[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 28 Giugno 2019

Scienza/China: le più antiche prove di inalazione di cannabis

Residui di cannabis sono stati trovati in bruciatori di incenso apparentemente utilizzati durante i riti funerari in un sito montuoso nella Cina occidentale nel 500 aC circa, fornendo quella che potrebbe essere la più antica prova di uso di fumo di cannabis per le sue proprietà psicoattive.

I residui sono stati trovati in 10 bracieri di legno contenenti pietre con segni di bruciature che sono stati scoperti in otto tombe nel sito del cimitero Jirzankal sulle montagne del Pamir nella regione cinese dello Xinjiangi. Le tombe contenevano anche scheletri umani e manufatti tra cui un tipo di arpa angolare usata nei funerali antichi e nelle cerimonie sacrificali. "Possiamo iniziare a mettere insieme un'immagine di riti funebri che includevano fiamme, musica ritmica e fumo allucinogeno, tutti intesi a guidare le persone in uno stato mentale alterato", hanno scritto i ricercatori nello studio pubblicato sulla rivista Science Advances.

Ren M, Tang Z, Wu X, Spengler R, Jiang H, Yang Y, Boivin N. The origins of cannabis smoking: Chemical residue evidence from the first millennium BCE in the Pamirs. Sci Adv. 2019;5(6):eaaw1391.
Reuters of 12 June 2019

Scienza/Umana: il nabilone ha migliorato l'agitazione nei pazienti con malattia di Alzheimer

Il cannabinoide sintetico nabilone ha migliorato l'agitazione in 39 pazienti con malattia di Alzheimer. Questo studio controllato con placebo è stato condotto dagli scienziati del Sunnybrook Research Institute e dell'Università di Toronto, in Canada. Lo studio crossover in doppio cieco randomizzato della durata di 14 settimane ha confrontato nabilone con placebo (6 settimane ciascuno) con una settimana di washout tra le fasi. Le dosi giornaliere target erano da 1 a 2 mg di nabilone.

La dose media di nabilone era di 1,6 mg. Ci sono stati miglioramenti significativi nell'agitazione e nel disagio del caregiver. C'era più sedazione durante il nabilone (45%) rispetto al placebo (16%). Gli autori hanno concluso che il nabilone "può essere un trattamento efficace per l'agitazione. Tuttavia, la sedazione e la cognizione dovrebbero essere strettamente monitorati."

Herrmann N, Ruthirakuhan M, Gallagher D, Verhoeff NPLG, Kiss A, Black SE, Lanctôt KL. Randomized Placebo-Controlled Trial of Nabilone for Agitation in Alzheimer’s Disease. Am J Geriatr Psychiatry. 2019 May 8. [in press]

Scienza/Umana: i consumatori di cannabis hanno una mortalità inferiore a seguito di pancreatite

In un'analisi di 2,8 milioni di pazienti con pancreatite acuta, gli utilizzatori di cannabis hanno avuto un rischio significativamente più basso di morte. Questo è il risultato dello studio degli scienziati del Dipartimento di Medicina della Scuola di Medicina Leonard M. Miller dell'Università di Miami, USA. Il database di campioni ospedalieri nazionali dal 2003 al 2013 è stato valutato per tutti i pazienti con pancreatite acuta e esposizione attiva alla cannabis.

Sono stati analizzati oltre 2,8 milioni di pazienti affetti da pancreatite acuta. La prevalenza dei pazienti esposti alla cannabis era dello 0,3%. I consumatori di cannabis avevano una mortalità ospedaliera significativamente più bassa rispetto al gruppo non-cannabis (odds ratio: 0,17). Inoltre i pazienti esposti alla cannabis hanno avuto una riduzione della durata del ricovero, spese aggiustate per l'inflazione, danno renale acuto, ileo, shock, sindrome da distress respiratorio acuto e necessità di nutrizione parenterale.

Simons-Linares CR, Barkin JA, Jang S, Bhatt A, Lopez R, Stevens T, Vargo J, Barkin JS, Chahal P. The Impact of Cannabis Consumption on Mortality, Morbidity, and Cost in Acute Pancreatitis Patients in the United States: A 10-Year Analysis of the National Inpatient Sample. Pancreas. 2019;48:850-855.

Scienza/Umana: un inalatore a dose controllataa per cannabis ha mostrato risultati promettenti in uno studio pilota

L'uso di un nuovo vaporizzatore, l'inalatore Syqe, durante l'ospedalizzazione dei pazienti con cannabis ha portato ad alti livelli di soddisfazione per pazienti e personale senza complicazioni. Lo studio è stato condotto da scienziati della Facoltà di Medicina dell'Istituto Israeliano di Tecnologia di Haifa, in Israele. I pazienti che soffrivano di sintomi diversi, tra cui nausea e vomito indotti da chemioterapia, spasticità e dolore, hanno ricevuto quattro dosi giornaliere di 0,5 mg di THC derivatee da 16 mg di fiori di cannabis per inalazione.

