformati, causati dal batterio Pseudomonas aeruginosa e li rendono agenti promettenti che potrebbero essere sfruttati per sviluppare soluzioni di cura più efficaci contro questo aggressivo batterio.
Dipartimento di Scienze e Tecnologie, Università degli Studi di Napoli "Partenope", Napoli, Italia.
Di Onofrio V. Antibiotics (Basel). 2019;8(4).

Scienza: Meccanismo d'azione proposto nell'epilessia
Il CBD possiede affinità per più target, in una gamma di classi target, con conseguente modulazione funzionale dell'eccitabilità neuronale, rilevante per la fisiopatologia di molti tipi di malattie, inclusa l'epilessia. Gli autori presentano i dati farmacologici a supporto del ruolo di tre di questi target, vale a dire il potenziale recettore transitorio vanilloide-1 (TRPV1), il recettore orfano accoppiato con proteina G-55 (GPR55) e il trasportatore nucleosidico equilibrativo 1 (ENT-1).
GW Research Ltd, Chivers Way, Histon, Cambridge, Regno Unito.
Gray RA. Epileptic Disord. 2020 Genn 10. [in stampa]

Scienza/Umana: Alte concentrazioni di endocannabinoide 2-AG sono state associate a bassa mortalità nei pazienti in emodialisi
La mortalità nei pazienti con malattia renale allo stadio terminale in emodialisi di mantenimento rimane eccezionalmente elevata. Un'analisi dei pazienti ha rivelato che i livelli ematici di 2-AG erano positivamente correlati all'indice di massa corporea, ai trigliceridi sierici e alle misure antropometriche corporee. I livelli di 2-AG erano anche associati a un ridotto rischio di mortalità per tutte le cause.
Divisione di Nefrologia, Ipertensione e Trapianto di Rene, Università della California Irvine School of Medicine, USA.
Moradi H. Am J Nephrol. 2020 Jan 14:1-10.

Scienza/Animale: I cannabinoidi promuovono la progressione del carcinoma della testa e del collo dell'HPV
Nei modelli cellulari e animali i ricercatori hanno scoperto che i cannabinoidi possono favorire la progressione di una determinata forma di cancro, ovvero il carcinoma a cellule squamose della testa e del collo correlato al virus del papilloma umano (HPV).
Moores Cancer Center, University of California, San Diego, USA.
Liu C. Clin Cancer Res. 2020 Genn 13. [in stampa]

Scienza/Umana: Il THC riduce il dolore nell'endometriosi
In un modello murino di endometriosi il dolore è stato modificato dal THC (2 mg / kg) così come l' innervazione. Gli autori hanno scritto che "sorprendentemente, il THC inibisce anche lo sviluppo di cisti endometriali. Questi dati evidenziano l'interesse di studi clinici programmati progettati per studiare i possibili benefici del THC per le donne con endometriosi. "
Laboratorio di Neurofarmacologia, Dipartimento di Scienze della Sperimentazione e della Salute, Universitat Pompeu Fabra, Barcellona, Spagna.
Escudero-Lara A. Elife. 2020 Genn 14;9.

Scienza/Animale: Il CBD riduce gli stati di attacco di panico, effetto mediato dal recettore CB1
Negli studi sui ratti è stato dimostrato che il CBD riduce gli stati di attacco di panico e la riduzione del dolore indotta dalla paura quando somministrato nell'ipotalamo ventromediale, e questi effetti sono stati mediati dal recettore CB1.
Dipartimento di Farmacologia, Ribeirão Preto Medical School dell'Università di San Paolo, Brasile.
Khan AU. Psychopharmacology (Berl). 2020 Genn 9. [in stampa]

Scienza/Cellule: I cannabinoidi possono contrastare le alterazioni dei linfoblasti associati alla malattia di Alzheimer
Gli scienziati hanno scoperto che l'attivazione dei recettori dei cannabinoidi da parte di due nuovi cannabinoidi sintetici (NP137 e NP148) ha mostrato effetti positivi sui modelli cellulari della malattia di Alzheimer, inclusi i linfociti di pazienti con malattia di Alzheimer a esordio tardivo. Hanno scritto che "è stato suggerito che NP137 potrebbe essere un buon candidato come farmaco per il futuro trattamento di AD".
Centro de Investigaciones Biológicas (CSIC), Madrid, Spagna.
Nuñez-Borque E. Mol Neurobiol. 2020 Genn 3. [in stampa]

Scienza/Animale: Dosi molto basse di THC e CBD possono essere utili in caso di nausea
Gli studi con ratti suggeriscono che la combinazione di dosi molto basse di CBD e THC o di CBDA (acido CBD) e THCA (acido THC) riducono la nausea. Gli autori hanno scritto che "sono necessari studi clinici per determinare l'efficacia dell'uso di cannabinoidi singoli o combinati come trattamenti aggiuntivi con i regimi antiemetici esistenti per gestire la nausea indotta dalla chemioterapia."
Dipartimento di Psicologia e Programma di Neuroscienze collaborative, Università di Guelph, Canada.
Rock EM. Psychopharmacology (Berl). 2020 Genn 2. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Webinar 2020

Nell'ottobre 2020 l'IACM organizza una serie di webinar. Tra i relatori ci sono Roger Pertwee, Raphael Mechulam, Manuel Guzman, Ethan Russo e Kirsten Müller-Vahl. Dopo i webinar ci saranno sottotitoli per diverse lingue. L'accesso è gratuito per gli utenti abituali dell'IACM. Qui trovate l'opuscolo per gli sponsor. Qui trovate informazioni sulle tariffe di registrazione e un link per la registrazione.

Conferenza IACM 2020

L'IACM terrà la sua 11° Conferenza sui cannabinoidi in medicina in collaborazione con l'Asociación Mexicana de Medicina Cannabinodie dal 5 al 7 novembre 2020 a Città del Messico. Sarà un congresso virtuale. Qui trovate informazioni sulle tariffe di registrazione e un link per la registrazione.

Conferenza IACM 2021

La dodicesima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina si terrà a Basilea, in Svizzera, dal 14 al 16 ottobre 2021.

Members only

Regular members can sign up for the new member area of the IACM to access exclusive content.

You need to become a regular member of the IACM to access the new member area.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.