[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 25 Gennaio 2019

Scienza/Umana: Il CBD può essere utile nei disturbi d'ansia in base a una serie di casi

In un'analisi delle cartelle cliniche di 72 pazienti adulti, il CBD ha migliorato l'ansia e il sonno. Questa grande serie retrospettiva di casi è stata condotta da scienziati del Dipartimento di Psichiatria dell'Università del Colorado a Denver, USA. Il problema principale era l'ansia in 47 pazienti, mentre era il sonno in 25 partecipanti.

I punteggi di ansia sono diminuiti nel primo mese in 57 pazienti (79,2%) e sono rimasti diminuiti nel tempo. I punteggi del sonno sono migliorati nel primo mese in 48 pazienti (66,7%) ma hanno subito fluttuazioni nel tempo. Con l'eccezione di 3 pazienti, il CBD è stato ben tollerato. Gli autori hanno concluso che il cannabidiolo può mantenere benefici per i disturbi d'ansia.

Shannon S, Lewis N, Lee H, Hughes S. Cannabidiol in Anxiety and Sleep: A Large Case Series. Perm J. 2019;23.

Scienza/Umana: la vaporizzazione può essere più efficace della cannabis fumata

In uno studio condotto su 17 adulti sani che non usavano cannabis da un mese, le concentrazioni di THC erano più alte dopo la vaporizzazione rispetto alla cannabis fumata con lo stesso contenuto di THC. Gli scienziati della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora hanno pubblicato le loro ricerche sul Journal of Analytical Toxicology. Hanno ricevuto cannabis contenenti 0, 10 o 25 mg di THC in sei sessioni in doppio cieco.

Le concentrazioni ematiche di THC e dei suoi metaboliti (11-OH-THC, THCCOOH) erano dose-dipendenti per entrambi i metodi di somministrazione, ma più elevati dopo la vaporizzazione rispetto al fumo. Il THC è stato rilevato più a lungo nel fluido orale rispetto al sangue. Gli autori hanno scritto che "la farmacocinetica della cannabis varia a seconda del metodo di inalazione e della matrice biologica testata. La vaporizzazione sembra essere un metodo di rilascio più efficiente rispetto al fumo. "

Spindle TR, Cone EJ, Schlienz NJ, Mitchell JM, Bigelow GE, Flegel R, Hayes E, Vandrey R. J Anal Toxicol. 2019 Jan 7. [in press]

Scienza/Umana: bastano poche sigarette di cannabis per cambiare il cervello dei ragazzi?

In uno studio condotto su 46 adolescenti con consumo di cannabis molto basso, gli scienziati hanno rilevato cambiamenti cerebrali rispetto a 46 adolescenti senza uso di cannabis. Un gruppo internazionale di scienziati ha pubblicato le sue ricerche sul Journal of Neuroscience. Ai partecipanti è stato chiesto se usavano cannabis all'età di 14 anni. Gli utilizzatori di cannabis avevano usato il farmaco solo in uno o due casi. Rispetto ai controlli avevano un volume più elevato di materia grigia in alcune regioni del cervello, tra cui ippocampo, amigdala e striato. Gli autori hanno scritto che "questo studio presenta prove che suggeriscono effetti strutturali cerebrali e cognitivi di solo uno o due casi di uso di cannabis nell'adolescenza".

Tuttavia, lo studio non è in grado di dimostrare una relazione causale poiché le informazioni sull'uso di cannabis si basano sulla dichiarazione dei ragazzi. Le nuove scoperte sono un passo verso la comprensione dell'impatto della cannabis sui cervelli giovani, ha affermato il dott. Michael Lynch, tossicologo e medico di medicina d'urgenza e direttore del Pittsburgh Poison Center presso l'Università di Pittsburgh Medical Center. "È importante che ci sia stato un cambiamento", ha detto Lynch. "Ma non credo che potremo prendere una decisione definitiva su questo studio", ha aggiunto.

Orr C, Spechler P, Cao Z, Albaugh M, Chaarani B, Mackey S, D'Souza D, Allgaier N, Banaschewski T, Bokde ALW, Bromberg U, Büchel C, Burke Quinlan E, Conrod P, Desrivières S, Flor H, Frouin V, Gowland P, Heinz A, Ittermann B, Martinot JL, Paillère Martinot ML, Nees F, Papadopoulos Orfanos D, Paus T, Poustka L, Millenet S, Fröhner JH, Radhakrishnan R, Smolka MN, Walter H, Whelan R, Schumann G, Potter A, Garavan H. Grey Matter Volume Differences Associated with Extremely Low Levels of Cannabis Use in Adolescence. J Neurosci. 2019 Jan 14 [in press]
Reuters of 15 January 2019

Scienza/Umana: molti pazienti sostituiscono i loro farmaci stupefacenti con la cannabis

Secondo un sondaggio condotto su 392 partecipanti affetti da diverse patologie, gli utilizzatori di cannabis medica hanno riportato un maggior grado di fiducia nella cannabis rispetto ai farmaci standard, hanno scritto i ricercatori del Centro di studi sulla popolazione dell'Università del Michigan. Rispetto ai farmaci, gli utenti di cannabis terapeutica hanno valutato la cannabis in base all'efficacia, agli effetti collaterali, alla sicurezza, alla dipendenza, alla disponibilità e ai costi.

Grazie all'uso medico della cannabis, il 42% ha smesso di assumere un farmaco e il 38% ha usato meno di una droga farmaceutica. Una percentuale sostanziale (30%) ha riferito che il loro medico curante non sapeva che veniva usata cannabis terapeutica.

