[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


Bollettino IACM del 24 Marzo 2013

Scienza/Umana: Il THC può essere rilevabile, in concentrazioni molto basse, per settimane nel sangue di consumatori regolari di cannabis

In un gran numero di consumatori abituali (giornalmente) di cannabis il THC potrebbe essere rilevabile nel sangue per 12 giorni al di sopra di una concentrazione di 1 ng/ml e anche fino a più di quattro settimane in concentrazioni più basse. Questo è il risultato di uno studio con 30 fumatori che utilizzano giornalmente cannabis, presso il National Institute on Drug Abuse di Baltimora, guidato dal dottor Marylin Huestis, capo della Sezione Chimica e Metabolismo della droga. I partecipanti hanno temporaneamente vissuto in un’unità di ricerca sicura fino a 33 giorni ed i campioni di sangue sono stati prelevati ogni giorno.

Dei 30 partecipanti, 27 erano positivi al THC al momento del ricovero, con una concentrazione nel sangue da 0,3 a 6,3 ng/ml. Il THC è diminuito gradualmente. Solo 1 su 11 partecipanti aveva una concentrazione nel sangue al di sotto di 0,3 ng/ml al 26° giorno e 2 su 5 sono rimasti positivi al THC (superiori a 0,3 ng/ml) per 30 giorni e il 5,0% dei partecipanti aveva THC ≥ 1,0 ng/ml per 12 giorni. I tassi di rilevamento THC-COOH sono diminuiti lentamente al 95,7% e al 85,7% rispettivamente nei giorni 8 e 22. 4 partecipanti su 5 sono rimasti THC-COOH positivi (0,6-2,7 ng/ml) dopo 30 giorni. Huestis ha detto in una dichiarazione: "Questi dati non sono mai stati ottenuti in precedenza a causa del costo e della difficoltà nello studiare i fumatori cronici giornalieri di cannabis per un periodo prolungato". Gli autori hanno concluso che "i cannabinoidi possono essere rilevati nel sangue dei fumatori di cannabis cronici nel corso di un mese di astinenza."

Bergamaschi MM, Karschner EL, Goodwin RS, Scheidweiler KB, Hirvonen J, Queiroz RH, Huestis MA. Impact of prolonged cannabinoid excretion in chronic daily cannabis smokers' blood on per se drugged driving laws. Clin Chem 2013;59(3):519-26.

UPI of 2 March 2013

Notizie in breve

Scienza/Umana: Secondo uno studio clinico il Tetrahydrocannabivarin (THCV) potrebbe offrire un trattamento contro il diabete
Un articolo del Bollettino IACM di dicembre 2012 su uno studio clinico è stato riscritto. Nella notizia originale il THCV si chiamava GWP42004 ed il CBD si chiamava GWP42003. Trova qui l'articolo.

In una vasta indagine la cannabis è percepita come meno dannosa di alcol e tabacco
Secondo un vasto sondaggio internet in tre lingue sui danni ed i benefici percepiti di 15 droghe o classi di droghe comunemente usati, con 5791 persone provenienti da oltre 40 paesi, la cannabis è stata classificata in modo consistentemente benefico. Alcol e tabacco sono caduti al di sotto di molte droghe illegali. Non c'era alcuna correlazione tra la classifica di dannosità delle droghe effettuata dagli utenti e la loro classificazione ufficiale negli Stati Uniti e nel Regno Unito. Analgesici da prescrizione, alcol e tabacco sono stati classificati entro le prime 10 droghe più dannose.
Clinical Psychopharmacology Unit, University College London, UK.
Morgan CJ, et al. J Psychopharmacol. 2013 Feb 25. [in stampa]

Francia: Il governo considera di rendere il Sativex disponibile
Dopo che diversi paesi EURopei, tra cui il Regno Unito, la Spagna e la Germania, hanno reso l'estratto di cannabis Sativex disponibile per i pazienti affetti da spasticità nella sclerosi multipla, anche la Francia sta considerando di renderlo disponibile ai propri cittadini. Il ministro della Salute Marisol Touraine ha chiesto all'agenzia che regolamanta i farmaci di esaminare il Sativex.
UPI of 2 March 2013

