[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 28 Giugno 2014

Scienza/Umana: Gli effetti farmacologici dei ceppi di cannabis ricchi di CBD differiscono da quelli dei ceppi ricchi di THC

Una ricerca con 102 pazienti provenienti dai Paesi Bassi e con tre diversi ceppi di cannabis per scopi medicinali provenienti da farmacie dimostra che gli effetti farmacologici sono diversi a seconda del rapporto tra THC e CBD. I risultati di questo studio, condotto dell'Istituto Olandese di Salute Mentale e Dipendenze a Utrecht e l'Ufficio per la Cannabis Medicinale del Ministero della Salute Olandese, sono stati pubblicati sul Journal of Psychopharmacology. Il 47% dei pazienti ha utilizzato la varietà Bedrocan con il 19% di THC e meno dell'1% di CBD, il 28,5% ha utilizzato il Bedrobinol, varietà con il 12% di THC e meno dell'1% di CBD e il 24,5% ha usato il Bediol che contiene quasi la stessa quantità di THC (6%) e CBD (7,5%). L'analisi statistica degli effetti soggettivi ha rivelato che l’alto contenuto di THC in Bedrocan e Bedrobinol ha portato ad un aumento dell'appetito rispetto al Bediol. C'era anche un più elevato livello di ansia e depressione nel gruppo Bedrocan rispetto al gruppo Bediol.

Il dolore cronico era l'indicazione medica più comune (53%) per l'utilizzo di cannabis, seguita da sclerosi multipla (23%). L’86% dei pazienti si è detta soddisfatta della terapia indipendentemente dalla varietà di cannabis. Gli autori hanno scritto che "questi risultati indicano che i pazienti riferiscono soddisfazione per la terapia con la cannabis medica, soprattutto nell’alleviare il dolore." La quantità di cannabis utilizzata non differiva tra i diversi ceppi. Per quanto riguarda i diversi effetti gli autori suggeriscono che "il CBD può avere un effetto modulatorio su alcuni dei ben noti effetti avversi soggettivi del THC, come ansia e umore depresso."

Brunt TM, van Genugten M, Höner-Snoeken K, van de Velde MJ, Niesink RJ. Therapeutic satisfaction and subjective effects of different strains of pharmaceutical-grade cannabis. J Clin Psychopharmacol 2014;34(3):344-9.

Notizie in breve

Scienza/Umana: Il THC aumenta l'intensità dell'attività fisica nei pazienti affetti da anoressia nervosa
In un studio in croos over controllato con placebo su 24 donne adulte con anoressia nervosa, il THC per via orale non ha modificato la durata totale dell’attività fisica, mentre la sua intensità media era moderatamente aumentata del 20%, con un conseguente aumento della spesa energetica. Il livello di attività fisica è eccessivamente elevato nell’80% dei pazienti che soffrono di anoressia nervosa, come risultato di sforzi coscienti per perdere peso.
Centro per i disturbi alimentari, Odense University Hospital, Danimarca.
Andries A, et al. Eat Weight Disord. 2014 Jun 3. [in stampa]

Scienza/Umana: L'assunzione di elevate quantità di THC provoca effetti sedativi di maggior durata
In uno studio con 24 consumatori di cannabis che avevano fumato sigarette di cannabis con quattro diverse dosi di THC (placebo, 29, 49 e 69 mg di THC) in quattro giorni di test separati, c'è stato un forte effetto delle varietà di cannabis contenenti alte percentuali di THC sulla valutazione degli effetti soggettivi. Gli autori hanno notato che "l'aumento della sensazione di sedazione indotta dal THC dura più a lungo con una dose di THC di 69 mg che con una dose di 29 mg."
Centro Nazionale Olandese di Informazione sui Veleni, Università Medical Center di Utrecht, Paesi Bassi.
Hunault CC, et al. Psychopharmacology (Berl). 2014 May 31. [in stampa]

