[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 30 Settembre 2019

Decima conferenza IACM sui cannabinoidi in medicina a Berlino

Manca circa un mese all'apertura della principale conferenza internazionale sugli usi medici della cannabis e dei cannabinoidi. Non perdere l'occasione di incontrare i principali ricercatori del settore, imparare dalla loro esperienza, scambiare informazioni con altri e ottenere informazioni di prima mano e aggiornate!

Conference Website
Programme
Speakers
Registration
Accommodation

Siamo lieti di annunciare che Plena Global sarà il nostro Diamond Sponsor. È grazie alla generosa sponsorizzazione di aziende come Plena Global che è possibile tenere la conferenza. Desideriamo inoltre sottolineare il supporto dei nostri sponsor Platinum Bedrocan, Storz & Bickel, Tilray e Spektrum Therapeutics. Troverai un elenco completo dei nostri sponsor here.

Scienza/Umana: Il nabilone può ridurre l'agitazione e l'infiammazione del cervello nella malattia di Alzheimer

In uno studio clinico di 14 settimane in doppio cieco con 38 pazienti affetti dalla malattia di Alzheimer, è stato dimostrato che il nabilone, analogo del THC, riduce l'agitazione e questo effetto è stato associato a una diminuzione dell'infiammazione del cervello. In questa ricerca condotta da ricercatori dell'Università di Toronto, in Canada, i partecipanti hanno ricevuto sia nabilone che un placebo per 6 settimane ciascuno in uno studio crossover con una settimana tra i trattamenti.

La citochina pro-infiammatoria fattore alfa di necrosi tumorale (TNF-alfa) era associata alla gravità dell'agitazione. Gli autori hanno scritto che "nella fase col nabilone, un valore inferiore di TNF-α era associato a diminuzioni della gravità dell'agitazione (...) e le diminuzioni del TNF-α erano associate a diminuzioni della gravità dell'agitazione (...)".

Ruthirakuhan M, Herrmann N, Andreazza AC, Verhoeff NPLG, Gallagher D, Black SE, Kiss A, Lanctôt KL. Agitation, Oxidative Stress, and Cytokines in Alzheimer Disease: Biomarker Analyses From a Clinical Trial With Nabilone for Agitation. J Geriatr Psychiatry Neurol. 23 sett. 2019 23:891988719874118.

Scienza/Umana: Il nabilone è stato efficace nel ridurre la diarrea cronica in una serie di casi

Un'analisi retrospettiva dell'efficacia e della sicurezza del nabilone, analogo del THC, che è stato somministrato in 6 pazienti con diarrea cronica refrattaria, ha mostrato che i cannabinoidi hanno migliorato significativamente i sintomi. Ricercatori dell'Università di Modena e Reggio Emilia, Italia, hanno pubblicato la ricerca in BMC Gastroenterology.

I pazienti sono stati trattati tra aprile 2008 e luglio 2016. Dopo tre mesi di terapia, il nabilone orale ha migliorato la salute di quasi tutti i pazienti, con miglioramenti visibili nella riduzione dei sintomi della diarrea e nell'aumento di peso. La maggior parte dei benefici è persistita al follow-up di tre mesi. Solo un paziente ha interrotto il trattamento dopo un mese, a causa di grave affaticamento e confusione mentale. Gli autori hanno scritto che "i cannabinoidi che agiscono sui recettori CB1 nei disturbi gastrointestinali cronici, specialmente nella diarrea cronica refrattaria, [offrono] la possibilità di un sostanziale miglioramento della qualità della vita dei pazienti selezionati, con un ragionevole profilo di sicurezza".

Pellesi L, Verga MC, De Maria N, Villa E, Pini LA, Guerzoni S. Nabilone administration in refractory chronic diarrhea: a case series. BMC Gastroenterol. 2019;19(1):105.

Ecuador: L'Assemblea nazionale approva la cannabis per usi medici

La sessione plenaria dell'Assemblea nazionale del 17 settembre ha approvato la riforma del codice penale (COIP) che consente la produzione, la commercializzazione, la distribuzione, l'uso e il consumo di cannabis per usi medicinali o terapeutici nel paese.

