[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 04 Marzo 2019

Europa: Il Parlamento EURopeo sostiene una risoluzione sull'uso medico della cannabis

A seguito di rapporti dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) che raccomandano una rivalutazione della cannabis e di molte delle sue componenti chiave nell'ambito dei trattati internazionali sulle droghe, il 13 febbraio il Parlamento EURopeo ha adottato una risoluzione che contribuirebbe a promuovere l'uso della cannabis medicia nei paesi dell'Unione EURopea. Sebbene non vincolante, la risoluzione cerca di incentivare le nazioni EURopee ad aumentare l'accesso alla cannabis medica, dando la priorità alla ricerca scientifica e agli studi clinici. La risoluzione si concentra su farmaci standardizzati a base di cannabis, ma "dimenticando" i fiori di cannabis. Come le raccomandazioni dell'OMS, la risoluzione del Parlamento EURopeo non modifica alcuna legge effettiva a livello internazionale o locale.

European Parliament on medical cannabis
Forbes of 13 February 2019

IACM: Dichiarazione sulla cannabis medica ai membri del Parlamento EURopeo

Prima del voto sulla risoluzione del Parlamento EURopeo riguardante l'uso medico della cannabis e dei cannabinoidi, i membri EURopei del consiglio di amministrazione della IACM hanno rilasciato una dichiarazione ai deputati. Tra le altre cose la dichiarazione afferma: "Per molti anni scienziati e medici hanno pensato che la cannabis fosse nè più nè meno che una pianta che esercita i suoi effetti per via dal THC e un po' per il CBD. Questo è ciò che molti scienziati e medici pensano ancora oggi. Ma questo è un errore, una scorretta semplificazione della realtà. (...) La cannabis è una ricca fonte di possibilità di trattamento. Come medici non vogliamo perdere tutte le possibilità che questa pianta sta offrendo a noi e ai nostri colleghi con tutto il suo bagaglio di ricchezza per i nostri pazienti. (...)

Comprendiamo che il Parlamento EURopeo voglia facilitare l'accesso alla cannabis e cannabinoidi a scopo medicinale. Accogliamo calorosamente questi sforzi. Pensiamo che i cittadini EURopei dovrebbero avere accesso ai migliori trattamenti medici. Chiediamo di consentire a medici e pazienti di trarre profitto dall'ampio spettro degli effetti terapeutici della pianta di cannabis. Vi preghiamo di non limitare l'accesso al trattamento a pochi. "

La dichiarazione è stata firmata da Franjo Grotenhermen (Germany), Manuel Guzmán (Spain), Kirsten R. Müller-Vahl (Germany), Roger G. Pertwee (UK), Ethan Russo (Czech Republic).

Statement by the IACM Board

Scienza/Umana: Il dolore cronico è la ragione principale dell'uso medico della cannabis negli Stati Uniti

Più del 60% delle persone negli Stati Uniti che usano cannabis medica vuole alleviare il dolore cronico, secondo uno studio pubblicato a febbraio in Health Affairs. "Abbiamo fatto questo studio perché volevamo capire le ragioni per cui le persone usano la cannabis in medicina e se queste ragioni sono basate su prove di efficacia [evidence-based], " ha dichiarato in un comunicato stampa Kevin Boehnke, un ricercatore del Dipartimento di Anestesiologia e Centro di ricerca sul dolore cronico presso l'Università del Michigan in Ann Arbor, USA.

Lo studio ha incluso dati sui titolari di licenze di cannabis medica in 20 stati. Oltre il 60 percento di questi hanno detto che stavano cercando sollievo per una "condizione cronica basata sull'evidenza". Queste includono il dolore cronico e la nausea e vomito provocati dalla chemioterapia.

