[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 11 Novembre 2019

IACM: L'assemblea generale elegge Kirsten Mueller-Vahl come nuova presidente e modifica lo statuto e la struttura delle quote associative

Durante la sua decima conferenza sulla cannabis e sui cannabinoidi in Medicina dal 31 ottobre al 2 novembre 2019 a Berlino, che ha attirato circa 460 persone provenienti da 35 paesi, lo IACM ha tenuto il suo incontro generale.
Sito web della conferenza

Bonni Goldstein (USA), Debra Kimless (USA), Francisco Guimaraes (Brasile) e Daniele Piomelli (USA) sono stati eletti per la prima volta membri del Consiglio di amministrazione. Sono stati rieletti Roger Pertwee (Regno Unito), Manuel Guzman (Spagna), Ilya Reznik (Israele), Raquel Peyraube (Uruguay), Kirsten Mueller-Vahl (Germania) e Franjo Grotenhermen (Germania). Il dott. Kirsten Mueller-Vahl, professore alla facoltà di medicina di Hannover, in Germania, è stato eletto primo presidente. Il dott. Manuel Guzman, professore all'Università Complutense di Madrid, in Spagna, è stato eletto come secondo presidente.

Le quote di iscrizione per i membri regolari sono state aumentate, in modo che la loro quota di iscrizione includa numerosi vantaggi, tra cui l'abbonamento alla rivista Cannabis and Cannabinoid Research, l'accesso al sito riservato ai soli membri e una riduzione delle quote di iscrizione alle conferenze IACM.
Le quote associative sono le seguenti:
- Membri regolari: EURo 120
- Membri associati (persone fisiche): EURo 30
- Membri associati (enti di beneficenza, associazioni): EURo 500
- Membri associati (aziende): EURo 1000
- Membri associati (società quotate in borsa): EURo 5000
La commissione può essere ridotta se viene presentata una domanda al Consiglio di amministrazione.
Si noti che attualmente le domande di adesione non sono possibili a causa di problemi sul nostro sito site web, che verranno risolti nei prossimi giorni.

Lo statuto è stato modificato e sono stati implementati nuovi organi della IACM, il Patient Council e il Professional Council. Il nuovo statuto su questi nuovi organi recita come segue:
“Il Consiglio dei pazienti della IACM è composto da pazienti, operatori sanitari e pazienti nominati dalle organizzazioni partner della IACM, che vogliono sostenere il lavoro della IACM. Il numero dei membri può essere limitato dal Consiglio di amministrazione. I membri danno indicazioni al consiglio di amministrazione in merito ai problemi dei pazienti.
I membri del Consiglio dei pazienti della IACM possono organizzare le proprie attività nell'ambito della IACM e delle sue conferenze. "
“Il Consiglio Professionale IACM è composto da membri regolari (scienziati, medici, ecc.), Che vogliono sostenere il lavoro del Consiglio di amministrazione. I membri sono selezionati dal consiglio di amministrazione della IACM. I membri danno indicazioni al consiglio riguardo alle questioni scientifiche ed educative. I membri del Consiglio Professionale IACM possono essere invitati a partecipare ai Comitati IACM e ad altre attività IACM. "

Scienza/Umana: La cannabis può ridurre il dolore nelle pazienti con endometriosi

Secondo un sondaggio condotto su 240 pazienti e segnalazioni di 137 pazienti affetti da endometriosi, la maggior parte delle partecipanti ha riferito che la cannabis era molto o moderatamente efficace. Il sondaggio è stato condotto da ricercatori dell'Università della Pennsylvania a Filadelfia, negli Stati Uniti. Ad entrambi i gruppi sono state poste domande riguardo l'uso della cannabis e l'assunzione di CBD e i loro effetti.

Delle 240 partecipanti al sondaggio che hanno risposto, il 32% ha riferito di aver provato la cannabis, con la maggioranza di queste partecipanti, il 68%, che ha dichiarato che la cannabis è molto o moderatamente efficace. Delle 124 partecipanti pazienti che hanno risposto, il 47% ha riferito di aver provato la cannabis, mentre la maggior parte delle pazienti, il ​​76%, ha dichiarato che la cannabis è molto o moderatamente efficace. Il CBD è stato valutato meno spesso in quanto molto o moderatamente efficace (46% e 65%) nei 2 gruppi. Gli autori hanno concluso che sia la cannabis che il CBD "sono segnalati come moderatamente o molto efficaci per il dolore pelvico dalla maggior parte delle donne che li hanno provati, con la marijuana dichiarata più efficace del CBD".

