[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 13 Dicembre 2019

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nel trattamento dell'emicrania e di altre forme di mal di testa

Un'app, che consente ai pazienti con cannabis terapeutica di tenere traccia dei propri sintomi prima e dopo l'utilizzo della cannabis ha dimostrato che la cannabis ha prodotto una riduzione significativa dei livelli di mal di testa. Lo studio è stato condotto da ricercatori del Dipartimento di Psicologia e del Translational Addiction Research Center della Washington State University di Pullman, negli Stati Uniti. Gli scienziati volevano anche sapere se il genere, la varietà di cannabis, la dose e il contenuto di THC e CBD potevano avere un ruolo.

Hanno analizzato i dati di 12.293 sessioni in cui la cannabis veniva utilizzata per trattare il mal di testa e 7.441 sessioni in cui la cannabis veniva utilizzata per trattare l'emicrania. Gli uomini hanno mostrato maggiori riduzioni del mal di testa rispetto alle donne e l'uso di concentrati era associato a maggiori riduzioni del mal di testa rispetto alle infiorescenze. Inoltre, c'erano prove di tolleranza a questi effetti. Gli autori hanno scritto che “la cannabis inalata riduce il mal di testa e l'emicrania auto-riportati di circa il 50%. Tuttavia, la sua efficacia sembra diminuire nel tempo e i pazienti sembrano usare dosi maggiori nel tempo, suggerendo che la tolleranza a questi effetti può svilupparsi con l'uso continuato. "

Cuttler C, Spradlin A, Cleveland MJ, Craft RM. Short- and Long-Term Effects of Cannabis on Headache and Migraine. J Pain. 2019 Nov 9. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nell'epilessia farmacoresistente secondo una serie di casi

Gli scienziati dell'Università "Federico II" di Napoli, Italia, hanno presentato una serie di casi retrospettivi di 5 pazienti con epilessia refrattaria ai farmaci standard, che hanno tratto profitto dal trattamento con cannabis. Estratti di olio d'oliva sono stati preparati seguendo i protocolli di estrazione standard della cannabis medica.

Dopo il trattamento con l'olio di cannabis, tutti i pazienti hanno riportato una riduzione della frequenza e della gravità delle crisi convulsive e alcuni hanno riportato un miglioramento dell'umore, della qualità del sonno e del benessere generale senza effetti collaterali rilevanti. Gli autori hanno concluso che, nonostante "le dimensioni ridotte del campione e la natura in aperto dei dati, dimostriamo che MGC (cannabis di grado medico) può essere usato con successo per trattare la DRE (epilessia resistente ai farmaci). Ciò è particolarmente vero se si considera che non esiste alcuna opzione terapeutica valida per questi pazienti e che la MGC era estremamente ben tollerata. "

Pane C, Saccà F. The use of medical grade cannabis in Italy for drug-resistant epilepsy: a case series. Neurol Sci. 2019 Nov 27. [in stampa]

Scienza/Umana: Nessun effetto negativo sulla cognizione nei pazienti che usano cannabis

In uno studio condotto su 22 pazienti con cannabis, che hanno ricevuto un prodotto a base di cannabis con il 20% di THC, non si sono verificati effetti negativi sulla cognizione durante l'uso del farmaco. Gli scienziati di diverse istituzioni in Canada e negli Stati Uniti hanno partecipato a questa nuova ricerca. Ai partecipanti è stata somministrata la stessa breve batteria neurocognitiva tre volte durante un periodo di sei ore: al basale, una volta dopo aver consumato il prodotto a base di cannabis, e ancora diverse ore dopo.

Il livello medio auto-riferito di intossicazione da cannabis prima della seconda valutazione era 5 su 10. Gli autori hanno scritto che "contrariamente alle aspettative, le prestazioni nei test neuropsicologici sono rimaste stabili o addirittura migliorate durante la fase di intossicazione acuta (...) e hanno continuato ad aumentare durante il recupero. È interessante notare che il tasso di fallimento sugli indicatori di validità delle prestazioni è aumentato durante il THC. Contrariamente alla nostra ipotesi, non c'erano prove psicometriche per un declino delle capacità cognitive a seguito di intossicazione da THC. "

Olla P, Rykulski N, Hurtubise JL, Bartol S, Foote R, Cutler L, Abeare K, McVinnie N, Sabelli AG, Hastings M, Erdodi LA. Short-term effects of cannabis consumption on cognitive performance in medical cannabis patients. Appl Neuropsychol Adult. 2019 Dec 2:1-11.