Kruger DJ, Kruger JS. Medical Cannabis Users' Comparisons between Medical Cannabis and Mainstream Medicine. J Psychoactive Drugs. 2019:1-6.

Notizie in breve

Ecuador: il governo considera la possibilità di rendere disponibile il CBD
Il Congresso ecuadoriano terrà presto una seconda sessione di dibattito su una nuova legge sanitaria che permette l’uso terapeutico degli estratti di CBD.
UPI dell'8 gennaio 2019

Canada: i prezzi per la cannabis sono aumentati dopo la legalizzazione
Il prezzo medio per un grammo legale di cannabis è stato di 9.7 dollari canadesi nell'ultimo anno. Questo è quasi il 50% più alto della cannabis dal mercato nero. Statistics Canada, un'autorità federale, dice che sembra che i canadesi si stiano ancora rivolgendo al mercato nero e sostiene che fattori come la diffusa carenza di cannabis, i ritardi nelle consegne e le problematiche con i siti Web potrebbero aver contribuito a tutto ciò.
Durham Radio News of 9 January 2019

Scienza/Animale: il modo in cui il CBD neutralizza il deterioramento cognitivo causato dal THC
I ricercatori hanno dimostrato per la prima volta che il CBD riduce il danno cognitivo indotto dal THC in un modo dipendente dal recettore A2A (A2A) dell'adenosina. Hanno trovato eteromeri di A2 AR e del recettore CB1 in alcune cellule nervose nell'ippocampo, una regione del cervello rilevante per la memoria tra gli altri influenzata dal CBD. Gli eteromeri sono combinazioni di 2 o più recettori.
Dipartimento di Patologia e Terapia Sperimentale, Università IDIBELL di Barcellona, Spagna.
Aso E, et al. Mol Neurobiol. 2019 Jan 4. [in press]

Scienza/Umana: la cannabis ricca di CBD legalmente disponibile in Svizzera può causare test THC positivi su sangue e urina
In Svizzera la cannabis ricca di CBD può contenere legalmente fino all'1% di THC. In uno studio con un volontario, che fumava sigarette con diverse dosi di CBD, tracce di THC potevano essere rilevate nel sangue. Gli autori hanno scritto che queste "quantità di THC presenti nella cannabis CBD possono produrre livelli di THC nel sangue al di sopra del limite legale svizzero per la guida".
Dipartimento di tossicologia e chimica forense, Università di Berna, Svizzera.
Hädener M, et al. Int J Legal Med. 2019 Jan 5. [in press]

Scienza/Animale: come i cannabinoidi possono ridurre il dolore alla periferia
È stato dimostrato che il THC può ridurre il dolore sia nel sistema nervoso centrale che nella periferia. I ricercatori sui topi hanno dimostrato che "gli effetti analgesici periferici dei cannabinoidi dipendono dall'attivazione dei canali BK". I canali BK sono canali di potassio attivati da calcio.
MOE Key Laboratory of Modern Teaching Technology, Shaanxi Normal University, Cina.
Li Y, et al. Brain Res. 2019 Jan 4. [in press]

Scienza/Animale: l'attivazione del recettore CB1 può salvare le cellule nervose nelle malattie neurodegenerative
In un modello murino di infiammazione del cervello indotta dall'attivazione della streptozotocina del recettore CB1 da parte di un cannabinoide sintetico (ACEA) è stato invertito il deterioramento cognitivo e aumentato l'attività delle proteine cellulari, che prevengono l'apoptosi (morte cellulare programmata). Gli autori hanno scritto che i loro dati "suggeriscono che il sistema dei cannabinoidi è un interessante bersaglio terapeutico per il trattamento delle malattie neurodegenerative".
Istituto di scienze biomediche, Università di São Paulo, Brasile.
Crunfli F, et al. Neurotox Res. 2019 Jan 3. [in press]

Scienza/Cellule: il beta-cariofillene ha effetti anti-infiammatori nelle cellule nervose
In uno studio con cellule microgliali, il beta-cariofillene ha modulato l'attività di queste cellule immunitarie nel cervello. Gli autori hanno scritto che questo terpene, che si lega al recettore CB2, è "in grado di avere potenziali effetti terapeutici in condizioni di neuro-infiammazione come la SM [sclerosi multipla] e l'AD [malattia di Alzheimer]".
Dipartimento di Farmacologia, Facoltà di Medicina, Mashhad University of Medical Sciences, Iran.
Askari VR, et al. Life Sci. 2019 Jan 5. [in press]

Scienza/Animale: effetti sinergici di pentobarbital e THC
In uno studio condotto sui topi, gli effetti induttori del sonno del pentobarbital sono stati aumentati con una somministrazione simultanea di THC. Anche il CBD ha potenziato il sonno da pentobarbital. L'effetto del THC è stato mediato dal recettore CB1, mentre il CBD ha agito attraverso altri meccanismi.
Facoltà di Scienze Farmaceutiche, Università di Hokuriku, Kanazawa, Giappone
Kimura T, et al. Forensic Toxicol. 2019;37(1):207-214.

Scienza/Animale: La Cannabidivarina ha proprietà antiepilettiche
In diversi modelli animali di epilessia, il cannabinoide cannabidivarina (CBDV) ha mostrato attività terapeutica per le crisi nelle fasi precoci della vita.
Dipartimento di Farmacologia e Fisiologia, Georgetown University, USA.
Huizenga MN, et al. Neuropharmacology. 2019 Jan 8. [in press]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Nuovo indirizzo

La IACM si è trasferita.
Nuovo indirizzo:
Bahnhofsallee 9
32839 Steinheim

IACM Conference 2019

The IACM Conference 2019 will be held on October 31 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.