[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 06 Settembre 2019

Scienza/Umana: Il CBD attenua la disfunzione di una determinata regione del cervello in soggetti ad alto rischio di psicosi

Il cannabidiolo (CBD) in una dose orale di 600 mg “ha attenuato l'attivazione aumentata nell'insula sinistra / opercolo parietale ed è stato associato al rallentamento generale del tempo di reazione, suggerendo un possibile meccanismo per il suo effetto antipsicotico putativo attraverso la normalizzazione dell'aumento motivazionale e la moderazione della risposta motoria .” Lo studio è stato condotto da ricercatori del King's College di Londra, Regno Unito. Comprendeva 33 soggetti ad alto rischio clinico per psicosi e 19 controlli sani. I partecipanti hanno ricevuto CBD o un placebo

I ricercatori hanno osservato un'attivazione anormale in una determinata regione del cervello, l'insula sinistra / opercolo parietale "nei partecipanti ad alto rischio di psicosi trattati con placebo rispetto ai controlli sani. " L'attivazione insulare era correlata con entrambi i sintomi psicotici positivi e la percezione della salienza, come indicato dalla differenza nel tempo di reazione tra condizioni di stimolo saliente e stimoli neutrali".

Wilson R, Bossong MG, Appiah-Kusi E, Petros N, Brammer M, Perez J, Allen P, McGuire P, Bhattacharyya S. Cannabidiol attenuates insular dysfunction during motivational salience processing in subjects at clinical high risk for psychosis. Transl Psychiatry. 2019;9(1):203.

Scienza/Umana: Il CBD può essere utile nella malattia del trapianto contro l'ospite (Graft versus Host), che può verificarsi dopo il trapianto di midollo osseo

Kalytera Therapeutics ha concluso la seconda fase di uno studio che esamina la possibilità di utilizzare il CBD come trattamento per la malattia del trapianto contro l'ospite (Graft verus Host disease). È stato dimostrato che il CBD può ridurre significativamente la possibilità di sviluppare la condizione. La malattia da trapianto contro l'ospite (GvHD) è una condizione che è spesso sviluppata da pazienti che hanno ricevuto un trapianto di midollo o di cellule staminali. La malattia si verifica quando i globuli bianchi del midollo osseo donato o delle cellule staminali (l'innesto) iniziano ad attaccare le cellule del paziente (l'ospite).

Kalytera ha valutato i risultati per la seconda fase della loro sperimentazione clinica. Lo studio ha seguito per 16 mesi dopo la procedura 48 pazienti trapiantati. I risultati hanno mostrato che solo l'8% dei pazienti trattati con una bassa dose di CBD ha sviluppato GvHD acuta di grado 2-4. La norma storica per i pazienti che sviluppano GvHD acuta di grado 2-4 è del 60% -70%. I risultati sono stati ancora più positivi nei pazienti trattati con una dose media di CBD, senza pazienti che hanno sviluppato la malattia. La fase 3 dello studio sarà una sperimentazione clinica in doppio cieco controllata con placebo. Nello studio, a 50 pazienti verrà somministrata una dose di 150 mg di CBD o placebo, due volte al giorno. I pazienti verranno effettuati in tutti i siti clinici in Australia e Israele e la durata sarà di circa 12 mesi.

Cannabis exchange in Agosto 2019

Notizie in breve

Stati Uniti: Circa il 14% dei cittadini statunitensi utilizza prodotti a base di CBD
Uno su sette americani afferma di utilizzare personalmente i prodotti a base di cannabidiolo (CBD), che sono proliferati con il passaggio lo scorso anno di una legge federale che legalizza questa forma di cannabis. I più giovani e le persone degli Stati Uniti occidentali sono coloro che più facilemente riferisco di usare questi prodotti, che sono ampiamente pubblicizzati per i loro benefici terapeutici senza effetti psicoattivi perché questi prodotti contengono solo un basso livello di THC. Questo è il risultato di un sondaggio condotto da Gallup tra il 19 giugno e il 12 luglio.
Gallup del 17 agosto 2019

Stati Uniti: La Drug Enforcement Administration faciliterà la produzione di cannabis a scopi scientifici
Il 26 agosto la Drug Enforcement Administration degli Stati Uniti ha dichiarato che stabilirà nuove linee guida che consentiranno a più coltivatori di cannabis di produrre il farmaco per scopi scientifici o medici. La DEA ha anche affermato che i produttori di canapa in forma industriale con scarso effetto psicoattivo non dovranno più registrarsi presso il governo degli Stati Uniti.
Reuters del 26 agosto 2019