Scienza/Umana: L'olio di CBD applicato sulla pelle può essere utile nel dolore neuropatico periferico

In uno studio controllato con placebo su 29 pazienti con neuropatia periferica sintomatica, l'olio di CBD, somministrato sulla pelle, ha ridotto il dolore. Diverse istituzioni statunitensi hanno partecipato a questo studio. 15 pazienti sono stati randomizzati nel gruppo CBD con un prodotto contenente 250 mg di CBD / 3 once fluide (circa 90 ml) e 14 pazienti sono stati randomizzati nel gruppo placebo. Dopo quattro settimane, al gruppo placebo è stato permesso di effettuare il crossover nel gruppo di trattamento.

L'età media della popolazione in studio era di 68 anni. C'è stata una riduzione statisticamente significativa del dolore intenso, dolore acuto, sensazioni di freddo e prurito nel gruppo CBD rispetto al gruppo placebo. Non sono stati segnalati eventi avversi in questo studio. Gli autori hanno concluso che i loro "risultati dimostrano che l'applicazione transdermica di olio di CBD può ottenere un miglioramento significativo del dolore e di altre sensazioni di disturbo nei pazienti con neuropatia periferica".


Xu DH, Cullen BD, Tang M, Fang Y. The Effectiveness of Topical Cannabidiol Oil in Symptomatic Relief of Peripheral Neuropathy of the Lower Extremities. Curr Pharm Biotechnol. 2019 Dec 1. [in stampa]

Scienza/Umana: La frequenza dell'uso illegale di oppioidi nei pazienti con dolore cronico è inferiore nei consumatori quotidiani di cannabis

Lo studio ha incluso dati di 1152 canadesi con un'età media di 49 anni con dolore maggiore o persistente tra il 2014 e il 2017. In totale, il 40% ha riferito di un uso quotidiano illecito di oppioidi e il 36% ha riferito di un uso quotidiano di cannabis durante almeno un periodo di 6 mesi. Le ragioni terapeutiche più comunemente riportate per l'uso di cannabis sono state dolore (36%), sonno (35%), stress (31%) e nausea (30%).

L'uso quotidiano di cannabis è stato associato a un uso giornaliero di oppiacei illeciti significativamente più basso (odds ratio aggiustato 0,50). Gli autori hanno concluso che, nonostante le limitazioni dello studio, questi "risultati forniscono prove osservazionali longitudinali che la cannabis può servire come aggiunta o sostituto dell'uso illecito di oppioidi tralepersone che usano droghe con dolore cronico".


Lake S, Walsh Z, Kerr T, Cooper ZD, Buxton J, Wood E, Ware MA, Milloy MJ. Frequency of cannabis and illicit opioid use among people who use drugs and report chronic pain: A longitudinal analysis. PLOS x, 2019 Nov 19. [in stampa]

Notizie in breve

Brasile: le leggi consentono prodotti a base di cannabis per uso medico ma nessuna coltivazione nel paese
Il regolatore farmaceutico brasiliano Anvisa ha approvato i regolamenti per l'introduzione di prodotti a base di cannabis terapeutica, ma con un voto separato ha bloccato una proposta per consentire piantagioni di cannabis medica. Anvisa ha affermato che i prodotti a base di cannabis saranno disponibili per la vendita solo nelle farmacie registrate e con prescrizione medica
Reuters del 3 Dicembre 2019

USA: avviso delle autorità sanitarie alle società che vendono CBD
La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha inviato lettere di avvertimento a 15 aziende a causa della vendita illegale di prodotti contenenti cannabidiolo (CBD) in modi che violano la Federal Food, Drug, and Cosmetic Act. La FDA ha anche pubblicato un aggiornamento per il consumatore che descrive in dettaglio le preoccupazioni sulla sicurezza dei prodotti a base di CBD. Sulla base della mancanza di informazioni scientifiche a sostegno della sicurezza del CBD negli alimenti, la FDA indica anche oggi che non può concludere che il CBD sia generalmente riconosciuto come sicuro dagli esperti qualificati per il suo uso in alimenti per animali o animali.
FDA del 25 Novembre 2019