Boehnke KF, Gangopadhyay S, Clauw DJ, Haffajee RL. Qualifying Conditions Of Medical Cannabis License Holders In The United States. Health Aff (Millwood). 2019;38(2):295-302.
UPI of 5 February 2019

Scienza/Umana: La cannabis può essere utile nei disturbi d'ansia secondo un'ampia indagine

In un sondaggio completato da 2032 pazienti, di cui 888 hanno riferito di avere l'autorizzazione per la cannabis a scopi medici, quasi la metà ha affermato di sostituire un farmaco standard con la cannabis. Scienziati del Neuroscience Graduate Program presso la McMaster University di Hamilton, in Canada, hanno riportato "il grande miglioramento della sintomatologia percepito dalla maggioranza "grazie alla cannabis.

Le frequenze di disturbo erano elevate (Disturbo d'ansia generalizzato: 46%, Disturbo d'ansia sociale: 42%, Disturbo depressivo maggiore: 26%, Disturbo di panico / Agorafobia: 26%). Il 63% ha soddisfatto i criteri di selezione per più di un disturbo. La maggior parte (92%) ha riferito che la cannabis ha migliorato i loro sintomi, nonostante questi contunassero ad essere di severità di livello moderato. Quasi la metà (49%) ha riferito di sostituire con la cannabis farmaci non psichiatrici (53,7%) o farmaci psichiatrici (46,3%) prescritti dal loro medico.

Turna J, Simpson W, Patterson B, Lucas P, Van Ameringen M. Cannabis use behaviors and prevalence of anxiety and depressive symptoms in a cohort of Canadian medicinal cannabis users. J Psychiatr Res. 2019;111:134-139.

Scienza/Animale: Gli estratti di cannabis erano più efficaci del solo THC o CBD nel ridurre gli effetti collaterali gravi del trapianto di midollo osseo

In un modello animale di malattia del trapianto contro l'ospite (GVHD), il THC puro e il CBD puro hanno ridotto questo possibile grave effetto collaterale del trapianto di midollo osseo. Tuttavia, "il trattamento con estratti di cannabis ad alto contenuto di THC e CBD riduce la gravità della GVHD e migliora la sopravvivenza in modo significativamente migliore rispetto a cannabinoidi puri. "Questo è il risultato di una ricerca presso l'Hadassah Medical Center della Hebrew University di Gerusalemme, Israele. Gli autori hanno concluso che i nostri "risultati evidenziano la complessità dell'uso del trattamento con cannabinoidi e la necessità di ulteriori risultati comparativi scientifici. "

Khuja I, Yekhtin Z, Or R, Almogi-Hazan O.Cannabinoids Reduce Inflammation but Inhibit Lymphocyte Recovery in Murine Models of Bone Marrow Transplantation. Int J Mol Sci. 2019 ;20(3).

Notizie in breve

Mondo: L'Organizzazione Mondiale della Sanità pubblica un rapporto sulla cannabis
L'OMS mette a disposizione la relazione del suo comitato di esperti sulla dipendenza da droghe (ECDD) del 2018.
WHO report on cannabis

Scienza/Umana: L'uso di cannabis era associato a una maggiore concentrazione di spermatozoi
Secondo un'analisi di 662 uomini, quelli che avevano ulizzato cannabis (365 partecipanti) avevano più alta concentrazione di spermatozoi (63 milioni / ml) rispetto ai 297 partecipanti che non avevano mai usato cannabis (45 milioni / ml). Non c'era alcuna differenza tra gli utilizzatori di cannabis nel passato e quelli che ancora la assumevano. Gli utilizzatori di cannabis aveva un numero di spermatozoi totali più elevato.
Dipartimento di salute ambientale, Harvard T. H. Chan School of Public Health, Boston, USA.
Nassan FL, et al. Hum Reprod. 2019 Feb 6. [in press]

Scienza/Umana: Il THC può ridurre la sudorazione notturna nei pazienti oncologici
Secondo cinque casi clinici, il THC orale ha ridotto la sudorazione notturna nei pazienti oncologici. I ricercatori hamnno analizzao i dati di pazienti oncologici trattati tra il 2013 e il 2016. Hanno trovato che il trattamento con THC orale "Ha comportato il successo nella gestione dei sudori notturni paraneoplastici persistenti sintomatici".
Scuola di infermieristica, San Francisco State University, San Francisco, California, USA.
Carr C, et al. J Palliat Med. 2019 Feb 13. [in press]