Scienza/Umana: La cannabis può minare il successo del trattamento della fertilità nelle donne
Le ricerche recenti suggeriscono che le donne sottoposte a trattamento per la fertilità che usano la cannabis potrebbero avere più successo se smettono. Tra le oltre 400 donne sottoposte a trattamento con tecnologia di riproduzione assistita (ART), la piccola frazione che all'epoca riferiva di usare la cannabis aveva una probabilità due volte maggiore di perdere una gravidanza rispetto a coloro che non avevano mai fumato marijuana o che l'avevano usata solo in passato, questi I risultati del dott. Jorge E. Chavarro della Harvard TH Chan School of Public Health di Boston e dei suoi colleghi.
Reuters del 21 agosto 2019

Canada: Il governo è sovraccaricato da un gran numero di richieste per studiare la cannabis
Il governo canadese si sta affrettando a rispondere a un eccesso di domande di licenza per la ricerca sulla cannabis causate dalla legalizzazione della droga nell'ottobre 2018. La fila di richiedenti - erano 251 alla fine di luglio – e i tempi di attesa di alcuni mesi sono frustranti per gli scienziati interessati nella biologia di base e nelle possibilità terapeutiche della cannabis. I ritardi stanno anche suscitando critiche nei confronti di Health Canada, l'agenzia con sede a Ottawa incaricata di rilasciare i permessi.
Science Magazine del 19 agosto 2019

Scienza/Animale: Il THC potenzia l'effetto analgesico dell'eroina
In uno studio con scimmie (macachi rhesus) il THC ha aumentato l'effetto analgesico dell'eroina. Questo effetto è stato mediato dal recettore CB1.
Dipartimento di Farmacologia e Terapia Sperimentale, Louisiana State University Health Sciences Center, New Orleans, USA.
Nilges MR, et al. Exp Clin Psychopharmacol. 2019 Aug 29.[in stampa]

Scienza/Animale: Il sistema endocannabinoide può essere disturbato nel cervello dei pazienti con anoressia nervosa
In un modello di ratto di anoressia nervosa, il livello dell'endocannabinoide 2-AG (2-arachidonoilglicerolo) era significativamente ridotto in diverse aree del cervello. Non vi è stato alcun cambiamento nel livello di anandamide. Il livello del recettore CB1 era ridotto solo in 2 aree (giro dentato dell'ippocampo e ipotalamo laterale).
Dipartimento di Scienze Biomediche, Divisione di Neuroscienze e Farmacologia Clinica, Università di Cagliari, Italia.
Collu R, et al. Int J Eat Disord. 27 agosto 2019.[in stampa]

Scienza/Cellule: L'anandamide influenza l'aromatasi, che può avere effetti negativi sulla fertilità
In uno studio con cellule umane l'endocannabinoide anandamide ha ridotto l'espressione del gene che codifica l'aromatasi, un enzima responsabile di un passaggio chiave nella produzione di estrogeni. Gli autori hanno scritto che l'anandamide "può essere implicata nella disfunzione endometriale e nei disturbi della fertilità / infertilità".
Departamento de Ciências Biológicas, Faculdade de Farmácia, Universidade do Porto, Portogallo.
Almada M, et al. Lipidi Biochim Biophys Acta Mol Cell Biol. 24 agosto 2019[in corso di stampa]

Scienza/Animale: La delta-8-tetraidrocannabivarina può essere utile nel trattamento della dipendenza da nicotina
In 7 modelli di dipendenza da nicotina nei ratti e nei topi la delta-8 THCV (delta-8-tetraidrocannabivarina) ha ridotto il desiderio di nicotina e la ricaduta nella dipendenza. Gli autori suggeriscono che questo cannabinoide della pianta di cannabis "dovrebbe essere testato per una possibile efficacia anti-dipendenza in una gamma più ampia di modelli animali preclinici, contro altre droghe che creano dipendenza, e infine nell'uomo".
National Institute on Drug Abuse, Baltimora, USA.
Xi ZX, et al. .Br J Pharmacol. 27 agosto 2019. [in stampa]

