[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 07 Gennaio 2020

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nella sindrome delle gambe senza riposo

Uno scienziato francese, che aveva già presentato 6 casi di automedicazione di successo con cannabis nella sindrome delle gambe senza riposo nel 2017, ha riportato altri 12 casi che hanno riferito di usare cannabis. Tutti i pazienti si lamentavano di sintomi da gravi a molto gravi e sono stati trattati con uno o più farmaci standard disponibili con scarsa o limitata efficacia.

L'autore ha scritto che "tutti tranne un paziente (paziente 2) hanno ammesso il sollievo totale dei sintomi a seguito del fumo di cannabis ma nessuno ha interrotto l'attuale trattamento principalmente a causa dell'aspetto illecito del fumo di marijuana e della preoccupazione per un potenziale rischio di abuso ed effetti psicoattivi". Inoltre ha aggiunto che "il potenziale beneficio dell'uso di cannabis nei pazienti con RLS refrattaria dovrebbe quindi essere messo alla prova da solidi studi clinici".

Ghorayeb I.More evidence of cannabis efficacy in restless legs syndrome. Sleep Breath. 2019 Dec 9. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile in una rara forma genetica di neurodegenerazione dei bambini

Alcuni bambini con una rara forma di neurodegenerazione, associata a distonia o spasticità hanno tratto beneficio dal trattamento con la cannabis. I medici della divisione di neurologia pediatrica della Oregon Health & Science University di Portland, negli Stati Uniti, hanno contattato famiglie di 44 bambini con la cosiddetta neurodegenerazione associata alla chinasi pantotenato e hanno ricevuto 18 risposte.

I bambini avevano una media di 11 anni. I 15 intervistati con distonia o spasticità avevano assunto una mediana di 2 farmaci. Sette bambini avevano usato la cannabis (39%). La fonte più comune di informazioni sulla cannabis era gli altri genitori. Gli autori hanno scritto che “i medici dovrebbero essere consapevoli del fatto che i genitori possono trattare il loro bambino con distonia grave e dolorosa con la cannabis. Per i disturbi pediatrici del tono sono necessari studi controllati con placebo per prodotti contenenti cannabidiolo e 9-tetraidrocannabinolo. "

Wilson JL, Gregory A, Wakeman K, Freed A, Rai P, Roberts C, Hayflick SJ, Hogarth P. Cannabis Use in Children With Pantothenate Kinase-Associated Neurodegeneration. J Child Neurol. 2019 Dec 11:883073819890516.

Scienza/Umana: Le persone con l'HIV, che usano la cannabis, hanno prestazioni neurocognitive migliori

In uno studio con 679 persone con l'HIV e 273 persone senza l'HIV, l'uso di cannabis è stato associato a una percentuale inferiore di compromissione neurocognitiva. La ricerca è stata condotta da scienziati dell'Università della California a San Diego. I partecipanti hanno completato le valutazioni neurocognitive, neuromediche e sull'uso di sostanze. L'HIV ha effetti negativi sul sistema nervoso centrale, tra cui un aumento dell'infiammazione e delle lesioni neurali e aumenta il rischio di declino cognitivo.

Nelle persone con HIV che usano cannabis la percentuale di danno neurocognitivo era inferiore rispetto ai pazienti con HIV che non usavano cannabis (odds ratio: 0,53). Gli autori hanno concluso che i loro risultati "suggeriscono che l'esposizione alla cannabis è collegata a una minore probabilità di NCI nel contesto dell'HIV. Un possibile meccanismo di questo risultato è l'effetto antinfiammatorio della cannabis, che può essere particolarmente importante per le persone con l'HIV. "

Watson CW, Paolillo EW, Morgan EE, Umlauf A, Sundermann EE, Ellis RJ, Letendre S, Marcotte TD, Heaton RK, Grant I. Cannabis Exposure is Associated With a Lower Likelihood of Neurocognitive Impairment in People Living With HIV. J Acquir Immune Defic Syndr. 2020;83(1):56-64.

Scienza/Umana: Llna polvere di foglie di cannabis riduce il dolore nei malati di cancro

in uno studio con 24 pazienti affetti da cancro la polvere di foglie di cannabis ha ridotto il dolore, l'ansia e la depressione. Lo studio è stato condotto da diversi istituti ayurvedici in tutta l'India, tra cui la Gujarat Ayurved University di Jamnagar. L'Ayurveda raccomanda l'uso di Shodhita Bhanga (Cannabis trattata) per la gestione del dolore, ma finora non sono state condotte ricerche sulla sua efficacia clinica. I ricercatori hanno somministrato polvere di foglie di cannabis, trattata con acqua, in capsule alla dose di 250 mg tre volte al giorno. Si tratta di uno studio a braccio singolo senza un gruppo di controllo.