Scienza/Umana: Molte famiglie usano l'olio di cannabis per i loro figli negli hospice britannici
Secondo un'indagine condotta negli ospedali per bambini nel Regno Unito, l'87,5% delle strutture ospedaliere era a conoscenza che i bambini usavano l'olio di cannabis. Gli autori hanno concluso che l'olio di cannabis "è ampiamente usato dai bambini ricoverati in hospice pediatrici. Nonostante sappiano dell'uso di olio di c., molti hospice non sono in grado di dare supporto al riguardo“.
Hospice per bambini della casa di Martin, Wetherby, Regno Unito.
Tatterton MJ, et al. J Palliat Med. 2019 Feb 4. [in press]

Scienza/Umana: Il CBD ha dimostrato un'efficacia a lungo termine nel trattamento dell'epilessia dovuta a sindrome di Lenox-Gastaut
Il follow-up a lungo termine di 366 pazienti con sindrome di Lenox-Gastaut trattati con CBD per una durata di trattamento di 38 settimane e una dose media di 23 mg / kg di peso corporeo ha dimostrato un'efficacia persistente della terapia. La riduzione mediana della frequenza di crisi totali mensili variava dal 48% al 57%. La maggior parte dei pazienti hanno avuto eventi avversi lievi o moderati. I più comuni erano diarrea (27%), sonnolenza (24%) e convulsione (21%).
Massachusetts General Hospital, Boston, Stati Uniti.
Thiele E, et al.Epilepsia. 2019 Feb 11. [in press]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis può produrre un effetto protettivo contro l'aumento di peso nella psicosi
In un gruppo di pazienti con primo episodio di psicosi, gli utilizzatori di cannabis al basale presentavano un livello inferiore di peso e di indice di massa corporea e colesterolo rispetto ai non utilizzatori. Questa differenza persisteva a 3 anni.
Dipartimento di Psichiatria, Ospedale universitario Marqués de Valdecilla-Instituto Investigación Sanitaria Valdecilla, Santander, Spagna
ázquez-Bourgon J, et al. J Psychopharmacol. 2019 Jan 31:269881118822173.

Scienza/Umana: Il CBD può aumentare gli effetti della chemioterapia e delle radiazioni nel glioblastoma alcuni casi clinici
I ricercatori hanno presentato due casi, in cui la CBD potrebbe aver migliorato l'effetto della chemioterapia e della radioterapia nel glioblastoma, un tumore cerebrale molto aggressivo.
Dipartimento di Neuro-Oncologia, Sirio Libanes Hospital, São Paulo, Brasile.
Dall'Stella PB, et al. Front Oncol. 2019;8:643.

Sud Africa: Meno di 60 persone hanno accesso legale alla cannabis
Ci sono 56 persone in Sudafrica che usano legalmente medicinali contenenti cannabis di importazione, ha affermato il dipartimento regolatore dei prodotti per la salute. 20 società sono in fase di concessione per prodotti a base di cannabis.
Business Insider of 6 February 2019

Ucraina: Il ministro della Sanità approva l'accesso alla cannabis per scopi medicinali
Ulyana Suprun, ministro della sanità ucraino, sollecita la legalizzazione della cannabis medica in Ucraina. Ha sostenuto che l'accesso a farmaci basati su questa pianta aiuterebbe l'implementazione del diritto dei pazienti all'assistenza medica.
112 UA of 31 January 2019

Scienza/Umana: I bambini con autismo hanno livelli ematici più bassi di endocannabinoidi
Un'analisi delle concentrazioni ematiche di endocannabinoidi in 93 bambini con disturbo dello spettro autistico (età media: 13 anni) ha mostrato che avevano livelli più bassi degli endocannabinoidi anandamide, palmitoiletanolamina e oleamide rispetto ai bambini sani.
Unità Neuropediatrica, Centro Medico Shaare Zedek, Gerusalemme, Israele.
Aran A, et al.Mol Autism. 2019;10:2.

