[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 30 Luglio 2018

IACM: nomina degli ambasciatori IACM

Al fine di stabilire una rete di lavoro più ampia, come indicato negli statuti , la IACM ha nominato ambasciatori in diversi paesi in tutto il mondo. Si distinguono Ambasciatori professionisti e Ambasciatori pazienti, così come organizzazioni partner
L'elenco degli ambasciatori è il seguente:

Ambasciatori professionisti
Alex Mabou Tagne (Camerun)
Daniela Parolaro (Italia)
Donald Abrams (USA)
Ethan Russo (USA)
Francesco Crestani (Italia)
Franjo Grotenhermen (Germania)
Gastone Zanette (Italia)
Gianpaolo Grassi (Italia)
Ilya Reznik (Israele)
Kirsten Müller-Vahl (Germania)
Manuel Guzman (Spagna)
Mark Ware (Canada)
Marlon Germon (Sudafrica)
Marry Lynn Mathre (Stati Uniti)
Natalie Krapivensky (Australia)
Raquel Peyraube (Uruguay)
Roger Pertwee (Regno Unito)
Rudolf Brenneisen (Svizzera)
Steve Goldner (USA)

Pazienti Ambasciatori
Alison Myrden (Canada)
Carola Pérez Gómez (Spagna)
Hana Vágnerová (Repubblica Ceca)
Marian Hutten (Paesi Bassi)
Max Plenert (Germania)
Michael Krawitz (Stati Uniti)
Sarah Martin (Regno Unito)
Sébastien Béguerie (Francia)

Per maggiori dettagli sul programma ambasciatori, è possibile contattare il nostro coordinatore di partenariato e rete Yuval Zolotov all'indirizzo network@cannabis-med.org

Scienza/Umana: la legalizzazione della cannabis per uso medico negli Stati Uniti è associata a una riduzione delle prescrizioni di oppioidi

"La legalizzazione in tutta la nazione della cannabis medica sembra essere stata associata a riduzione sia delle prescrizioni che dei dosaggi degli oppioidi della Scheda III (ma non della Scheda II) tra gli iscritti al programma Medicaid negli Stati Uniti," affermano gli scienziati del Dipartimento di Medicina di Famiglia e Sanità Pubblica dell'Università di La California a San Diego, negli Stati Uniti. Essi hanno analizzato i registri Medicaid di prescrizione di oppioidi a livello statale dal 1993 al 2014. Medicaid è un programma di assistenza alle spese mediche per alcune persone con reddito e risorse limitati.

Per le prescrizioni di oppioidi di Scheda III, la legalizzazione della cannabis medica era associata a una riduzione del 29,6% del numero di prescrizioni, una riduzione del 29,9% del dosaggio e una riduzione del 28,8% della spesa Medicaid correlata. Nessuna prova è stata trovata a sostegno delle associazioni tra la legalizzazione della cannabis medica e le prescrizioni sugli oppioidi di Scheda II. Gli autori hanno stimato che, se "tutti gli stati avessero legalizzato la cannabis medica entro il 2014, la spesa annuale Medicaid sulle prescrizioni di oppioidi sarebbe stata ridotta di 17,8 milioni di dollari". Gli oppiacei di Scheda II sono la morfina, il fentanil e simili. Gli oppioidi di Scheda III sono la buprenorfina, tramadolo e simili.
Liang D, Bao Y, Wallace M, Grant I, Shi Y. Medical Cannabis Legalization and Opioid Prescriptions: Evidence on US Medicaid Enrollees during 1993-2014. Addiction. 2018 Jul 10. [in press]

Scienza/Umana: l'uso di cannabis è associato a una diminuzione della mortalità in ospedale dopo un infarto