Reinert AE, Hibner M. Self-Reported Efficacy of Cannabis for Endometriosis Pain. J Minimal Inv Gynecol 2019;26(7):S27.

Scienza/Umana: La cannabis può ridurre la depressione nei pazienti con disturbo post traumatico da stress secondo un ampio studio epidemiologico

I ricercatori dell'Università della British Columbia a Vancouver e di altre università canadesi hanno utilizzato i dati del Canadian Health Health Survey-Mental Health 2012 per indagare la relazione tra disturbo post-traumatico da stress e alcuni esiti di salute. Tra 24.089 intervistati ammissibili, 420 hanno riportato una diagnosi clinica attuale di disturbo post traumatico da stress. In totale, il 28% delle persone con disturbo post-traumatico da stress ha riportato un consumo di cannabis nell'ultimo anno.

Il disturbo da stress post-traumatico è stato significativamente associato a recenti episodi depressivi maggiori e ideea suicidiarie tra i non utilizzatori. Tuttavia, il disturbo da stress post-traumatico non è stato associato ad alcun risultato tra i consumatori di cannabis. Gli autori hanno scritto che questo "studio fornisce prove epidemiologiche preliminari che il consumo di cannabis possa contribuire a ridurre l'associazione tra disturbo post-traumatico da stress e gravi stati depressivi e suicidi".

Lake S, Kerr T, Buxton J, Walsh Z, Marshall B, Wood E, Milloy MJ. Does cannabis use modify the effect of post-traumatic stress disorder on severe depression and suicidal ideation? Evidence from a population-based cross-sectional study of Canadians. J Psychopharmacol. 2019 Nov 5. [in stampa]

Scienza/Umana: Gli anziani possono beneficiare della cannabis per vari sintomi

Nello studio osservazionale con 184 pazienti di età superiore ai 65 anni trattati con cannabis, sono stati migliorati numerosi sintomi. Gli scienziati dell'Università Ben-Gurion del Negev, in Israele, hanno presentato i risultati dei loro studi nel Journal of Clinical Medicine. I pazienti sono stati trattati da aprile 2017 a ottobre 2018.

Dopo 6 mesi il 58% utilizzava ancora cannabis, il 64% era di sesso femminile e l'età media era di 81 anni. Il 34% ha riportato eventi avversi, i più comuni dei quali sono stati capogiri (12%) e sonnolenza e affaticamento (11%). Degli intervistati, l'85% ha riportato un certo grado di miglioramento delle loro condizioni generali, inclusi dolore e problemi del sonno, che non potevano essere trattati con i farmaci. Gli autori hanno scritto che un'attenzione speciale "è garantita negli anziani a causa della polifarmacologia, I cambiamenti farmacocinetici, la compromissione del sistema nervoso e l'aumento del rischio cardiovascolare".

Abuhasira R, Ron A, Sikorin I, Novack V. Medical Cannabis for Older Patients-Treatment Protocol and Initial Results. J Clin Med. 2019;8(11).

Notizie in breve

Scienza/Umana: Grande riduzione del consumo di alcol dopo l'attuazione delle leggi sulla cannabis medica
I ricercatori dell'Università della Pennsylvania hanno riscontrato solo limitati miglioramenti complessivi della salute auto-segnalata dopo la legalizzazione della cannabis medica negli Stati Uniti. Ci sono stati forti miglioramenti negli individui bianchi con dolore cronico. Sono stati trovati anche grandi riduzioni nel consumo di alcol.
Università della Pennsylvania, Filadelfia, USA.
Andreyeva E, et al. Forum Health Econ Policy. 2019 Oct 16. [in stampa]

Scienza / Umana: La cannabis può essere utile nei pazienti con miotonia in base a una serie di casi
Scienziati tedeschi hanno riferito di una serie di casi di 6 pazienti con miotonia, che hanno tratto profitto dall'olio di cannabis con THC e CBD. Tutti i pazienti hanno riferito di miglioramenti. Gli autori hanno scritto che "questi primi risultati empirici suggeriscono un ruolo potenzialmente benefico del CBD / THC nell'alleviare la miotonia e dovrebbero incoraggiare ulteriori ricerche in questo campo, incluso uno studio randomizzato controllato su coorti più grandi".
Friedrich-Baur-Institute, Dipartimento di Neurologia, Monaco, Germania.
Montagnese F, et al, J Neurol. 2019 Oct 26 [in stampa]