Ci sono stati 83 voti a favore di questa modifica del COIP, mentre 23 erano I contrari. Inoltre, vi è stato un voto in bianco e 23 astensioni.

El Universo del 17 settembre 2019

Scienza: Il CBD può aumentare l'efficacia degli antibiotici contro alcuni batteri

Secondo una ricerca di base effettuata presso la School of Human Sciences della London Metropolitan University, nel Regno Unito, il CBD può aumentare l'efficacia di una terapia con antibiotici standard. Le vescicole di membrana (MV) rilasciate dai batteri partecipano alla comunicazione cellulare e alle interazioni uomo-patogeno. Gli scienziati hanno scoperto che gli effetti antibatterici del CBD potrebbero essere in parte attribuiti agli effetti sulle vescicole della membrana batterica.

Hanno scoperto che il CBD è un forte inibitore del rilascio di vescicole di membrana da batteri Gram-negativi (E. coli VCS257), mentre l'effetto inibitorio sul rilascio di MV da batteri Gram-positivi (S. aureus subsp. Aureus Rosenbach) era trascurabile. Hanno concluso che “il CBD può rappresentare un agente adiuvante putativo per la co-applicazione su misura con antibiotici selezionati, a seconda delle specie batteriche, per aumentare l'attività antibiotica, anche tramite l'inibizione della MV, e contribuire a ridurre la resistenza agli antibiotici.

Kosgodage US, Matewele P, Awamaria B, Kraev I, Warde P, Mastroianni G, Nunn AV, Guy GW, Bell JD, Inal JM, Lange S. Cannabidiol Is a Novel Modulator of Bacterial Membrane Vesicles. Front Cell Infect Microbiol. 2019;9:324.

Notizie in breve

Stati Uniti: La Camera dei Rappresentanti approva un disegno di legge che consentirebbe alle banche di lavorare con aziende di cannabis
La Camera dei Rappresentanti statunitense ha votato per far avanzare la legislazione che consentirebbe alle banche di fornire servizi alle compagnie di cannabis negli stati in cui è legale. Con un voto di 321-103, i legislatori hanno approvat il disegno di legge, che ora verrà presentato al Senato. Il disegno di legge ha ricevuto un sostegno quasi unanime dai democratici e da quasi la metà di tutti i repubblicani.
Reuters del 26 Settembre 2019

Australia: Canberra diventa la prima città australiana a legalizzare la cannabis per uso personale
La città australiana di Canberra diventerà la prima nel paese a legalizzare il possesso, l'uso e la coltivazione di piccole quantità di cannabis dopo una votazione del 25 settembre. I legislatori dell'Australian Capital Territory (ACT) hanno approvato una proposta di legge che consente alle persone di età pari o superiore a 18 anni di possedere fino a 50 grammi per persona di cannabis e un massimo di quattro piante per famiglia per consumo personale. La nuova legge entrerà in vigore il 31 gennaio 2020.
Reuters del 25 settembre 2019

Stati Uniti: Le università promuovono corsi e ricerche sulla cannabis
Stati Uniti le università offrono corsi e corsi di laurea basati sulla scienza della cannabis, anche se la cannabis è ancora illegale a livello federale. Le università stanno rispondendo alla necessità di lavoratori qualificati e analisti chimici nell'industria in espansione della cannabis, con la cannabis medica legale in 33 stati e cannabis ricreativa approvata in 11 stati.
UPI del 27 settembre 2019

Germania: Prime importazioni di cannabis per uso medico dall'Australia e dal Portogallo
La società tedesca di cannabis Cansativa diventa la prima azienda EURopea ad importare cannabis medica dall'Australia. I campioni di prova sono forniti da Little Green Pharma (LGP).
Il 9 settembre, Cannamedical Pharma ha importato dal Portogallo in Germania la più grande quantità di cannabis medicinale mai trasportata all'interno dell'Unione EURopea.
Globe Newswire del 10 settembre 2019
Business Wire del 10 Settembre 2019
Business Wire del 10 settembre 2019