In uno studio con 1.273.897 pazienti con infarto miocardico acuto, l'uso di cannabis è stato associato a decessi ospedalieri diminuiti. Inoltre, l'uso di cannabis non era associato ad un aumentato rischio di esiti avversi a breve termine a seguito di un attacco di cuore. In totale 3854 pazienti hanno riferito di uso di cannabis. I ricercatori della Divisione di Cardiologia dell'Università del Colorado Anschutz di Aurora, USA, hanno analizzato i registri ospedalieri di 8 stati tra il 1994 e il 2013.
I consumatori di cannabis avevano più probabilità di essere sottoposti a ventilazione meccanica (rapporto di probabilità 1.19). Hanno avuto meno probabilità di decesso (OR 0,79), di avere shock (OR 0,74) o di richiedere una pompa a palloncino intraortico (OR 0,80) dopo infarto miocardico acuto (IMA) rispetto ai pazienti senza uso di cannabis. Gli autori hanno scritto che questi "risultati suggeriscono che, contrariamente alla nostra ipotesi, l'uso di marijuana non era associato ad un aumentato rischio di esiti avversi a breve termine a seguito di IMA. Inoltre, l'uso di marijuana era associato a una diminuzione della mortalità ospedaliera post-IMA. "
Johnson-Sasso CP, Tompkins C, Kao DP, Walker LA. Marijuana use and short-term outcomes in patients hospitalized for acute myocardial infarction. PLoS One. 2018;13(7):e0199705.

Scienza/Umana: il CBD riduce le convulsioni in diverse forme di epilessia ad esordio infantile secondo uno studio in aperto

In uno studio aperto condotto su 46 pazienti con disfunzione da deficit di CDKL5 o sindromi di Aicardi, Doose e Dup15q, un trattamento con CBD ha ridotto la frequenza delle convulsioni. Gli investigatori della School of Medicine della New York University, USA, hanno incluso pazienti di età compresa tra 1 e 30 anni con queste gravi forme di epilessia ad esordio infantile. Sono stati trattati con CBD per almeno 10 settimane.
La variazione percentuale della frequenza di convulsioni per tutti i pazienti che assumevano CBD è stata dal tempo base alla 12a settimana del 51,4% e della settimana 48 del 59,1%. Il CBD era generalmente ben tollerato. Gli autori hanno scritto che lo studio "fornisce evidenza di classe III per la sicurezza e l'efficacia a lungo termine della somministrazione di CBD in pazienti con epilessia resistente al trattamento" associata a questi disturbi.
Devinsky O, Verducci C, Thiele EA, Laux LC, Patel AD, Filloux F, Szaflarski JP, Wilfong A, Clark GD, Park YD, Seltzer LE, Bebin EM, Flamini R, Wechsler RT, Friedman D. Open-label use of highly purified CBD (Epidiolex®) in patients with CDKL5 deficiency disorder and Aicardi, Dup15q, and Doose syndromes. Epilepsy Behav. 2018 Jul 10. [in press]

Notizie in breve

Libano: il Parlamento considera la coltivazione di cannabis per uso medico
Il parlamento libanese sta considerando di legalizzare la coltivazione della cannabis per scopi medici, ha detto il portavoce del parlamento Nabih Berri il 18 luglio. Sebbene in Libano la coltivazione della pianta sia illegale, i proprietari terrieri hanno tuttavia coltivato cannabis per decenni nella fertile valle della Bekaa.
Reuters of 18 July 2018

Scienza/Umana: la legalizzazione della cannabis in alcuni Stati degli Stati
Uniti è associata al miglioramento di alcuni parametri da parte della polizia
Gli scienziati hanno valutato i tassi di alcuni parametri in Colorado e Washington prima e dopo l'emanazione della legalizzazione della cannabis per uso ricreativo. I dati non suggeriscono effetti negativi della legalizzazione. "I nostri risultati suggeriscono che la legalizzazione ha portato a miglioramenti in alcuni parametri", riportano gli autori.
Dipartimento di Giustizia criminale e criminologia, Washington State University, Pullman, USA.
Makin DA, et al. Police Quarterly. 2018 Jul 4. [in press]

Scienza/Animale: Gli endocannabinoidi prodotti da acidi grassi omega-3 hanno effetti anti-cancro
L'assunzione di acidi grassi omega-3 ha aumentato la produzione di sostanze endocannabinoidi (DHEA, EDP-EA) con effetti anti-cancro nell'osteosarcoma, un tumore osseo, attraverso diversi meccanismi, inclusa la riduzione della crescita del tumore, le metastasi e la produzione di nuovi vasi sanguigni nel tumore. Questi effetti sono stati parzialmente mediati attraverso il recettore 1 della cannabis.
Università dell'Illinois, Urbana, USA.
Science Daily of 13 July 2018
Roy J, et al. J Med Chem. 2018;61(13):5569-5579.

