[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 17 Settembre 2018

IACM: Comitato di esperti della IACM certifica conferenze di alta qualità

Il consiglio di amministrazione della IACM ha deciso di stabilire un processo di certificazione per le conferenze sull'uso medico della cannabis per dare al pubblico potenziale un primo orientamento e per dare supporto organizzativo alle conferenze. Fortunatamente, negli ultimi anni il numero di conferenze è aumentato considerevolmente, tuttavia la qualità non è sempre la stessa. Per consentire a tutti gli organizzatori di conferenze di essere certificati dalla IACM, il processo di valutazione costerà solo € 500- € 1000. Le basi della certificazione sono il contenuto, i relatori, l'organizzatore e il sito web. I candidati possono contattare l'IACM inviando una e-mail a info@cannabis-med.org.

Le conferenze certificate potranno mettere il logo IACM sul sito web della conferenza, insieme a "certificato dallo IACM" o addirittura "supportato dalla IACM." Ci sarà un breve annuncio nel Bollettino IACM. La prima conferenza certificata è The 3rd International Medical Cannabis Conference dal 14 al 16 Ottobre 2018 in Tel Aviv, Israele.

Scienza/Umana: Il THC riduce il dolore neuropatico e questo è associato a connessioni alterate tra due regioni del cervello

In uno studio controllato con placebo con 15 pazienti con dolore neuropatico cronico, il THC ha ridotto il dolore. Questo è stato associato a cambiamenti nelle reti relative al dolore nel cervello. Scienziati dagli Stati Uniti, Israele e Regno Unito hanno pubblicato i dati sulla rivista Neurology. Le valutazioni del dolore e le scansioni cerebrali funzionali sono state eseguite al basale e dopo somministrazione sublinguale di THC.

Il THC ha ridotto significativamente il dolore dei pazienti rispetto al placebo. L'analgesia indotta da THC è stata correlata con una riduzione della connettività funzionale tra alcune regioni del cervello, la corteccia cingolata anteriore e la corteccia sensomotoria. Inoltre, il grado di riduzione era predittivo della risposta antidolorifica al THC. Gli autori hanno scritto che gli effetti analgesici del THC possono essere mediati "attraverso l'induzione della disconnessione funzionale tra regioni regolatorie affettive e la corteccia sensomotoria".

Weizman L, Dayan L, Brill S, Nahman-Averbuch H, Hendler T, Jacob G, Sharon H. Cannabis analgesia in chronic neuropathic pain is associated with altered brain connectivity. Neurology. 2018 Sep 5. [in press]

Scienza/Umana: La cannabis fornisce sollievo dai sintomi in una vasta gamma di condizioni di salute

Utilizzando la nuova tecnologia di applicazione mobile (app), i ricercatori dell'Università del New Mexico hanno scoperto che la cannabis medica fornisce un immediato sollievo da vari sintomi conn effetti collaterali negativi relativamente minimi. Il software è stato utilizzato per misurare l'efficacia auto-riportata e gli effetti collaterali della cannabis medica utilizzata in condizioni naturalistiche. 2.830 utenti di App Releaf hanno completato 13.638 sessioni individuali di autosomministrazione di cannabis medica e hanno indicato il loro punteggio di gravità sintomatologica su una scala analogica visiva a 11 punti (0-10) in tempo reale prima e dopo il consumo di cannabis, insieme agli effetti collaterali.

I partecipanti usavano la cannabis per trattare un elevato numero di sintomi di salute, i più frequenti relativi al dolore, all'ansia e alle condizioni depressive. Sono state segnalate riduzioni significative della gravità dei sintomi per tutte le categorie di sintomi, con riduzioni medie tra 2,8 e 4,6 punti. Gli autori hanno riassunto che "l'uso di cannabis gestito dal paziente è associato a miglioramenti clinicamente significativi del sollievo dai sintomi auto-riportati per il trattamento di una vasta gamma di condizioni di salute, insieme a frequenti effetti collaterali positivi e negativi".

Stith SS, Vigil JM, Brockelman F, Keeling K, Hall B. Patient-Reported Symptom Relief Following Medical Cannabis Consumption. Front Pharmacol. 2018;9:916.