USA: Supporto popolare alla cannabis medica in molti degli stati senza ancora leggi a riguardo
La maggior parte della popolazione del Kentucky (60%), vuole legalizzare la cannabis medica. In Florida ben 7 su 10 elettori sostengono un emendamento alla costituzione statale per la legalizzazione della cannabis medica. Questi sono due esempi di recenti sondaggi sulla popolarità dell'uso medico della cannabis negli Stati dove non è ancora legale.
Miami Herald of 25 February 2013
UPI of 24 February 2013

Scienza/Svizzera: Disponibili i verbali del Convegno STCM 2013
Sono ora disponibili i verbali del Swiss Task Force for Cannabinoids in Medicine (STCM) Conference 2013 "Cannabinoidi in Medicina - un’opzione?".

Scienza/Cellule: I cannabinoidi riducono la moltiplicazione del virus HIV nelle cellule del sangue
I cannabinoidi, che si legano al recettore CB2, riducono la moltiplicazione del virus HIV in alcuni globuli bianchi (macrofagi). Gli autori hanno osservato che "CB2 può offrire un mezzo per limitare l'infezione da HIV-1 nei macrofagi."
Temple University School of Medicine, Philadelphia, USA.
Ramirez SH, et al. J Leukoc Biol. 2013 Mar 5. [in stampa]

Scienza/Animale: I cannabinoidi proteggono le cellule nervose negli occhi in seguito ad un ridotto afflusso di sangue
In esperimenti su animali la pressione negli occhi è stata aumentata, il che provocava un danno alle cellule nervose a causa del ridotto afflusso di sangue. Quando però veniva precedentemente somministrato un cannabinoide sintetico (WIN55,212-2) questi perdita di cellule nervose negli occhi era significativamente diminuita. Questo effetto è stato mediato dal recettore CB1.
Department of Cell Biology and Histology. University of the Basque Country, Vizcaya. Spain.
Pinar-Sueiro S, et al. Exp Eye Res. 2013 Feb 20. [in stampa]

Scienza/Umana: Il nabilone riduce l’astinenza da cannabis
In uno studio con 11 consumatori quotidiani di cannabis, la somministrazione sia di 6 che di 8 mg al giorno di nabilone, un derivato sintetico del THC, ha ridotto i sintomi di astinenza. Gli autori hanno sintetizzato che "il mantenimento con il nabilone ha prodotto una forte attenuazione dei sintomi di astinenza da marijuana ed una diminuzione di una misura di laboratorio di recidiva, anche con la somministrazione una sola volta al giorno."
New York State Psychiatric Institute and Department of Psychiatry, College of Physicians and Surgeons of Columbia University, New York, USA.
Haney M, et al. Neuropsychopharmacology. 2013 Feb 26. [in stampa]

Scienza/Animale: I cannabinoidi riducono lo stress traumatico tramite l’interazione con il sistema dei glucocorticoidi
E 'ben noto che i cannabinoidi riducono i sintomi di stress post-traumatico. Una nuova ricerca dimostra che vi è una interazione con il sistema dei glucocorticoidi. Gli scienziati hanno concluso che i loro risultati "suggeriscono che l'interazione tra i sistemi cannabinoidi e glucocorticoidi è di fondamentale importanza nella modulazione di un trauma emotivo."
Department of Psychology, University of Haifa, Israel.
Ganon-Elazar E, Akirav I. Psychoneuroendocrinology. 2013 Feb 20. [in stampa]

Scienza/Animale: In un modello animale di asma il CBD migliora la respirazione
In uno studio con cavie l'inalazione di una determinata sostanza (ovoalbumina) ha causato la costrizione delle vie aeree, e questa veniva ridotta dal CBD (cannabidiolo). Gli scienziati hanno concluso che il CBD "può avere effetti benefici nel trattamento dei disturbi ostruttivi delle vie respiratorie."
School of Life Sciences, University of Hertfordshire, Hatfield, UK.
Dudášová A, et al. Pulm Pharmacol Ther. 2013 Feb 18. [in stampa]

Un anno fa / 2 anni fa

Un anno fa

2 anni fa

[Back to Overwiew]  [IACM Homepage]


up

Dichiarazione

Dichiarazione dei diritti umani per l’accesso medico alla cannabis ed ai cannabinoidi

IACM on Twitter

Follow us on twitter @IACM_Bulletin where you can send us inquiries and receive updates on research studies and news articles.