[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 14 Maggio 2014

Scienza/USA: In un'indagine la cannabis è stata valutata la più efficace per il trattamento della fibromialgia

La cannabis è di gran lunga la più efficace nel trattamento dei sintomi della fibromialgia rispetto ad ognuno dei tre farmaci approvati dalla Food and Drug Administration per il trattamento di questo disturbo . Questo è uno dei risultati di un sondaggio online su oltre 1.300 pazienti con fibromialgia condotto dalla Pain Foundation and National Pain Report negli USA. L'FDA ha approvato solo tre farmaci - Duloxetina, Pregabalin e Milnacipran - per il trattamento della fibromialgia. La maggior parte di coloro che hanno provato i farmaci dicono che non funzionano. "E' sempre una buona idea ascoltare ciò che i nostri pazienti ci dicono", ha commentato il dottor Mark Ware, professore associato in medicina di famiglia e anestesia presso la McGill University di Montreal, in Canada.

"La fibromialgia è devastante per chi deve vivere nella sua morsa. C'è molto che non capiamo. Abbiamo bisogno di soluzioni innovative ... che cambino il volto di questa malattia ", ha detto il dottor Dan Bennett, presidente della National Pain Foundation. Molti di coloro che hanno risposto al sondaggio hanno dichiarato di aver provato tutti e tre i farmaci approvati dalla FDA. Il 62% di coloro che hanno provato la cannabis ha detto che è molto efficace nel trattamento dei sintomi della fibromialgia. Alla richiesta di valutare l'efficacia dei farmaci approvati, la Duloxetina è stata valutata come molto efficace nel 8%, il Pregabalin nel 10% e il Milnacipran anch’esso nel 10%.

Marijuana Rated Most Effective for Treating Fibromyalgia

Researcher: More Medical Marijuana Studies Needed

Scienza/USA: La legalizzazione della cannabis per scopi medicinali non ha aumentato l'uso di cannabis negli adolescenti

Tra le preoccupazioni di coloro che si oppongono alla legalizzazione della cannabis per scopi medici c’è il timore che in un modo o nell'altro la cannabis si sarebbe fatta strada tra i giovani ed avrebbe favorito un maggiore consumo di droga. Ma un nuovo studio mostra che questo semplicemente non è accaduto. Lo studio, pubblicato sull'ultimo numero del Journal of Adolescent Health e condotto da Esther K. Choo, dell’Alpert Medical School della Brown University (Providence, Rhode Island, USA) afferma: "Il nostro studio suggerisce che - almeno finora - la legalizzazione della marijuana per scopi medici non abbia aumentato l'uso di marijuana negli adolescenti, una constatazione supportata da un crescente corpo di letteratura."

I ricercatori hanno esaminato le segnalazioni di uso di cannabis da parte di adolescenti in stati dove la cannabis medica ora è legale, sia prima che dopo che sono state approvate le leggi, ed hanno confrontato questi numeri con i paesi vicini dove la cannabis rimane illegale a tutti gli effetti. Il campione è stato di 11,7 milioni di studenti. Confrontando i dati degli altri anni e di tutti gli stati, nei mesi passati l'uso di cannabis era sempre lo stesso (20,9%). Non ci sono state differenze statisticamente significative nel consumo di cannabis prima e dopo il cambiamento di politica per nessuna delle casistiche.

Choo EK, Benz M, Zaller N, Warren O, Rising KL, McConnell KJ. The Impact of State Medical Marijuana Legislation on Adolescent Marijuana Use. J Adolesc Health. 2014 Apr 14. [in press]

Washington Post of 14 April 2014

Notizie in breve

Gran Bretagna/USA: Il Sativex riceve la Fast Track Designation nel dolore da cancro da parte delle autorità statunitensi
La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha concesso la Fast Track Designation per lo spray a base di cannabis Sativex per il trattamento del dolore in pazienti con cancro avanzato, che sperimentano analgesia inadeguata durante la terapia cronica con oppioidi ottimizzata. Il Sativex è attualmente nella fase 3 dei test clinici per questa indicazione. Il programma Fast Track di FDA facilita lo sviluppo di farmaci destinati a trattare condizioni minacciose gravi o di vita e che hanno il potenziale per affrontare delle esigenze mediche insoddisfatte.
Press release by GW Pharmaceuticals of 28 April 2014

Gran Bretagna: Il think-tank conservatore spinge per alleviare delle leggi sulla cannabis
Il primo ministro David Cameron è sollecitato dai modernizzatori di Tory, del suo stesso partito conservatore, ad abbandonare la guerra della Gran Bretagna contro le droghe e a fare di una parziale legalizzazione un punto chiave del programma per le elezioni generali del prossimo anno. Il piano provocatorio è contenuto in una serie di proposte politiche presentate dall’influente think-tank conservatore Bright Blue, un gruppo che è sostenuto da ministri di alto livello, tra cui Theresa May, Francis Maude e l'ex ministro Andrew Mitchell.
Independent of 28 April 2014

