[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 05 Aprile 2014

IACM: Mailing list per i membri

Se si vuole rimanere o entrare in contatto con altri membri dell'IACM questo è il modo migliore. È possibile abbonarsi a una delle tre nuove mailing list cliccando qui! I membri effettivi (scienziati, medici, ecc) sono invitati a iscriversi alla Mailing List Scienza dell'IACM per discutere gli sviluppi attuali nella ricerca sui cannabinoidi, dare suggerimenti per il lavoro dell'IACM, commentare i nuovi articoli del Bollettino IACM, ecc. Tutti i membri del Consiglio di Amministrazione dell'IACM partecipano a questa mailing list.

I membri associati (pazienti, attivisti e altri membri) sono invitati a iscriversi alla Mailing List IACM inglese o a quella spagnola. Se sei attivo nel tuo paese o vorresti diventarlo ed entrare in contatto con i pazienti provenienti da Australia, Canada, Danimarca, Francia, Germania, Spagna, Messico, Uruguay e molti altri paesi, questo potrebbe essere un buon forum per lo scambio di esperienze. E' anche possibile porre domande agli esperti e discutere argomenti scientifici dato che Ethan Russo e Franjo Grotenhermen partecipano alla Mailing List inglese mentre Manuel Guzman e Ricardo Navarrete-Varo partecipano alla Mailing List spagnola.

Area riservata ai soci dell'IACM
Per diventare un membro dell'IACM clicca qui

Scienza/Umana: L’uso di cannabis riduce i sintomi del morbo di Parkinson in uno studio clinico aperto

Diversi sintomi possono essere migliorati nei pazienti col morbo di Parkinson tramite inalazione di cannabis. Questo è il risultato di uno studio clinico aperto con 22 pazienti presso il Dipartimento di Neurologia dell'Ospedale Beilinson in Petach Tikva e la Facoltà Sackler di Medicina dell'Università di Tel Aviv, Israele. I pazienti che hanno frequentato un centro medico nel 2011-2012 sono stati valutati allo stato normale e 30 minuti dopo aver fumato cannabis.

Il punteggio totale medio sulle funzioni motorie Unified Parkinson Disease Rating Scale ha migliorato significativamente da 33,1 allo stato normale a 23,2 dopo il consumo di cannabis. L’analisi di specifici sintomi motori ha rivelato, dopo il trattamento, un significativo miglioramento di tremore, rigidità e bradicinesia. C'è stato anche un significativo miglioramento dei punteggi del sonno e del dolore. Non sono stati osservati effetti avversi significativi della sostanza. Gli autori hanno concluso che "lo studio suggerisce che la cannabis potrebbe avere un posto nella armamentario terapeutico contro il morbo di Parkinson."

Lotan I, Treves TA, Roditi Y, Djaldetti R. Cannabis (medical marijuana) treatment for motor and non-motor symptoms of Parkinson disease: an open-label observational study. Clin Neuropharmacol 2014;37(2):41-4.

USA: Studio con Cannabis nei veterani che soffrono di disturbo da stress post-traumatico ottiene l'approvazione da parte del governo

Il governo federale ha approvato uno studio, per un lungo tempo rimandato, che valuta la cannabis come trattamento per i veterani con disturbo da stress post-traumatico. La decisione del Dipartimento della Salute e Servizi Umani ha sorpreso i sostenitori della cannabis che hanno lottato per decenni per garantire l'approvazione federale alla ricerca sugli usi medici della sostanza.

La proposta della University of Arizona era stata autorizzata molto tempo fa dalla Food and Drug Administration, ma i ricercatori non erano stati in grado di ottenere la cannabis dal National Institute on Drug Abuse. La coltivazione a scopo di ricerca che tale agenzia possiede presso l'Università del Mississippi è l'unica fonte federale autorizzata di cannabis. In una lettera della scorsa settimana il Ministero della Salute ha autorizzato l'acquisto di cannabis medica dal parte del principale finanziatore dello studio, la Multidisciplinary Association for Psychedelic Studies, che sostiene la ricerca medica e la legalizzazione della cannabis e di altre droghe.

Associated Press del 17 Marzo 2014

Notizie in breve

Scienza/Umana: L'uso di cannabis non ha ridotto le prestazioni cognitive negli adolescenti
33 adolescenti che avevano smesso di usare cannabis non differivano in QI, attenzione, memoria o funzioni esecutive rispetto ai non utilizzatori della sostanza. Gli autori hanno concluso che "i deficit neurocognitivi riferiti in precedenza possono essere correlati ad altri fattori, compresi gli effetti residui della sostanza, deficit cognitivi preesistenti, uso concomitante di altre sostanze (ad esempio nicotina) o psicopatologie." Gli adolescenti "potrebbero non essere vulnerabili ai deficit neuropsicologici del THC una volta che raggiungono la remissione da tutte le sostanze, il che richiede almeno 30 giorni.
"Dipartimento di Psichiatria e Carolina Institute for Developmental Disabilities, University of North Carolina a Chapel Hill, USA.
Hooper SR, et al. Psychopharmacology (Berl). 2014 Mar 12. [in stampa]

USA: I legislatori dell’Alabama approvano l'uso di cannabis ricca di CBD
Un progetto di legge sulla cannabis medica approvata all'unanimità sia alla Camera che al Senato dell'Alabama . Il provvedimento rende legale possedere un estratto di cannabis ricco di CBD regolarmente prescritto.
Reuters of 20 March 2014

USA: Secondo un sondaggio gli americani dicono che la cannabis è meno dannosa dello zucchero
Secondo un sondaggio rappresentativo del Wall Street Journal e NBC News, gli americani pensano che la cannabis sia meno dannosa di alcol, tabacco e zucchero. Agli intervistati è stato chiesto quale delle quattro sostanze credevano essere "più dannosi per la salute generale di una persona". La maggior parte degli intervistati ha detto di tabacco (49%), seguito da alcol (24%), zucchero (15%) e cannabis (8%).
Poll results to this question on page 22.