Scienza/Umana: Ii danni causati dallo svapo possono essere causati dalla vitamina E acetato
Uno studio sulle malattie polmonari in Minnesota sostiene l'iipotesi che un composto noto come acetato di vitamina E, presente in molti prodotti del "mercato nero", potrebbe essere la causa di gravi conseguenze per la salute, compresa la morte, dall'uso di alcuni prodotti di svapo. Lo studio ha scoperto che mentre la vitamina E acetato non è stata trovata nella maggior parte dei prodotti da svapo illeciti testati nel Minnesota nel 2018, un anno dopo - in coincidenza con il recente focolaio di malattia - quasi tutti questi campioni contenevano la sostanza chimica.
Healthy Day del 26 Novembre 2019

USA: Team di ricerca ottiene 3,5 milioni di dollari per una ricerca sulla cannabis nel dolore cronico
Ziva Cooper, direttore delle ricerche della UCLA Cannabis Research Initiative, ha ricevuto una sovvenzione di 3,5 milioni di dollari dal National Institutes of Health per condurre uno studio di cinque anni per valutare gli effetti antidolorifici della cannabis e dei cannabinoidi. La sovvenzione finanzierà il primo studio clinico per la Cannabis Research Initiative, fondata nel 2017. Cooper ha aderito all'iniziativa come primo direttore delle ricerche a gennaio.
News Medical Life Sciences 14 Novembre 2019

Scienza/Umana: Cannabis efficace in caso di mesotelioma metastatico
I ricercatori di un ospedale universitario britannico hanno presentato un caso clinico di un uomo di 64 anni con mesotelioma, in cui CBD e THC hanno migliorato la malattia entro 6 mesi.
St George's University Hospital, Londra, Regno Unito.
Dalgleish AG, et al. Respir Med Case Rep. 2019 Nov 21;29:100971.

Scienza/Umana: Il CBD ha ridotto l'ansia negli adolescenti secondo uno studio controllato con placebo
in uno studio con 37 adolescenti giapponesi, che hanno ricevuto 300 mg di CBD o placebo per 4 settimane "Il CBD ha ridotto significativamente l'ansia misurata da entrambe le scale". Gli autori hanno concluso che i loro risultati "indicano che il CBD potrebbe essere un'opzione utile per trattare l'ansia sociale. ”
Primate Research Institute, Università di Kyoto, Inuyama, Giappone.
Masataka N, et al. Front Psychol. 2019 Nov 8;10:2466.

Scienza/Animale: I cannabinoidi possono aumentare o diminuire gli effetti di alcuni antidepressivi
In uno studio sui topi si è dimostrato che "l'attivazione e l'inibizione dei recettori CB1 e l'inibizione dei recettori CB2 possono aumentare l'attività antidepressiva della tianeptina, mentre solo l'inibizione dei recettori CB1 e CB2 ha il potenziale per aumentare l'attività antidepressiva dell'agomelatina."
Dipartimento di Farmacia Applicata e Sociale, Università Medica di Lublino, Polonia.
Poleszak E, et al. Pharmacol Biochem Behav.2019 Nov 27:172833.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nella gestione dei sintomi del cancro
Secondo un sondaggio qualitativo su 19 sopravvissuti al cancro, la cannabis medica può "offrire potenziali benefici per la gestione dei sintomi e il sollievo degli effetti collaterali, in particolare nel ridurre e gestire il dolore".
Dipartimento di Scienze Sociali Mediche, Northwestern University Feinberg School of Medicine, Chicago, Stati Uniti.
Victorson D, et al. Complement Ther Med. 2019 Dec;47:102204.