La dose giornaliera media di cannabis durante il ricovero era di 51 mg (range: 20-96 mg) rispetto a 1000 mg (range: 660-3300) prima del ricovero in ospedale. Intensità del dolore 30-60 minuti dopo inalazioni (intensità del dolore di 4 su una scala da 0 a 10) è stato segnalato essere significativamente inferiore rispetto a prima dell'inalazione (intensità del dolore di 7). I partecipanti hanno classificato la loro soddisfazione con Syqe Inhaler come 6 (range: 5-7).

Vulfsons S, Ognitz M, Bar-Sela G, Raz-Pasteur A, Eisenberg E. Cannabis treatment in hospitalized patients using the SYQE inhaler: Results of a pilot open-label study. Palliat Support Care. 2019 Jun 14:1-6.

Scienza/Umana: Umana: la cannabis è stata efficace nel trattamento della fibromialgia in uno studio osservazionale

In uno studio osservazionale condotto su 367 pazienti con fibromialgia, l'uso della cannabis ha prodotto un'efficace riduzione del dolore nella maggior parte dei partecipanti. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell'Università Ben-Gurion del Negev, Be'er-Sheva, in Israele. I pazienti sono stati trattati in una clinica specializzata in cannabis medica tra il 2015 e il 2017 e seguiti per 6 mesi.

Ventotto pazienti (7,6%) hanno interrotto il trattamento prima del follow-up di sei mesi. Il tasso di risposta a sei mesi è stato del 70,8%. L'intensità del dolore si è ridotta da una mediana di 9,0 al basale a 5,0 e 194 pazienti (81,1%) hanno risposto al trattamento. Gli autori hanno concluso che "la cannabis medica sembra un'alternativa sicura ed efficace per il trattamento dei sintomi della fibromialgia".

Sagy I, Bar-Lev Schleider L, Abu-Shakra M, Novack V. Safety and Efficacy of Medical Cannabis in Fibromyalgia. J Clin Med. 2019 Jun 5;8(6).

Russia: il Parlamento ha approvato una legge che consente la coltivazione della cannabis

Il parlamento russo ha approvato una legge che consentirebbe la coltivazione di piante psicoattive, tra cui cannabis e papaveri da oppio, per scopi farmaceutici. La mossa mira a coprire le esigenze del Paese per gli antidolorifici.

Cci sono 13 farmaci basati sull'oppio registrati in Russia che vengono prodotti da aziende statali da ingredienti importati. Nove di questi farmaci sono inclusi nell'elenco deifarmaci più importanti. Trovare sostituti per gli antidolorifici è importante per la sicurezza nazionale del Paese, ed è per questo che è necessario impostare l'intero ciclo di produzione di sostanze psicotrope e narcotiche, compresa la coltivazione delle piante contenenti i loro ingredienti, secondo il governo russo.

Benzinga of 19 June 2019

Francia: a presto sperimentazione sulla cannabis medica

Il senato francese quasi unanime ha dato il via libera il 28 maggio alla cannabis medica; la Francia inizierà a sperimentare l'uso della cannabis medica per "circa due anni", in attesa dell'approvazione del ministero della salute. La cannabis terapeutica potrebbe presto essere legalmente disponibile in Francia a centinaia di migliaia di pazienti.

"Ci saranno circa due anni di sperimentazione con la cannabis terapeutica, a partire dal momento in cui il ministero della salute darà il via libera", ha detto il professor Nicolas Authier, direttore di farmacologia presso la clinica di dolore del Clermont-Ferrand University Hospital Center. Authier dirige il comitato di esperti incaricato dall'Agenzia nazionale per la sicurezza dei prodotti sanitari a valutare le modalità pratiche per la distribuzione della cannabis medica. La relazione della commissione sarà pubblicata il 26 giugno.

France24 of 2 June 2019

Scienza/Umana: la cannabis è efficace come trattamento aggiuntivo nel dolore cronico grave secondo un'analisi del Registro del dolore tedesco

Secondo un'analisi esplorativa dei dati in aperto di 12 settimane anonimizzati forniti dal German e-Registry Pain con spray alla cannabis, il Sativex era efficace e ben tollerato. I dati sono stati analizzati dagli scienziati dell'Istituto di scienze neurologiche di Nuernberg, in Germania, e da altre istituzioni tedesche.

Tra i 30.228 casi documentati nel database nel 2017, 800 (2,6%) hanno ricevuto un trattamento con Sativex contenente THC e CBD in un rapporto di circa 1: 1. Gli autori hanno riscontrato un significativo effetto del trattamento. Il miglioramento era significativamente superiore nel sottogruppo del dolore neuropatico rispetto al dolore misto o nocicettivo. Gli autori hanno concluso che lo spray di cannabis "si è dimostrato un trattamento aggiuntivo efficace e ben tollerato per i pazienti con dolore cronico refrattario altrove - specialmente di origine neuropatica".