Diverse misure ben note di dolore, ansia e depressione sono state applicate in aggiunta al punteggio di performance dell’Eastern Cooperative Oncology Group e al punteggio di Karnofsky, misure di benessere generale. I ricercatori hanno scoperto che la polvere di cannabis ayurvedica "allevia significativamente il dolore, l'ansia e la depressione indotti dal cancro e non provoca alcun effetto avverso e sintomi di astinenza durante il periodo di prova".

Tavhare SD, Acharya R, Reddy RG, Dhiman KS. Management of chronic pain with Jalaprakshalana (water-wash) Shodhita (processed) Bhanga (Cannabis sativa L.) in cancer patients with deprived quality of life: An open-label single arm clinical trial. Ayu. 2019;40(1):34-43.

Scienza/Umana: Il CBD può essere utile nel controllo dell'epilessia causata da un tumore al cervello secondo un caso clinico

L'epilessia correlata al glioma ha un impatto significativo sulla qualità della vita dei pazienti e può spesso essere difficile da trattare. I medici del Dipartimento di Oncologia Medica del Flinders Medical Centre di Adelaide, in Australia, hanno riferito di una donna di 32 anni a cui è stato diagnosticato un oligodendroglioma. Ha sviluppato epilessia e alla fine ha sofferto fino a 10 o più convulsioni al giorno nonostante sia stata trattata con diversi farmaci antiepilettici (tra cui valproato, zonisamide e levetiracetam).

Il CBD veniva allora aggiunto ai suoi farmaci e in 2 settimane la frequenza delle crisi era "drasticamente ridotta a uno o meno episodi al giorno con un miglioramento soggettivo della sua qualità di vita complessiva". Ha tollerato 750 mg due volte al giorno "con lieve affaticamento come unica tossicità ". Le dosi di" altri antiepilettici sono state ridotte con il mantenimento del controllo delle crisi ".

Hsu K, Whitham E, Kichenadasse G. Potential role of cannabidiol for seizure control in a patient with recurrent glioma. J Clin Neurosci. 2019 Dec 14.[in stampa]

Scienza/Umana: I cannabinoidi possono essere utili nelle persone in cure palliative

In uno studio aperto con 21 pazienti in cure palliative, l'aumento delle dosi di CBD o THC ha mostrato risultati promettenti nel miglioramento della salute e del benessere. I partecipanti presentavano tumori avanzati e sintomi correlati al cancro in un servizio di cure palliative e di supporto nel Dipartimento di cure palliative e di supporto delle Mater Misericordiae a Brisbane, in Australia.

Dei 21 partecipanti arruolati (gruppo CBD = 16; gruppo THC = 5), 18 hanno completato l'esito primario al giorno 14 e 8 completato al giorno 28. Le dosi massime tollerate mediane erano di 300 mg di CBD al giorno (intervallo 100-600 mg ) e 10 mg di THC al giorno (intervallo 5-30 mg). 9 dei 21 pazienti hanno mostrato una risposta al trattamento. La sonnolenza è stato l'effetto avverso più comune.


Good PD, Greer RM, Huggett GE, Hardy JR. An Open-Label Pilot Study Testing the Feasibility of Assessing Total Symptom Burden in Trials of Cannabinoid Medications in Palliative Care. J Palliat Med. 2019 Dec 3. [in stampa]

Notizie in breve

Canada: Tre province canadesi non consentiranno la vendita di vaporizzatori di cannabis
Le province canadesi di Quebec e Terranova e Labrador hanno dichiarato mercoledì che non permetterebbero la vendita di vaporizzatori di cannabis, poche settimane prima dell'inizio delle vendite di derivati della marijuana, poiché permangono preoccupazioni circa una possibile connessione tra i prodotti di svapo e le gravi malattie polmonari.
Reuters del 4 dicembre 2019

Italia: il Parlamento e il Senato non sono d'accordo sullo status giuridico della cannabis con un basso contenuto di THC
Il Parlamento ha votato per consentire a tabaccherie e negozi specializzati di stoccare prodotti a base di cannabis, che non devono contenere più dello 0,5% del composto psicoattivo THC. Tuttavia, questa mossa è stata bloccata dal Senato italiano.
The Local del 16 Dicembre 2019
The Local del 17 Dicembre 2019

Trinidad / Tobago: Il paese vuole depenalizzare il consumo di cannabis
Nella Camera dei rappresentanti di Trinidad e Tobago sono stati proposti due progetti di legge che potrebbero trasformare il panorama della regolamentazione della cannabis nelle varie isole che compongono il paese dei Caraibi. La legge sull'emendamento sui farmaci pericolosi consentirebbe alle persone di possedere fino a 30 grammi di cannabis o 5 grammi di resina di cannabis senza subire processi legali.
WIC News del 29 Novembre 2019