Giamaica: Il Governo intende depenalizzare il possesso di cannabis
Il governo giamaicano ha deciso di depenalizzare il possesso di piccole quantità di cannabis. Il ministro della giustizia Mark Golding ha detto: "Il governo ha approvato alcune modifiche alla normativa relativa alla ganja. Si riferiscono al possesso di piccole quantità di ganja per uso personale, il fumare ganja in luoghi privati e l'uso di ganja per scopi medici-medicinali." Il possesso fino a 57 grammi di cannabis sarà punito con una multa, senza procedimenti penali, ha detto Golding.
Reuters of 13 June 2014

Messico: il presidente ha aperto ad una discussione sullo status legale della cannabis
Il Messico e gli Stati Uniti non possono seguire divergenze politiche in materia di legalizzazione della cannabis, ha detto il presidente messicano Enrique Pena Nieto, lasciando intendere che potrebbe essere aperto a cambiare le leggi sulla droga a seguito dell'iniziativa presa da alcuni stati americani. Pena Nieto si dice a favore di discutere la questione, nonostante i dubbi personali sulla legalizzazione della cannabis. In un'intervista al quotidiano spagnolo El Pais, Pena Nieto ha detto che le politiche seguite negli ultimi 30 o 40 anni hanno portato solo a più consumi e più produzione di stupefacenti. "Quindi è una politica fallimentare", ha detto al giornale.
Reuters of 8 June 2014

Scienza/Animale: Livelli incrementati di 2-AG hanno aumentato il dolore nei topi
I topi che non producono monoacilglicerolo lipasi, che è il principale enzima responsabile della degradazione dell’endocannabinoide 2-arachidonoilglicerolo (2-AG), hanno sperimentato un aumento del dolore. Gli autori hanno notato che le inibizioni di questo enzima "non solo non hanno effetti analgesici benefici, ma possono persino portare al peggioramento di alcuni tipi di dolore (in particolare quelli con una componente tonica)."
Divisione di Anestesia, Niigata University Graduate School of Medical and Dental Sciences, Giappone.
Petrenko AB, et al. Behav Brain Res. 2014 Jun 3. [stampa]

Scienza/Cellule: L’anandamide potrebbe essere dannoso per le cellule della cartilagine
Una ricerca con le cellule della cartilagine suggerisce che l'anandamide, da solo o in combinazione con il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa), una citochina pro-infiammatoria, può essere un potenziale agente distruttivo nella cartilagine.
Ospedale Clinico dell’Università di Santiago, Santiago de Compostela, Spagna.
Gómez R, et al. J Orthop Res. 2014 Jun 6. [in stampa]

Scienza/Animale: I cannabinoidi possono impedire gli effetti di un trauma sui processi emozionali
I ricercatori hanno trovato che un cannabinoide sintetico (WIN55,212-2) può prevenire nei ratti gli effetti sui processi emozionali di una singola scarica elettrica al piede. Questo effetto può essere utile nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico.
Dipartimento di Psicologia, Università di Haifa, Israele.
Korem N, et al. Neuropsychopharmacology. 2014 Jun 5. [in stampa]

Scienza/Animale: N-Arachidonoylserotonin riduce lo stress
N-Arachidonoylserotonin, un doppio bloccante dell’amide idrolasi degli acidi grassi (FAAH, l'enzima responsabile per l'inattivazione dell’anandamide) e del recettore vanilloid (TRPV1), inverte nei ratti l’angoscia dovuta all'esposizione a stress. Questo effetto è stato associato con la normalizzazione della deregolamentazione nel cervello che segue l’applicazione dello stress. Gli autori hanno notato che "il blocco FAAH e TRPV1 può quindi rappresentare un nuovo bersaglio per la progettazione di nuove strategie terapeutiche per il trattamento dei disturbi legati allo stress."
Dipartimento di Clinica e Biomedicina Molecolare, Facoltà di Medicina dell’Università degli Studi di Catania, Italia.
Navarria A, et al. Pharmacol Res. 2014 May 23. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.