Scienza/Cellule: Il CBD può indurre la morte cellulare programmata nel neuroblastoma
Una nuova ricerca mostra che il CBD può indurre apoptosi (morte cellulare programmata) attraverso l'attivazione di recettori della serotonina e vanilloidi. Il CBD ha anche ridotto significativamente la migrazione di queste cellule tumorali.Il neuroblastoma è uno dei più comuni tumori infantili.
Scuola di Medicina dell'Università della Carolina del Sud, Columbia, USA.
Alharris E, et al. Oncotarget. 019;10(1):45-59.

Scienza/Animale: Gli effetti analgesici della ketamina implicano l'attivazione del recettore CB1
Gli studi sugli animali condotti su topi mostrano che l'attivazione di un effetto antidolorifico centrale della ketamina da parte del recettore cannabinoide-1 e l'aumento della concentrazione dell'endocannabinoide anandamide potenziava gli effetti della ketamina.
Istituto di scienze biologiche, UFMG, Belo Horizonte, Brasile.
Pacheco DDF, et al. Neurosci Lett. 2019;699:140-144.

Scienza/Animale: Azione sinergica dei recettori cannabinoidi e dei recettori della serotonina nell'epilessia
Nei ratti trattati con un agente convulsivante (pilocarpina) che ha provocato uno stato epilettico, l'attivazione contemporanea del recettore CB1 e dl recettore della serotonina ha aumentato la loro efficacia antiepilettica.
Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università di Malta, Msida, Malta.
Colangeli R, et al. Neurobiol Dis. 2019;125:135-145.

Scienza/Cellule: I cannabinoidi possono ridurre la vitalità cellulare nel cancro dell'intestino
I ricercatori hanno analizzato 370 composti di tipo cannabinoide per quanto riguarda i loro effetti anti-cancro contro il cancro del colon-retto. Hanno trovato 10 composti, che sono stati in grado di ridurre la vitalità di queste cellule cancerogene. THC e CBD erano molto meno efficaci.
Dipartimento di Farmacologia, Pennsylvania State University College of Medicine, Hershey, USA.
Raup-Konsavage WM, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2018;3(1):272-281.

Scienza/Cellule: I cannabinoidi possono ridurre la vitalità cellulare nel cancro dell'intestino
I ricercatori hanno analizzato 370 composti di tipo cannabinoide per quanto riguarda i loro effetti anti-cancro contro il cancro del colon-retto. Hanno trovato 10 composti, che sono stati in grado di ridurre la vitalità di queste cellule cancerogene. THC e CBD erano molto meno efficaci.
Dipartimento di Farmacologia, Pennsylvania State University College of Medicine, Hershey, USA.
Raup-Konsavage WM, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2018;3(1):272-281.

Scienza/Cellule: L'attivazione del recettore vanilloide 1 ha ridotto l'infiammazione nelle cellule microgliali
L'attivazione del recettore vanilloide di tipo 1 ha ridotto il rilascio di citochine pro-infiammatorie (tumour necrosis factor alfa e interleuchina-6) da parte delle cellule microgliali. Gli autori hanno scritto che i loro "risultati indicano che il TRPV1 influenza l'infiammazione centrale nella SM regolando il rilascio di citochine mediante attivazione di cellule microgliali. "
Unità di Neurologia e Neuroriabilitazione, IRCCS Neuromed, Pozzilli, Italia.
Stampanoni Bassi M, et al. Front Neurol. 2019;10:30.

Scienza/Umana: Nessun accenno di efficacia del CBD nell'autismo
I ricercatori hanno studiato gli effetti di una singola dose orale di 600 mg di CBD o placebo sulla fisiologia del cervello di 34 uomini, di cui 17 affetti da disturbo dello spettro autistico. Hanno concluso che i loro" risultati non vedono efficacia del CBD".
King's College London, Londra, Regno Unito.
Pretzsch CM, et al. Neuropsychopharmacology. 2019 Feb 6. [in press]