Scienza/Umana: La cannabis può migliorare la qualità della vita in condizioni mediche croniche
Secondo un sondaggio online condotto su 367 pazienti, il 75% ha riferito di trattare 2 o più sintomi di qualità della vita legati alla salute con cannabis terapeutica.
Dipartimento di Scienze della salute, DePaul University, Chicago, USA.
Bruce D, el at. Behav Med. 2019 Nov 6. [in stampa]

Messico: I comitati del Senato sostengono la legalizzazione della cannabis
I comitati del Senato per la giustizia, la salute e gli studi legislativi vogliono consentire l'uso della cannabis a scopi ricreativi, industriali e medicinali; il tema sarà discusso in Senato a novembre. Il presidente della Commissione della giustizia del Senato, Julio Menchaca -de Morena-, ha sottolineato che ci è voluto molto lavoro per far avanzare la legge; con questa proposta crediamo di aver superato il problema, ma 100 anni di proibizione e stigmatizzazione dell'uso della cannabis, questa è una situazione rivoluzionaria.
La Jornada del 28 Ottobre 2019

Finlands: Il Parlamento considera la depenalizzazione della cannabis
Un'iniziativa dei cittadini che chiede la depenalizzazione dell'uso di cannabis è stata presentata in parlamento per essere esaminata dai parlamentari. L'iniziativa ha ricevuto le 50.000 firme richieste, il che significa che il documento può ora essere consegnato ai parlamentari finlandesi per essere esaminato.
Yle del 25 Ottobre 2019

Stati Uniti: I cittadini affermano che la cannabis è molto meno dannosa dell'alcool e del tabacco
Gli americani ora pensano che la cannabis sia molto meno dannosa dell'alcool, del tabacco o delle sigarette elettroniche, secondo i nuovi risultati del sondaggio di POLITICO e della T.H. Chan School of Public Health di Harvard. Solo 1 americano su 5 ritiene che la cannabis sia molto dannosa per le persone che la usano. Il doppio delle persone ha affermato lo stesso sull'alcol, il 52 percento ha definito le sigarette elettroniche molto dannose e l'80 percento ha dichiarato che le sigarette al tabacco sono molto dannose. "Dieci anni fa si arrestava la gente per la marijuana", ha dichiarato Robert Blendon, professore di politica sanitaria e analisi politica ad Harvard, che ha condotto il sondaggio di 1.007 americani. "Ora la gente vede questo come essenzialmente non molto dannoso."
Politico del 5 Novembre 2019

Scienza/Umana: Mancano dati clinici a supporto dell'uso medico nei disturbi mentali
In una revisione di studi scientifici che hanno analizzato l'impatto dei cannabinoidi medicinali su sei disturbi della salute mentale, i ricercatori hanno riscontrato "una mancanza di prove per la loro efficacia". Nonostante la mancanza di prove cliniche, aneddoticamente alcuni veterani militari e altri che soffrono di disturbo da stress post-traumatico (PTSD), di depressione e ansia riferiscono di aver trovato la cannabis utile per alleviare alcuni dei loro sintomi.
Reuters del 28 Ottobre 2019

Scienza/Animale: Gli animali senza batteri nell'intestino hanno un sistema endocannabinoide alterato
I ricercatori hanno scoperto che i topi senza batteri nell'intestino presentavano modificazioni degli endocannabinoidi e dei loro recettori. Questo stato era parzialmente reversibile dopo il trasferimento di microbiomi fecali da topi normali.
Facoltà di Medicina, Università di Laval, Canada.
Manca C, et al. J Lipid Res. 2019 Nov 5. [in stampa]

Scienza/Cellule: Gli acidi grassi Omega-tre e i loro derivati endocannabinoidi possono avere effetti anticancro
In uno studio sulle cellule di carcinoma mammario, gli acidi grassi polinsaturi a catena lunga omega-3 (EPA, DHA) e i loro derivati degli endocannabinoidi hanno attenuato la vitalità cellulare.
Divisione di medicina applicata, Facoltà di medicina e odontoiatria, Università di Aberdeen, Foresterhill, Regno Unito.
Brown I, et al. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids. 2019 Oct 16:102024.