Scienza/Umana: Il CBD è stato utile in un caso molto grave di epilessia dovuta alla sindrome di Lennox-Gastaut
È stato presentato un caso molto grave di un uomo di 28 anni con sindrome di Lennox-Gastaut, che è rimasto libero da crisi convulsive dopo una combinazione di CBD e farmaci antiepilettici.
Dipartimento di Farmacia, Royal Prince Alfred Hospital, Camperdown, Australia.
Capra S, et al. J Clin Pharm Ther. 2019 Nov 26. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 è stata utile nella sindrome epatorenale
In uno studio con topi l'attivazione del recettore CB2 è stata benefica nella sindrome epatorenale. Questa è una complicazione potenzialmente letale della malattia epatica allo stadio terminale caratterizzata dal rapido declino della funzione renale.
Laboratorio di fisiologia cardiovascolare e lesioni tissutali, National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA), USA.
Trojnar E, et al. Free Radic Biol Med. 2019 Nov 23. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 può essere utile nella sepsi
In un modello di ratto l'attivazione della sepsi del recettore CB2 da parte del cannabinoide sintetico JWH-133 ha ridotto il danno al cervello, al cuore, ai polmoni e al fegato e diversi segni di infiammazione.
Dipartimento di Fisiologia, Facoltà di Medicina, Università Yozgat Bozok, Yozgat, Turchia.
Çakır M, et al. Int Immunopharmacol. 2019 Nov 22:105978.

Scienza/Animale: L'attivazione da parte di agonisti naturali e sintetici del recettore CB2 ha
migliorato i segni dell'infiammazione della vescica
Sia l'agonista del recettore CB2 naturale beta-cariofillene che il cannabinoide sintetico HU308 hanno ridotto i segni di infiammazione della vescica (cistite interstiziale, IC). Gli autori hanno concluso che questi cannabinoidi "possono servire come un'opzione terapeutica aggiuntiva e / o alternativa per alleviare i sintomi dell'infiammazione e del dolore nella gestione dell'IC".
Dipartimento di Anestesia, gestione del dolore e medicina perioperatoria, Dalhousie University, Halifax, Canada.
Berger G, et al. Molecules. 2019;24(23).

Scienza/Animale: L'attività ridotta del recettore CB2 può aumentare la suscettibilità alle convulsioni
In un modello murino di epilessia l'attività ridotta del recettore CB2 "è associata ad una maggiore suscettibilità alle crisi". Gli autori hanno concluso che l'attivazione del recettore CB2 "potrebbe quindi fornire un obiettivo terapeutico per il trattamento di alcune forme di epilessia".
Dipartimento di genetica umana, Emory University, Atlanta, USA.
Shapiro L, et al. Epilepsia. 2019 Nov 22. [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nello svuotamento gastrico ritardato (gastroparesi)
Secondo un sondaggio condotto su 506 pazienti con sintomi di gastroparesi (svuotamento gastrico ritardato) 59 hanno usato cannabis. Gli autori hanno scoperto che "i pazienti con nausea grave e dolore addominale avevano maggiori probabilità di usare la marijuana e di percepirla come benefica per i loro sintomi".
NIH Gastroparesis Clinical Research Consortium, Bethesda, USA.
Parkman HP, et al. Dig Dis Sci. 2019 Nov 22. [in stampa]

Scienza/Umana: Il La CBDV può avere effetti sul sistema glutammato-GABA in pazienti con autismo
In uno studio su 34 uomini sani con o senza disturbo dello spettro autistico, il CBDV in una dose di 600 mg ha avuto effetti sul sistema glutammato-GABA, ma c'erano differenze interindividuali. Gli autori hanno scritto che "studi futuri dovrebbero esaminare l'effetto del CBDV sul comportamento e se la risposta a una dose acuta di CBDV potrebbe prevedere una potenziale risposta al trattamento clinico nell'ASD".
Dipartimento di Scienze forensi e dello sviluppo neurologico, Institute of Psychiatry, Psychology & Neuroscience, King's College London, UK.
Pretzsch CM, et al. Transl Psychiatry. 2019;9(1):313.

Scienza/Cellule: Una combinazione di CBD e CBG può essere utile nell'infiammazione del sistema nervoso
Secondo uno studio con cellule nervose, una combinazione di CBD (cannabidiolo) e CBG (cannabigerolo) può essere efficace nel ridurre l'infiammazione del cervello e delle cellule nervose.
IRCCS Centro Neurolesi "Bonino Pulejo", Italia.
Mammana S, et al. Medicina (Kaunas). 2019;55(11).

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.