[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 02 Novembre 2013

Scienza/Umana: Molte persone che soffrono di iperattività (ADHD) si auto-medicano con la cannabis

Un sottogruppo di persone affette da Disturbo da Deficit di Attenzione/Iperattività (ADHD) si auto-medica con la cannabis . Questo è il risultato di uno studio condotto presso il Dipartimento di Psicologia dell'Università di Albany a New York , USA, che ha esaminato i dati di 2.811 pazienti affetti da ADHD raccolti nel 2012 da un sondaggio nazionale statunitense sui consumatori di cannabis .

I pazienti con ADHD possono essere suddivisi in sottogruppi a seconda che soffrano maggiormante di iperattività oppure di deficit di attenzione. Alle domande riguardo i sintomi di ADHD che i partecipanti allo studio hanno sperimentato quando non usano la cannabis, una percentuale maggioritaria di consumatori giornalieri ha riscontrato, come criteri sintomatologici per le diagnosi di ADHD, più sintomi di iperattività - impulsività rispetto a quelli di disattenzione . Per i consumatori non giornalieri, le proporzioni di utenti che incontrano i criteri sintomatologici non differivano per le due cagorie di sintomi. I ricercatori hanno scritto che "questi risultati hanno implicazioni per identificare quali individui con ADHD possono avere più probabilità di automedicazione tramite l’uso di cannabis."

Loflin M, Earleywine M, De Leo J, Hobkirk A. Subtypes of Attention Deficit-Hyperactivity Disorder (ADHD) and Cannabis Use. Subst Use Misuse. 2013 Oct 4. [in stampa]

Notizie in breve

Romania: Legalizzazione delle preparazioni di cannabis per scopi medicinali
Secondo diversi articoli di giornali rumeni, la Romania sta legalizzando l'uso terapeutico dei prodotti di cannabis . Le nuove leggi 143 e 339 regolano l'uso medicinale delle preparazioni di cannabis. I produttori saranno in grado di effettuare richieste all’Agenzia Nazionale dei Medicinali di autorizzazioni a vendere i farmaci a base di cannabis . Si prevede che il Ministero della Salute includerà preparazioni di cannabis nella lista delle sostanze medicinali, ma non è chiaro dagli articoli quali di esse siano ammesse e se la legge riguardi solo i farmaci approvati come il Sativex o anche le inflorescenze di cannabis, per esempio della società olandese Bedrocan.
Ziare.com of 6 October 2013.

Svizzera: Il possesso di piccole quantità di cannabis è punibile con una multa
Secondo una nuova legge il possesso fino a 10 grammi di cannabis da parte di coloro di età maggiore ai 18 anni è punibile con una multa di 100 franchi svizzeri (circa 80 EURo). In passato le pene per il possesso di cannabis variavano notevolmente tra i cantoni. Questa depenalizzazione non riguarda il possesso di grandi quantità di cannabis o la coltivazione, che secondo la legge rimangono atti criminali.
Blog in the journal Taz by Hans Cousto.

Scienza/Animale: Nuove evidenze per un ruolo del THC nella cura dell’apnea del sonno
I ricercatori hanno dimostrato che il THC (dronabinol) iniettato localmente nel gangli nodosi dei topi sopprime l’apnea. Hanno scritto che "questi risultati sottolineano un potenziale terapeutico di dronabinol per il trattamento di apnea ostruttiva del sonno." I gangli nodosi appartengono al nervo vago, che influenza la respirazione e altre funzioni del corpo.
Center for Narcolepsy, Sleep and Health Research, University of Illinois at Chicago, USA.
Calik MW, et al. Respir Physiol Neurobiol. 2013 Oct 10. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD può migliorare la circolazione del sangue nel diabete
Studi suggeriscono che l'aumento di endocannabinoidi circolanti può alterare sia positivamente che negativamente la funzione dei vasi sanguigni nel diabete di tipo 2 e "che parte dell'effetto benefico del cannabidiolo nel diabete può essere causata da una migliore vasodilatazione dipendente dall’endotelio". L'endotelio è l' interno delle pareti dei vasi sanguigni.
Division of Vascular Medicine, University of Nottingham, Royal Derby Hospital, UK.
Stanley CP, et al. EUR J Pharmacol. 2013 Oct 8. [in stampa]