Notizie in breve

Africa: Esperti politici dell'Africa occidentale suggeriscono di depenalizzare il possesso di droga nei loro paesi
Un illustre gruppo di esperti in materia di salute e politica ha pubblicato una "lprogetto di legge" per depenalizzare il possesso di droga e ridurre i danni della guerra alla droga nell'Africa occidentale. Il documento è stato pubblicato dalla West Africa Commission on Drugs (WACD), un gruppo inizialmente convocato dall'ex segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, scomparso in agosto. Annan aveva criticato a lungo la guerra globale contro la droga.
Talking Drugs of 11 September 2018

USA: Gli elettori del Missouri e dello Utah voteranno la legalizzazione della cannabis medica
A novembre gli elettori del Missouri e dello Utah decideranno se si uniranno ad altri stati che hanno già legalizzato l'uso medico della cannabis. Gli elettori in Michigan e North Dakota voteranno sulla legalizzazione dell'uso ricreativo del farmaco.
Stop the Drug War of 5 September 2018

Scienza/Cellule: Il CBD influenza gli effetti del THC, dell'anandamide e di altri cannabinoidi sui recettori dei cannabinoidi
Gli scienziati hanno analizzato la selettività funzionale (o "agonismo parziale") di un certo numero di cannabinoidi in presenza o in assenza di cannabidiolo (CBD). La selettività funzionale o segnalazione polarizzata significa che gli effetti dei cannabinoidi, che si legano allo stesso recettore, variano a seconda dei cannabinoidi. La CBD ha alterato le risposte al legame del recettore CB1 da parte del THC mediante la cosiddetta modulazione allosterica del recettore. L'effetto del CBD sulle azioni dell'anandamide sui recettori cannabinoidi era significativamente diverso da quello di altri cannabinoidi.
Dipartimento di Biochimica e Fisiologia, Università di Barcellona, Spagna.
Navarro G, et al. Biochem Pharmacol. 2018 Sep 5. [in press]

Scienza/Animale: Il CBD può prevenire la morte cellulare programmata delle cellule nervose
È stato dimostrato che il ferro può scatenare l'apoptosi (morte cellulare programmata) nelle cellule nervose dei ratti e questo effetto è stato prevenuto dal CBD. Gli autori hanno scritto che "l'inversione degli effetti indotti dal ferro dal CBD indica che ha un potenziale neuroprotettivo attraverso la sua azione anti-apoptotica".
Pontificia Università Cattolica del Rio Grande do Sul, Porto Alegre, Brasile ..
Silva VK, et al. Transl Psychiatry. 2018;8(1):176.

Scienza/Animale: Effetti neuroprotettivi nella lesione ischemica della colonna vertebrale
Il sistema endocannabinoide può essere modulato per fornire una nuova protezione nella lesione ischemica della colonna vertebrale attraverso l'attivazione del recettore CB2 aumentando la sopravvivenza delle cellule nervose e la loro funzione.
Dipartimento di Chirurgia, Yale University School of Medicine, New Haven, USA.
Geirsson A. J Thorac Cardiovasc Surg. 2018 Aug 6. [in press]

Scienza/Cellule: Gli oli essenziali di cannabis riducono la virulenza di Listeria monocytogenes
I ricercatori hanno studiato gli effetti degli oli essenziali di cannabis su undici campioni di Listeria monocytogenes da pazienti a cui è stata diagnosticata una listeriosi invasiva. Gli autori hanno scritto che "il presente lavoro fornisce una base per lo studio delle proprietà anti-virulenza dell'olio essenziale C. sativa contro L. monocytogenes".
Università Politecnica delle Marche, Ancona, Italia.
Marini E, et al. Front Cell Infect Microbiol. 2018;8:293.

Scienza/Animale: I cannabinoidi possono proteggere contro la perdita dell'udito causata dal cisplatino
In uno studio su ratti l'attivazione del recettore CB2 ha protetto contro la perdita dell'udito che può essere causato dall'agente chemioterapico cisplatino.
Southern Illinois University School of Medicine, Springfield, Stati Uniti d'America.
Ghosh S, et al. Front Cell Neurosci. 2018;12:271.

Scienza/Umana: L'uso di alcool e cannabis è stato associato ad un aumentato rischio di reinfortunio
In uno studio condotto su 1187 pazienti di età compresa tra 16 e 70 anni ricoverati in ospedale a causa di un trauma, il rischio di nuovo infortunio a causa del consumo di alcol era 2.3 e dovuto all'uso di cannabis 1.9. Gli autori hanno concluso che la presenza di alcol e / o droghe illecite "raddoppia il rischio di recidiva traumatica".
Università di Estremadura, Cáceres, Spagna.
Cordovilla-Guardia S, et al. PLoS One. 2018;13(9):e0203963.

