[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 08 Luglio 2019

Svizzera: Il governo vuole rendere disponibile la cannabis per uso medico

Il governo svizzero mira a rendere più facile per i pazienti ottenere la cannabis medica, con una proposta presentata il 26 Giugno di consentire le prescrizioni di cannabis per il trattamento di persone affette da cancro o altre gravi condizioni.

La proposta sostituirà il sistema attuale, nel quale coloro che desiderano la cannabis medica devono chiedere un'eccezione da parte dell'Ufficio federale della sanità per ottenere ciò che è altrimenti una droga illegale. "La proposta permette ai medici di prescrivere direttamente la cannabis come parte del loro trattamento ", ha affermato il governo in una dichiarazione. "Coltivare e processare la cannabis medica così come venderla sarebbe allora essere possibile con un sistema regolamentato "da Swissmedic, l'agenzia di regolamentazione delle droghe del paese.

Reuters del 26 giugno 2019

Scienza/Umana: Il nabilone efficace nella diarrea cronica secondo una serie di casi

Secondo una serie di casi presso il Medical Toxicology and Headache Center presso l'Università diModena e Reggio Emilia a Medina, in Italia, e altre istituzioni, il nabilone, un derivato del THC, ha migliorato la diarrea cronica refrattaria in 6 pazienti. Dopo tre mesi di terapia, il nabilone orale ha migliorato la salute di quasi tutti i pazienti, con miglioramenti visibili nel ridurre i sintomi di diarrea e con aumento di peso.

La maggior parte dei benefici persisteva al follow-up di tre mesi. Solo un paziente ha interrotto il trattamento dopo un mese, a causa di grave affaticamento e confusione mentale; i sintomi sono scomparsi al follow-up.

Pellesi L, et al.Nabilone administration in refractory chronic diarrhea: a case series. BMC Gastroenterology 2019;19:105.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis riduce l'incidenza della malattia del fegato grasso

In un campione di 390 pazienti con psicosi l'uso di cannabis è stato associato ad una ridotta incidenza di steatosi epatica non alcolica dopo 3 anni di follow-up. I pazienti sono stati trattati presso il Dipartimento di Psichiatria dell'ospedale universitario di Valdecilla a Santander, in Al follow-up a 3 anni, i consumatori di cannabis presentavano punteggi significativamente più bassi della malattia del fegato rispetto ai non utlizzatori.

Inoltre, negli utilizzatori di cannabis si sono riscontrati meno frequentemente i criteri per la steatosi epatica rispetto ai non utilizzatori. Gli autori hanno concluso che "il consumo di cannabis può produrre un effetto protettivo contro la steatosi epatica nella psicosi, probabilmente attraverso la modulazione dell'aumento di peso indotto da antipsicotici. "

Vázquez-Bourgon J, de la Foz VO, Suarez-Pereira I, Iruzubieta P, Arias-Loste MT, Setién-Suero E, Ayesa-Arriola R, Gómez-Revuelta M, Crespo J, Facorro BC. Cannabis consumption and non-alcoholic fatty liver disease. A three years longitudinal study in first episode non-affective psychosis patients. Prog Neuropsychopharmacol Biol Psychiatry. Del 19 giugno 2019:109677.

Scienza/Umana: Molte persone stanno sostituendo gli oppioidi e i farmaci del sonno con la cannabis

Nei luoghi dove è legale, le persone si rivolgono spesso alla cannabis per alleviare il dolore e l'insonnia, secondo un nuovo studio. E' stato trovato che del 65 per cento che ha affermato di usare cannabis per reprimere il dolore, l'80 per cento ha dichiarato che era molto o estremamente utile.

Per molti, la cannabis sta sostituendo antidolorifici da banco, oppioidi da prescrizione e farmaci per dormire. "Queste non sono le uniche ragioni per cui la gente usa la marijuana, ma è uno dei motivi", ha affermato autore dello studio Dr. Gwen Wurm, un assistente professore di pediatria clinica presso l'Università di Miami Miller School of Medicine. "Le persone che lo usano per queste ragioni stanno trovando che sia efficace" ha detto. I risultati derivano da un sondaggio di 1.000 persone che usano la cannabis in Colorado, dove si trova in forma legale. Del 65 percento che ha affermato di usare cannabis per reprimere il dolore, l'80 percento ha dichiarato che era molto o estremamente utile.