Scienza/Animale: L'attivazione del recettore CB2 può ridurre i sintomi in un modello murino di discinesia
In un modello murino di discinesia indotta da L-dopa, un cannabinoide sintetico (HU-308), che attiva il recettore CB2, riduce l'infiammazione del cervello, un meccanismo che è stato suggerito per contribuire alla discinesia indotta da L-dopa.
Centro per le Neuroscienze la Medicina Rigenerativa, Facultà di Scienze, Università di Tecnologia Sydney, Australia.
Rentsch P, et al.Neurobiol Dis. 2019 Oct 25:104646.

Scienza/Animale: I semi di canapa possono ridurre l'ipercolesterolemia
L'alimentazione con semi di canapa ai ratti ha migliorato i profili lipidici e il danno alle arterie nei ratti.
Dipartimento di Biofisica, Università di Panjab, Chandigarh, India.
Kaushal N, et al. Nutr Metab Cardiovasc Dis. 2019 Sep 13. [in stampa]

Scienza/Umana: I pazienti con carcinoma prostatico possono trovare sollievo dalla cannabis
I pazienti con carcinoma prostatico sottoposti a terapia di deprivazione di androgeni hanno spesso usato cannabis e riportato un certo grado di sollievo dopo l'uso di cannabis. Gli autori hanno scritto che "bassi livelli di testosterone e i benefici terapeutici riportati tra i consumatori di cannabis meritano conferma in appropriati studi clinici".
Università di Toronto, Facoltà di Medicina, Toronto, Canada.
Mousa A, et al. Can Urol Assoc J. 2019 Jun 17. [in stampa]

Scienza/Umana: Il THC-COOH può essere spesso rilevato più di 4 settimane dopo l'ultimo consumo di cannabis
In un'analisi di 70 adolescenti e giovani adulti, che erano in astinenza dalla normale cannabis, il 40% aveva concentrazioni di THC-COOH nelle urine di oltre 5 ng / mL dopo più di 25 giorni di astinenza. La probabilità di essere positivi per i metaboliti del THC nelle urine non dipendeva dalla frequenza d'uso.
Center for Addiction Medicine, Massachusetts General Hospital, Boston, USA.
AE,el at. J Psychopharmacol. 2019 Sep 19. [in stampa]

Scienza/Cellule: Un cannabinoide può essere utile nell'osteosarcoma
La ricerca di base con cellule di osteosarcoma ha mostrato che il cannabinoide sintetico WIN55,212-2 può ridurre la migrazione cellulare e secondo gli autori "può quindi essere considerato un potenziale agente terapeutico innovativo nel trattamento dell'osteosarcoma".
Dipartimento di Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica Avanzata (BIND), Università di Palermo, Italia.
Notaro A, el . Int J Mol Sci. 2019 Oct 22. [in stampa]

Scienza/Animale: I recettori dei cannabinoidi sono coinvolti nella mitigazione della paura da parte del CBD
Secondo gli studi sui ratti, i recettori CB1, CB2 e PPAR-Gamma nell'ippocampo, una certa regione del cervello, sono coinvolti nella riduzione delle memorie avverse da parte del cannabidiolo.
Dipartimento di Farmacologia, Università Federale di Parana, Curitiba, Brasile.
Raymundi AM,el at. Br J Pharmacol. 2019 Oct 24. [in stampa]

Scienza/Cellule: Come il CBD riduce l'infiammazione delle cellule cerebrali
La ricerca sulle cellule di microglia ha dimostrato che il CBD ha esercitato i suoi effetti anti-infiammatori nei confronti della microglia attraverso effetti antiossidanti, tra gli altri. Gli autori hanno scritto che questo risultato "conferma ulteriormente che il CBD può avere utilità terapeutica in condizioni in cui i processi neuroinfiammatori sono importanti".
Sorbonne Université, Institut du Cerveau et de la Moelle épinière (ICM), Parigi, Francia.
Dos-Santos-Pereira M,el at. Glia. 2019 Oct 24. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD può essere utile nella narcolessia
In un modello di narcolessia di ratto, il CBD riduce la sonnolenza durante il periodo di spegnimento delle luci, quando i topi sono di solito attivi. Gli autori hanno concluso che "questi risultati suggeriscono che il CBD potrebbe prevenire la sonnolenza nella narcolessia".
Laboratorio de Neurociencias Moleculares e Integrativas. Escuela de Medicina. Divisione Ciencias de la Salud, Universidad Anáhuac Mayab.Yucatán. Messico
Murillo-Rodríguez E,el at. CNS Neurol Disord Drug Targets. 2019 Oct 21. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.