Scienza/Animale: Il sistema endocannabinoide è coinvolto negli effetti analgesici dell'aripiprazolo
In uno studio su topi è stato trovato che gli effetti antidolorifici del farmaco antipsicotico aripiprazolo coinvolgono il sistema endocannabinoide, dal momento che questo effetto è stato abolito bloccando il CB2 e il recettore CB1.
Istituto di scienze biologiche, Università federale del Minas Gerais, Belo Horizonte, Brasile.
Ferreira RCM, et al. Anesth Analg. 2018 Sep 5. [in press]

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non aumenta il rischio di ictus a causa di emorragia cerebrale
Secondo l'analisi di un campione nazionale di circa 2,5 milioni di consumatori di cannabis e di 116 milioni di non consumatori, l'uso di cannabis non era un fattore di rischio indipendente per l'emorragia intra-cerebrale. Per quanto riguarda i risultati ospedalieri, i consumatori di cannabis hanno avuto una durata ridotta dell'ospedalizzazione (riduzione di circa il 46%), ma un aumento del rischio di mortalità ospedaliera (aumento di circa il 26%).
Charleston Area Medical Center, West Virginia University, Stati Uniti.
Malhotra K, et al. J Stroke Cerebrovasc Dis. 2018 Sep 6. [in press]

Scienza/Animale: La chemioterapia standard insieme a THC e alte dosi di CBD aumentano l'efficacia nel trattamento del glioblastoma
I ricercatori hanno studiato gli effetti della chemioterapia standard con temozolomide insieme a diverse concentrazioni di THC e CBD negli animali. Le loro scoperte hanno dimostrato che il temozolomide insieme a combinazioni di THC e CBD contenenti un'alta percentuale di CBD erano i più efficaci.
Scuola di Biologia, Università Complutense, Madrid, Spagna.
López-Valero I, et al. Biochem Pharmacol. 2018 Sep 6. [in press]

Scienza/Cellule: Il sistema endocannabinoide svolge un ruolo importante nello sviluppo degli oligodendrociti
Gli oligodendrociti sono un tipo di cellule gliale nel sistema nervoso centrale e come altre cellule della glia forniscono un ruolo di supporto per la funzione delle cellule nervose. I ricercatori hanno scoperto che l'endocannabinoide 2-AG (2-arachidonoilglicerolo) aumenta la migrazione delle cellule progenitrici degli oligodendrociti.
Ospedale Nacional de Parapléjicos-SESCAM, Toledo, Spagna.
Sanchez-Rodriguez MA, et al. Biochem Pharmacol. 2018 Sep 6. [in press]

Scienza/Animale: Il CBD ha prevenuto il comportamento simil-schizofrenico negli animali giovani
In un modello di schizofrenia nel ratto, il CBD, che è stato dato dai giorni 30-60 dopo la nascita, ha impedito lo sviluppo di anomalie comportamentali simili alla schizofrenia. Gli autori hanno scritto che la loro indagine fornisce prove "per un effetto sicuro e benefico peripuberale del trattamento con CBD sulla prevenzione dei sintomi positivi e cognitivi della schizofrenia".
Università Federale di San Paolo, Brasile.
Peres FF, et al. Front Pharmacol. 2018;9:901.

Scienza/Animale: Il THCV esercita alcuni effetti attraverso l'inibizione di TRPV5 e TRPV6
Gli scienziati hanno studiato gli effetti di sei cannabinoidi sui canali del calcio TRPV5 e TRPV6 e hanno scoperto che uno di questi, il THCV (delta-9-tetraidrocannabivarin) esercitava un effetto inibitore forte e concentrazione-dipendente su questi recettori.
Centro VIB Brain & Disease Research, Leuven, Belgio.
Janssens A, et al. Pharmacol Res. 2018;136:83-89.

Scienza/Animale: Il paracetamolo può essere tossico per il cervello in via di sviluppo e questo effetto può essere aumentato dall'attivazione del recettore CB1
In uno studio con topi il paracetamolo, chiamato anche acetaminofene (AAP), era tossico per il cervello in via di sviluppo e questo effetto è stato aumentato da un cannabinoide sintetico (WIN 55,212-2). Gli autori hanno scritto che "presumendo che i nostri risultati siano rilevanti per gli esseri umani, sollevano preoccupazioni sulla sicurezza dell'AAP perché è l'unico analgesico e antipiretico raccomandato durante la gravidanza e nei primi anni di vita".
Università di Uppsala, Svezia.
Philippot G, et al. Toxicol Sci. 2018 Aug 25. [in press]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

 The IACM Conference 2019 will be held on October 30 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.