Stati Uniti: Le persone negli stati in cui la cannabis è legale hanno maggiori probabilità di credere nei suoi benefici
Se vivi in uno stato in cui la cannabis ricreativa è legale, è più probabile che tu pensi che offra benefici per la salute, secondo un nuovo studio. Le persone pensano che questi benefici includono alleviare il dolore, l'ansia e la depressione, affermano i ricercatori. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università della California a San Francisco. Per lo studio, il team di ricerca ha chiesto a circa 9000 adulti le loro credenze e opinioni sulla cannabis.
UPI del 17 C Dicembre 2019

Australia: I pionieri della cannabis medica ricevono borse di studio onorarie dall'Università di Sydney
I filantropi Barry e Joy Lambert sono stati riconosciuti con la Honorary Fellowship dall'Università di Sydney per la loro collaborazione pionieristica sull'istituzione della Lambert Initiative for Cannabinoid Therapeutics. Barry e Joy Lambert sono stati insigniti di Honorary Fellowships presso la Great Hall dell'Università di Sydney il 12 dicembre in riconoscimento del loro sostegno alla ricerca sulla cannabis medicinale
The University of Sydney del 12 Dicembre 2019

Regno Unito: Iò governo vuole vietare i prodotti commestibili contenenti estratti di cannabis con CBD
Birra, dolci e cioccolato contenenti estratti di cannabis potrebbero essere vietati in Gran Bretagna dopo che i funzionari sanitari in America hanno avvertito la scorsa settimana che potrebbero non essere sicuri.
The Times del 1 Dicembre 2019

Scienza/Animale: Cambiamenti nella comunicazione cellulare da endocannabinoidi causati dal rafforzamento ritardato da stress della connessione delle cellule nervose in una determinata regione del cervello
Secondo uno studio sui ratti, lo stress provoca cambiamenti nella comunicazione cellular da endocannabinoide nell'amigdala, una certa regione del cervello. Ciò ha comportato il pericolo di una bassa connettività delle cellule nervose. Questi effetti negativi sull'amigdala potrebbero essere prevenuti da un inibitore della degradazione degli endocannabinoidi. Gli autori hanno scritto che la modulazione del sistema endocannabinoide potrebbe essere utilizzata "per prevenire il graduale sviluppo dei sintomi emotivi e della disfunzione dell'amigdala di base innescata dallo stress traumatico".
Dipartimento di Neurobiologia, Centro Nazionale per le Scienze Biologiche, Bangalore, India.
Yasmin F, et al. Proc Natl Acad Sci U S A. 2019 Dec 16. [in stampa]

Scienza/Umana: Il beta-cariofillene migliora la guarigione delle ferite
I ricercatori hanno dimostrato che il beta-cariofillene, un olio essenziale presente nella cannabis, nel pepe e in altre piante, migliora la guarigione delle ferite nei topi e questo effetto è stato "generato da impatti sinergici di molteplici vie".
Scienze mediche, School of Medicine, Indiana University, Bloomington, USA.
Medical Sciences, School of Medicine, Indiana University, Bloomington, USA.
Koyama S, et al. PLoS One. 2019;14(12):e0216104

Scienza/Animale: Un derivato del cannabidiolo ha aumentato la veglia
È stato dimostrato che l'estere metilico dell'acido cannabidiolico (HU-580) aumenta la veglia nei ratti. Gli autori hanno scritto che questo derivato sintetico dell'acido cannabidiolico "sembra possedere proprietà farmacologiche che promuovono la veglia e migliora i livelli di sostanze neurochimiche legate alla veglia".
Divisione Ciencias de la Salud Universidad Anáhuac Mayab Mérida, Messico.
Murillo-Rodríguez E, et al. Brain Res Bull. 2019 Dec 12. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD influenza il metabolismo dell'eroina
In uno studio condotto su ricercatori del tessuto epatico umano, i ricercatori hanno dimostrato che il CBD influenza il metabolismo dell'eroina, "che potrebbe essere di potenziale rilevanza clinica".
Dipartimento di farmacoterapia e ricerca traslazionale, Università della Florida College of Pharmacy, Gainesville, USA.
Qian Y, et al.Chem Biol Interact. 2019;316:108914

Scienza/Animale: Il CBD migliora il deterioramento cognitivo indotto dalla ketamina
In un modello animale di deficit cognitivi simili alla schizofrenia indotti dalla somministrazione ripetuta di ketamina, il CBD ha invertito questi deficit cognitivi.
Il dott. Miriam e Sheldon G. Adelson Center for the Biology of Addictive Diseases, Facoltà di Medicina di Sackler, Università di Tel Aviv, Israele.
Kozela E, et al. Mol Neurobiol. 2019 Dec 11. [in stampa]