Scienza/Umana: Grande variazione delle concentrazioni plasmatiche di THC e CBD dopo assunzione orale
In uno studio con 12 pazienti con sclerosi multipla, che hanno ricevuto 2 spray dell'estratto di cannabis Sativex contenente 2,7 mg di THC e 2,5 mg di CBD per 1 spray, le concentrazioni massime nel plasma sanguigno variavano considerevolmente. I livelli plasmatici massimi di THC variano da 0,60 a 13,29 ng / mL e i livelli plasmatici di CBD variano da 0,55 a 11,93 ng / mL. Il picco delle concentrazioni plasmatiche variava da 150 a 240 minuti per THC e da 90 a 240 minuti per CBD.
IRCCS, Istituto di Scienze Neurologiche, Bologna, Italia.
Contin M, et al. Clin Neuropharmacol. 2018 Jul 18. [in press]

Scienza/Cellule: il CBD può essere efficace in diversi tipi di tumore al seno
Il CBD induce l'apoptosi (morte cellulare programmata) in diverse cellule di cancro al seno, comprese le cellule di cancro al seno con ER-positivo e triplo negativo.
Dipartimento di Biochimica, Facoltà di Scienze, Università di Alessandria, Egitto
Sultan AS, et al. 2018;41:34-41.

Scienza/Umana: Il CBD è stato efficace in diverse forme di epilessia nel lungo periodo
In uno studio osservazionale a lungo termine con 607 pazienti trattati in 25 siti negli Stati Uniti con CBD fino a una dose massima compresa tra 25 e 50 mg / kg, gli effetti del trattamento dopo 96 settimane sono stati simili a quelli dopo 12 settimane.
Università di Alabama, Birmingham, Stati Uniti d'America.
Szaflarski JP, et al. Epilepsia. 2018 Jul 12. [in press]

Scienza/Umana: l'effetto della cannabis sull'insonnia dipendeva dalla varietà di cannabis
In uno studio con 409 persone con una specifica condizione di insonnia, il CBD era associato a una maggiore riduzione dei sintomi rispetto al THC. I fiori dei sottotipi sativa erano associati a effetti collaterali più negativi dei fiori dei sottotipi di piante indica o ibride.
Dipartimento di Psicologia, Università del New Mexico, Albuquerque, USA.
Vigil JM, et al. Medicines (Basel). 2018;5(3).

Scienza/Umana: i pazienti con dolore che usano la cannabis hanno una maggiore gravità del dolore rispetto ai non utilizzatori
Secondo un sondaggio condotto su 1514 pazienti affetti da dolore contattati telefonicamente, l'uso di cannabis è stato associato a un maggior punteggio di gravità del dolore rispetto ai non utilizzatori. Gli autori hanno scritto che "non c'era evidenza che la cannabis portasse a una riduzione della gravità del dolore o esercitasse un effetto di riduzione degli oppioidi". Tuttavia, potrebbe anche essere possibile che i pazienti con dolore più grave abbiano maggiori probabilità di usare cannabis.
Centro nazionale di ricerca sulla droga e l'alcol, Sydney, Australia.
Campbell G, et al. Lancet Public Health. 2018;3(7):e341-e350.

Scienza/Cellule: i composti della cannabis interagiscono sinergicamente per l'attività antitumorale contro il cancro al colon
Cellule del cancro del colon sono state esposte a diversi estratti etanolici della cannabis. I ricercatori hanno scoperto che alcuni composti di cannabis agiscono sinergicamente per produrre effetti tossici su queste cellule tumorali, inducendo l'arresto del ciclo cellulare e l'apoptosi (morte cellulare programmata). Tra questi composti c'è l'acido cannabigerolico.
Organizzazione di ricerca agricola, Volcani Center, Bet Dagan, Israele.
Nallathambi R, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2018;3(1):120-135.