Sud Africa: Membro del Parlamento chiede un cambiamento di legge per permettere l'uso medico della cannabis
Mario Oriani-Ambrosini è un membro del parlamento dell'Inkatha Freedom Party. Soffre di cancro ai polmoni e chiede la legalizzazione della cannabis per scopi medici. Il governo ha mostrato segnali di interesse. Il 18 febbraio 2014 Oriani-Ambrosini ha presentato un disegno di legge dal titolo "Medical Innovation Bill".
SÜDAFRIKA of 4 March 2014

Scienza/Umana: I fumatori di cannabis modulano la loro assunzione di THC in base alla potenza della cannabis
Quando si fumano spinelli potenti i consumatori di cannabis modulano la loro assunzione di THC tramite l’inalazione di minori volumi di fumo, ma questo non compensa pienamente le maggiori dosi di cannabis per spinello quando si usa della cannabis forte. Questo è il risultato di uno studio con 98 consumatori di cannabis, che hanno fumato cannabis con concentrazioni di THC variabile tra 0,2 e 15,7%. Gli autori hanno concluso che "i consumatori della cannabis più potente sono generalmente esposti a più delta-9-tetraidrocannabinolo".
Trimbos Institute, Utrecht, Paesi Bassi.
Van der Pol P, et al. Addiction. 2014 Mar 17. [in stampa]

Scienza/Cellule: Alcuni cannabinoidi riducono l'infiammazione delle cellule endoteliali
Le cellule endoteliali formano il sottile strato cellulare che riveste la superficie interna dei vasi sanguigni. Il cannabinoide sintetico WIN55,212-2 e l'endocannabinoide NADA hanno ridotto l'infiammazione di queste cellule, mentre gli endocannabinoidi anandamide e 2-AG erano inefficaci. Gli effetti di NADA sono stati mediati dai recettori dei cannabinoidi, ma non quelli di WIN55,212-2.
University of California, San Francisco, USA.
Wilhelmsen K, et al. J Biol Chem. 2014 Mar 18. [in stampa]

Scienza/Cellule: Il CBD migliora la fagocitosi da parte delle cellule immunitarie del cervello
Il cannabinoide non psicotropo cannabidiolo (CBD) migliora la fagocitosi da parte delle cellule microgliali attraverso l'attivazione dei recettori vanilloidi (TRPV). Le cellule microgliali sono macrofagi (alcune cellule immunitarie) del cervello e del midollo spinale. Gli autori hanno concluso che "l'effetto di miglioramento della fagocitosi TRPV-dipendente indotto del CBD suggerisce che il cambiamento farmacologico dell'attività del canale TRPV potrebbe essere un approccio razionale per il trattamento dei disturbi neuroinfiammatori che comportano cambiamenti nella funzione della microglia."
Scuola di Scienze della Vita, Università di Nottingham, UK.
Hassan S, et al. Br J Pharmacol. 2014 Feb 21. [in stampa]

Scienza/Umana: Piccolo aumento del rischio di incidenti sotto l'effetto di cannabis
In uno studio con 1.046 conducenti deceduti a seguito di un incidente automobilistico sulle strade della Nuova Zelanda, quelli con l'alcol nel sangue avevano un aumento del rischio del 13,7 di essere i responsabili dell'incidente, mentre l'aumento del rischio risultava basso per la cannabis (odds ratio: 1,3). Sorprendentemente, il rischio era inferiore per le concentrazioni ematiche di THC superiori ai 5ng/ml (odds ratio: 1,0) e maggiore per quelli al di sotto di 2ng/ml (odds ratio:
3,1).
Scienza e Ricerca Ambientale, Porirua, Nuova Zelanda
Poulsen H, et al. Accid Anal Prev 2014;67C:119-128.

Scienza/Animale: L'attivazione dei recettori CB2 può essere utile nell’emicrania
In due modelli animali con topi, che potrebbero essere rilevanti per l'emicrania, l'attivazione del recettore CB2 ha causato una riduzione del dolore. Gli autori hanno concluso che "questi risultati suggeriscono che la manipolazione farmacologica del recettore CB2 può rappresentare un potenziale strumento terapeutico per il trattamento dell'emicrania."
Cefalea Science Centre, Istituto Nazionale Neurologico "C. Mondino", Pavia, Italia.
Greco R, et al. J Headache Pain 2014;15(1):14.

Scienza/Umana: L'uso di cannabis a lungo termine è stato associato con la riduzione della materia grigia del cervello
In un gruppo di fumatori di cannabis regolari confrontati ad un gruppo di fumatori occasionali i ricercatori hanno trovato una riduzione del volume di materia grigia in alcune aree cerebrali (corteccia mediale temporale, polo temporale, giro paraippocampale, insula e corteccia orbitofrontale). Queste regioni sono ricche di recettori CB1.
Centre Hospitalier Universitaire Vaudois e Università di Losanna, Svizzera.
Battistella G, et al. Neuropsychopharmacology. 2014 Mar 17. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Conferenze

The Cannabinoid Conference 2017 of the IACM, 29-30 September 2017, Cologne, Germania.

Dichiarazione

Dichiarazione dei diritti umani per l’accesso medico alla cannabis ed ai cannabinoidi

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.