[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 06 Settembre 2013

USA: Sanjay Gupta della CNN dice che gli americani sono stati sistematicamente ingannati sulla cannabis

Il Dr. Sanjay Gupta, capo corrispondente medico della CNN, si è scusato per essersi opposto all'uso medico della cannabis e ha dichiarato "Ho fatto parte di quell’inganno". Si è scusato per essersi opposto pubblicamente alla legalizzazione della cannabis, dicendo che non c'era "alcuna base scientifica" per sostenere che la cannabis non aveva benefici medici. "Negli Stati Uniti siamo stati terribilmente e sistematicamente ingannati per quasi 70 anni e mi scuso per il mio ruolo in questo", ha scritto in un post l'8 agosto su CNN.com. Egli ha osservato gli alti tassi di decessi per sostanze da prescrizione medica e ha dichiarato: "Non sono riuscito a trovare un caso documentato di qualcuno che sia morto per una overdose di marijuana." Nel gennaio 2011 Gupta è stato nominato "uno dei 10 personaggi più influenti" dalla rivista Forbes.

Ha detto di non aver approfondito abbastanza le ricerche sul tema e non aver seguito alcune nuove ricerche che erano state fatte. Egli è stato incoraggiato a esaminare ulteriormente la questione dopo l'incontro con una bambina di 5 anni in Colorado, per la quale la cannabis medica ha drasticamente ridotto la quantità di attacchi di cui soffriva. Il tempo trascorso con lei e gli altri gli fece capire che i medici dovrebbero essere responsabili di fornire la migliore assistenza possibile e che questa potrebbe includere la cannabis.

UPI del 8 agosto 2013

Scienza/USA: L'attuazione delle leggi sulla cannabis medica è stata associata con un ridotto uso di alcol e meno incidenti stradali mortali

La legalizzazione dell’uso della cannabis medica è stata associata con un ridotto uso di alcol e di incidenti stradali mortali. Questo è il risultato di uno studio condotto da scienziati della Montana State University, University of Oregon e University of Colorado, che hanno valutato i dati sia per quanto riguarda il consumo di alcol che per il tasso di mortalità per incidenti stradali negli anni dal 1990 al 2010. Gli scienziati hanno notato che nel primo anno dopo l'entrata in vigore, la legalizzazione della cannabis medica "è stata associata con una diminuzione degli incidenti stradali dell’8 - 11 per cento."

Gli autori hanno scritto che "la legalizzazione è anche associata a forti diminuzioni dei prezzi di marijuana e del consumo di alcol, il che suggerisce che la marijuana e l'alcool sono sostituti l’uno dell’altro." Hanno concluso "che l'alcol è il probabile meccanismo attraverso il quale la legalizzazione della marijuana medica riduce i decessi per incidenti stradali. Tuttavia, questa conclusione non implica necessariamente che la guida sotto l'effetto di marijuana sia più sicuro rispetto alla guida sotto l'influenza di alcool. L'alcol è spesso consumato nei ristoranti e nei bar, mentre molti Stati vietano l'uso di marijuana medica in pubblico. Se il consumo di marijuana avviene generalmente in casa o in altri luoghi privati, la legalizzazione potrebbe ridurre le vittime della strada semplicemente perché i consumatori di marijuana sono meno propensi a guidare in stato di alterazione. "I morti per incidenti stradali sono la prima causa di morte tra gli americani di età tra i 5 e i 34 anni.

Anderson DM, Hansen B, Rees DI. Medical marijuana laws, traffic fatalities, and alcohol consumpion. J Law Econom 2013;56(2):333-69.
Vedi anche il bollettino IACM del 4 Dicembre 2011.

Notizie in breve

Francia: Colloquio il 2 ottobre
Le associazioni Action Sida Ville e UFCM-I Care (Union Francophone pour les Cannabinoïdes en médecine-I Care) organizzano il 2 ottobre 2013 a Strasburgo un convegno sull'uso medico della cannabis. Tra i relatori ci sono il dottor Gianpaolo Grassi, Tjalling Erkelens, il dottor Guillermo Velasco e altri. E’ possibile consultare il programma.

USA: L’Oregon legalizza i dispensari di cannabis medica
Il governatore John Kitzhaber ha firmato il 14 agosto un disegno di legge dando allo stato l'autorità di dotare di licenza, verificare e controllare i negozi di cannabis. I pazienti che usano marijuana medica attualmente devono crescere autonomamente il farmaco o designare qualcuno che lo faccia per loro. Decine di dispensari di cannabis già esistono, ma non sono esplicitamente permessi e operano in una zona grigia di legalità. L’Oregon si unisce ai molti altri stati che autorizzano i dispensari di cannabis.
Associated Press of 14 August 2013.

Scienza/Animale: Gli effetti neuroprotettivi della minociclina coinvolgono i recettori dei cannabinoidi
Una nuova ricerca fornisce la prima prova del coinvolgimento del sistema endocannabinoide nella azione neuroprotettiva della minociclina, un farmaco da usare in caso di edema cerebrale e danni neurologici dopo una lesione cerebrale traumatica. Gli effetti della minociclina possono essere bloccati da antagonisti dei recettori CB1 e CB2.
Facoltà di Biologia, Università Complutense di Madrid, Spagna.
Lopez-Rodriguez AB, et al. Cereb Cortex. 19 agosto 2013. [in stampa].

Scienza/Umana: Il dolore neuropatico nei pazienti con neuromielite ottica è controllato da un endocannabinoide
La neuromielite ottica, o malattia di Devic, è una condizione consistente nell’infiammazione e danneggiamento simultanei del nervo ottico e del midollo spinale ed è spesso associata a dolore neuropatico. Una nuova ricerca sui pazienti mostra che il dolore è associato con i livelli ematici dell’endocannabinoide 2-AG.
Istituto di Neuroimmunologia Clinica, Ludwig- Maximilians University di Monaco di Baviera, Germania.
Pellkofer HL, et al. PLoS One 2013;8(8):e71500..

Scienza/Animale: Il recettore 5-HT1A è coinvolto negli effetti ansiolitici del CBD
Una ricerca con topi mostra che il recettore della serotonina 5-HT1A è coinvolto negli effetti ansiolitici del CBD (cannabidiolo). Il blocco di questo recettore ha ridotto gli effetti anti-panico di questo cannabinoide naturale.
Dipartimento di Farmacologia, Facoltà di Medicina Ribeirão Preto dell'Università di San Paolo, Brasile.
Twardowschy A, et al. 7 agosto 2013. [in stampa].

Scienza/Animale: Gli effetti del CBD sui movimenti sono mediati dal recettore 5-HT1A
Una nuova ricerca con ratti mostra che il CBD ha effetti diretti sui movimenti. Gli scienziati hanno scritto che i risultati della ricerca "suggeriscono che il CBD può influenzare l'attività motoria, in particolare l’attività verticale e che questo effetto sembra dipendere dalla sua capacità di interagire con il recettore 5-HT1A, un meccanismo d'azione che è stato proposto per spiegare i suoi effetti antiemetici, ansiolitici e antidepressivi .
"Facoltà di Medicina, Università Complutense, Madrid, Spagna.
Espejo-Porras F, et al. Neuropharmacology. 4 agosto 2013. [in stampa].

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Members only

 Please click here to visit the Members Only Area with a film to honour Prof Raphael Mechoulam, 
Please click here to become a member.

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.