Scienza/Animale: La cannabidivarina può essere utile per il trattamento della colite ulcerosa
In uno studio con topi, il cannabinoide cannabidivarina (CBDV), che appartiene ai cannabinoidi del gruppo CBD, ha dimostrato di esercitare effetti antinfiammatori in un modello di colite ulcerosa bloccando il recettore TRPA1. Questo effetto è stato replicato anche nelle biopsie di bambini con colite ulcerosa attiva.
Dipartimento di Farmacia, Scuola di Medicina e Chiurgia, Università di Napoli Federico II, Italia.
Pagano E, et al. Pharmacol Res. 2019 Sep 22:104464

Scienza/Umana: Un gran numero di pazienti canadesi sta usando cannabis nel trattamento del cancro
Secondo un sondaggio condotto su 821 pazienti oncologici, il 23% utilizzava attualmente prodotti a base di cannabis, quasi esclusivamente per scopi medici e un ulteriore 31% aveva l'autorizzazione medica. Gli autori hanno concluso dalla loro analisi che "più della metà degli intervistati aveva provato la cannabis in qualche momento, e quasi un quarto degli intervistati stava attualmente assumendo cannabis per aiutare a gestire i propri sintomi o curare il cancro, o entrambi".
Gestione del dolore e dei sintomi / Cure palliative, BC Cancer, Vancouver, Canada.
Hawley P, et al. Curr Oncol. 2019; 26 (4): e425-e432.

Scienza/Cellule: Un agonista del recettore CB2 riduce la crescita delle cellule tumorali cerebrali
Un cannabinoide sintetico, che si lega selettivamente al recettore CB2 riduce significativamente la proliferazione delle cellule di glioblastoma e astrocitoma in modo dose-dipendente. Gli autori hanno scritto che queste "scoperte si aggiungono al ruolo del recettore dei cannabinoidi CB2 come possibile bersaglio farmacologico per contrastare la crescita del tumore gliale".
Dipartimento di Medicina, Chirurgia e Neuroscienze, Università di Siena, Italia.
Cioni C, et al. Cent Nerv Syst Agents Med Chem. 23 settembre 2019. [in corso di stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD può essere utile nel trattamento della dermatite atopica
I ricercatori hanno esaminato il meccanismo d'azione mediante il quale il CBD topico può essere utile "per il trattamento di diverse malattie della pelle, tra cui dermatite atopica e disturbi della cheratina". Hanno scoperto che il CBD induce vie antiossidanti influenzando la proteina regolatrice BACH1 in alcune cellule della pelle (cheratinociti) .
Jacqui Wood Cancer Centre, Division of Cellular Medicine, School of Medicine, University of Dundee, Regno Unito.
Casares L, et al. Redox Biol. 5 settembre 2019; 28: 101321.

Scienza/Animale: Un flavonoide della pianta di cannabis può avere proprietà anti-cancro
I ricercatori hanno scoperto che il flavonoide FBL-03G ha aumentato l'apoptosi (morte cellulare programmata) e diminuito la sopravvivenza in due linee cellulari di cancro del pancreas. Gli esperimenti con i topi hanno mostrato una maggiore sopravvivenza per animali con carcinoma del pancreas a seguito del trattamento con FBL-03G.
Brigham and Women's Hospital, Dana-Farber Cancer Institute, Harvard Medical School, Boston, USA.
Moreau M, et al. Flavonoid Derivative of Cannabis Demonstrates Therapeutic Potential in Preclinical Models of Metastatic Pancreatic Cancer. Front Oncol. 2019;9:660.

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile in pazienti gravemente malati secondo un sondaggio online
Secondo un sondaggio condotto su 101 pazienti, di cui la maggioranza aveva il cancro (76%) e aveva più di 50 anni (64%), la maggior parte dei partecipanti percepiva la cannabis come importante per la gestione del dolore (96%). Una minoranza ha riportato sintomi di astinenza da cannabis (19%).
Dipartimento di medicina familiare e preventiva, Emory University, Atlanta, Georgia.
Zarrabi AJ, et al. J Palliat Med. 2019 Sep 20.[in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.