Bachhuber M, Arnsten JH, Wurm G, Phytother. Use of Cannabis to Relieve Pain and Promote Sleep by Customers at an Adult Use Dispensary. J Psychoactive Drugs. Del 2 giugno 2019 [in stampa]

Notizie in breve

Canada: Il governo ha approvato una legge che grazia i cittadini con precedenti penali per possesso di cannabis
Il governo canadese ha approvato una legge che consentirebbe ai suoi cittadini condannati per possesso di cannabis di avere una fedina penale pulita senza alcun costo e accelerando un processo che prima poteva durare un decennio.
Reuters del 20 giugno 2019

USA: La maggioranza degli adulti sostiene la legalizzazione della cannabis per gli adulti
La maggior parte degli adulti negli Stati Uniti (63%) sostiene la legalizzazione dell'uso ricreativo della cannabis al livello nazionale secondo un nuovo sondaggio Axios | SurveyMonkey, anche se solo circa un quarto (26%) dice che sono interessati all'acquisto di cannabis per il proprio uso personale. Il sondaggio è stato condotto tra il 6 e il 10 giugno 2019 con una dimensione del campione di 4486 partecipanti.
Sondaggio di giugno 2019

Republica ceca: Circa 700 pazienti ricevono cannabis con prescrizione medica
Entro la fine di maggio di quest'anno, la cannabis è stata prescritta almeno una volta e rilasciata a 665 pazienti nello stato. Anche il numero di medici registrati per la prescrizione di cannabis si è moltiplicato, e quasi 100 stanno attualmente prescrivendo la cannabis medicinale. Le informazioni sono state fornite da agenzie governative
Xin Hua del 18 giugno 2019

Francia: Gli esperti sollecitano il governo a legalizzare la cannabis
Una commissione incaricata dal governo ha consigliato di legalizzare la cannabis in Francia per "riprendere il controllo" del mercato nero, definendo il divieto un misero "fallimento".
The Telegraph del 20 giugno 2019

Scienza/Umana: La biodisponibilità del THC è influenzata dall'uso concomitante di CBD
In uno studio controllato con placebo, la concomitante somministrazione di alte dosi di CBD ha diminuito a livello sistemico la disponibilità di THC. I consumatori abituali di cannabis hanno una maggiore disponibilità sistemica di THC e CBD.
Scuola di Medicina e Sanità Pubblica, Università di Newcastle, Hunter Medical Research Institute,Newcastle, in Australia.
Liu Z, et al. Intern Med J., del 1 giugno 2019 [in stampa].

Scienza/Umana: La palmitoiletanolamina riduce il prurito in unoo studio clinico
In uno studio clinico con 22 pazienti con prurito l'applicazione di una crema contenente palmitoiletanolamina (PEA) ha ridotto il prurito. Gli autori hanno scritto che "creme con un più alta concentrazione possono essere ancora più efficaci con indicazioni più ampie. "
Abteilung für Klinische Neurodermatologie, Klinik und Poliklinik für Hautkrankheiten,Universitätsklinikum Münster, Germania.
Ständer S, et al. Hautarzt. 2006; 57 (9): 801-7.

Scienza/Umana: Nei pazienti affetti da HIV l'uso di cannabis induce effetti anti-infiammatori
In soggetti affetti da HIV in trattamento con ART che usano cannabis, cocaina o cannabis più cocaina, l'uso di cannabis era associato a un profilo antinfiammatorio di citochine.
Instituto de Patologia Tropical e Saúde Pública, Universidade Federal de Goiás, Goiânia, Goiás, Brasile.
Castro FOF, et al. AIDS. Del 26 giugno 2019. [in stampa]

Scienza/Cellule: Un estratto di cannabis e CBD inibisce i mediatori dell'infiammazione della pelle
Gli scienziati hanno studiato gli effetti di un estratto di cannabis e CBD sulle cellule della pelle umana (cheratinociti). Il CBD era principalmente responsabile della ridotta attività dei geni coinvolti nella guarigione delle ferite e nella infiammazione della pelle.
Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari, Università degli Studi di Milano, Italia.
Castro FOF, et al. AIDS, del 26 giugno 2019 [in stampa]

Scienza/Umana: Il supporto dell'uso medico della cannabis dipende dalle informazioni
Secondo un sondaggio tra i neurologi in Giappone coloro che erano meglio informati sul il valore medico della cannabis era più favorevole al suo uso.
Dipartimento di Neurologia, Kumamoto University Hospital, Giappone.
Masataka Y, et al., Rinsho Shinkeigaku, del 27 giugno 2019 [in stampa]