Scienza/Animale: L'assunzione di acido linoleico aumenta i livelli di endocannabinoidi nell'intestino e nel fegato
In uno studio sui topi il peso corporeo è stato influenzato dalla fonte dell'apporto calorico. Inoltre, le diete con alti livelli di acido linoleico hanno determinato livelli elevati di endocannabinoidi nel sangue, nel fegato e nell'intestino tenue.
National Institute on Aging, Laboratory of Clinical Investigation National Institutes of Health, Baltimora, USA.
Ghosh S, et al. Obes Sci Pract. 2019; 5 (4): 383-394

Scienza/Umana: Un numero crescente di adolescenti utilizza concentrati in Arizona, dove la cannabis è legale per gli adulti
Un sondaggio con 47.142 adolescenti reclutati da 245 scuole in Arizona mostra che il 24% aveva usato i concentrati di cannabis almeno una volta. Erano inoltre più propensi a sperimentare altre droghe illegali.
Dipartimento di Psicologia, Arizona State University, Tempe, USA.
Meier MH, et al. Pediatrics. 26 agosto 2019. [in stampa]

Scienza/Umana: Negli adolescenti di 15 anni l'attrazione romantica era associata ad un alto rischio di uso di droghe
Un sondaggio con 14.545 adolescenti di 15 anni provenienti da 8 paesi EURopei ha mostrato che coloro che non erano innamorati avevano rischi significativamente più bassi per l'uso di sostanze, tra cui sigarette, alcol e cannabis.
Centro di ricerca per la promozione della salute, School of Health Sciences, National University of Ireland Galway, Irlanda.

Költő A, et al. Int J Environ Res Public Health. 2019;16(17)

Scienza/Animale: La cannabidivarina migliora i comportamenti autistici negli animali
Il cannabinoide cannabidivarina (CBDV) ha migliorato i comportamenti autistici nei ratti. Gli autori hanno scritto che "questi dati forniscono prove precliniche a supporto della capacità del CBDV di migliorare le anomalie comportamentali e i sintomi associati dell'ASD" (disturbo dello spettro autistico).
Dipartimento di Biotecnologie e Scienze della Vita, Università dell'Insubria, Varese, Italia.

Zamberletti E, et al. Front Cell Neurosci. 9 agosto 2019; 13: 367.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può ridurre o aumentare l'esperienza sessuale
In un sondaggio con 216 uomini e donne con esperienza di cannabis, sono stati riscontrati effetti contrastanti sulla sessualità: “Molti partecipanti al nostro studio hanno scoperto che la cannabis li ha aiutati a rilassarsi, ha aumentato la loro sensibilità al tatto e aumentato l'intensità dei sentimenti, migliorando così la loro esperienza sessuale, mentre altri hanno scoperto che la cannabis ha interferito rendendoli assonnati e meno concentrati o non ha avuto alcun effetto sulla loro esperienza sessuale. "
Dipartimento di pratica della famiglia, Università della Columbia Britannica, Vancouver, Canada.
Wiebe E, et al. J Sex Med. 22 agosto 2019 [in corso di stampa]

Scienza/Animale: Un inibitore topico del trasporto endocannabinoide nella membrana ha ridotto i sintomi della dermatite atopica
19 Beagle allergici agli acari della polvere hanno partecipato a uno studio crossover in doppio cieco. Hanno ricevuto un gel contenente un inibitore del trasportatore endocannabinoide di membrana o un placebo. Il principio attivo "minimizza le vampate e il prurito allergici".
Dipartimento di Scienze cliniche per piccoli animali, College of Veterinary Medicine, University of Florida, USA.
Marsella R, et al. Arch Dermatol Res. 24 agosto 2019 [in corso di stampa]

Scienza/Umana: Conoscenza limitata dei terapisti del dolore tedeschi sul trattamento con medicinali a base di cannabis
Un sondaggio con 120 terapisti del dolore tedeschi ha mostrato che la maggior parte di loro aveva una buona conoscenza del trattamento con dronabinol ma una conoscenza molto limitata su altri medicinali a base di cannabis, che possono essere usati in medicina in Germania.
Praxis Gastmeier, Potsdam, Germania.
Gastmeier K. Schmerz. 23 agosto 2019 [in corso di stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD mostra effetti anti-infiammatori, ma riduce gli effetti del cortisone
In uno studio con diversi tipi di cellule, inclusi macrofagi e fibroblasti polmonari, il CBD ha ridotto l'infiammazione simile al desametasone, ma ha agito come antagonista degli steroidi, se usato in associazione.
Dipartimento di medicina ambientale, Facoltà di medicina e odontoiatria, University of Rochester Medical Center, USA.
Muthumalage T, et al. Toxicol Appl Pharmacol. 2019 Aug 19.[in stampa]