Scienza/USA: L’American Academy of Neurology conferma il valore terapeutico della cannabis in determinate condizioni
Un riesame da parte della American Academy of Neurology conclude che i cannabinoidi possono essere efficaci nella spasticità, dolore e disfunzione della vescica nella sclerosi multipla e che ci sono solo dati limitati disponibili sulla sindrome di Tourette, la distonia cervicale, e l'epilessia.
Dipartimento di Neurologia, New York Medical College e altre istituzioni, USA.
Koppel BS, et al. Neurology 2014;82(17):1556-63.

Scienza/Umana: Un ampio studio francese conferma il buon profilo di sicurezza della cannabis per quanto riguarda le malattie cardiovascolari
Il numero di infarti e altri problemi cardiovascolari attribuiti alla cannabis era di cinque eventi nel 2006 e di 11 eventi nel 2010 su circa 1,2 milioni di consumatori di cannabis. In Francia, i casi gravi di abuso e dipendenza in risposta all'uso di sostanze psicoattive, devono essere segnalati al sistema nazionale del French Addictovigilance Network. Negli anni 2006-2010 l’1,8% di tutti i rapporti correlati alla cannabis (35 casi su un totale di 1979) sono stati relativi a complicanze cardiovascolari.
Addictovigilance, Service de Pharmacologie Médicale et Clinique,, Faccoltà di Medicina, Tolosa, Francia.
Jouanjus E, et al. J Am Heart Assoc 2014;3(2):e000638.

Scienza/Animale: I recettori dei cannabinoidi nelle cellule della pelle attenuano la dermatite atopica
Una ricerca con i topi dimostra che i recettori dei cannabinoidi 1 nelle cellule della pelle aiutano a mantenere la barriera cutanea e attenuare risposte infiammatorie allergiche. Gli autori scrivono che i loro "risultati pongono i cheratinociti al centro dei meccanismi patofisiologici di ingresso e uscita della dermatite atopica".
Dipartimento di Dermatologia e Allergologia dell'Università di Bonn, Germania.
Gaffal E, et al. Exp Dermatol. 2014 Apr 21. [in stampa]

Scienza/Umana: L’inibizione cognitiva durante la prima adolescenza predice un futuro uso di cannabis
L’uso della sostanza negli adolescenti è stato associato ad un funzionamento neuropsicologico più scarso, ma non è chiaro se i deficit siano antecedenti o seguenti all'insorgenza dell’utilizzo. In uno studio con 175 soggetti sani, mai stati consumatori, di età compresa tra i 12 e i 14 anni è stato dimostrato che un funzionamento compromesso in maniera inibitoria durante la prima adolescenza e prima dell'inizio dell'uso di sostanze era legato a più frequenti e intensi usi di alcol e cannabis nella tarda adolescenza . L’inibizione cognitiva si riferisce alla capacità della mente di escludere gli stimoli che sono irrilevanti per il compito/processo che si sta svolgendo o allo stato mentale del momento.
Dipartimento di Psichiatria, University of California, San Diego, USA.
Squeglia LM, et al. Neuropsychology. 2014 Apr 21. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il THC può ridurre l'infiammazione del cervello nell’HIV
Risultati di esperimenti sulle cellule indicano che i cannabinoidi che attivano il recettore CB2 "hanno il potenziale per servire come agenti terapeutici per l'ablazione neuroinflammatoria associata all’afflusso dei monociti attraverso la BBB [barriera emato-encefalica] innescato dall’HIV."
Dipartimento di Microbiologia e Immunologia, Virginia Commonwealth University, Richmond, USA
Raborn ES, et al. Life Sci. 2014 Apr 15. [in press]

Scienza/Animale: Un derivato del cannabigerolo protegge le cellule nervose nel modello animale della sclerosi multipla
Nell’encefalomielite autoimmune sperimentale, un modello animale di SM, un derivato naturale del cannabinoide cannabigerolo (CBG) ha ridotto gli infiltrati cellulari e soppresso l’infiammazione nel midollo spinale. Gli autori hanno scritto che "questo studio mette in evidenza il potenziale terapeutico di VCE-003 come agente per il trattamento di malattie immunitarie umane con componenti sia infiammatorie che autoimmuni."
Istituto Cajal, Madrid, Spagna.
Carrillo-Salinas FJ, et al. PLoS One 2014;9(4):e94733.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.