Scienza/Animale: Il CBD inibisce il dolore neuropatico indotto da un agente chemioterapico
L' agente chemioterapico paclitaxel (PAC) può causare dolore neuropatico . Nei topi il cannabidiolo (CBD) è risultato protettivo contro questa tossicità ai nervi e questo effetto è in parte mediato dal sistema recettore 5-HT1A . I ricercatori hanno scritto che "il trattamento adiuvante con CBD durante il trattamento di chemioterapia con PAC può essere sicuro ed efficace nella prevenzione o attenuazione" del dolore neuropatico dovuto alla chemioterapia .
Department of Pharmaceutical Sciences, School of Pharmacy, Temple University, Philadelphia, USA.
Ward SJ, et al. Br J Pharmacol. 2013 Oct 4. [in stampa]

Scienza/Animale: Gli effetti positivi dell'esercizio fisico sulla memoria sono almeno in parte mediati dal recettore CB1
È ben noto che l'esercizio fisico ha effetti positivi sulle funzioni cognitive. Negli esperimenti con i topi, che hanno corso sul tapis roulant per una settimana, la memoria è migliorata e questi effetti dipendevano da una maggiore attivazione del recettore CB1.
Institute of Biological Sciences, Universidade Federal de Minas Gerais, Belo Horizonte, Brazil.
Ferreira-Vieira TH, et al. Hippocampus. 2013 Oct 1. [in stampa]

Scienza/Animale: L'attivazione dei recettori CB1 ha aumentato la produzione di urina
In studi con i topi, il THC e diversi altri cannabinoidi che si legano al recettore dei cannabinoidi-1 hanno aumentato la produzione di urina.
Chopda GR, et al. EUR J Pharmacol. 2013 Oct 5. [in stampa]

Scienza/Umana: Le forze dell'ordine non hanno alcun effetto rilevante sul mercato globale della droga illegale
Da una grande revisione gli scienziati hanno concluso che "con poche eccezioni e nonostante l'aumento degli investimenti in attività repressive di riduzione dell'offerta volte a interrompere la fornitura di droga globale, i prezzi delle sostanze illegali sono generalmente diminuiti, mentre la loro purezza è generalmente aumentata sin dal 1990. Questi risultati suggeriscono che gli sforzi di espansione di controllo del mercato globale della droga attraverso le forze dell'ordine stanno fallendo".
Urban Health Research Initiative, BC Centre for Excellence in HIV/AIDS, Vancouver, Canada.
Werb D, et al. BMJ Open, 2013;3(9):e003077.

Scienza/Umana: Nessuna rilevante differenza tra i consumatori di cannabis medica con o senza il permesso del governo del Canada
Secondo un sondaggio su 628 canadesi che fanno uso di cannabis per scopi medici "gli utenti autorizzati e non autorizzati mostrano poche differenze significative per quanto riguarda le condizioni mediche e i motivi di consumo." In Canada più di 30.000 pazienti sono autorizzati a utilizzare la cannabis, ma è stimato che la maggior parte dei pazienti si automedichi senza permesso.
Walsh Z, et al. Int J Drug Policy. 2013 Sep 9. [in stampa]

Mondo: Il Dalai Lama sostiene l’uso medico della cannabis
Il leader spirituale tibetano, il Dalai Lama, parlando ad un evento organizzato dall'ex presidente messicano Vicente Fox, ha detto che fumare cannabis, se per le virtù farmaceutiche, costituirebbe una "eccezione". "Ma altrimenti, se è solo una richiesta di qualcuno di usare una sostanza per andare fuori di testa, allora non è cosa buona", ha detto dopo essere stato interrogato sulla sua posizione in merito alla legalizzazione.
AFP of 15 October 2013.

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

IACM Conference 2019

 The IACM Conference 2019 will be held on October 30 - November 2, 2019, at Estrel Hotel, Berlin, Germany.

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.