Scienza/Cellule: La cannflavina A mostra effetti neuroprotettivi contro la neurotossicità
La cannflavina A, flavonoide della cannabis, mostra effetti neuroprotettivi contro la neurotossicità causata dalla beta amiloide nelle cosiddette cellule PC12. La neurotossicità causata dalla beta amiloide può essere rilevante nella malattia di Alzheimer.
Disciplina di farmacologia, Adelaide Medical School, Facoltà di salute e scienze mediche, Università di Adelaide, Australia.
Eggers C, et al. Biochem Pharmacol. 19 agosto 2019 [in corso di stampa]

Scienza/Animale: Il CBD attenua gli effetti gratificanti della cocaina
In uno studio con ratti, la cocaina ha attenuato gli effetti gratificanti della cocaina. Questo effetto è stato mediato dal recettore CB2, dal 5-HT1A e dal (recettore TRPV1. Gli autori hanno scritto che "i risultati suggeriscono che il CBD può avere una certa utilità terapeutica attenuando gli effetti acuti gratificanti della cocaina".
National Institute on Drug Abuse, Baltimora, USA.
Galaj E, et al. Neuropharmacology. 19 agosto 2019: 107740.

Scienza/Umana: I giovani adulti con cancro spesso usano la cannabis per alleviare i sintomi
Secondo un'analisi di 1243 pazienti oncologici di età compresa tra 18 e 31 anni, il 30% è risultato positivo al THC. Gli autori hanno notato che molti giovani malati di cancro "potrebbero gestire i loro sintomi correlati al cancro con la cannabis".
Dipartimento di medicina di terapia di supporto, Moffitt Cancer Center, Tampa, USA.
Donovan KA, et al. J Adolesc Young Adult Oncol. 22 agosto 2019 [in corso di stampa]

Scienza/Animale: L'elettroagopuntura riduce la dermatite allergica da contatto mediante l'attivazione del recettore CB2
In uno studio con ratti, ricercatori cinesi hanno dimostrato che l'elettroagopuntura ha alleviato la dermatite allergica da contatto riducendo l'infiltrazione e la degranulazione dei mastociti, e questo effetto è stato mediato dal recettore CB2. Gli autori hanno scritto che l'elettroagopuntura "può essere una terapia efficace per il trattamento delle malattie infiammatorie della pelle".
Università di medicina cinese Hubei, Wuhan, Cina.
Wang Z, et al. Acupunct Med. 20 agosto 2019 [in corso di stampa]

Scienza/Animale: Un antagonista del recettore A2A può potenziare gli effetti neuroprotettivi degli endocannabinoidi
In un modello murino di malattia di Alzheimer un antagonista del recettore dell'adenosina A2A ha aumentato la segnalazione di endocannabinoidi nel recettore dei cannabinoidi-2. Gli autori hanno concluso che un tale antagonista "potenzierebbe, tramite la microglia, l'azione neuroprotettiva degli endocannabinoidi con implicazioni per la terapia dell'AD".
Laboratorio di Neurobiologia Molecolare, Dipartimento di Biochimica e Biomedicina Molecolare, Università di Barcellona, Spagna.
Franco R, et al. Glia. 19 agosto 2019 [in corso di stampa]

Scienza/Cellule: Il cortisone riduce gli effetti inibitori sul cancro dei cannabinoidi nelle cellule di glioma
In uno studio con cellule di glioblastoma il corticosterone ha modificato il sistema endocannabinoide attraverso la downregulation del recettore CB1, che può ridurre gli effetti anticancro dei cannabinoidi, che attivano il recettore CB1, nel glioblastoma.
Dipartimento di Fisiologia, Scuola di Specializzazione in Scienze Mediche, Università di Kanazawa, Giappone.
Sugimoto N, et al. Oncol Lett. 2019; 18 (2): 1557-1563

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.