Ueberall MA, Essner U, Mueller-Schwefe GH. Effectiveness and tolerability of THC:CBD oromucosal spray as add-on measure in patients with severe chronic pain: analysis of 12-week open-label real-world data provided by the German Pain e-Registry. J Pain Res. 2019;12:1577-1604.

Scienza/Umana: il CBD è stato efficace nel trattamento dell'encefalopatia epilettica

In uno studio aperto condotto su 29 pazienti affetti da encefalopatia evolutiva ed epilettica (DEE), il CBD ha avuto effetti benefici. Lo studio è stato condotto presso il Children's Hospital dell'IRCCS a Roma, in Italia. I partecipanti avevano un'età compresa tra 1 e 18 anni e soffrivano di attacchi intrattabili. Non rispondevano ai farmaci antiepilettici standard, alla stimolazione del nervo vagale e alla dieta chetogenica. Hanno ricevuto CBD puro in una soluzione alla dose iniziale di 2-5 mg / kg al giorno in 2 dosi, che è stata titolata fino ad una dose massima di 25 mg / kg al giorno.

L'età media all'inizio dello studio era di 9,3 anni (range: 2-16 anni). I pazienti hanno ricevuto CBD per una durata media di 11,2 mesi. Undici su 29 pazienti (37,9%) hanno avuto un miglioramento della frequenza delle crisi del 50% o più. Un paziente è risultato libero da crisi. Nessuno dei pazienti ha riferito un peggioramento della frequenza delle crisi. Gli effetti avversi sono stati riportati in sette pazienti, più comunemente sonnolenza, diminuzione dell'appetito e diarrea.

Pietrafusa N, Ferretti A, Trivisano M, de Palma L, Calabrese C, Carfì Pavia G, Tondo I, Cappelletti S, Vigevano F, Specchio N. Purified Cannabidiol for Treatment of Refractory Epilepsies in Pediatric Patients with Developmental and Epileptic Encephalopathy. Paediatr Drugs. 2019 Jun 10. [in press]

Notizie in breve

Colombia: la Corte costituzionale annulla il divieto di consumo di cannabis in pubblico
La Corte costituzionale della Colombia ha annullato il divieto di consumo di droghe e alcol in pubblico, uno degli elementi chiave della politica antidroga del governo. Secondo la corte, il codice di polizia che è entrato in vigore nel 2017 ed è diventato un pilastro della politica antidroga del presidente Ivan Duque lo scorso anno è in violazione dei diritti costituzionali dei colombiani. I cittadini continueranno a essere autorizzati a usare droghe e alcol in pubblico.
Colombian Reports of 7 June 2019

Cipro: il governo apre la strada alla concessione di tre licenze per la coltivazione della cannabis
Dovrà essere istituita una commissione incaricata di valutare i richiedenti le licenze per coltivare la cannabis medica. Secondo la legge approvata a febbraio che regolamenta la coltivazione e la distribuzione della cannabis medica, la commissione elaborerà le domande presentate e selezionerà le tre a cui sarà concessa una licenza.
Cyprus Mail of 5 June 2019

Scienza/Umana: l'uso a lungo termine del CBD non altera le prestazioni cognitive
In uno studio a lungo termine aperto con 27 adulti, che hanno ricevuto alte dosi di CBD (dose media: 36,5 mg / kg al giorno) a causa dell'epilessia, non vi è stato alcun effetto sulle prestazioni cognitive.
Martin RC, et al. Epilepsy Behav. 2019;97:105-110.

Scienza/Umana: miglioramento drammatico mediante una combinazione di laetrile e CBD nel carcinoma ovarico
Una donna di 81 anni con carcinoma ovarico metastatico ha risposto bene a un trattamento con alte dosi di compresse di Laetrile e basse dosi di cannabidiolo. Ha iniziato il trattamento a maggio 2017 e ha continuato a mostrare miglioramenti nel dicembre 2018. Gli autori hanno scritto: "È clinicamente asintomatica con un performance status pari a 0, che è invariato rispetto al suo performance status al momento della diagnosi."
Università della California San Diego Moores Cancer Center, La Jolla, USA.
Barrie AM, et al. Gynecol Oncol Rep 2019;29:10-12.

Scienza/Animale: l'attivazione da parte del recettore CB2 migliora la memoria nei topi anziani
In uno studio con topi di 3, 12 e 18 mesi il trattamento con beta-cariofillene, che attiva il recettore CB2, ha ridotto i livelli ematici di sostanze pro-infiammatorie (citochine) e ha migliorato la memoria di lavoro.
Mercer University College of Pharmacy, Mercer University Health Sciences Center, Atlanta, Stati Uniti.
Lindsey LP, et al. Behav Brain Res. 2019;372:112012.