Scienza/Animale: un meccanismo d'azione per gli effetti antidepressivi del CBD
I ricercatori hanno studiato gli effetti del CBD su una determinata regione del cervello (ippocampo) dei topi. Hanno scritto che l'indagine suggerisce "che la via BDNF-TrkB-mTOR dell'ippocampo è fondamentale per l'effetto antidepressivo indotto dal cannabidiolo".
Dipartimento di Fisica e Chimica, Facoltà di Scienze Farmaceutiche di Ribeirão Preto, Università di San Paolo, Brasile.
Sartim AG, et al. J Psychopharmacol. 2018:269881118784877.

Scienza/Umana: la cannabis può avere effetti terapeutici in pazienti con anemia falciforme
Un'analisi di 44 pazienti, che hanno ricevuto cannabis per ragioni mediche, ha dimostrato che i prodotti a base di cannabis possono essere utili in questo gruppo di pazienti.
Yale Cancer Center, Yale University, New Haven, Stati Uniti.
Roberts JD, et al. Cannabis Cannabinoid Res. 2018;3(1):162-165.

Scienza/Umana: il CBD è usato principalmente contro il dolore, i disturbi del sonno, l'ansia e la depressione
In un sondaggio online con 2409 partecipanti reclutati attraverso i social media, quasi il 62% degli utenti di CBD ha riferito di usare il cannabinoide per trattare una condizione medica. Le condizioni mediche migliorate erano il dolore, i disturbi del sonno, l'ansia e la depressione. Quasi il 36% degli intervistati ha riferito che il CBD tratta le loro condizioni mediche "molto bene".
Centro di educazione medica alla cannabis, Del Mar, USA.
Corroon J and Phillips JA.Cannabis Cannabinoid Res. 2018;3(1):152-161.

Scienza/Umana: gli utilizzatori di cannabis necessitano di dosi più elevate di oppioidi dopo l'intervento
In un'analisi di 434 pazienti sottoposti a interventi di riduzione del peso, quelli con uso di cannabis (36 pazienti) hanno avuto bisogno di dosi più alte di oppioidi. Gli autori ritengono che ciò sia dovuto allo sviluppo della tolleranza incrociata.
Ospedale Saint Joseph, Denver, USA.
Bauer FL, et al. Perm J. 2018;22.

Scienza/Cellule: il cannabigerolo ha proprietà antinfiammatorie e neuroprotettive
Il cannabinoide cannabigerolo (CBG) protegge le cellule nervose dalla tossicità indotta dai macrofagi stimolati. Esso contrasta la produzione di messaggeri pro-infiammatori.
IRCCS Centro Neurolesi "Bonino Pulejo", Messina, Italia.
Gugliandolo A, et al. J Mol Sci. 2018;19(7).

Scienza/Animale: l'attivazione del recettore periferico CB1 può essere utile nella neuropatia periferica indotta dalla chemioterapia
In uno studio con ratti con neuropatia periferica indotta da cisplatino, la somministrazione di un cannabinoide sintetico, che non penetra nel cervello, sopprime l'allodinia. L' allodinia è una sensazione di dolore dovuta a uno stimolo (ad esempio tocco, a freddo), che di solito non causa dolore.
Laboratorio di Neurofarmacologia, Università della California, Los Angeles, USA.
Mulpuri Y, et al. Neuropharmacology. 2018;139:85-97.

Cellule: l'attivazione del recettore CB2 riduce la vitalità delle cellule leucemiche
Un nuovo cannabinoide sintetico ad alta affinità per il recettore CB2 inibisce la sopravvivenza cellulare nelle cellule leucemiche, ma non danneggia i linfociti sani normali.
Dipartimento di Medicina Sperimentale, Università di Roma "La Sapienza", Italia.
Capozzi A, et al. Int J Mol Sci. 2018;19(7).

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

 The IACM Conference 2019 will be held on October 30 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.