Scienza/Cellule: Il recettore HER2 nel cancro al seno interagisce con il recettore CB2
I tumori al seno HER2-positivi sono spesso difficili da trattare. I ricercatori hanno dimostrato che il recettore HER2 interagisce fisicamente con il recettore cannabinoide-2 nelle cellule di cancro al seno. Suggeriscono che i loro risultati definiscono questi recettori come potenziali bersagli per terapie anticancro.
Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare, Università Complutense, Madrid, Spagna.
Blasco-Benito S, et al. Proc Natl Acad Sci U S A. 2019 Feb 7. [in press]

Scienza/Cellule: Il recettore cannabinoide-2 svolge un ruolo nel lupus eritematoso sistemico
I ricercatori hanno scoperto un possibile nuovo ruolo del recettore cannabinoide 2 nel lupus sistemico eritematoso, una malattia autoimmune sistemica, utilizzando l'endocannabinoide 2-AG (2-arachidonoilglicerolo).
Consiglio di ricerca scientifica e industriale-Indian Institute of Chemical Biology, Kolkata, West Bengala, India.
Rahaman O, et al. J Immunol. 2019 Feb 6. [in press]

Scienza/Cellule: Il CBD influenza la barriera emato-encefalica
In studi con cellule endoteliali di microvasi del cervello umano, che formano la barriera emato-encefalica (BBB),i ricercatori hanno scoperto che il CBD induce la proliferazione e la migrazione di queste cellule "suggerendo il CBD possa essere un potente bersaglio per modulare la BBB umana. "
Université Paris Descartes, Parigi, Francia.
Luo H, et al. Mol Pharm. 2019 Feb 5. [in press]

Scienza/Animale: La depressione in un modello animale è associata a livelli diminuiti di endocannabinoidi
In un modello di depressione del ratto, la cosiddetta Flinders Sensitive Line, i ricercatori hanno trovato un contenuto inferiore dell'endocannabinoide 2-AG nella parte sinistra dell'ippocampo e della corteccia prefrontale rispetto a un gruppo di controllo. Nel sangue è stata aumentata la concentrazione dell'endocannabinoide endamide mentre il 2-AG era diminuito. C'erano anche altri cambiamenti del sistema endocannabinoide in questi ratti.I ricercatori suggeriscono che questi cambiamenti "potrebbero contribuire al comportamento depressivo".
Unità di neuropsichiatria traslazionale, dipartimento di medicina clinica, Università di Aarhus, Danimarca.
Kirkedal C, et al. Neurochem Int. 2019 Feb 1;125:7-15.

Scienza/Cellule: I cannabinoidi possono influenzare l'invasione delle cellule di glioblastoma
In uno studio con cellule di glioblastoma e colture di porzioni dell'ippocampo, i cannabinoidi hanno ridotto l'invasione delle cellule tumorali e questo effetto è stato mediato dai recettori della cannabis (CB1 e CB2).
Facoltà di medicina dell'Università Martin Luther Halle-Wittenberg, Halle (Saale), Germania.
Hohmann T, et al. Cancers (Basel).2019;11(2).

Scienza/Animale: I cannabinoidi possono prevenire danni al cuore indotti dalla clozapina
L'antipsicotico clozapina può causare danni al cuore. La ricerca mostra che l'attivazione del recettore CB2 e il blocco del recettore CB1 "potrebbero conferire effetti protettivi verso la clozapina.”
Scuola di Scienze Mediche di Base, Università Fudan, Shanghai, Cina.
Li L, et al. Br J Pharmacol. 2019 Feb 1. [in press]

Scienza/Animale: I cannabinoidi possono aiutare a trattare i danni ai reni
In uno studio con topi un cannabinoide sintetico (SMM-295), che attiva il recettore CB2, è aumentato il flusso di sangue nei reni. I ricercatori hanno scritto che questi risultati "forniscono un nuovo obiettivo terapeutico per trattare le lesioni renali che influiscono sulla dinamica del flusso sanguigno renale. "
Scienze farmaceutiche, University of Tennessee Health Science Center, USA.
Pressly JD, et al. Physiol Genomics. 2019 Feb 1. [in press]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

 The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Conferenze supportate

STCM Conference, 19 January 2019, University Hospital Bern, Switzerland

 

Cann10, 14-16 October 2018, Tel Aviv Israel.

 

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.