Scienza/Animale: CBD mostra effetti antidepressivi nei topi
in un modello murino di depressione l'infusione di 10 mg di CBD per chilogrammo di peso corporeo ha mostrato effetti antidepressivi significativi.
Università di scienze dell'alimentazione e ingegneria nutrizionale, China Agricultural University, Pechino, Cina.
Xu C, et al. Environ Toxicol Pharmacol. 2019;70:103202.

Scienza/Animale: il CBD inibisce l'autosomministrazione dello zucchero
In uno studio con ratti il CBD ha ridotto l'auto-somministrazione di saccarosio e questo effetto è stato mediato probabilmente dall'antagonismo al recettore CB1 e dall'attivazione del recettore CB2.
Istituto nazionale per l'abuso di droga, Baltimora, USA.
Bi GH, et al. Addict Biol. 2019 Jun 19:e12783.

Scienza/Animale: gli estratti di cannabis erano efficaci in un modello animale di sclerosi multipla
In un modello animale di sclerosi multipla, gli estratti di cannabis con diversi rapporti di THC e CBD hanno migliorato la disabilità neurologica e ridotto la concentrazione di una citochina proinfiammatoria (fattore di necrosi tumorale alfa).
College of Medicine, Università di Manitoba, Winnipeg, Canada.
Zhou T, et al. Biochem Biophys Res Commun. 2019 Jun 15. [in press]

Scienza/Umana: la cannabis può essere utile nei bambini sottoposti a chemioterapia
In un centro per il cancro 103 bambini e giovani adulti con tumore hanno ricevuto cannabis per la gestione dei sintomi, principalmente contro la nausea, il dolore e la cachessia correlati alla chemioterapia. Gli autori hanno scritto che "i pazienti oncologici pediatrici e giovani adulti sono interessati alla cannabis medica per aiutare a gestire i sintomi correlati al trattamento".
Divisione di Onc ologia ed ematologia pediatrica, Minnesota, USA.
Skrypek MM, et al. Children (Basel). 2019;6(6).

Scienza/Umana: il CBD può aumentare il livello ematico di brivaracetam
In una casistica di 5 pazienti con epilessia che hanno ricevuto CBD in aggiunta a brivaracetam, il cannabinoide ha aumentato il livello di brivaracetam dal 95% al 280%, il che ha richiesto una riduzione della dose di brivaracetam.
Facoltà di Medicina, Università di Friburgo, Germania.
Klotz KA, et al. Epilepsia. 2019 Jun 18. [in press]

Scienza/Animale: i cannabinoidi inducono una riduzione dei recettori CB1 nella retina
I cannabinoidi endogeni e sintetici hanno ridotto il numero di recettori CB1 nella retina dei ratti.
Scuola di Medicina, Università di Creta e Fondazione per la Ricerca e la Tecnologia, Heraklion, Creta, Grecia.
Papadogkonaki S, et al. Exp Eye Res. 2019 Jun 11:107694.

Scienza/Cellule: il CBD riduce lo sviluppo di resistenza a un agente chemioterapico
Il CBD riduce lo sviluppo di resistenza all'agente chemioterapico oxaliplatino, che viene utilizzato per il trattamento del cancro del colon-retto. Gli scienziati hanno studiato la ragione di questa azione, che rende l'oxaliplatino più efficace.
Dipartimento di Medicina Interna, Korea University Guro Hospital, Seoul, Korea.
Jeong S, et al. Cancers (Basel). 2019 Jun 5;11(6).

Scienza/Cellule: l'attivazione del recettore CB2 può ridurre la sopravvivenza delle cellule di
cancro del polmone non a piccole cellule
In uno studio con cellule di carcinoma polmonare non a piccole cellule i ricercatori hanno riscontrato un aumento del livello dei recettori CB2. L'attivazione di questi recettori cannabinoidi diminuiva la proliferazione, la migrazione e le capacità di invasione e induceva l'apoptosi (morte cellulare programmata).
Secondo ospedale dell'Università di Shandong, Jinan, Cina.
Xu S, et al. Biomed Pharmacother. 2019;117:109080.

Scienza/Umana: i veterani di guerra sostituiscono alcol e medicinali con la cannabis
In un sondaggio condotto su 93 veterani statunitensi con accesso alla cannabis legale, la maggior parte di loro ha riferito di usare cannabis come sostituto di alcol, tabacco, medicinali soggetti a prescrizione o sostanze illecite di solito in una dose da 5 a 8 g alla settimana.
VA San Diego Healthcare System, San Diego, USA.
Loflin MJE, et al. Am J Drug Alcohol Abuse. 2019 May 28:1-8.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.