Scienza/Umana: I pazienti con schizofrenia mostrano un sistema endocannabinoide alterato nel cervello
Il sistema endocannabinoide era squilibrato nella corteccia prefrontale di soggetti con schizofrenia secondo un'analisi post-morte.
Dipartimento di Farmacologia, Università dei Paesi Baschi UPV / EHU, Leioa, Spagna.
Muguruza C, et al. J Psychopharmacol, del 25 giugno 2019 [in stampa]

Scienza: Effetti antibatterici degli oli essenziali nella cannabis
Gli scienziati hanno studiato gli effetti antibatterici degli oli essenziali nella cannabis di tipo da fibra. Alpha-pinene, beta-pinene, beta-mircene e beta-cariofillene erano i componenti principali di tutti gli olii essenziali. Sei sono risultati efficaci contro i batteri gram-positivi.
Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Modena e Reggio Emilia, Modena, Italia.
Ramona Iseppi, et al. Molecules.2019; 24 (12).

Scienza/Animale: La stimolazione magnetica transcranica migliora i segnali degli endocannabinoidi
La stimolazione magnetica transcranica ripetitiva ad alta frequenza inverte i comportamenti depressivi in ratti con stress cronico migliorando la segnalazione ndocannabinoide.
Dipartimento di Psichiatria, Xijing Hospital, Quarta Università Medica Militare, Cina.
Xue SS, et al. Pharmacol Biochem Behav. Del 20 giugno 2019 [in stampa]

Scienza/Animale: Gli Omega-3 endocannabinoidi-epossidi sono nuove sostanze antinfiammatorie
Gli scienziati hanno scoperto e caratterizzato endocannabinoidi epossidi derivati dall'omega-3 naturale. Hanno dimostrato ruoli critici durante l'infiammazione.
Università dell'Illinois a Urbana-Champaign, USA.
Das A, et al. Curr Dev Nutr. 2019;3 (Suppl 1).

Scienza/Animale: La quetiapina causa danni al cuore, che possono essere prevenuti dai cannabinoidi
Il farmaco antipsicotico quetiapina induce danni al cuore e questo effetto può essere prevenuto dall'antagonismo al recettore CB1 e attivazione del recettore CB2.
Dipartimento di medicina legale, scuola di scienze mediche di base, Università di Fudan, Shanghai,Cina.
Li X, et al. Toxicol Lett. 2019;313:77-90.

Scienza/Animale: I cannabinoidi possono ridurre l'uso di morfina mediante l'attivazione di entrambi i recettori cannabinoidi
Negli studi con topi i cannabinoidi producono un effetto additivo o sinergico sull'analgesia quando combinati con la morfina e questo effetto varia con quantità di dolore e può essere mediato da CB1 o da recettori CB2.
Centro per la ricerca sull'abuso di sostanze, dipartimenti di farmacologia, scuola di medicina di Lewis Katz presso la Temple University School of Medicine, Philadelphia, USA.
Chen X, et al. Br J Pharmacol. Del 19 giugno 2019 [in stampa]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può essere associato a una ridotta motilità degli spermatozoi
Gli scienziati hanno condotto uno studio in una struttura universitaria in Giamaica. Le analisi dello sperma erano eseguite su 229 uomini di età 23-72 anni. Uso recente della cannabis in dose da moderata a grande ha avuto un impatto sulla motilità e sulla morfologia degli spermatozoi negli uomini indagati per l'infertilità.
Unità di gestione della fertilità di Hugh Wynter, The University of the West Indies, Kingston, Giamaica.
Carroll K, et al. Andrology. Del 2 giugno 2019. [in stampa]

Scienza: I supplementi nel terreno migliorano la crescita delle piante di cannabis e influenzano il contenuto cannabinoide
I ricercatori hanno dimostrato che "i supplementi influenzano il contenuto di cannabinoidi nella cannabis in un modo dipendente dallo spazio. Soprattutto, i risultati confermano il potenziale ambientale nel regolare le concentrazioni di singoli cannabinoidi nella cannabis medica ".
Institute of Soil Water and Environmental Sciences, Volcani Center, Rishon LeZion, Israele.
Bernstein N, et al. Front Plant Sci. 2019;10:736.

Scienza/Animale: Il beta-cariofillene riduce l'assunzione di alcol
In uno studio con topi il beta-cariofillene e il suo derivato ossido di cariofillene hanno ridotto il consumo di alcol e questo effetto è stato mediato dal recettore CB2. L'ossido di ariofillene era più efficace del cariofillene.
Dipartimento di Scienze Farmaceutiche, Mercer University College of Pharmacy, Mercer University Centro di scienze della salute, Atlanta, USA.
Oppong-Damoah A, et al. Heliyon. 2019;5(6):e01915.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.