[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 02 Maggio 2014

Scienza/Umana: In uno studio aperto la cannabis riduce i sintomi del disturbo da stress post-traumatico

In alcuni pazienti la cannabis è stata associata alla riduzione dei sintomi del disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Questo è il risultato di una revisione delle cartelle di 80 pazienti con PTSD che usano cannabis secondo la legge sulla cannabis medica del New Mexico. Questa analisi è pubblicata sul Journal of Psychoactive Drugs dal Dr. George Greer di Santa Fe e colleghi della University of California di Los Angeles e San Diego. Il New Mexico è stato il primo stato ad accettare il PTSD come condizione per l'uso di cannabis medica.

L'obiettivo dello studio era quello di analizzare statisticamente i dati sui sintomi del PTSD nei pazienti che rientravano nel New Mexico Medical Cannabis Program 2009-2011. E’ stata applicata la Clinician Administered Posttraumatic Scale for DSM-IV (CAPS). I pazienti che facevano uso di cannabis hanno riportato una riduzione superiore al 75% nel punteggio della scala dei sintomi CAPS rispetto a quelli che non ne facevano uso.

Greer GR, Grob GS, Halberstadt AL. PTSD symptom reports of patients evaluated for the New Mexico medical cannabis program. J Psychoactive Drugs 2014;46(1):73-7.

Guatemala: Il presidente propone di legalizzare la produzione di cannabis e di oppio

Il presidente Otto Perez ha detto il 2 aprile che il Guatemala potrebbe presentare un piano per legalizzare la produzione di cannabis e di papaveri da oppio verso la fine del 2014, nell’ottica di ridurre il potere della criminalità organizzata. Perez, un generale conservatore in pensione, che è entrato in disaccordo con gli Stati Uniti proponendo la legalizzazione della droga poco dopo il suo insediamento, all'inizio del 2012, deve ancora presentare un piano concreto su come potrebbe essere fatto.

Una commissione governativa ha studiato la proposta e Perez ha detto in un'intervista a Reuters che si aspetta che le raccomandazioni della commissione siano pubblicate intorno ad ottobre e che le misure potrebbero essere presentate alla fine dell'anno. Tali misure potrebbero includere una iniziativa del Congresso per la legalizzazione delle droghe, in particolare la cannabis. "L'altra cosa che stiamo esplorando ... è la legalizzazione delle piantagioni di papavero al confine con il Messico, così da essere controllato e venduto per scopi medicinali", ha detto Perez. Il Guatemala è uno dei paesi più violenti in America e ha sofferto negli ultimi anni di incursioni da violenti cartelli della droga messicani.

Reuters of 2 April 2014

Notizie in breve

USA: Il Maryland approva un disegno di legge per ridurre le sanzioni sulla cannabis
La legislatura del Maryland, controllata dai democratici, ha approvato una misura per depenalizzare piccole quantità di cannabis. Il Senato dello stato ha approvato la misura rendendo reato civile il possesso di un quantitativo fino a 10 grammi di cannabis. Il governatore democratico Martin O'Malley ha detto che ha intenzione di firmarlo.
Reuters of 7 April 2014

Scienza/Animale: Gli antagonisti del recettore dei cannabinoidi possono essere neuroprotettivi nella malattia di Parkinson
L'antagonista del recettore CB1 rimonabant si è dimostrato neuroprotettivo in un modello murino della malattia di Parkinson. I risultati "suggeriscono che le cellule gliali potrebbero essere coinvolte in questo effetto protettivo" scrivono gli autori. Le cellule gliali sono cellule che forniscono supporto e protezione alle cellule nervose nel cervello e nel sistema nervoso periferico.
Laboratorio di Neurochimica Funzionale, Istituto Nazionale Neurologico C. Mondino, Pavia, Italia.
Cerri S, et al. J Neuropathol Exp Neurol. 2014 Apr 4. [in stampa]

Scienza/Animale: L’aumento della concentrazione di anandamide riduce il dolore
In diversi modelli animali l'aumento delle concentrazioni di anandamide nel cervello per mezzo dell’inibizione delle FABPs (fatty acid binding proteins) ha ridotto il dolore. Le FABPs consegnano anandamide alle FAAH (fatty acid amide hydrolase), che rompono questo endocannabinoide.
Dipartimento di Anestesiologia, Stony Brook University, New York, USA.
Kaczocha M, et al. PLoS One 2014;9(4):e94200.

Scienza/Cellule: Un antagonista del recettore dei cannabinoidi riduce la replicazione del virus dell'epatite C
Esperimenti con le cellule del fegato mostrano che un trattamento con un antagonista del recettore CB1 migliora i disordini del metabolismo del glucosio e inibisce la replica del virus dell'epatite C. L'attivazione del sistema endocannabinoide ha aumentato la replicazione del virus dell'epatite C.
Dipartimento di Malattie Infettive, Second Affiliated Hospital, Harbin Medical University, China.
Sun LJ, et al. Int J Infect Dis. 2014 Apr 2. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.