Scienza: Sondaggio online sta raccogliendo informazioni sulla relazione tra cannabis, condizioni mediche e DNA
EndoCannaHealth.com e Ethan Russo stanno conducendo uno studio sull'uso di cannabis e diverse condizioni mediche. Sono principalmente interessati alla sindrome da iperemesi da cannabis.
Personal communication by Ethan Russo

Scienza/Umana: Alcuni consumatori di cannabis possono ridurre il consumo di alcol
In uno studio gli scienziati hanno studiato le differenze tra 47 persone, che riducono il loro consumo di alcol dopo aver iniziato l'uso di cannabis (riduttori di alcol) e 65 persone, che non hanno ridotto l'assunzione di alcol (non riduttori). Una percentuale maggiore di riduttori (60%) ha usato cannabis terapeutica due o più volte al giorno rispetto ai non-riduttori (41%). I riduttori avevano più probabilità di avere una occupazione (68%) rispetto ai non riduttori (51%). I riduttori hanno anche riferito di avere più condizioni di salute e malattie rispetto ai non riduttori.
Dipartimento di educazione medica, Geisinger Commonwealth School of Medicine, Scranton, USA.
Department of Medical Education, Geisinger Commonwealth School of Medicine, Scranton, USA.
Hayat A, et al. J Psychoactive Drugs. 2019 Dec 7:1-8.

Scienza/Cellule: Il CBD agisce in sinergia con gli agenti chemioterapici paclitaxel e doxorubicina
Nelle cellule di carcinoma mammario la somministrazione concomitante di CBD e paclitaxel o CBD e doxorubicina ha mostrato un effetto sinergico. Gli autori hanno scritto che i loro dati "evidenziano la promettente inclusione del CBD nella chemioterapia convenzionale del carcinoma mammario".
Dipartimento di Farmaceutica e Tecnologia Alimentare, Facoltà di Farmacia, Università Complutense di Madrid, Spagna.
Fraguas-Sánchez AI, et al. Int J Pharm. 2019;574:118916.

Scienza/Animale: Un nuovo meccanismo anti-infiammatorio mediante l'attivazione dei recettori CB2
Lo “High mobility group box 1”(HMGB1) è un mediatore infiammatorio in fase avanzata in molte malattie infiammatorie. Una nuova ricerca mostra che l'attivazione del recettore CB2 "potrebbe promuovere il degrado intracellulare di HMGB1 attraverso la via dell’ autofagia-lisosoma nei macrofagi".
Institute of Pediatric Research, Children's Hospital of Soochow University, Suzhou, Cina.
Zhou H, et al. Brellenthin AG, et al. Int Immunopharmacol. 2019 Dec 2:106007.

Scienza/Animale: Il CBD influenza la motilità del colon infiammato
Il CBD ha migliorato le condizioni infiammatorie nella colite dei ratti e ha influenzato i segni di infiammazione, come l'abbassamento dei livelli di interleuchina-6. Ha anche ridotto il numero del recettore GPR55 e la motilità del colon.
Centro di medicina traslazionale, ospedale Huaihe affiliato all'università di Henan, Kaifeng, Cina.
Wei D, et al. Neurogastroenterol Motil. 2019 Dec 4:e13756.

Scienza/Umana: Una moderata compromissione dei reni non ha alcun effetto sul metabolismo del CBD
È stato condotto uno studio controllato con placebo su pazienti con insufficienza renale lieve, moderata o grave (8 pazienti ciascuno) e 8 soggetti con normale funzionalità renale. “La compromissione della funzionalità renale non ha avuto effetti sul metabolismo del CBD dopo una singola dose orale di 200 mg. Il CBD è stato generalmente ben tollerato nei soggetti con vari gradi di funzionalità renale. "
GW Research Ltd, Sovereign House, Vision Park, Histon, Cambridge, Regno Unito.
Tayo B,et al.Brellenthin AG, et al. Clin Pharmacokinet. 2019 Dec 5. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD provoca vasodilatazione nelle arterie del polmone e dell'intestino e questo effetto è stato ridotto dall'ipertensione e dall'obesità
I ricercatori hanno osservato il rilassamento indotto dal CBD nelle arterie polmonari umane e questo effetto è stato ridotto nei pazienti ipertesi, obesi e ipercolesterolemici. “L'effetto del CBD nei ratti era sensibile al CB1 e dipendente dal modello di ipertensione. Pertanto, la modifica delle risposte mediate dal CBD nella malattia dovrebbe essere presa in considerazione quando il CBD viene utilizzato a fini terapeutici. "
Dipartimento di Fisiologia Sperimentale e Fisiopatologia.
Department of Experimental Physiology and Pathophysiology.
Baranowska-Kuczko M, et al. J Hypertens. 2019 Dec 2. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.